Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 26)

Questa mattina, il Presidente, Achille Furioso, con una rappresentanza dell’Ordine degli Ingegneri, Michele Zambuto e Salvatore Inguanta, in visita istituzionale, è stato accolto da Sua eccellenza Mons. Alessandro Damiano, Arcivescovo di Agrigento. In un clima cordiale, sereno e costruttivo sono stati trattati diversi temi, anche quelli più attuali che riguardano il territorio agrigentino. Il Presidente, a nome del consiglio dell’Ordine, ha fatto pervenire un simbolico  pensierino con il seguente messaggio augurale: “Mi pregio, a nome mio e di tutto il Consiglio dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Agrigento, di augurare a S.E.R. l’Arcivescovo di Agrigento, Mons. Alessandro Damiano, un proficuo lavoro a servizio della nostra Diocesi, consapevole che, con l’aiuto dello Spirito Santo, l’intercessione di Maria Santissima di Trapani e con la collaborazione degli uomini di buona volontà, che certo non mancano sul nostro territorio, possa dare  un’ulteriore spinta a farci ritrovare il coraggio di vivere una fede autentica, convinta ed attenta alle esigenze della collettività ed ai bisogni degli ultimi”.

Disponibili nel sito internet dell’ente www.provincia.agrigento.it le linee guida e il modello di domanda per gli studenti con grave disabilità per richiedere il trasporto per l’anno scolastico 2021/2022 nonché tutte le informazioni per i soggetti che ne hanno diritto.  Pubblicata, sempre nella sezione “Politiche Attive del Lavoro e dell’Istruzione” – Servizio di trasporto – alunni con handicap grave”, anche l’informativa prevista in materia di trattamento dei dati personali, nonché la documentazione da produrre da parte degli interessati.

Il Libero Consorzio Comunale di Agrigento nelle scorse settimane, in vista del ritorno alle lezioni in presenza, aveva approvato le linee guida per assicurare il servizio di trasporto per l’anno scolastico 2021/2022. Il servizio è destinato a quei soggetti con handicap grave che frequenteranno gli Istituti Superiori di competenza dell’Ente, la cui patologia sia tale da non consentire, autonomamente, il trasporto con mezzi pubblici di linea.

La domanda redatta secondo il modello predisposto dal Settore “Politiche Attive del Lavoro e dell’Istruzione” e l’informativa resa ai sensi del Regolamento Europeo per la protezione dei dati dovranno essere trasmessi via e-mail al seguente indirizzo: pubblicaistruzione@provincia.agrigento.it, oppure inviati con raccomandata A/R o consegnati nelle sedi Urp dell’Ente.

Queste le modalità del servizio di trasporto previste: a) svolgimento da parte del Comune di residenza dell’alunno, con utilizzazione di mezzi e personale messi a disposizione dallo stesso Comune; b) rimborso delle spese sostenute dalla famiglia dei soggetti interessati al trasporto, che si avvalgono di Enti ed Associazioni regolarmente costituite, in possesso, quale caratteristica obbligatoria, sia di mezzi idonei al trasporto di soggetti con handicap che di personale qualificato di assistenza a bordo; c) rimborso spese alla famiglia dei soggetti interessati che provvedono al trasporto con mezzi propri.

Le famiglie dei soggetti interessati al trasporto con mezzi propri dovranno presentare la certificazione medica attestante l’impossibilita’ di fruizione di mezzi ed accompagnatori esterni a causa delle condizioni fisiche e/o psichiche dello studente disabile,

Per qualsiasi chiarimento gli interessati potranno rivolgersi al Settore “Politiche del Lavoro e dell’Istruzione” in Via Esseneto ad Agrigento anche telefonicamente, oppure recarsi o telefonare alle sedi Urp del Libero Consorzio di Agrigento.

Sono 1.091 i nuovi casi di covid19 registrati in Sicilia nelle ultime ventiquattro ore su un totale di 21.113 tamponi processati. L’isola, ancora oggi, è la prima regione in Italia per incremento di contagi giornalieri. L’indice di positività scende al 5.17%. Le vittime nell’ultimo giorno sono state 19.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Catania 319; Palermo 240; Siracusa 126; Agrigento 105; Trapani 86; Caltanissetta 75; Enna 68; Ragusa 45; Messina 27.

Marco Hallo, regista e produttore, nonchè patron di Sicilymovie Festival ha accettato l’incarico di responsabile della Film Commission del Distretto Turistico Valle dei Templi.

“È un incarico a titolo gratuito che Marco ha generosamente accettato per amore di questa nostra terra – dichiara l’amministratore del Distretto Turistico Valle dei Templi, Fabrizio La Gaipa -, dove ha deciso di tornare a vivere dopo oltre un decennio di fruttuosa carriera a Roma”.

“Sono tornato a vivere ad Agrigento per scelta – afferma Marco Gallo – e ricoprire questo ruolo mi rende innanzitutto fiero per il percorso svolto e anche carico per quello che verrà. È una sfida che mi stimola molto: la Film Commission ha un ruolo importante in ambito turistico e culturale nel nostro territorio e il cinema deve essere un mezzo di promozione importante, così come lo è stato in questi ultimi anni il Sicilymovie – Festival del cinema di Agrigento. Per noi la fiction Màkari dev’essere solo l’inizio. Stiamo già lavorando a un video di promozione per il mercato asiatico e presto puntiamo ad avere nuove troupe in giro per i nostri territori. Ringrazio di cuore tutto il direttivo del Distretto Turistico Valle dei Templi, l’amministratore, Fabrizio La Gaipa, e sono molto contento di iniziare questo percorso insieme”.

Nessun nuovo caso di Covid 19 nella giornata di ieri in provincia di Agrigento. La lieta notizia, però, è contrastata dal numero di morti registrati ieri: sono ben 4.Il dato emerge dal bollettino dell’Asp. I decessi sono avvenuti a Canicattì (39ª vittima da inizio pandemia), Naro (6ª vittima), Porto Empedocle (12ª vittima) e San Biagio Platani (7ª vittima). In aumento anche i ricoveri con 2 nuovi ingressi in ospedale. I guariti sono 156. I tamponi eseguiti sono stati 590.

57 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere: 24 ad Agrigento e 24 a Ribera. Altri 8 si trovano ricoverati fuori provincia. Un paziente è ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Fratelli Parlapiano. Tre pazienti si trovano ricoverati presso le strutture lowcare, due a Sciacca e una presso ex ipab di Canicattì.

Questa la situazione nei Comuni agrigentini: Agrigento 152 (1 migranti), Alessandria della Rocca 2; Aragona 12; Bivona 1; Burgio 4; Calamonaci 2; Caltabellotta 7; Camastra 3; Cammarata 13; Campobello di Licata 46; Canicattì 236; Casteltermini 14 (10 migranti); Castrofilippo 24; Cattolica Eraclea 1; Cianciana 2; Comitini 0; Favara 275; Grotte 6; Joppolo Giancaxio 1; Licata 208; Lucca Sicula 2; Menfi 45; Montallegro 4; Montevago 4; Naro 24; Palma di Montechiaro 57; Porto Empedocle 66; Racalmuto 24; Raffadali 33; Ravanusa 43; Realmonte 30;Ribera 89; Sambuca di Sicilia 6; San Biagio Platani 6; San Giovanni Gemini 22; Sant’Angelo Muxaro 1; Santa Elisabetta 8; Santa Margherita di Belìce 31; Santo Stefano Quisquina 2; Sciacca 44; Siculiana 67 (39 migranti a Villa Sikania); Villafranca Sicula 3; Navi accoglienza 160.

Per celebrare una proposta di matrimonio ha acceso dei fuochi d’artificio in piazza a Catania. E’ intervenuta la Polizia di Stato, che ha denunciato l’aspirante sposo, un uomo di 38 anni, .per il reato di accensioni ed esplosioni pericolose. E’ accaduto la notte scorsa intorno alle 23.30 in Piazza Palestro. Il luogo dell’accensione è stato individuato dagli agenti non senza difficoltà in quanto la strada era ostruita da gruppi di persone intente a festeggiare.

La volante si è dovuta far largo tra la gente attivando le sirene. Per questo motivo, inoltre, l’uomo è stato denunciato per aver causato il blocco della circolazione stradale.

Due persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Palermo a seguito dell’incidente sul lavoro che lo scorso 27 agosto, a Cinisi, ha provocato la morte dell’operaio Angelo Giammanco, 67 anni, prossimo alla pensione, caduto dall’impalcatura di un cantiere allestito per la ristrutturazione di una palazzina. L’avviso di garanzia è stato notificato a Gabriele Finazzo, rappresentante legale dell’impresa titolare dei lavori, e ad Antonino Lupo, proprietario dell’immobile che ha commissionato le opere di ristrutturazione. Oggi è stata eseguita l’autopsia al Policlinico di Palermo.

Questo è quanto afferma il testimone di Giustizia Ignazio Cutrò in merito alla rinuncia dello stesso a presenziare ad un seminario, in programma per il prossimo venerdì 10 settembre all’ex collegio dei Gesuiti di Naro. L’appuntamento era stato inserito dall’amministrazione comunale nell’ambito del cartello di iniziative de “Naro estate 2021”.

“Nel ringraziare il Comune di Naro per aver messo a disposizione i locali e per aver patrocinato l’evento, avevo espressamente aderito all’iniziativa promossa da Nicla La Torre di Agende rosse a condizione che dell’incontro non avrebbe fatto parte il sindaco Mariagrazia Brandara. La mia richiesta – dice ancora il testimone di Giustizia – non è dettata da personali antipatie ma semplicemente dal fatto che l’onorevole Brandara, risulta essere indagata in diverse inchieste, fra queste anche quella della procura di Caltanissetta sul cosiddetto “sistema Montante”. È ovvio – dice ancora Ignazio Cutrò – che l’onorevole Brandara, è una donna libera che il nostro ordinamento giuridico definisce non colpevole sino a condanna definitiva, principio che io stesso rispetto e riconosco. Il mio auspicio è che il sindaco di Naro possa, nelle aule dei tribunali, dimostrare la sua estraneità ai fatti che gli contesta la magistratura ma per evitare possibili strumentalizzazioni, anche di natura politica, ho scelto di declinare l’invito. Anche se non sarò presente fisicamente – conclude il Testimone di Giustizia – voglio comunque lanciare un appello agli amici naresi che è quello di non piegarsi mai alla prepotenza della mafia e di denunciare ogni tentativo di estorsione e di altri episodi illeciti dei quali sono a conoscenza”.

L’obbligo del Green pass da domani sarà allargato alle scuole e a parte dei trasporti. Dopo ristoranti, piscine, palestre, cinema, stadi e teatri, da domani sarà necessario utilizzare il ‘pass’ per entrare negli istituti scolastici ma anche per viaggiare.

Ma si alza il tono della protesta: il popolo del “no” è in fermento da giorni, pronto a manifestare. Via social in molti si stanno dando appuntamento: 54 le città in cui sono previste iniziative contro il passaporto vaccinale.

Le pattuglie Polfer impegnate nei servizi di vigilanza presso la Stazione ferroviaria di Agrigento Centrale, lo scorso fine settimana hanno effettuato mirati controlli  a bordo dei treni e lungo la linea ferroviaria, in particolare, durante i controlli straordinari relativi all’ottava giornata “Stazioni Sicure”, gli uomini della Polfer  hanno fermato un 26enne italiano in arrivo presso la stazione ferroviaria agrigentina a bordo di un treno regionale proveniente dal capoluogo palermitano. L’uomo, dagli accertamenti esperiti, è risultato gravato da decreto di rintraccio per la notifica di un provvedimento  a seguito di una rapina, commessa a Roma lo scorso 31 luglio,  ai danni di 3 persone.