Home / 2021 / Agosto (Pagina 52)

Sono tutti in salvo i 35 scout che erano stati dati per dispersi nel bosco di Ficuzza, la riserva naturale tra Marineo e Corleone, dove si sono sviluppati una serie di incendi. L’allarme è scattato sabato scorso intorno alle 14. La richiesta di aiuto è partita dai capi scout, che hanno segnalato la presenza di 5 squadriglie, partite dalle base scout della Massariotta, in escursione nella zona dove si stavano sviluppando i roghi.

Gianfranco Orlando, direttore dei lavori del distretto di Ficuzza e alcuni suoi collaboratori del Servizio Sviluppo rurale e territoriale di Palermo, si sono messi alla ricerca dei ragazzi riuscendo, in poche ore, a portarli tutti al sicuro. Il gruppo di giovani e soccorritori si è così ritrovato nell’abitazione di Carmelo Raineri, Ispettore forestale in pensione che vive nella zona e conosce bene il territorio.
A supporto sono intervenuti anche i carabinieri di Corleone, una squadra dei vigili del fuoco del Tas, un gruppo speciale di ricerca, e la sala operativa del Corpo Forestale. Uno dei ragazzi ha avuto un lieve malore e per maggiore sicurezza è stata chiamata un’ambulanza del 118. “Per fortuna solo un grande spavento – racconta Raineri – alla fine è andata bene. Abbiamo rifocillato e rincuorato i ragazzi che erano spaventati. Grazie all’intervento di un Canadair e tre elicotteri siamo riusciti anche a salvare la Riserva naturale orientata di Ficuzza. Il fuoco è stato fermato nella fascia parafuoco”. (ANSA).

E’ finalmente ufficiale: la Seap Dalli Cardillo Aragona parteciperà al prossimo campionato di serie A2 di volley. La bellissima notizia è arrivata pochi minuti fa proprio dalla FIPAV che ha comunicato alla Società agrigentina l’ammissione al prossimo ambitissimo torneo nazionale.
E’ un ritorno in serie A2 dopo alcuni anni di assenza quello della Seap Dalli Cardillo del presidente Nino Di Giacomo che, in silenzio e senza clamori, ha lavorato insieme al suo staff affinchè questo sogno si realizzasse, affrontando con grandi motivazioni tutti gli ostacoli che si sono presentati strada facendo, dimostrando che anche Aragona può affrontare tranquillamente un torneo di livello nazionale. E’ stata una lunga estate passata a preparare ricorsi per dimostrare ai dirigenti nazionali della Lega Volley e della Fipav che Aragona ha tutte le carte in regola.
Il presidente Nino Di Giacomo è già al lavoro per preparare al meglio il prossimo prestigioso campionato ed in proposito ha dichiarato: “è stato il giusto premio per tutti i sacrifici che abbiamo affrontato in questi anni. Un grazie doveroso devo rivolgerlo ai nostri sponsor che ci sono stati sempre vicini anche nei momenti più difficili, mi riferisco soprattutto all’era “Covid” e non solo: ci hanno sostenuto sempre! Un plauso grandissimo va ai nostri encomiabili tifosi che ci hanno seguito, anche se virtualmente, grazie alle nostre dirette degli incontri che abbiamo disputato fino a poche settimane fa. Siamo già al lavoro per provare ad allestire un roster competitivo e credo proprio che, rimanendo uniti, insieme ai tifosi e agli sponsor, quest’anno ci divertiremo ancora di più per portare in alto i colori di Aragona e dell’intera provincia di Agrigento”.

Si sa poco o nulla. L’unica certezza è che questa mattina, poco dopo mezzogiorno, sono stati sparati alcuni colpi di pistola contro l’abitazione di un commerciante di Licata. Il fatto è avvenuto in via Palma.

Nessun ferito. Ovviamente esistono tutti i presupposti che possa trattarsi di un atto intimidatorio. E su questa eventualità stanno indagando i carabinieri della compagna di Licata.

 

Sono 923 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 17356 tamponi processati nell’isola. L’incidenza scende al 5,3% ieri era al 9%. L’isola resta al primo posto per nuovo contagio giornaliero. I guariti sono 59 mentre nelle ultime 24 ore si registrano altre 2 vittime. Sul fronte ospedaliero sono adesso 494 i ricoverati mentre in terapia intensiva adesso sono 52 i ricoverati.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo 208, Catania 190, Agrigento 5, Caltanissetta 106, Trapani 22, Ragusa 112, Siracusa 56, Enna 38, Messina 186.

L ARCI provinciale di Agrigento esprime piena e totale solidarietà agli uomini e alle donne impegnati nel progetto di cambiamento incarnato nella lista Favara Bene Comune, per l’ inaccettabile gesto intimidatorio subito nei giorni scorsi. La Presidente avv. Angela Galvano afferma: “Tali azioni meritano condanna e disprezzo, in quanto espressione palese di un misero tentativo intimidatorio nei confronti di chi lavora quotidianamente in prima linea e a testa alta per un progetto volto al rilancio e alla rinascita di Favara. Siamo certi che questa squadra continuerà nel suo impegno con la determinazione, la tenacia, la caparbietà e la responsabilità che l’ ha sempre contraddistinta ed in questo ci troverà al suo fianco”.

 

 E’ stato anche accertato un nuovo record di velocità rilevato dalla Polizia Stradale con il telelaser sulla SS640. Un’autovettura “Porsche” è stata immortalata mentre procedeva a 233 km/h. Ovviamente con le immancabili conseguenze sanzionatorie pesanti.

Controlli serrati da parte della Polizia Stradale di Agrigento che ha utilizzato il Telelaser “TRUCAM” (di ultima generazione, dotato di videocamera in grado di generare brevi video come prova a supporto delle infrazioni accertate) con particolare riguardo alla SS640.

Durante i controlli effettuati lo scorso fine settimana, sono state accertate 15 contravvenzioni per superamento dei limiti di velocità: 4 per il superamento dei limiti di oltre 60 km/h, 8 per il superamento dei limiti tra 40 e 60 km/h, 3 per il superamento dei limiti tra 10 e 40 km/h oltre il limite consentito, per un totale di 80 punti decurtati dalle patenti di guida.

A Palma di Montechiaro è stato denunciato automobilista con patente falsa. A seguito di un controllo effettuato durante un servizio di vigilanza stradale, la Polizia  Stradale ha proceduto alla verifica della documentazione di un trentenne di Palma di Montechiaro il quale. Alla richiesta degli operatori ha esibito una patente di guida che presentava chiari elementi di contraffazione e non risultava presente nella banca dati della Motorizzazione Civile. Il reo, che a seguito di ulteriori accertamenti è risultato non titolare di patente di guida perché mai conseguita, è stato denunciato in stato di libertà.

Conferenza stampa questa mattina di Giuseppe Arnone, politico da sempre, ha spiegato le ragioni per le quali aderisce a Fratelli d’Italia il partito di Giorgia Meloni.

Presenti ad ufficializzare il passaggio a Fratelli d’Italia di Giuseppe Arnone il segretario locale Adriano Barba e il coordinatore provinciale Lillo Pisano.

Con Fratelli d’Italia Giuseppe Arnone è impegnato nel sostenere la candidatura quale sindaco di Favara del dottor Salvatore Montaperto, anch’egli presente all’incontro. “Favara, una città che adesso ha soprattutto bisogno di normalità – ha dichiarato Arnone – e la normalità si ottiene cambiando pagina perchè la città in questi anni è stata abbandonata a se stessa. Non ultimo – continua Arnone – il dramma della spazzatura che ha stravolto una intera comunità. Proprio da questo appalto – ha concluso Arnone – troveremo in caso di elezione la soluzione più idonea affinchè tali situazione non avvengano più”.

Ha completato due mandati pieni e consecutivi. Emanuele Farruggia, nel rispetto dello Statuto, lascia l’incarico. Il nuovo presidente della sede cittadina della CNA è Roberta Tuttolomondo,  già presidente provinciale, componente dell’Ufficio di Presidenza e dirigente di primo piano della Confederazione. Il passaggio formale nel corso della seduta elettiva che si è tenuta presso la sede di via Piersanti Mattarella. Farruggia ha ripercorso, in breve, i suoi 8 anni di presidenza, “definendo l’esperienza positiva e costruttiva all’interno della struttura, alla quale – ha assicurato –  continuerò la mi attività al servizio del territorio e del tessuto produttivo”.  Il suo impegno, specie nel settore del turismo, è stato ampiamente e pubblicamente riconosciuto dal gruppo dirigente. I vertici provinciali hanno avuto, nei confronti Di Emanuele Farruggia, parole di grande apprezzamento per il proficuo contributo offerto al sistema CNA. Il presidente Francesco Di Natale e il segretario Claudio Spoto hanno poi augurato buon lavoro, ringraziandola per avere accettato l’incarico, a Roberta Tuttolomondo, titolare di un affermato e moderno centro benessere al Villaggio Mosè, ma anche una donna fortemente impegnata nel sociale. La neo presidente, nel suo intervento, ha chiesto il coinvolgimento e la partecipazione di tutti quanti, a vario livello, hanno accettato di assumere ruoli di responsabilità nell’organigramma: “facciamo squadra per vivere in modo attivo e propositivo questa importante esperienza di associazionismo, nell’interesse delle imprese – ha sottolineato – che si affidano a noi, sia in termini di erogazione servizi che di rappresentanza politico-sindacale”.

Diverse le new entry che hanno deciso di sposare il progetto CNA: Lillo Iacono, Lillo Abbate, Lisa Lombardo, Rosetta Palillo, Giacomo Arrigo, Giuseppe Alfieri, Corrado Di Salvo, Luca La Rocca, Edy Prestes, Carmelina Paino e Dario Spataro. Tanti volti nuovi che si intrecciano con il gruppo di artigiani e imprenditori “veterani”, da anni impegnati dentro la Confederazione, come Fabrizio Campagna, Gianluigi Mirabelli, Rosanna Puzzo, Christian Vassallo e Tony Lo Pilato. Il nuovo corso sarà ufficialmente sancito il 3 settembre quando, nella città dei templi, sarà celebrata l’assemblea quadriennale per il rinnovo degli organismi provinciali.

L’Ordine dei medici di Palermo informa tutti i medici non ancora vaccinati che, previo accertamento, nei prossimi giorni scatteranno le sospensioni per tutti coloro che non abbiano provveduto all’obbligo vaccinale, in ottemperanza al decreto legislativo 44 del 2021. La disapplicazione della norma comporta la sospensione dall’attività professionale da parte dell’Asp, la presa d’atto dell’Ordine e la relativa annotazione nell’albo di riferimento (albo dei medici chirurghi e albo odontoiatri).

“La sola alternativa per continuare a svolgere l’attività – come spiega il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, Toti Amato, componente del direttivo della Federazione nazionale Fnomceo –  è il trasferimento in un ruolo diverso che non comporti il contatto con i pazienti per i rischi di contagio delle infezioni da Sars-CoV-2”.

“L’Omceo – sottolinea il presidente – ha già ricevuto dall’Asp di Palermo ben 849 richieste di posta certificata di medici per fare i dovuti accertamenti propedeutici alla sospensione, fermo restando l’eventuale errore di comunicazione sull’avvenuta vaccinazione come sta già accadendo per alcuni colleghi già immunizzati ma inseriti nell’elenco”.

Con l’occasione, l’Ordine invita ancora una volta i medici inadempienti, molti dei quali inseriti nella lista richiesta dall’Asp, ad inviare con urgenza la propria pec all’indirizzo segreteria.pa@pec.omceo.it. E avverte: tale inosservanza prevede la sospensione dall’albo, previa diffida, come stabilisce il Dl 76 del luglio 2020.

“Vale la pena ricordare ai medici non vaccinati l’iter della sospensione dall’attività” rimarca Amato. “Il Ministero della Salute – spiega – attribuisce all’Azienda sanitaria l’accertamento della mancata vaccinazione che determina poi la sospensione ex lege dall’esercizio della professione sanitaria e dalla prestazione dell’attività lavorativa. Il risultato dell’accertamento viene poi comunicato dall’Azienda all’interessato, al datore di lavoro e agli ordini professionali perché ne prendano atto e adottino i relativi provvedimenti di competenza. La sospensione viene immediatamente trasmessa all’interessato dall’Ordine professionale, nel caso specifico l’Omceo, e la Commissione dell’albo di competenza adotterà tempestivamente la delibera della presa d’atto della sospensione e l’annotazione nell’albo di riferimento”.

Il direttivo per l’anno sociale 2021-2022 è costituito dal presidente Davide Ricci, il segretario Domenico Marchica, il prefetto Giulia Vita, il tesoriere Mariagemma Pecoraro, i consiglieri Elisabetta Marchica e Giuseppe Liotta. Alla cerimonia hanno partecipato, in rappresentanza del club padrino, il Rotary Club di Agrigento, il presidente in carica Dott. Salvo Alaimo con la Segretaria prof. Jaana Sìmpanen e il delegato Rotary per il Rotaract Dott.ssa Carmen Campo.

Numerose inoltre le autorità rotaractiane, tra le quali il Rappresentante Rotaract Distrettuale incoming Gaetano Avellone, il segretario Distrettuale G. Dall’Oglio, provenienti dal Palermitano, il Rappresentante Rotaract Distrettuale uscente Giorgia Cicero ed il consigliere distrettuale Gianni Cauchi da Gela, e le delegazioni provenienti da molteplici club della Sicilia. Presenti inoltre rappresentanti di altri club service dell’agrigentino, il presidente del Leo Club Host Agrigento, Salvatore Malluzzo. La cerimonia dell’apertura dell’anno sociale è stata l’occasione per accogliere 5 nuovi soci nella famiglia rotaractiana che profonderanno il loro impegno per portare avanti gli impegni del Rotaract al servizio del territorio e della comunità. Si tratta di Riccardo Accurso Tagano, Riccardo Alfieri, Dario Inglima Modica, Pamela Palillo e Angelo Vitello.