Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 31)

Il Dott. M.V., originario di Agrigento, di anni 51, dipendente a tempo pieno e indeterminato presso la Società S.E.U.S – Sicilia Emergenza-Urgenza Sanitaria, con la qualifica di Autista Soccorritore (livello C), avendo sempre svolto mansioni superiori rispetto a quelle di formale inquadramento, al fine di ottenere tutela ed avere riconosciuto il proprio diritto ad essere inquadrato nella superiore categoria giuridico-lavorativa e, segnatamente, nel livello “DS4” del CCNL AIOP Sanità Privata , con il patrocinio degli Avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia proponeva ricorso innanzi al Tribunale di Agrigento – in funzione di Giudice del Lavoro.
Al fine di resistere alla predetta azione si costituiva in giudizio la Società S.E.U.S., la quale asseriva la non fondatezza della pretesa avversaria, sulla base dell’erroneo convincimento che il Dott. M.V. non avesse diritto ad alcun avanzamento di categoria, stante l’inapplicabilità dell’art. 2103 c.c. alle società c.d. in house providing come la Società S.E.U.S. in ragione della provenienza pubblica del capitale sociale.
Ebbene, durante lo svolgimento del processo gli Avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia dimostravano la fondatezza delle pretese del proprio assistito, rilevando come il Dott. M.V., pur essendo stato assunto, ab origine, dalla società datrice di lavoro con la qualifica di Autista Soccorritore (livello C), di fatto avesse svolto nei vari anni cui aveva prestato la propria attività lavorativa diverse mansioni rientranti in un inquadramento più elevato rispetto a quello di appartenenza e, nello specifico, in quello della Categoria “DS4” prevista dal CCNL AIOP Sanità Privata.
Inoltre, gli Avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia evidenziavano come le argomentazioni sostenute dalla società resistente fossero del tutto infondate, rilevando come un orientamento maggioritario della Giurisprudenza ritenesse che i rapporti di lavoro delle società a totale partecipazione pubblica o che operano in regime di in house providing come la S.E.US. non debbano essere considerati come rapporti di lavoro di pubblico impiego, ma rapporti disciplinati dal diritto privato e come tali soggetti alle norme del codice civile.
Sicché, condividendo la tesi sostenuta dagli Avv.ti Rubino e La Loggia il Giudice del Lavoro del Tribunale di Agrigento con la sentenza pubblicata in data 03.02.2021, accoglieva il ricorso proposto dal Dott. M.V., riconoscendo il suo diritto ad essere inquadrato nella superiore Categoria DS4 e condannando la Società S.E.U.S. al pagamento delle differenze retributive dovute in forza del superiore inquadramento riconosciuto al dipendente M.V., nonché al pagamento delle spese di lite.
Contro tale decisione la Società S.E.U.S. proponeva ricorso in appello chiedendo la riforma della sentenza del Tribunale di Agrigento.
L’azione proposta dalla SEUS veniva avversata dal Dott. M.V. che, costituendosi in giudizio sempre con il patrocinio degli Avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia, sosteneva la correttezza della decisione resa dal Tribunale di Agrigento, richiamando a tal fine non solo gli orientamenti espressi in precedenza dalla stessa Corte di Appello, ma anche i più recenti pronunciamenti resi dalla Suprema Corte di Cassazione secondo cui anche nelle società a totale partecipazione pubblica e/o in house providing la regolamentazione dei rapporti di lavoro trova la sua fonte nel codice civile e non nelle norme dettate dal Testo Unico sul Pubblico Impiego.
Ebbene, in data 22.12.2022 si è espressa la Corte di Appello di Palermo – Sez. Lavoro che, condividendo le argomentazioni degli Avv.ti Rubino e La Loggia, ha confermato la sentenza pronunciata dal Tribunale di Agrigento, condannando altresì la Società S.E.U.S. s.c.p.a., al pagamento delle spese del secondo grado di giudizio in favore del Dott. M.V.
Conseguentemente, per effetto della decisione della Corte di Appello di Palermo la S.E.U.S. dovrà provvedere al corretto inquadramento del Dott. M.V. ed a corrispondere le differenze retributive dovute.

Hanno superato quota 100mila gli arrivi via mare dei migranti in Italia nel 2022: sono per la precisione 100.985, secondo i dati forniti quotidianamente dal ministero dell’Interno. In un anno, dunque, gli sbarchi hanno raggiunto il totale registrato nei due anni precedenti: il 2021 (quando sono stati 67.477) ed il 2020 (34.154). Gli egiziani sono i più numerosi tra i migranti arrivati quest’anno (20.486), seguiti dai tunisini (17.898) e dai bengalesi (14.381). Consistente anche il flusso da Siria (8.554) ed Afghanistan (7.162). I minori non accompagnati sono 12.505.

Ad Agrigento saranno eseguite dal 27 dicembre al 30 dicembre, dall’impresa Ricciardello Carmelo s.n.c., per conto dell’ex Provincia, le indagini diagnostiche strutturali (con prove distruttive e non distruttive con il ripristino dello stato dei luoghi) e l’effettuazione delle verifiche tecniche finalizzate alla valutazione del rischio sismico degli edifici sedi del Liceo “Politi” e della scuola “Pirandello” in via Acrone, che è di proprietà del Comune di Agrigento. L’assessore comunale ai Lavori pubblici, Gerlando Principato, afferma: “Continua senza sosta l’attività di verifica delle nostre scuole, in ritardo rispetto a quanto previsto dal punto di vista normativo. Anche la Scuola Media “Pirandello” grazie all’ex Provincia di Agrigento si unisce alle verifiche già eseguite dal Comune nei 5 plessi scolastici di proprietà, (Nuova Manhattan, Giardino Fiorito, Verga, Vincenzo Reale e Loris Malaguzzi). I restanti 28 plessi attendono altrettanti interventi”. E il sindaco Franco Miccichè aggiunge: “Speriamo di riuscire a ricucire il deficit normativo del nostro patrimonio scolastico la cui situazione era inaspettata, da un lato incrementando le azioni di verifica e dall’altro provvedendo, ove possibile, con i fondi del PNRR, al recupero di immobili di edilizia scolastica chiusi”.

La deputata regionale di Fratelli d’Italia, Giusi Savarino, rappresentante dell’Assemblea Regionale al Forum regionale antiviolenza, a fronte degli orrori perpetrati in Iran e in Afghanistan, ha depositato in Assemblea una mozione con cui si impegna il governo regionale ad attivare non solo azioni di solidarietà ma, di concerto con il governo nazionale, ad applicare severe misure e sanzioni contro l’operato di tali Paesi che violano le libertà fondamentali. Savarino sottolinea: “Le istituzioni non possono restare in silenzio, perchè il diritto negato delle donne iraniane e afghane è quello di ognuno di noi, pigri osservatori di un orrore senza fine”.

I Carabinieri hanno denunciato un uomo di 21 anni di Ribera e residente a Sciacca. Alla Procura saccense risponderà del reato di violenza sessuale su persone in condizione di inferiorità psichica. Lui avrebbe intrapreso una relazione virtuale con una ragazza affetta da disabilità intellettiva, e l’avrebbe indotta a inviargli delle foto intime su whatsapp. La madre della ragazza ha avvertito un comportamento insolito della figlia, ha recuperato il contenuto delle chat, e ha denunciato il 21enne ai Carabinieri. I militari hanno sequestrato il telefonino dove sono state rinvenute le foto oggetto dell’indagine.

Il presidente della Regione, Renato Schifani, rilancia sulla privatizzazione degli aeroporti in Sicilia. Insorgono i sindacati: “Pronti anche al blocco dei voli”.

Prima l’Ita, ex Alitalia, ha promesso un aumento dei voli da e per la Sicilia e una riduzione delle tariffe a ridosso del Natale, e poi, tramite un emendamento in Commissione Bilancio alla Camera, è stato istituito al ministero dei Trasporti un apposito fondo per garantire un “completo ed efficace sistema di collegamenti aerei da e per la Sicilia e da e per la Sardegna”, con una dotazione di 5 milioni per il 2023 e 15 milioni dal 2024. Tuttavia il presidente della Regione, Renato Schifani, non intende rinunciare all’iniziativa, già annunciata, della privatizzazione degli aeroporti in Sicilia. E ribadisce: “Credo che la privatizzazione degli aeroporti in Sicilia sia una sfida che vada realizzata e vinta perché è l’unica regione che ha ancora degli aeroporti pubblici. Ringrazio il sindaco di Palermo che sostiene una tesi per la quale il governo si batterà. In tutta l’Italia si è seguita la via della privatizzazione, nella logica del rispetto della trasparenza, ormai è un sistema collaudato”. Schifani ha poi ricordato che la Regione è proprietaria dell’aeroporto di Trapani che produce perdite non indifferenti, e ha aggiunto: “Credo sia giusto fare chiarezza nell’interesse dei cittadini. Non si capisce perché questo aeroporto debba rimanere pubblico e non agganciato ad un possibile accorpamento con quello di Palermo. Il prossimo 28 dicembre incontrerò a Catania i vertici dell’Enac. Mi confronterò per discutere la situazione aeroportuale della Sicilia. So di trovare una persona competente per andare avanti” – conclude. Insorgono i sindacati. Gianluca Colombino della Legea Cisal, primo sindacato all’aeroporto Falcone-Borsellino di Palermo, tuona: “Il Governo Schifani ha finalmente gettato la maschera: vogliono svendere la Gesap, società che gestisce l’aeroporto di Palermo, per salvare mediante un accorpamento lo scalo di Trapani dalla voragine dei debiti causati dalla politica. Non consentiremo un’operazione fallimentare che penalizza un bene di proprietà dei lavoratori della collettività, aiutando solo qualche privato a comprare per un tozzo di pane una società pubblica che garantirebbe molto di più con una gestione improntata alla continuità e con la contestuale quotazione in borsa di parte delle azioni. Invitiamo le forze politiche a fare sentire la propria voce. Noi di contro non staremo con le mani in mano e convocheremo un’assemblea dei lavoratori; se riceveremo il mandato, proclameremo lo stato di agitazione e siamo pronti persino al blocco dei voli”.

Giuliana Miccichè

La Fortitudo Agrigento conquista il derby contro Trapani e conquista altri due punti, pochi giorni dopo quelli conquistati contro Monferrato. Un Palamoncada a dir poco suggestivo, una vera e propria bolgia che ha spinto la squadra dall’inizio alla fine e questa carica è arrivata ai ragazzi di coach Cagnardi, reduce da due vittorie importanti e sale a quota 14 punti in campionato, in piena zona playoff. Il primo quarto Trapani mostra carattere e determinazione e dopo una serie di errori ambo i lati la squadra trapanese si porta sullo 0-6 dando fastidio alla difesa agrigentina, concludendo il parziale 10-18.

Nel secondo quarto gli ingressi in campo di Costi e Peterson ridanno fiato al quintetto iniziale ed Agrigento imposta subito la partita a proprio favore con diversi rimbalzi offensivi, Francis su tutti, e con un 21-10 porta il risultato in proprio favore e Trapani non raggiunge più Agrigento fino alla fine. Nel secondo tempo prova a rientrare ma con scarsi risultati e con un Grande in formato gigante, Daeshon Francis meraviglioso in fase difensiva e di contropiede e Marfo che ha fatto valere la sua prestanza fisica con Costi che si conferma uno dei giovani più promettenti e l’infinito Albano Chiarastella, anche oggi 40 minuti in campo senza mai calare il ritmo. Quando la Fortitudo prende l’iniziativa e fiducia dimostra di essere davvero formidabile e l’effetto Palamoncada è un’arma micidiale che mette in serie difficoltà le squadre avversarie. Molto soddisfatto coach Cagnardi a fine partita che fa i complimenti ai suoi ragazzi e guarda subito alle prossime partite: “Sono molto contento della prestazione di oggi, giocata con carattere. Ma come sempre dobbiamo pensare partita per partita, la nostra testa dev’essere già al 4 gennaio contro la Vanoli Cremona e poi due gare decisive in chiave salvezza contro Rieti e la Juvi Cremona”. Si chiude così un 2022 molto intenso, ricco di emozioni, con i tifosi sugli spalti che ancora una volta omaggiano Salvatore Moncada, con la promozione in Serie A2 ed è sicuramente un anno che ha cambiato la vita della Fortitudo Agrigento ma che ha regalato anche tante gioie nella speranza che il 2023 possa iniziare così come è finito questo anno.

(foto di Giuseppe Colonna)

La Corte di Appello di Palermo, riformando la sentenza di primo grado emessa dal tribunale di Sciacca, ha assolto, con la formula “perché il fatto non sussiste”, Francesco Sabella, 24 anni, e Rosario Ruggia, 30 anni, entrambi di Menfi. I due imputati, difesi dagli avvocati Calogero Santangelo e Alberto Di Carlo, sono stati imputati di detenzione a fine di spaccio di sostanze stupefacenti. In primo grado sono stati condannati ad 1 anno di reclusione ciascuno. Il giudizio è ruotato intorno ad un panetto di hashish, di quasi 100 grammi, che i due avrebbero trasportato e detenuto.

Ad Agrigento, secondo stime della Prefettura, sono attese almeno 12.000 persone in occasione del concerto di Capodanno di Achille Lauro in piazza Stazione. Ecco perché la Prefettura di Agrigento, nel corso di una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, ha varato un apposito piano di sicurezza e di vigilanza. La piazza sarà divisa in settori, tra vie di fuga, servizi di controllo agli ingressi, e servizi sanitari. Il Comune provvederà a redigere un piano viabilità. Concordati anche i servizi di controllo e vigilanza che in concomitanza dell’evento saranno rafforzati all’interno e all’esterno dell’area interessata con l’impiego massiccio di forze dell’ordine, polizia provinciale e sanitari.