Home / 2021 / Agosto (Pagina 68)

In una circolare dell’assessorato regionale all’Istruzione le indicazioni operative per il prossimo anno. L’assessore: “Il contrasto alla pandemia passa solo attraverso il processo di immunizzazione e, ad oggi, si registra che l’81,4% del personale docente e non docente ha già ricevuto almeno una dose del vaccino anti Covid-19, così come oltre il 40% degli studenti tra i 12 e i 19 anni”

Scuola in presenza per tutti gli ordini, distanziamento e mascherine in classe, ma anche completamento dell’immunizzazione del personale scolastico e massima estensione dei vaccini tra gli studenti: queste le indicazioni del governo Musumeci per la riapertura delle scuole, divulgate oggi da una circolare dell’assessorato regionale all’Istruzione, al termine della riunione della task force regionale, finalizzata a formulare preliminari indicazioni operative alle istituzioni scolastiche e formative della Regione.

Nonostante la contrazione dell’emergenza sanitaria da Covid 19, in vista della ripresa del nuovo anno scolastico, gli attuali dati dell’epidemia impongono il mantenimento di un’adeguata strategia di contenimento del rischio infettivo, tenendo conto di quanto previsto dal “Piano Scuola 2021-22” del ministero dell’Istruzione. “Gli studenti potranno finalmente tornare in classe svolgendo attività in presenza, ma rimane fondamentale il mantenimento delle obbligatorie misure di sicurezza sanitaria negli ambienti scolastici anche per i prossimi mesi – spiega l’assessore all’Istruzione, Roberto Lagalla – prevedendo l’uso di mascherine in classe, laddove non fosse possibile garantire le previste misure di distanziamento interpersonale. È altrettanto chiaro che il contrasto alla pandemia passa solo attraverso il processo di immunizzazione e, ad oggi, si registra che l’81,4% del personale docente e non docente ha già ricevuto almeno una dose del vaccino anti Covid-19, così come oltre il 40% degli studenti tra i 12 e i 19 anni di età. Pertanto, dati i soddisfacenti risultati raggiunti anche rispetto alle altre regioni del Paese, il governo Musumeci intende proseguire con la campagna vaccinale in atto e procedere continuando a garantire, nei vari siti vaccinali, un accesso riservato a personale scolastico e studenti, non trascurando il monitoraggio sanitario”.

Sicurezza

Nel dettaglio la circolare, sostanzialmente conforme a quanto stabilito dal governo nazionale, stabilisce che, fino all’adozione di eventuali e diverse disposizioni operative da parte del governo nazionale, devono intendersi confermati, per le scuole di ogni ordine e grado e per le attività formative in obbligo scolastico, nonché per gli Its operanti in Sicilia, gli indirizzi formulati nel “Piano Scuola 2021-2022” in materia di classificazione delle aree territoriali di rischio, modalità di fruizione dei locali didattici (incluse le procedure di accesso e deflusso), impiego dei dispositivi di protezione individuale, distanziamento interpersonale, igiene e sanificazione degli ambienti scolastici, refezione, uso palestre e laboratori. Riguardo all’utilizzo delle mascherine, il Cts ne raccomanda l’uso (di tipologia chirurgica) laddove non possano essere garantite le obbligatorie misure di distanziamento interpersonale (un metro tra i banchi e due metri dalla cattedra). Al fine, poi, di poter garantire il massimale svolgimento delle attività didattiche in presenza, è opportuno che le amministrazioni territoriali verifichino, d’intesa con Anci e con i dirigenti scolastici interessati, l’eventuale fabbisogno di spazi aggiuntivi.

trasporti

Riguardo all’ottimizzazione della rete dei trasporti urbani ed extra-urbani, l’attuale accessibilità ai mezzi pubblici è, ad oggi, consentita fino all’80% della capienza massima, salvo ulteriori esigenze rilevate dai tavoli tecnici istituiti presso le Prefetture dell’Isola.

Vaccini

L’incremento del tasso di immunizzazione della popolazione scolastica mediante vaccinazione rimane poi obiettivo primario del governo regionale. Nell’immediato, continuerà ad essere assicurato, in tutti i siti vaccinali predisposti sul territorio regionale, un accesso riservato a personale scolastico e studenti, avendo cura di fornire preventivamente agli istituti scolastici, da parte delle Asp territorialmente competenti, le date e gli orari di apertura al pubblico dei predetti siti vaccinali, soprattutto di quelli attivati episodicamente (vaccinazione di prossimità). In una fase successiva, a partire da settembre, potranno essere previsti, su richiesta del dirigente scolastico o per iniziativa concordata con le Asp, accessi sanitari all’interno dei plessi scolastici per completare la vaccinazione della popolazione scolastica.

Marco Vullo, Assessore ai servizi sociali al Comune di Agrigento , comunica che da giorno 4 agosto sarà pubblicato sul sito istituzionale www.comune.agrigento.it l’Avviso pubblico per richiedere il social bonus regionale indirizzato ai nuclei familiari in difficoltà economiche.

La grande novità dell’Avviso è che attraverso una convenzione tra il Comune e le attività interessate il tutto è predisposto nel bando, il social bonus può essere utilizzato dai beneficiari per l’acquisto di bombole a gas, dispositivi di sicurezza e pasti caldi.

L’Avviso sarà aperto fino al 20 agosto alle ore 12.00.

Il social bonus è un provvedimento di sostegno economico sostenuto con fondi regionali ed è indirizzato alle famiglie che a causa della pandemia si trovano in gravi difficoltà economiche per l’acquisto di beni di prima necessità.

Le domande dei buoni spesa vanno presentate attraverso la piattaforma social bonus e poi consegnate direttamente presso gli uffici comunali nel piano terra del Palazzo di Città dove i richiedenti saranno assistiti da 6 assistenti sociali che seguiranno tutti gli aspetti tecnici della pratica.

Inoltre, per aiutare ancora di più i cittadini che hanno scarsa dimestichezza con i mezzi informatici , grazie a una proficua collaborazione con l’Associazione  “Volontari di Strada” presso la sede del Viale della Vittoria,  nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30, i volontari si metteranno a disposizione dei cittadini che necessiteranno un aiuto per la compilazione delle istanze.

L’Assessore Marco Vullo, conclude che l’impegno di questa amministrazione per le categorie fragili socialmente ed economicamente è un impegno costante e con l’aiuto anche delle associazioni si dà la più diffusione e agevolazione per garantire un sostegno forte verso chi ha subìto e subisce le conseguenze nefaste del momento caratterizzati da una crisi trasversale senza precedenti “.

Ieri, i Carabinieri della Compagnia di Marsala, unitamente a personale dei Vigili del fuoco, hanno tratto in salvo un inglese di 66 anni,residente da tempo in Contrada Spagnola a Marsala, che da tre giorni, a causa di una caduta, si trovava riverso per terra senza possibilità di rialzarsi autonomamente.

L’intervento è scattato grazie alla segnalazione da parte di un parente dell’uomo il quale da 2 giorni provava a contattarlo telefonicamente senza avere mai una risposta. Insospettitosi contattava le Forze dell’Ordine che tempestivamente si portavano sul posto. Con l’intervento dei Vigili del fuoco i Carabinieri guadagnavano l’accesso all’appartamento dove l’uomo vive da solo,  trovando finestre aperte e luci accese. Vicino la camera da letto, riverso sul pavimento, vi era l’uomo cosciente ma dolorante.

Ha detto di trovarsi in quella posizione da tre giorni circa a causa di una caduta. Soccorso immediatamente tramite intervento di personale sanitario è stato trasportato al pronto soccorso per le cure del caso veniva affidato ad un’amica che garantiva l’assistenza.

Una storia, fortunatamente a lieto fine, che poteva avere dei risvolti negativi se non vi fosse stato l’allarme del parente ed il tempestivo intervento dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco.

Sono 262 i nuovi casi di coronavirus registrati in Sicilia nelle ultime ventiquattro ore su un totale di 7.718 tamponi processati. L’indice di positività è al 3.39%. Le vittime sono 3 mentre i guairti/dimessi 129. Attualmente in Sicilia ci sono 11.349 persone positive al virus, 130 in più di ieri.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo 75; Caltanissetta 72; Catania 40; Siracusa 35; Enna 20; Trapani 13; Messina 6; Agrigento 1; Ragusa 0

Tre titolari di bar e pub sono stati multati per violazione della disposizione dell’ordinanza emessa dal sindaco di Canicattì, lo scorso 29 luglio, che fa divieto di somministrare e vendere bevande da asporto in contenitori o bottiglie di vetro e lattine. Tutto quanto nel corso di un’attività di controllo straordinario del territorio, effettuato dai poliziotti del Commissariato di Canicattì, mirato in particolar modo a reprimere le violazioni, e gli illeciti amministrativi, commessi nei luoghi della “movida” canicattinese,

Durante il servizio controllati numerosi veicoli e persone. Inoltre, a seguito della rissa verificatasi davanti ad un esercizio pubblico di piazza Dante, la scorsa settimana, sono state svolte delle indagini, a conclusione delle quali, gli agenti hanno identificato tre soggetti denunciati per rissa. Agli stessi gli agenti hanno notificato i provvedimenti emessi dal questore di Agrigento Rosa Maria Iraci, che vietano l’accesso nel suddetto locale per la durata di 2 anni.

Gli agenti del commissariato Frontiera, insieme ai colleghi delle Volanti della Questura di Agrigento, hanno arrestato un giovane cittadino originario del Gambia per porto abusivo di armi da taglio e possesso di sostanze stupefacenti. I poliziotti sono intervenuti, in seguito ad una chiamata al numero di emergenza, nei pressi di un bar dove l’uomo infastidiva e minacciava i clienti. Alla vista degli agenti di polizia l’extracomunitario ha repentinamente estratto dalla tasca un coltello da cucina. Prontamente veniva bloccato dagli agenti che lo immobilizzavano, lo disarmavano e con non poche difficoltà lo assicuravano con le manette in dotazione al fine di salvaguardare la propria incolumità e quella delle persone presenti.

Gli operatori continuavano nella perquisizione personale che portava al rinvenimento di un altro coltello  con la lama intrisa di sostanza colore marrone scuro, un bilancino di precisione abilmente occultato, 2 Blister contenente in ognuno di esse 2 compresse da 2 mg, rinvenute all’interno del porta documenti e 4 involucri in cellophane termosaldata di cui 2 di colore trasparente e due di colore blu contenenti sostanza verosimilmente stupefacente del tipo “Hashish” per un peso complessivo di 22,66 grammi. L’extracomunitario, veniva tratto in arresto per i reati di  resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di armi da taglio e possesso di sostanze stupefacenti. Gli operatori procedevano altresì al sequestro di due coltelli e della sostanza stupefacente rinvenuta. Su disposizione del P.M. di turno, l’uomo  veniva associato presso la Casa Circondariale di Gela.

Continua a salire la curva dei contagi nella nostra provincia. Il report dell’Asp di Agrigento registra 98 nuovi casi e 1 decesso. ci sono 30 guariti. Attualmente in provincia i contagiati sono 1.261 di cui 31 ospedalizzati. Due soggetti si trovano in rianimazione al Fratelli Parlapiano di Ribera dove, in medicina covid ci sono ricoverati 23 soggetti. A Sciacca ci sono 3 pazienti ricoverati nell’hotel covid.

A Caltabellotta i contagiati sono 85, a Sciacca 25. Ad Agrigento 105, a Favara 290, a Palma di Montechiaro 79, a Porto Empedocle 94. A San Giovanni Gemini sono 41.

Una festa con un centinaio di persone ha provocato un focolaio Covid a Pantelleria. Sono 70 i positivi e tre sono stati ricoverati in terapia intensiva intubati. L’ultimo è stato trasferito in elisoccorso la scorsa notte. I positivi sono tutti residenti a Pantelleria. “I medici dell’Usca e dell’Asp sono riusciti già a risalire a tutti i partecipanti alla festa e sono stati messi in isolamento domiciliare – dice il sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo – Nell’isola la metà della popolazione è vaccinata, i positivi sono quasi tutti non vaccinati. Un motivo in più per vaccinare e rendere finalmente l’isola Covid free”.

E’   operativa la gestione pubblica del servizio idrico integrato nella Provincia di Agrigento.  Stamattina, il presidente del Consiglio di Amministrazione, Geraldino Castaldi , insieme al presidente e il vice Presidente dell’assemblea dei sindaci, rispettivamente sindaco di Grotte, Alfonso Provvidenza, e sindaco di Naro,  Maria Grazia Brandara hanno dato ufficialmente il via alla gestione pubblica del Servizio Idrico Integrato nella Provincia di Agrigento improntata ad una amministrazione fondata sull’assoluta trasparenza.

Avviate nell’immediato le riunioni con il personale di AICA per definire le modalità con cui migliorare l’erogazione del servizio agli utenti aumentando costantemente gli standard di riferimento in favore dell’utenza agrigentina.

Una gestione che “mira ad ambiziosi risultati, primo fra tutti la soddisfazione degli utenti del territorio servito con l’erogazione di un servizio pubblico che possa in futuro rappresentare anche un esempio per altre realtà del territorio italiano”.

Un uomo è ai domiciliari con braccialetto elettronico – in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare richiesta dalla Procura di Agrigento e firmata dal gip.

Si tratta di un operatore scolastico accusato di atti sessuali su minore. L’uomo avrebbe avvicinato una ragazzina che conosceva nei pressi di un istituto scolastico, a Canicattì, e le avrebbe offerto un passaggio in auto. La minorenne ha accettato il passaggio, ma anziché essere portata a casa, dopo vari giri per la città, l’ha portata in una strada di campagna dove stando all’accusa avrebbe allungato le mani su di lei nelle parti intime.

La quattordicenne, a quel punto, si è lanciata dall’auto gridando ed è rimasta ferita, una piccola escoriazione, alla testa. La polizia, coordinata dal commissario capo Francesco Sammartino, è intervenuta su segnalazione di alcuni residenti della zona che hanno sentito le urla e si sono allarmati.