I legali Vincenzo e Sergio Sparti rinunciano alla difesa della coppia che ha partecipato alla strage di Altavilla Milicia

Gli avvocati Vincenzo e Sergio Sparti, legali di Sabrina Fina e Massimo Carandente, la coppia che avrebbe guidato gli esorcismi e la conseguente carneficina nella villetta degli orrori di Altavilla Milicia, rinunciano alla difesa. Una decisione maturata “ragioni professionali”, come ha fatto sapere l’avvocato Vincenzo Sparti. Oggi verrà formalizzata la rinuncia per la Fina, lunedì invece per Massimo Carandente. La coppia è accusata, insieme a Giovanni Barreca, di omicidio plurimo e occultamento di cadavere. “Rimetteremo il nostro mandato per problemi legati all’organizzazione del lavoro del nostro studio”, – dichiarano Vincenzo…

Addio a Nunziata Palazzotto, madrina di AgrigentoTv: una donna forte e un pilastro della famiglia Bellavia

Lutto nel mondo dell’informazione agrigentina: è morta stamattina all’età di 86 anni Nunziata Palazzotto, conosciuta da tutti come Anna. Madre di Maurizio Bellavia, storico proprietario di AgrigentoTv, la signora Anna era una figura amatissima e un punto di riferimento per l’intera famiglia. Donna dal carattere forte e volitivo, Anna ha contribuito in modo significativo alla crescita e al successo di AgrigentoTv, offrendo il suo sostegno quotidiano ai figli, tra cui il compianto Agostino. La sua presenza costante nella sede della tv era fonte di energia e ispirazione per tutti. Si…

Confessa la 17enne di aver partecipato alla strage. “Rifarei tutto…”

E così anche la 17enne unica superstite della strage di Altavilla Milicia ha confessato la sua partecipazione all’eccidio della sua famiglia. Il racconto ai giudici per i minori è raccapricciante. “Si è trattato di un rito di purificazione – ha dichiarato . in quanto la mamma e i fratelli erano posseduti da satana. Invocavamo Dio affinchè facesse uscire dai corpi della famiglia il demone e nel frattempo colpivamo la mamma con calci e pugni. La mamma – ha continuato – è stata la prima a morire e poco prima aveva…

Vince Agrigento, perde la legione degli imbecilli, meglio conosciuti come odiatori seriali o detrattori. Hanno il ghiaccio in testa…

Prima la Soprintendenza che autorizza i lavori di ripiantumazione del verde all’interno della Villa del Sole, con conseguente autorizzazione per l’avvio dei lavori definitivi; oggi quei maledetti di organizzatori di Agrigento 2025 che costituiscono la Fondazione con tanto di presidente e CdA. Ma Buttana da miseria, unni stamu ennu a finiri? Una cosa è certa: per adesso si parlano tra di loro, mugugnano, hanno u purmuni mmucca, imprecano, maledicono. Nel giorno in cui Agrigento vince la sua prima battaglia (ne vincerà tantissime altre) altri stanno poco bene e siamo certi…

Akragas colpo Gonzalez

⚽️ ⚽️ Colpo per il futuro dall’Argentina: arriva il talento Francisco Gonzalez Arriva dall’Argentina il nuovo e interessante innesto di prospettiva dell’Akragas. Grazie all’ottimo lavoro svolto in Sudamerica del responsabile mercato estero del club biancoazzurro Massimo Ferraro, la Società della Presidente Roberta Lala si è assicurata le prestazioni sportive del calciatore Francisco Gonzalez, classe 2004 (in foto col Direttore sportivo Giuseppe Cammarata). È un trequartista, in grado di ricoprire diversi ruoli del fronte offensivo, sia seconda punta che esterno d’attacco di entrambe le fasce.Gonzalez è cresciuto calcisticamente nelle giovanili del…

La Fondazione Agrigento Capitale Italiana della Cultura 2025 presenta il suo presidente: è il prof. Giacomo Minio

Mentre una legione di imbecilli raglia suo social c0ntro Agrigento Capitale Italiana della Cultura 2025, la Fondazione che porta lo stesso nome ha eletto il suo nuovo presidente. Si tratta del prof. Giacomo Minio, già facente parte del Consiglio di Amministrazione della Fondazione, docente di Economia dell’Arte e della Cultura e di Economia Politica presso l’Università di Palermo, dottore commercialista e revisore contabile. Il prof. Giacomo Minio è anche il responsabile della delegazione provinciale di Sicindustria Agrigento. Con la nomina di Minio parte ufficialmente il viaggio che proietterà Agrigento verso…

Cefalù: il Consiglio di Giustizia Amministrativa sospende ordinanza di demolizione di opere realizzate all’interno della fascia di rispetto

I titolari di un Hotel, sito nella c.da Capo Plaia del Comune di Cefalù, successivamente alla realizzazione del proprio complesso turistico in conformità con il titolo edilizio originariamente rilasciato dal Comune di Cefalù, realizzavano delle opere in difformità e in ampliamento rispetto al progetto originario, per le quali nel 1986 presentavano due diverse istanze di condono. Soltanto nel 2023 il Comune di Cefalù, a seguito di un sopralluogo, riscontrava l’esistenza di alcune opere realizzate in asserita assenza o in difformità dei titoli edilizi in precedenza rilasciati e, pertanto, rigettava la…

Furto in un bar del Quadrivio Spinasanta

Ad Agrigento, al Quadrivio Spinasanta, ignoti malviventi hanno forzato un infisso, sono entrati dentro un bar – panineria – rosticceria, e hanno rubato una gettoniera e l’incasso di una slot machine. Il titolare, appena si è accorto di quanto accaduto, ha telefonato al 112 e ha sporto denuncia. Indagini sono in corso anche avvalendosi dei video della sorveglianza nella zona.

Totò Cuffaro: “Gentile Formigli ti scrivo…”

“Gentile Formigli, mi chiedo e ti chiedo perché tanto astio nei miei confronti, spero solo contro di me e non anche contro la Dc che, francamente, però, mi è parso di cogliere. Cui prodest? Pesanti e ingiustificate le tue dichiarazione sui voti che puzzano”. È quanto scrive il segretario nazionale della Democrazia Cristiana, Totò Cuffaro, all’indomani della trasmissione Piazza Pulita, su La7, a cui è stato invitato a partecipare. “Sono rimasto seduto in trasmissione nonostante il plotone di esecuzione che, anche visivamente, mi hai messo contro-difronte, ben orchestrato da te,…

Naro, meccanico travolto da un mezzo in riparazione

A Naro, in viale Europa, in un’officina, è accaduto che un meccanico, armeggiando un cric, ha sollevato un mezzo. L’attrezzo ha ceduto e il meccanico è stato travolto. Ha subito delle ferite. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco qualora fosse stato necessario disincastrarlo, e invece no. E’ stato soccorso in ospedale, curato e poi dimesso.