Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 12)

Ad Agrigento, a Villaseta, in via dell’Autonomia, i residenti segnalano l’abbandono quotidiano di rifiuti di qualsiasi tipo da parte di alcuni incivili, ovunque, davanti agli alloggi, anche tra i contatori elettrici, tra rischi e pericoli di incendio. I residenti hanno segnalato più volte il problema al Comune, ma inutilmente. Sperano che al più presto si intervenga a rimedio. Si tratta di una pratica incivile che ricorre da quando è stata introdotta la raccolta differenziata. Sarebbe opportuno che nella zona sia installata una telecamera di video-sorveglianza come deterrente.

Il segretario nazionale del Partito Democratico, Enrico Letta, ha concluso a Palermo la campagna elettorale della candidata presidente della Regione del centrosinistra, Caterina Chinnici.

In concomitanza con la manifestazione di conclusione della campagna elettorale del centrodestra unito a Roma, con sul palco Meloni, Salvini, Berlusconi e Lupi, a Palermo il segretario nazionale del Partito Democratico, Enrico Letta, ha altrettanto concluso la campagna elettorale della candidata presidente della Regione del centrosinistra, Caterina Chinnici, espressa dal Partito Democratico. E comiziando in serata, Letta ha esordito riferendosi alla convention di Roma. Così: “La manifestazione del centrodestra a Roma ha fatto venir fuori un’Italia tracotante che perderà. Gli italiani la faranno perdere ed è un bene che questa finta moderazione messa in piazza fino a oggi si sia svelata per quello che è. La destra italiana ha mostrato il suo vero volto. Ha spiegato agli italiani che loro cambieranno da soli la Costituzione, che la loro logica è quella dei no-vax, contraria a tutto quello che ha reso possibile l’uscita dell’Italia dall’emergenza covid. Noi a questa destra diciamo che la Costituzione è nata dalla resistenza e dall’antifascismo, e non si tocca”. E poi, sull’eurodeputata aspirante governatore della Sicilia, Letta ha aggiunto: “Il nostro impegno è fare vincere Caterina Chinnici e darle la possibilità di cambiare questa Regione. La Sicilia ha bisogno di un cambiamento radicale, di competenza, onestà, unità. Sono venuto a Palermo per dare l’impulso finale, la Sicilia merita un presidente come Chinnici e non la destra. Noi puntiamo a vincere e ad avere la maggioranza. Il fatto stesso che io sia qui rappresenta la dimostrazione di quanto crediamo nella Sicilia e in Caterina Chinnici”. E poi, sulla spaccatura traumatica con il Movimento 5 Stelle dopo le Primarie, e nella eventuale prospettiva di una convergenza di governo, Enrico Letta ha affermato: “Voglio ricordare ai 32mila elettori partecipanti alle primarie in Sicilia che i 5 Stelle hanno dimostrato di non mantenere la parola data. Noi, al contrario, siamo sempre stati lineari e per questo saremo premiati”. E anche Caterina Chinnici è intervenuta su tale argomento: “L’uscita del Movimento 5 Stelle dal campo progressista ha cambiato gli equilibri in campo a vantaggio degli avversari, questo è un dato di fatto. Sono stati spesi parecchi giorni per salvare il patto delle primarie, poi è andata come sappiamo. Sarebbe stata tutt’altra partita e invece oggi c’è questa partita, più difficile ma da giocare fino in fondo. Le persone che incontro mi manifestano stima, fiducia, speranza, sostegno, mi danno molta forza. Vedo voglia di cambiamento e di dialogo, questo mi piace”.

Ad Agrigento la visione dei filmati registrati dalle telecamere di sorveglianza ha smentito la prima ricostruzione di quanto accaduto lungo la discesa Empedocle dove un immigrato di 23 anni si sarebbe accorto di una pattuglia della Polizia e, a fronte di ciò, si sarebbe lanciato già dal muretto di via delle Torri precipitando tra i binari della stazione ferroviaria. Lui sarebbe stato uno spacciatore allorchè in una tasca gli sono stati trovati 80 grammi di hashish, circa 10 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, e 160 euro in contanti, ritenuti provento dell’illecita attività di spaccio. Ebbene, dai filmati è emerso che il giovane si è seduto sul muretto e ha perso l’equilibrio cadendo giù. Dunque è stato un incidente. Lui attualmente è ricoverato nel reparto Rianimazione dell’ospedale “San Giovanni di Dio” in coma farmacologico. Le sue condizioni sono stabili.

Sopralluogo ieri pomeriggio alla Scala dei Turchi del geologo Pasquale Mastrosimone e del docente universitario Gabriele Freni, periti nominati dal comune, per  una valutazione tecnica  al fine  di ottenere una fruizione anche parziale del sito ed individuare gli interventi idonei,  oggi e nel futuro,  per rendere il luogo fruibile in massima sicurezza. Di recente la protezione  civile ha  effettuato  un intervento di messa in sicurezza di una parte della scogliera. E,  dopo i controlli effettuati ieri,  saranno avviati i lavori di completamento dell’intervento  dimmessa in sicurezza dell’area. Inoltre  i periti hanno verificato che le opere effettuate  siano ancora efficaci ed efficienti nel mantenimento della scogliera per evitare i crolli.  “ E’ necessario da un lato verificare che gli interventi appena completati – spiega il prof. Gabriele Freni- siano ancora efficaci e poi, completarli con alcune aggiunte che servano a garantire la massima sicurezza del camminamento dalla spiaggia verso la scala. In un ambito controllato perché non è pensabile un utilizzo di questo bene   in maniera del tutto incontrollato  e senza che ci sia personale che segua le attività”. I periti accompagnati dal sindaco Sabrina Lattuca e dal responsabile della Protezione Civile comunale, Enzo Cottone, hanno acquisito foto e filmati dell’area interessata.

“ Un primo sopralluogo sulla Scala Majata,- afferma il geologo Pasquale Mastosimone- per ottenere una fruizione anche parziale  ed  pianificare interventi  che possano rendere l’area fruibile, ma in massima sicurezza”

“Siamo molto soddisfatti. Abbiamo incaricato i due tecnici, precedentemente nominati dalla procura- spiega il sindaco Sabrina Lattuca-  per valutare il revisionando PAI sulla Scala dei Turchi  e sulla parte sottostante il  Promontorio del Faro  per  rendere nuovamente  le due aree fruibili, tutelando sia i siti che la collettività .  Oggi i due tecnici  stanno verificando  se gli interventi di messa in sicurezza, sono sufficienti per rendere accessibili i siti. Noi confidiamo  nel loro lavoro ed in quello dell’Autorità di Bacino.  Stiamo operando  tutti insieme  per tutelare  a 360° la bellezza e rendere fruibili le due aree in modo sicuro. L’amministrazione comunale- continua il sindaco- ha già attivato un progetto  obiettivo :“Scala dei Turchi”, sono state già pubblicate delle manifestazioni di interesse e contiamo di adeguare l’accesso e la fruibilità (renderlo più efficiente e di fornire tutti i servizi) all’importanza che un SIC deve avere,  luogo candidato a divenire bene dell’Unesco, che tutto il mondo conosce”.

Gli uffici del comune stanno lavorando  per riaprire la Scala dei Turchi e renderla fruibile  alla collettività se pur in maniera contingentata- afferma Enzo Cottone- si stanno verificando le condizioni del sito,  studiando delle   soluzioni  che diano maggiore sicurezza all’area nel rispetto che il sito merita, per garantire l’incolumità delle persone.  Speriamo in tempi brevi di avere  queste soluzioni  e di attuarle in maniera tale da pensare che  si possa  concretamente riaprire il sito della Scala dei Turchi”

La Sicilia si conferma ai vertici della ristorazione nella specialità della pizza, come certifica la classifica del Gambero Rosso sia per quanto riguarda la qualità del prodotto che per l’innovazione e la creatività.

La pizzeria “La Braciera” di Palermo dei fratelli Cottone conquista infatti i “Tre Spicchi” del Gambero Rosso per l’ottavo anno consecutivo e realizza un prestigioso “triplete” che la posiziona tra i marchi più prestigiosi d’Italia: in tre mesi “La Braciera” ha conquistato il 31esimo posto tra le migliori pizzerie d’Italia secondo la guida 50 Top Pizza, il 66esimo posto nella classifica mondiale e il premio “Tre Spicchi”.

La Sicilia del turismo torna ai livelli di presenze e di arrivi che avevano preceduto l’arrivo della pandemia tre anni fa.

Paragonando i dati dell’osservatorio turistico regionale tra luglio 2022 e lo scorso anno, spicca il balzo in avanti del 7% di arrivi e del 13% di presenze.

Gli arrivi quest’anno hanno fatto registrare un totale di 674.585 turisti contro i 628.517 dello scorso anno, mentre le presenze sono state pari a 2.379.117 del 2022 contro i 2.094.588 del 2021.
Il totale degli italiani che hanno scelto la Sicilia a luglio ed agosto arriva a 910mila, mentre gli stranieri nei due mesi centrali di questa estate sono stati 489mila. Considerando poi la variazione tra luglio 2019 (pre Covid) e luglio 2022, il dato di questa estate si va a posizionare sotto quello di tre anni fa solo dello 0,5%, con un recupero quasi del tutto completato della Sicilia rispetto alla stagione 2019, una delle migliori in assoluto degli ultimi anni in termini di flussi turistici. Il 2021, a statistiche concluse, aveva messo in evidenza una crescita del dato della permanenza media del turista nell’isola, passato dal 2,8% a persona al 3,2%

Sono 950 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 10.160 tamponi processati.

Ieri i positivi erano 1.059.

Il tasso di positività è al 9,3%, in diminuzione rispetto all’10% di ieri.
La Sicilia è all’ottavo posto per contagi. Gli attuali positivi sono 21.610 con un aumento di 234 casi. I nuovi guariti sono 712, con 4 decessi, con il numero totale delle vittime che sale a 12.186.
Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 216, 14 in meno di ieri, e in terapia intensiva sono 13, tre in meno rispetto al giorno prima.
A livello provinciale si registrano a Palermo 219 casi, Catania 229, Messina 198, Siracusa 109, Trapani 81, Ragusa 47, Caltanissetta 30, Agrigento 38, Enna 31.

Ad Agrigento, questa sera, giovedì 22 settembre, nel chiostro del museo archeologico “Griffo”, alle ore 20:30 sarà presentato il libro di Armin Wolf: “Ulisse in Italia. Sicilia e Calabria negli occhi di Omero”. Insieme all’autore presenteranno il volume il grecista e traduttore dal tedesco del testo di Wolf, Antonio De Caro, e il grecista e docente di materie classiche nei licei, Angelo Natalello. Modera Beniamino Biondi.

In proposito oggi al Videogiornale di Teleacras, sul canale 178, è in onda un’intervista al professor Marcello Saija, presidente di Circe Centro internazionale di ricerca per la storia e la cultura eoliana.

Ad Agrigento, a Villaseta, in via dell’Autonomia, i residenti segnalano l’abbandono quotidiano di rifiuti di qualsiasi tipo da parte di alcuni incivili, ovunque, davanti agli alloggi, anche tra i contatori elettrici, tra rischi e pericoli di incendio. I residenti hanno segnalato più volte il problema al Comune, ma inutilmente. Sperano che al più presto si intervenga a rimedio. Si tratta di una pratica incivile che ricorre da quando è stata introdotta la raccolta differenziata. Sarebbe opportuno che nella zona sia installata una telecamera di video-sorveglianza come deterrente.

I test di accesso alla facoltà di Medicina 2022 sono stati una debacle per quasi la metà dei candidati in Italia. In tutto il territorio nazionale a superare i fatidici 20 punti, ovvero il minimo per l’ammissione, è stato il 50,8% dei candidati. Ancora peggio in Sicilia. A Palermo infatti la percentuale di idonei è al 47,6%, con 1.310 studenti che comporranno la graduatoria per i 410 posti disponibili. Il punteggio medio tra idonei e non idonei in Sicilia è stato di 21,02 contro i 22,5 punti nazionali. I numeri nell’isola, dall’anno dell’istituzione dei test, il 1999, non sono mai stati così bassi.