Home / Post taggati"Agrigento"

Bella l’estate, bello lo svago, belle le festività. Ma mentre in tanti si sono divertiti sulle spiagge dell’agrigentino e negli agriturismo dell’hinterland, c’e chi ha lavorato per la collettività.

E così dopo le dichiarazioni di compiacimento del sindaco circa l’efficienze a la celerità con la quale sono stati ripristinati i luoghi, viene da lodare  il lavoro impeccabile degli operatori ecologici della Iseda che non solo hanno lavorato alacremente nel giorno di ferragosto ritirando la spazzatura sin dalle prime ore del mattino, non lasciando dunque i cittadini con la spazzatura davanti le proprie abitazioni in un giorno di festa, ma sono stati in grado di riportare allo stato di decoro e pulizia i luoghi nel post festività, dimostrando quanto ben  organizzato ed efficiente sia il lavoro svolto con competenza ed abnegazione, al servizio della collettività.

Ci piace sottolineare come un servizio del genere possa costituire un fiore all’occhiello per la città e che l’esempio di efficienza consumatosi in queste ore piene di eccessi, possa essere applicato anche ad altri ambiti, non ancora così ben organizzati.

 

Simona Stammelluti


Ennesimo episodio di un presunto furto ai danni della piscina comunale di Agrigento, a Villaseta. Ignoti sarebbero entrati ancora una volta nella struttura forse alla ricerca di monetine da “ricavare” dai distributori di bevande presenti. Del fatto si stanno occupando gli uomini della sezione Volanti della Questura di Agrigento giunti sul posto dopo l’allarme lanciato ieri mattina al momento della riapertura. E’ la quinta volta che la piscina comunale è nel mirino di malviventi, la quinta volta nel giro di tre mesi. Si ipotizza che a compiere la raffica di furti e di incursioni notturne possa essere la stessa “banda”.

Musica ad alto volume nei luoghi della movida. Un problema reclamato da molto agrigentini. Questa volta a lamentarsi sono i residenti di una zona di San Leone, nello specifico il Lungomare Falcone e Borsellino. Segnalazioni sarebbero arrivate ai centralini delle forze dell’ordine circa rumori molesti, musica alta e schiamazzi notturno nei presi di alcuni locali della zona presi d’assalto dai giovani. Alcuni dei quali si sarebbero presi a pugni, nel corso di una lite, per poi dileguarsi al momento dell’arrivo della Polizia. Una relazione sarebbe stata stilata, in merito ai rumori molesti e al volume della musica troppo alta, e si sarebbe in attesa di provvedimenti.

La Corte di Cassazione, confermando il giudizio del Tribunale di Appello di Milano, ha condannato Antonio Castronovo, 61 anni, di Agrigento a 6 anni e 8 mesi di reclusione e 30 mila euro di multa. L’uomo è stato ritenuto colpevole di detenzione e trasporto di sostanze stupefacenti. L’uomo rimase coinvolto in un giro di spaccio di cocaina che vide nel mirino della polizia, che ha condotto l’inchiesta, altre persone.

“La sua 104 era “scaduta” da appena 6 anni, ma continuava a beneficiarne senza che nessuno se ne fosse accorto”. E’ quanto scrive oggi il quotidiano La Sicilia in un articolo che ricostruisce la vicenda di una insegnante agrigentina a cui è stato revocato il trasferimento.

Un tentato furto è stato compiuto ai danni della sede della Cassa Edile di Villaseta. Ignoti sono penetrati all’interno dei locali, dopo aver forzato un infisso sul retro dello stabile, e una volta dentro hanno cercato di scassinare le macchinette distributrici di caffè e bevande per impossessarsi delle monete. Ma il malvivente, o i i malviventi, hanno ad un certo punto desistito, forse spaventati da qualche rumore, e si sono dileguati.

Si terrà oggi il sit in di protesta per la riapertura del ponte di contrada Petrusa chiuso ormai da molti mesi. Alla stessa ha preannunciato la partecipazione il Movimento Cinquestelle di Agrigento.
“La nostra Terra è stata tagliata fuori dallo sviluppo economico anche per la difficoltà di essere raggiunta, che ha condizionato il trasporto di merci e persone.
Nonostante il progredire dei tempi ci troviamo in uno dei momenti più bui per la viabilità del nostro territorio.
I collegamenti su gomma, non solo con gli aeroporti e le grandi città dell’Isola ma anche con le città vicine, sono in ginocchio per le condizioni disastrose delle strade, in mancanza di ordinaria e straordinaria manutenzione.
La città di Agrigento è nel caos per la chiusura del viadotto Morandi e l’inefficienza delle strade che ne hanno assorbito il traffico. I collegamenti per Palermo e Catania sono ancora senza una speranza concreta e una data per la fine dei lavori.
I cittadini lamentano grandi ed assurdi giri per spostarsi tra Agrigento e Favara. La situazione non è più sopportabile.
Abbiamo la consapevolezza che al sit in parteciperanno rappresentanti di partiti che hanno causato tutto ciò.
Noi ci saremo ugualmente e ci auguriamo una significativa mobilitazione, non strumentalizzata, che riesca a far capire che il diritto a potersi spostare efficientemente e in sicurezza appartiene anche ai cittadini di questa Terra”.


È iniziata davanti al giudice Alfonso Malato l’udienza preliminare riguardante la vicenda del crollo del costone del Viale della Vittoria ad Agrigento avvenuto il 5 marzo del 2014.
Cinque gli imputati, come richiesto dal Pm Andrea Maggioni che ha seguito tutta l’inchiesta: l’ex sindaco Marco Zambuto, il dirigente dell’ufficio tecnico comunale, Giuseppe Principato, e i tre proprietari dei terreni le cui condizioni fatiscenti avrebbero provocato il crollo Maria Isabella Sollano, 75 anni, e i figli Valentina e Oreste Carmina, 49 e 46 anni.
Stamani numerose sono state le richieste di costituzione di parte civile, tra le quali spiccano quelle dell’avvocato Salvatore Pennica e della moglie, il gioielliere D’Angelo e il farmacista Paolo Minacori (già assessore proprio della Giunta Zambuto).
Il processo riprenderà il prossimo 5 giugno.

L’ex consigliere comunale di Agrigento, Arturo Tortorici, è stato nominato vice coordinatore dei Club Forza Italia in provincia di Agrigento. Tortorici, attuale presidente dell’Unms di Agrigento, l’Unione nazionale mutilati per servizio, affiancherà il presidente, il professor Giuseppe Arnone, che coordina anche i Club di Forza Italia in Europa e i “Siciliani nel Mondo”. La scelta di Arturo Tortorici è stata subito condivisa e sostenuta con entusiasmo dal coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, dal deputato nazionale, Riccardo Gallo, e dal coordinatore provinciale di Agrigento, Vincenzo Giambrone, che, insieme allo stesso Giuseppe Arnone, affermano: “L’intraprendenza, la costanza e il carattere estroverso dell’amico Arturo Tortorici sono i migliori requisiti per adempiere ottimamente all’incarico che gli è stato affidato. L’esperienza e le capacità politiche di Arturo Tortorici, e il suo radicamento nel territorio, sono garanzia di un’efficace azione di potenziamento e di incremento dei Club di Forza Italia, nel contesto di un’ampia rivalutazione della base del partito e della sua diffusione capillare”.

Il Comune di Agrigento, vista l’urgenza di garantire il servizio in questione e non arrecare possibili danni alla salute pubblica, ha affidato direttamente il servizio di prelievo,trasporto e smaltimento del percolato  della ex discarica in contrada Consolida per un importo di 520,00€.
Durante i lavori di sistemazione della stradella interna dell’ex discarica in  c.da Consolida si è reso necessario intervenire sulla tubazione per ripristinare il convogliamento del percolato nelle vasche di accumulo ed evitare la fuoriuscita dello stesso nella discarica. Nei controlli dei tecnici comunali è emerso anche che bisogna, in via del tutto urgente, svuotare le vasche di accumulo del percolato per evitare lo sversamento nella campagna circostante o nel limitrofo vallone che comporterebbe seri danni ambientali oltre che alla salute pubblica.
Al momento non è possibile prelevare e smaltire in discarica autorizzata il percolato prelevato in quanto bisogna attendere prima i risultati delle analisi sul campionato prelevato. In attese delle analisi, però, è possibile collocare il percolato nelle vasche situate a monte dell’ex discarica proprio attraverso una ditta abilitata e specializzata in questo tipo di lavori.
Il lavoro verrà svolto dalla ditta Mediterranea Servizi di Racalmuto.