Home / Articoli pubblicati daRedazione AG

Favara sembra avere una maledizione per le persone scomparse.

Vanessa Licata, 29 anni residente a Liegi, in Belgio. Non si trova più da mercoledi pomeriggio. E’ domiciliata in Rue des Pierres à Seraing, paesino attaccato a Liegi.

Giovedì mattina la sua auto, una VW Polo blanche, è stata ritrovata incidentata a Boulevard de l’Ouest à Villeneuve-d’Ascq en France. Di altro non si sa nulla. Vanessa è alta 1,55 metri ed è di corporatura minuta. Ha i cappelli lunghi e gli occhi castani. Questa persona ha bisogno di cure mediche”.

E’ questo l’annuncio-appello fatto dalla polizia federale belga che sta cercando di rintracciare la giovane. La ragazza è originaria di Favara e risulta essere anche una promessa del calcio: ha giocato nella squadra femminile dello Standard Liegi. “Chiunque l’abbia vista o abbia informazioni – scrive la polizia federale belga – può chiamare il numero: 00 32 2 554 44 88”.

Se il beneficiario del RdC non utilizzerà per intero l’importo spettante incapperà in una trattenuta sino al 20% dell’importo non fruito con il mese successivo di accredito. E ogni semestre verrà azzerata interamente l’eccedenza non spesa se superiore ad una mensilità di RdC. Lo stabilisce il Dm 2.3.2020 pubblicato sulla G.U. n. 163 del 30 giugno, con il quale il Ministero del Lavoro reca attuazione di un passaggio contenuto nel Dl 4/2019.

Il provvedimento disciplina il meccanismo di decurtazione previsto dall’articolo 3, co. 15 del Dl 4/2019 convertito con legge 26/2019 dell’RdC nei casi in cui il beneficiario non spenda o prelevi per intero il beneficio riconosciuto mensilmente sulla Carta RdC. La Carta, come noto, consente di sostenere le spese legate a esigenze primarie (acquisiti alimentari, sanitari; pagamenti bollette luce e gas ecc.) e per fare prelievi fino al tetto mensile di 100 euro per persona da adeguare con la scala di equivalenza nel caso di famiglie numerose. Lo scopo della disposizione legale è ovviamente non consentire l’accumulo delle cifre che, per qualsiasi ragione, non siano state spese dal nucleo familiare.

Due decurtazioni

Il Decreto prevede due controlli, il primo mensile, il secondo semestrale. L’ultimo giorno di ciascun mese di erogazione del beneficio si verifica il saldo presente sulla Carta RdC con il beneficio mensile effettivamente erogato nello stesso mese, al netto degli eventuali arretrati corrisposti nel semestre in corso ed in quello precedente. Se residua una cifra pari o superiore ad 8 euro (cioè il 20% del beneficio economico minimo annuo di 480 euro rapportato su base mensile) il mese successivo l’ammontare della prestazione dell’RdC verrà defalcata della cifra non spesa nei limiti del 20% della prestazione spettante il mese precedente.

Così ad esempio se al 31 agosto il beneficiario si trova 300 euro non spesi o utilizzati su 600 euro riconosciuti, a settembre incapperà in una decurtazione di 120 euro (quindi riceverà non 600 euro ma 480 euro), il 20% dell’importo riconosciuto a luglio. Alla fine del semestre tutte le eccedenze maturate vengono azzerate con salvezza solo della mensilità più elevata tra quelle erogate nel medesimo semestre. Proseguendo l’esempio precedente se il beneficiario continuasse a spendere solo parte dell’importo corrisposto ritrovandosi a fine anno con 1.000 euro (al netto del meccanismo mensile di riduzione), a gennaio 2021 incapperà in una decurtazione di 400 euro (1.000€ – 600€) in quanto resta acquisita almeno una mensilità di RdC (pari a 600€). Se la mensilità di RdC non fosse capiente il residuo verrà recuperato la mensilità successiva.

Il citato meccanismo a ben vedere non dovrebbe interessare i soggetti che percepiscono la Pensione di Cittadinanza con le modalità tradizionali di accredito della pensione (e quindi non tramite la Carta RdC).

Entrata in vigore

Le decurtazioni mensili si applicheranno a partire dalla prima mensilità successiva all’entrata in vigore del DM; quelle semestrali dalla prima erogazione successiva all’entrata in vigore del decreto: il primo ciclo dovrebbe coincidere con il secondo semestre solare del 2020. Si prevede, infine, che in caso di interruzione delle erogazioni per rinnovo o sospensione del Rdc le decurtazioni vengono sottratte dal beneficio spettante nel primo mese successivo alla sospensione ovvero, se non capiente, dalla disponibilita’ della carta fino a capienza.

In caso di cessazione del beneficio, decorso un semestre dall’ultima erogazione, la Carta Rdc sarà in ogni caso disattivata, indipendentemente dalla presenza di disponibilita’ residue, le quali andranno definitivamente perdute.

 Ancora azioni di solidarietà del Lions Club Valle dei Templi, presieduto da Mariella Antinoro. Nello scorso fine settimana dirigenti e soci del Club hanno consegnato altri i pacchi con alimenti  a famiglie bisognose ad Agrigento e  alla Casa di Riposo per anziane ” Figlie di San Giuseppe”  di Agrigento, gestita dall’omonima  congregazione di suore. La struttura versa in condizioni economiche precarie. La casa ha 8 ospiti gestiti da 3 suore e 4 dipendenti. Con immensa fatica riescono a pagare le bollette e gli stipendi. Gestiscono la struttura con i sussidi della casa  madre che ha sede ad Oristano. I pacchi con gli alimenti sono stati consegnati dalla Presidente Mariella Antinoro  e dal Dirigente del Club, Pippo Freni, Delegato del governatore per i rapporti con le autorità ecclesiastiche nell’anno sociale 2019/20.  “E’ stato un anno sociale in cui abbiamo operato a 360 gradi sul territorio – ha dichiarato la Presidente Mariella Antinoro – e la solidarietà ed il servizio sono stati al centro delle nostre attività. Durante l’emergenza Covid 19 abbiamo lavorato per chi aveva bisogno autotassandoci e mettendo derrate alimentari a disposizione di parrocchie, strutture e famiglie”.

Nei giorni scorsi l’assemblea dei soci del Lions Club Valle dei Templi ha rinnovato le cariche per l’anno sociale 2020-21. E’  stata confermata come Presidente Mariella Antinoro. Ecco lo staff: primo Vice Presidente-Susy Iacona, secondo Vice Presidente Francesco Pira,-Segretario Alessandro Cibella, Cerimoniere Sonia Siracusa, Tesoriere Antonia Russello, Censore Lea Gebbia, Presidente Comitato Soci Gaetano Salemi,Presidente Comitato Services Gioacchino Cimino, Presidente  Comitato marketing e comunicazione- Francesco Pira. Fanno parte del direttivo anche: Pippo Freni, Francesca Paratore, Anna Lo Presti, Gaetano Liotta, Stefania La Porta e Antonella Morreale.

Con l’arrivo delle vacanze estive torna per il 30mo anno “Mare Sicuro”, l’operazione della Guardia costiera che fino al 13 settembre impegnerà circa 3.000 uomini e donne, 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei a tutela di bagnanti e diportisti per una corretta fruizione delle spiagge e del mare.
L’operazione interesserà non solo gli 8.000 km di coste marittime del Paese ma anche il Lago di Garda e il Lago Maggiore presso cui sono attivi presìdi della Guardia costiera.
Ricordata in passato anche con il nome di “spiagge libere e sicure” e “mare d’amare”, l’operazione giunge quest’anno alla sua trentesima edizione, mantenendo inalterato l’obiettivo primario di impedire e prevenire gli incidenti in mare, al quale si affianca oggi la necessità, sempre più avvertita, di una maggiore tutela del patrimonio ambientale.
Attività queste, che la Guardia costiera porta avanti anche attraverso una capillare opera di diffusione e condivisione di informazioni e comportamenti utili da tenersi soprattutto in estate, quando l’affluenza in mare e sulle spiagge cresce in maniera esponenziale, aumentando conseguentemente il rischio di incidenti.
Saranno, altresì, intensificate le attività di controllo in mare al fine di garantire l’osservanza dei limiti di navigazione dei natanti in prossimità della costa e la salvaguardia della fascia riservata alla balneazione, la prevenzione dell’inquinamento marino e la vigilanza sulle aree marine protette.
Inoltre, l’iniziativa denominata bollino blu, anche quest’anno cercherà di promuovere attività mirate di verifica sulla sicurezza delle unità da diporto evitando che queste si traducano in duplicazioni dei relativi controlli da parte delle forze operanti in mare. In tale contesto, il personale della Guardia costiera, qualora inserito in appositi dispositivi provinciali di Pubblica sicurezza, potrà contribuire con le Forze di polizia anche alla verifica contestuale del rispetto delle disposizioni volte a contenere e contrastare la diffusione del virus COVID-19.

Infine, in una stagione estiva che segue il periodo di lockdown, è da segnalare, tra l’altro, la ripresa di alcune importanti attività legate all’estate, quali il conseguimento delle “patenti nautiche” e dei brevetti di “assistente bagnanti”, attività che saranno svolte presso gli uffici marittimi nel rispetto delle prescrizioni sul distanziamento sociale (afflusso regolato dell’utenza negli uffici e obbligo dell’uso di DPI), fatte salve le eventuali ulteriori indicazioni previste nelle ordinanze regionali competenti per territorio.

Si terrà domani, sabato 4 luglio presso un noto albergo cittadino, pur con l’adozione degli accorgimenti per garantire il più rigoroso rispetto delle normative sul distanziamento sociale, la tradizionale cerimonia del Passaggio della Campana del Rotary Club Agrigento.

Il Presidente uscente Tommaso Scribani passerà il testimone a Pier Luigi Maratta, farmacista già impegnato nel sociale nell’ambito della nostra comunità. L’anno sociale a guida Scribani appena conclusosi, pur caratterizzato negativamente dall’emergenza sanitaria che ne ha inevitabilmente limitato l’operatività per diversi mesi, è stato comunque caratterizzato da numerosi importanti progetti portati a termine, che hanno consentito al sodalizio di esprimere con successo le proprie capacità di servizio sia in ambito locale che internazionale.

Di tanto si è avuto pure riscontro in ambito distrettuale con i riconoscimenti conferiti in occasione del Congresso Distrettuale tenutosi a Catania lo scorso fine settimana.
Con rinnovato entusiasmo è quindi ai nastri di partenza il nuovo anno sociale in cui il Presidente Maratta sarà coadiuvato dal nuovo consiglio direttivo composto da Jaana Helena Simpanen, Carmen Campo, Adele Cremona, Marialuisa Gurgone, Adriana Pancamo, Luigi Guadagni, Salvatore Alaimo, Maurizio Vittorio Rizzo, Antonino Noto,
Angelo Lo Vasco, Maurizio Russo e Luca Vetro.

Hanno fatto rientro in Italia, a Lampedusa nello specifico, nonostante il decreto di espulsione. Cinque, invece, hanno fatto lo stesso nonostante i decreti di respingimento. Continuano gli arresti dei poliziotti della Squadra Mobile – sei solo nelle ultime ore – di migranti sbarcati sulla più grande isola delle Pelagie.
I poliziotti della Squadra Mobile, ad ogni sbarco, procedono alla fotosegnalazione della persona e al rilievo delle impronte digitali. Tutto viene poi inserito nell’ormai infinita banca dati e comparato. Ed è proprio questo passaggio che consente l’identificazione reale di quanti sbarcano. Così è stato appurato che uno dei tunisini giunti a Lampedusa era tornato nonostante fosse stato destinatario di decreto di espulsione e rimpatrio. Altri 5 invece erano già stati destinatari di decreto di respingimento.
Tutti e sei, come disposto dal magistrato di turno, in attesa del giudizio direttissimo, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari.

Per consentire alla cittadinanza di donare con generosità il proprio sangue  l’A.D.A.S., effettuerà due raccolte , domenica 05 luglio saremo a Favara in Piazza Cavour dalle ore 8.00 alle 12.00 ed a Naro in Piazza Sant’Agostino c/o i contemplattivi dalle ore 8.00 alle 12.00.

A tutti i donatori saranno inviate a cura della stessa associazione le analisi cliniche  effettuate in occasione della donazione.

 

L’Assemblea dei Soci della Società Palma Ambiente Srl ha approvato il bilancio 2019, chiudendo con un utile pari a  € 28.945, 00 ,  dimostrando la bontà della scelta di questa Amministrazione.
Un risultato che riempie d’orgoglio il Sindaco nonché socio unico Stefano Castellino che ha fatto della gestione in house dei rifiuti una battaglia basata sui pilastri fondanti della Pubblica Amministrazione:  economicità, efficacia ed efficienza.
“Il lavoro che questa società sta portando avanti – dice Stefano Castellino – è sotto gli occhi di tutti, Palma non godeva da decenni di un servizio così efficiente che si sta muovendo in tutta una serie di settori quali il verde e le aree pubbliche, il ritiro ingombranti, le bonifiche dei siti, la pulizia delle spiagge, la disinfestazione, etc. Siamo consapevoli che ci sono ancora delle zone che aspettano un intervento, ma il paese è vasto e lo stato in cui versavano molte aree era davvero indecoroso, dovuto ad anni di totale abbandono. Con un po’ di pazienza e fiducia si riusciranno presto a raggiungere tutti i quartieri: Palma non è mai stata così pulita, ma siamo certi che il lavoro da fare è ancora tanto e che il nostro territorio meriti ancora di più degli interventi che possano risaltarne la bellezza.
Un ringraziamento al Presidente Giuseppe Spina e al CDA  composto da Lillo Inguanta e Dario Burgio, al Direttore Tecnico  Francesco Lazzaro e tutti i lavoratori del cantiere, Piero Amorosia , Salvatore Domanti e tutta la struttura amministrativa per il lavoro svolto egregiamente fin qui. Ringrazio anche i lavoratori Esa che hanno scelto di prestare servizio per la nostra comunità”.

La Procura di Agrigento, che ha già aperto un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti, conferirà molto probabilmente domani l’incarico al medico legale per effettuare l’autopsia al neonato morto nei giorni scorsi all’ospedale di Agrigento.

Dopo la morte del piccolo, i genitori hanno sporto regolare denuncia presso la Tenenza dei Carabinieri di favara e da li è scattata l’inchiesta che adesso è nelle mani del Sostituto Procuratore Sara Varazi.

Adesso occorrerà stabilire le cause che hanno portato alla morte il neonato.

 

Ampliamento dell’offerta formativa, allargamento della no tax area, nuovi servizi legati a segreteria, car e bike sharing e rinnovo della licenza Rosetta Stone.

Queste le principali novita’ dell’Universita’ di Palermo annunciate nel corso della presentazione del nuovo anno accademico da parte del direttore generale Antonio Romeo, dal prorettore Vicario Fabio Mazzola e dal rettore, Fabrizio Micari. “Abbiamo allargato la no tax area anche al di la’ rispetto alle indicazioni che venivano dal ministero, portandola fino a 25mila euro e una tassazione calmierata tra 25mila e 30mila”, ha detto il rettore. Misure che l’Universita’ ha voluto effettuare anche in virtu’ della situazione legata alle difficolta’ che molte famiglie avranno nel prossimo anno a causa dell’emergenza sanitaria vissuta nelle scorse settimane e che ancora non e’ completamente superata. “E’ l’anno post-pandemia e quindi c’e’ sembrato giusto far si’ che il piu’ possibile le famiglie e i ragazzi venissero agevolati nel poter frequentare l’universita’”, ha sottolineato Micari.

Cinque i corsi di studio di nuova attivazione da parte di UniPa: Architettura e progetto nel costruito (L-23 presso la sede di Agrigento); Neuroscience (LM-6, in inglese); Architettura del paesaggio (LM-3); Scienza dell’alimentazione e della nutrizione umana (LM-61); Migrations, rights, integration (LM-90, in inglese).