Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 17)

Il sindaco di Alessandria della Rocca, Giovanna Bubello, ha proclamato il lutto cittadino in occasione dei funerali di Alessandro Mulè, 52 anni, il motociclista sposato e padre di una figlia che è morto lungo la strada statale 115, in territorio di Montallegro, nei pressi del lago Gorgo, scontrandosi con un cane, risultato senza microchip e non iscritto all’anagrafe canina. Mulè ha viaggiato in sella ad una Kawasaki 750. I rilievi di rito e le indagini sono state sostenute dai poliziotti della Stradale coordinati dal vice questore Andrea Morreale.

Ad Agrigento una donna, ancora un volta dopo le numerose precedenti, è stata costretta a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale “San Giovanni di Dio” perché è stata picchiata dal marito. Ematomi ed escoriazioni al volto. In ospedale, quando sono accorsi i poliziotti della Squadra Volanti, lei, al contrario delle altre volte, ha denunciato il marito. Lui risponderà all’autorità giudiziaria di maltrattamenti in famiglia. A tutela della donna è stato attivato il “codice rosso”.

Il commissario straordinario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento, Mario Zappia, interviene in merito alle notizie circa la paventata chiusura del reparto di chirurgia del presidio ospedaliero “Barone Lombardo” di Canicattì rassicurando l’utenza di tutto il comprensorio. “Nessuno stop è in atto né si profila per le attività dell’Unità operativa di chirurgia dell’ospedale di Canicattì – afferma il commissario ASP. Un provvedimento di chiusura di un qualsiasi reparto ospedaliero aziendale è una prerogativa della sola direzione strategica che, in questo come in altri casi, non ha mai disposto nessuna interruzione. Vorrei precisare che, in questo senso, la decisione del primario volta ad interrompere le attività non solo non ha prodotto effetti, poiché immediatamente stoppata e rigettata dalla direzione aziendale, ma ha rischiato di produrre un ingiustificato allarme nella collettività oltre ad aver comunque ingenerato nei cittadini un senso di sfiducia nei confronti delle istituzioni. Peraltro – continua Zappia – già da domani due ulteriori chirurghi potenzieranno gli organici della chirurgia di Canicattì per appianare le criticità operative del reparto. Questo provvedimento fa parte di una serie di interventi già programmati dall’Azienda per sopperire alle difficoltà che, come previsto e come risaputo anche dal primario del reparto, sarebbero entrati in vigore proprio alla metà del mese in corso. In aggiunta alla disposizione che immette in servizio i due chirurghi, prevedendo il vicariato da parte di medici in servizio presso gli altri ospedali della provincia nei reparti in situazione di contingente carenza in un’ottica di ottimizzazione delle risorse professionali aziendali, la direzione ha già da tempo avviato anche un’intesa di collaborazione, in corso di perfezionamento, con l’Università di Palermo per l’ampliamento degli organici. Anche questo strumento, una volta a regime, contribuirà a snellire le attività sanitarie decongestionando l’operato dei sanitari che attualmente, con grande senso di abnegazione, si stanno prodigando per appianare le difficoltà”.

Si preannuncia un lunedì intenso quello del candidato alla presidenza della Regione Siciliana Cateno De Luca. Diversi gli incontri che lo vedranno impegnato l’intera mattina a Palermo. Qui alle 10 è atteso dai componenti di Astra, associazione Trasporti, presso università Lumsa. Alle 11,30 appuntamento con i rappresentanti di Confartigianato Sicilia e alle 13 sarà dis

“Gli impianti per il trattamento dei rifiuti? Non sono stati fatti dalla politica per favorire i signori delle discariche e ora siamo in emergenza continua. È ora di cambiare, di chiudere col passato una volta per tutte. È ora per noi di mettere  a frutto l’esperienza maturata in 10 anni di opposizione all’Ars per governare questa Regione”. Lo ha detto tra le altre cose oggi ad Agrigento Nuccio Di Paola il candidato M5s alla presidenza della Regione.
Il presente M5S Giuseppe Conte ha messo l’accento sull’ affidabilità e concretezza del Movimento e la sua determinazione a fare sempre meglio. ” Abbiamo realizzato – ha detto- l’80 per cento del nostro programma.Ma  vogliamo realizzarlo tutto, la prima cosa che faremo è il salario minimo”.

Sono 733 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 7.908 tamponi processati.

Ieri i positivi erano 809.

Il tasso di positività è al 9,2%, in diminuzione rispetto all’9,5% di ieri.
La Sicilia è al sesto posto per contagi. Gli attuali positivi sono 38.782 con un aumento di 733 casi. Non ci sono i guariti mentre e nessuna vittima. Il totale dei decessi resta al 12.179.
Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 224, 4 in più rispetto a ieri e in terapia intensiva sono 17, uno in più rispetto al giorno prima.
A livello provinciale si registrano a Palermo 184 casi, Catania 218, Messina 97, Siracusa 64, Trapani 56, Ragusa 37, Caltanissetta 26, Agrigento 34, Enna 17.

Tragedia nella notte lungo la strada statale 115 nei presi del bivio di Montallegro.
Un 52enne di Alessandria della Rocca, Alessandro Mulè stava percorrendo la statale a bordo della sua Kawasaki 750 quando ada un certo punto ha investito un cane, un pitbull. L’impatto è stato violentissimo e sembra che il Mulè sia sbalzato dalla sella, mentre la moto senza conducente ha proseguito la sua corsa per almeno altri 500 metri. Nulla da fare per il centauro di Alessandria della Rocca il cui corpo è stato dilaniato in piu parti.
Sul luogo dell’incidente la Polizia Stradale, i Carabinieri della Stazione di Montallegro e i Vigili del Fuoco del Comando provinciale i quali adesso dovranno accertare le cause del tragico incidente.

Sono 809 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 8.488 tamponi processati. Ieri i positivi erano 791.

Il tasso di positività è al 9,5%, in aumento rispetto all’8,5% di ieri. La Sicilia è al sesto posto per contagi. Gli attuali positivi sono 38.049 con un aumento di 111 casi. Sono 696 i nuovi guariti mentre sono 2 le vittime. Il totale dei decessi sale a 12.179. Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 220, 8 in meno rispetto a ieri e in terapia intensiva sono 16, uno in meno rispetto al giorno prima.

A livello provinciale si registrano a Palermo 207 casi, Catania 156, Messina 155, Siracusa 78, Trapani 52, Ragusa 57, Caltanissetta 21, Agrigento 54, Enna 29

A seguito dell’incendio divampato all’alba di domenica 11/9/2022 nel centro storico di Agrigento che ha devastato completamente l’appartamento a piano terra, le fiamme si sono propagate al piano superiore, ove dormiva un agrigentino, con difficoltà a deambulare.

Grazie al tempestivo intervento della pattuglia della Guardia di Finanza, arrivata immediatamente sul posto ed in attesa dei Vigili del Fuoco, hanno salvato la vita del sessantaduenne.

Gli uomini della GdF appreso che nel piano superiore vi era una persona che dormiva, non curanti di mettere in pericolo la propria vita con straordinario coraggio e professionalità, non hanno esitato ad entrare nel palazzo al fine di svegliare e salvare la vita umana evitando che la situazione potesse trasformarsi in una inevitabile tragedia.

Oggi i familiari hanno voluto ringraziare personalmente le Forze dell’Ordine inviando una missiva al Comando della Guardia di Finanza.

“Non è facile trovare le parole più adatte per ringraziare questi angeli della legalità  che con grande senso del dovere, straordinario coraggio, professionalità e competenza, mettendo a repentaglio anche la loro vita, sono intervenuti immediatamente, senza attendere l’arrivo dei Vigili del Fuoco, mettendo in salvo la vita di una persona umana.

Comprendiamo anche che per chi indossa una divisa una situazione del genere viene identificata semplicemente come aver compiuto il proprio dovere. Ma crediamo che salvare materialmente una vita umana rappresenta, non solo per i familiari ma anche per l’intera società un atto eroico degno di doverosa ammirazione.

Siamo convinti che l’apprezzamento di un comune cittadino conta poco ma speriamo di risvegliare gli animi della gente e che tale atto eroico possa essere preso da esempio da tutti i cittadini”.

500 mila euro sono stati chiesti da Giuseppe Arnone, ex consigliere comunale al processo di appello a carico di Calogero Sodano, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

La prima elezione diretta per il sindaco di Agrigento, nel 1993, la seconda del 1997 nonchè le Europee del 1999 e le elezioni del 2001 per il parlamento, secondo il pg di Palermo Giuseppe Fici, furono condizionate dalla mafia che votò e fece eleggere (tranne in un caso, nel 1999) Calogero Sodano.

Il magistrato che rappresenta l’accusa al processo di appello, all’udienza precedente, ha chiesto di ribaltare la sentenza di primo grado, che lo assolveva, e condannarlo a 6 anni di reclusione per l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

L’ultima udienza è stata, invece, dedicata all’arringa di parte civile dell’avvocato Giulia Gaipa che ha illustrato il suo intervento in difesa di Arnone che sarebbe stato danneggiato in quanto quell’elezione, che perse per una manciata di voti, con tanto di beffa di brindisi in piena notte per un exit poll errato che lo dava per vincitore, sarebbe stata condizionata da un accordo fra Sodano e i clan.

Sodano, dopo essere stato eletto sindaco, avrebbe ricambiato il favore indirizzando a imprese legate alla mafia gli appalti per la costruzione del depuratore del Villaggio Peruzzo, per i lavori di urbanizzazione di Favara ovest e per la gestione dei rifiuti. Gli accordi per farsi eleggere sindaco per la seconda volta nel 1997, per candidarsi alle Europee nel 1999 e per approdare al Senato nel 2001 avrebbero avuto come contropartita l’affidamento dei lavori di riqualificazione di Villaseta e Monserrato al consorzio Ecoter, ritenuto vicino al boss Cesare Lombardozzi morto nel 2017.

Il legale di Arnone ha ricostruito tutti i passaggi probatori chiedendo di ribaltare il verdetto di primo grado che scagionava Sodano dalle accuse.

Il processo continua il 13 ottobre e il 10 novembre con le arringhe difensive degli avvocati Salvatore Pennica e Salvatore Mormino.