Coltello di genere vietato a Canicattì: denunciato

A Canicattì, nel quartiere Borgalino, i poliziotti del locale Commissariato hanno sorpreso un immigrato dal Pakistan di 40 anni in possesso, in tasca, di un coltello a serramanico di 15 centimetri e di genere vietato. Lui, già noto alle forze dell’ordine, è stato denunciato a piede libero alla Procura di Agrigento per il reato di porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere. Il coltello è stato sequestrato.

Festival Mandorlo in fiore, contributo di 60.000 euro dall’Assessorato

L’assessore regionale al Turismo, Elvira Amata, ha stanziato un contributo di 60.000 euro per il 76esimo Festival del Mandorlo in fiore, in calendario dal 9 al 17 marzo ad Agrigento. Si tratta del doppio di quanto concesso nel 2023, ovvero 30.000 euro. In proposito interviene l’assessore comunale a Turismo e Cultura, Costantino Ciulla, che ringrazia, a nome dell’Amministrazione Miccichè, l’assessore Amata, e aggiunge: “Grazie al prezioso contributo dell’assessore Amata potremo arricchire ulteriormente il programma dell’evento e offrire un’esperienza indimenticabile ai partecipanti, promuovendo al contempo lo sviluppo turistico e la valorizzazione…

I rifiuti siciliani in nave in Danimarca fino al 2026

Ancora autorizzazioni dalla Regione Siciliana a trasferire i rifiuti nei termovalorizzatori all’estero. L’ultimo decreto è per 7500 tonnellate in nave in Danimarca. Sicilia, emergenza rifiuti, termovalorizzatori ancora fantasma, poteri speciali al presidente della Regione, Renato Schifani, come commissario, e poi, soprattutto, discariche sature: sommando il tutto, il risultato, già consolidato, è il trasferimento dei rifiuti non differenziabili dalla Sicilia altrove, appesantendo i costi a carico dei Comuni, costretti poi a scaricarli sulle tasche dei cittadini contribuenti, altrettanto costretti poi a loro volta a subire un servizio spesso scadente e superficiale.…

Maioliche rubate nell’Agrigentino: tre condanne

Al palazzo di giustizia di Sciacca, il giudice per le udienze preliminari, Stefano Zammuto, a conclusione del giudizio abbreviato, ha condannato 3 imputati nell’ambito di un’inchiesta ruotante intorno ad una serie di furti di maioliche per pavimenti del 19esimo secolo in antiche dimore tra Sambuca di Sicilia e Sciacca. Non è stato riconosciuto il già contestato reato di associazione a delinquere, e solo per furto e ricettazione sono stati inflitti 2 anni e 9 mesi di reclusione ciascuno a Vincenzo Di Benedetto, 72 anni, e a Marco Gambino, 35 anni,…

Tagliate quasi cento piante di ulivi. Agricoltore preso di mira?

A Montevago, in provincia di Agrigento, in un appezzamento di terreno dove è stato seminato un nascente uliveto in contrada Pianotta, ignote mani hanno tagliato e devastato 87 giovani piante. Il proprietario del fondo, un agricoltore di 26 anni, si è poi accorto di quanto accaduto e ha sporto denuncia ai Carabinieri della locale stazione. Il danno, non coperto da assicurazione, ammonterebbe a circa 1000 euro. Indagini sono in corso.

Canicattì, uomo colto da infarto dal dentista: salvo

Un uomo di Campobello di Licata si è recato a Canicattì in uno studio dentistico per sottoporsi ad un intervento di installazione di un impianto dentale. Appena giunto il personale medico si è accorto delle precarie condizioni del paziente, preda di una crisi cardiaca improvvisa. Immediato è stato il trasporto all’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì, dove si è rimediato all’infarto e gli è stato applicato un pacemaker nel corso di un’operazione urgente.

Condannato (pena sospesa) empedoclino inizialmente accusato di sequestro di persona e maltrattamenti ai danni della madre

Il Tribunale di Agrigento, presieduto dalla dott.ssa Ciraulo ha condannato G.J.P. di Porto Empedocle alla pena di anni 2 di reclusione concedendo, però, la sospensione condizionale della stessa. L’inchiesta trae le mosse da da una querela sporta dalla madre, C. T. nel febbraio 2023, ai danni del figlio G.J.P. per sequestro di persona e maltrattamenti ai danni della propria madre. In particolare C. T. accusava il proprio figlio G. J. P. di averla tenuta segregata a casa per trenta giorni, di averla maltrattata fisicamente e moralmente  con atti di violenza…

Valle in famiglia: una nuova card unica per il territorio18 febbraio, aspettando il tramonto sulla Rupe Atenea

La Valle per tutti, con un occhio alle famiglie e un altro all’economia. Perché la Via Sacra deve essere uno spazio che va al di là della semplice visita turistica, i templi sono “amici” da andare a trovare spesso. Insomma, la Valle dei Templi e il Museo archeologico Griffo sono un bene comune, accogliente, informale, dove trascorrere un pomeriggio, soprattutto con i bambini, guardando già al primo sole di primavera. Per questo era nata la ValleCard, un pass smart, funzionale e modernissimo, un passaporto pensato soprattutto per le famiglie del territorio:…

Il Cartello Sociale chiede un incontro con il nuovo Direttore dell’Asp

A nome e per conto del Cartello Sociale della provincia di Agrigento chiediamo di poterla incontrare per un sereno momento di confronto sulla situazione del servizio sanitario pubblico del nostro territorio. In questo senso riteniamo di avere titolo di rappresentare le istanze di tante cittadine e cittadini come ha dimostrato la manifestazione da noi promossa lo scorso anno che ha visto scendere in piazza oltre 3.000 persone. Il Cartello Sociale rappresenta una significativa esperienza che alcune componenti attive della società civile del territorio agrigentino hanno messo in atto con significativi…

Aldo Mucci (SGS): “Mobbing e scuola: “istituito uno sportello ‘schoolbossing'”

Per school bossing si intende una forma di mobbing che avviene in ambiente scolastico. Le vittime possono essere insegnanti, segretari o bidelli. In particolare, il mobbing a scuola può essere: verticale: quando la persecuzione proviene direttamente dal datore di lavoro oppure dal superiore gerarchico (pensa, ad esempio, al dirigente o DSGA che controlla ossessivamente il personale ATA, orizzontale: quando sorge per iniziative dei colleghi di lavoro della vittima (ad esempio, collaboratori che si coalizzano contro un loro collega). Tra gli atteggiamenti più frequenti troviamo attacchi alla reputazione del personale; controlli ossessivi;…