Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 20)

Dopo l’accordo con il governo nazionale su pagamento a rate del disavanzo, il governo Musumeci ha approvato in giunta la cosiddetta “manovrino” che ridistribuisce ad alcune categorie 17 milioni di euro. Si tratta di somme rese disponibili dopo l’accordo con Roma. L’assessore all’Economia Gaetano Armao ha quindi varato la mina manovra.

Nel dettaglio 1,2 milioni di euro alle riserve naturali, 3,4 milioni agli enti Parco, 395 mila euro al Teatro Stabile di Catania, 2,8 milioni al teatro Massimo Vincenzo Bellini di Catania, 959 mila euro al Vittorio Emanuele di Messina, 635 mila euro al Biondo di Palermo, 145 mila euro all’Inda di Siracusa, 2 milioni di euro all’Orchestra sinfonica siciliana e 1,6 milioni di euro al Teatro Massimo di Palermo. Non si tratta di somme in più rispetto allo scorso anno, ma delle somme che prudenzialmente sono state congelate per coprire il disavanzo. Nella stessa manovrina è previsto l’avvio dell’esercizio provvisorio per due mesi, in attesa di varare la Finanziaria 2020.

Il candidato sindaco alle prossime amministrative, Aldo Piazza, smentisce categoricamente le voci che circolano in città relative ad un suo ritiro alla corsa per la poltrona di primo cittadino. Lo fa attraverso un post che ha pubblicato nella sua pagina ufficiale di Facebook.

“Per tutti quelli che hanno sperato fino all’ultimo che io ritirassi la mia candidatura, ecco per voi una bellissima notizia: andrò avanti fino alla fine.

Per tutti quelli che hanno diffuso pettegolezzi e notizie false vi dico: mi spiace, ma sono ancora qui.

Non c’è nessun candidato che oggi rappresenta il popolo, soltanto schieramenti politici e richiami allo schifo di sempre che circonda la città di Agrigento.

Per i politicanti in opera,
Io ci sono, e resto qui!”

Agrigento, su iniziativa del sindacato Fast Confsal, coordinato da Manlio Cardella, in mattinata un sit – in dei lavoratori dei supermercati Fortè di Agrigento e provincia innanzi alla Prefettura. Cardella spiega: “Si tratta di lavoratori in attesa di sei mesi di arretrati, e col rischio della perdita del posto di lavoro. Su tale vicenda ha acceso i riflettori la sezione fallimentare del Tribunale di Catania, che si pronuncerà martedì prossimo, 7 gennaio, nominando gli amministratori giudiziali”.

Le interviste

Lo scorso 20 dicembre, l’associazione ambientalista MareAmico, coordinata da Claudio Lombardo, ha segnalato e documentato in foto e video la presenza di numerosi buchi nella marna bianca della Scala dei Turchi a Realmonte. Ebbene tali fori sono stati adesso coperti, come afferma lo stesso Claudio Lombardo che spiega: “Oggi rileviamo il fatto che gli stessi buchi siano stati, in maniera parecchio artigianale, coperti. Noi non sappiamo chi ha sfregiato la Scala dei Turchi, e ovviamente non sapremo mai chi ha cercato goffamente di rimediare al danno arrecato, ma una cosa è certa: la Regione Sicilia deve intervenire sul bene in questione e fare in modo che l’area sia sorvegliata fisicamente, al fine di evitare qualsiasi danneggiamento e per impedire la fruizione nelle zone a rischio, per la sicurezza di tutti i visitatori”.

Ad Agrigento, all’ospedale “San Giovanni di Dio”, al reparto Ginecologia e Ostetricia, il primo vagito dell’anno 2020 lo si è udito ieri sera mercoledì primo gennaio alle ore 21, quando è nato Raimondo, figlio di Francesco Zambuto e di Sara Milioto. Il piccolo versa in ottime condizioni di salute, per la gioia dei genitori e dei familiari, lieti di iniziare l’anno nuovo con il migliore tra gli auspici, la nascita di una nuova vita.

Tra coloro che si sono divertiti sparando esplosivi a Capodanno non mancano, purtroppo i feriti. Nell’Agrigentino, a Canicattì, a Palermo, a Trapani, diverse persone sono state costrette al ricovero ospedaliero. Il più grave è un ragazzo di 20 anni, di Paternò, in provincia di Catania, al quale i medici dell’ospedale “Cannizzaro” di Catania sono stati costretti ad amputare la mano destra a causa delle ferite subite da un petardo che lui è stato intento a maneggiare. Ancora a Catania all’ospedale Garibaldi hanno amputato un dito della mano sinistra ad un uomo di 76 anni. A Palermo al Policlinico ad un uomo di 45 anni hanno amputate due dita della mano.

Riparte la distribuzione dei kit per la raccolta differenziata nel comune di Aragona. Al fine di consentire a tutte le utenze domestiche ritardatarie di potere entrare in possesso dei kit gratuiti per la raccolta differenziata, la Sea, azienda incaricata del servizio in città, ha deciso di predisporre la riapertura dell’ufficio di distribuzione nei locali dell’ex-carcere di via Vitello ad Aragona. L’ufficio rimarrà aperto giovedì 9 gennaio dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, venerdì 10 gennaio negli stessi orari e sabato 11 gennaio dalle 9 alle 13.La Sea ricorda agli utenti di munirsi di copia del documento di identità e del codice fiscale dell’intestatario della bolletta Tari, ed è consigliabile portare anche l’ultima bolletta pagata. Eventuali delegati al ritiro dei kit per la raccolta differenziata dovranno munirsi di apposita delega, della copia del documento di identità e del codice fiscale del delegante intestatario della bolletta Tari e mostrare il proprio documento di identità.