Home / 2021 / Ottobre (Pagina 2)

Per consentire alla cittadinanza di donare con generosità il proprio sangue l’A.D.A.S., effettuerà due raccolte mobili, domenica 24 ottobre a Palma di Montechiaro in Piazza Bonfiglio, e Realmonte in Piazza Umberto I.

Tutte le raccolte saranno operative dalle ore 8.00 alle 12.00 A tutti i donatori saranno inviate a cura della stessa associazione le analisi di laboratorio effettuate in occasione della donazione.

Panoramica su Favara, Canicattì, Porto Empedocle, Adrano, Vittoria, San Cataldo, Lentini e Rosolini, al voto per il ballottaggio domenica e lunedì.

Oggi domenica 24 e poi lunedì 25 ottobre si vota in Sicilia, dalle ore 7 alle 22 domenica e dalle 7 alle 14 lunedì, il secondo turno di ballottaggio nei Comuni al di sopra dei 15mila abitanti dove domenica e lunedì 10 e 11 ottobre nessun candidato sindaco ha conquistato oltre il 50% dei voti. Nell’auspicio di una maggiore affluenza, le urne attendono i cittadini in otto Comuni. Ad Adrano, in provincia di Catania, Carmelo Pellegriti, appena destinatario di minacce tramite i social, sostenuto da Fratelli d’Italia, Udc e liste civiche, fra cui il Quadrifoglio del leghista Luca Sammartino, si scontra con Fabio Mancuso, ex sindaco e deputato regionale, appoggiato da liste civiche, centriste e autonomiste. Poi a Vittoria, in provincia di Ragusa, al primo turno Ciccio Aiello ha sfiorato il 40% che lo avrebbe incoronato sindaco per la settima volta. Aiello gareggia contro Salvo Sallemi, di Fratelli d’Italia. Poi, a Favara, in provincia di Agrigento, il Partito Democratico e liste civiche, alimentate anche dal Movimento 5 Stelle, rilanciano l’ex segretario di Rifondazione Comunista, Antonio Palumbo, al primo turno al 37% con 7.541 voti, quasi 5mila in più delle sue liste. Palumbo è sul ring contro Salvatore Montaperto, sostenuto da Fratelli d’Italia, Diventerà Bellissima, Udc, Autonomisti e liste civiche. Ancora in provincia di Agrigento, a Canicattì si confrontano il già sindaco Vincenzo Corbo, forte delle liste Corbo Sindaco e Facciamo Squadra, contro Cesare Sciabarrà, condottiero della lista Cesare Sciabarrà sindaco, e benedetto anche da Fratelli d’Italia e Onda. A Porto Empedocle, nell’Agrigentino, è battaglia tra il vincitore del primo turno, Calogero Martello, sostenuto da Forza Italia e liste civiche, e Salvo Iacono, appoggiato da liste civiche, e che ha designato vice sindaco il terzo classificato al primo turno, Rino Lattuca, già sostenuto da Fratelli d’Italia, Udc, e liste civiche. A San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, Gioacchino Comparato, stretto tra Partito Democratico e Movimento 5 Stelle, compete con Claudio Vassallo, espressione del centrodestra perché appoggiato al primo turno da Fratelli d’Italia e Lega. A Lentini, in provincia di Siracusa, Saverio Bosco, spalleggiato da Italia Viva e liste civiche, combatte con Rosario Lo Faro, armato dal Partito Democratico e dal Movimento 5 Stelle. Infine, a Rosolini, in provincia di Siracusa, il civico Giovanni Spadola guerreggia contro Tino Di Rosolini, del centrodestra.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Federfarma esprime piena soddisfazione per la firma del Protocollo d’intesa tra Governo, Regioni, Province Autonome, Federfarma e Assofarm, sulla somministrazione del vaccino antinfluenzale in farmacia.
“Ringrazio il Ministro della Salute Roberto Speranza per aver voluto valorizzare, ancora una volta, la professionalità del farmacista e il nuovo modello di farmacia dei servizi, che si conferma un fondamentale anello di congiunzione tra cittadini e Servizio Sanitario Nazionale”afferma il presidente di Federfarma Marco Cossolo.
“Questo protocollo d’intesa, così come l’Accordo quadro per la somministrazione di vaccini anti-Covid e il Protocollo per l’esecuzione dei test antigenici, ribadisce il ruolo svolto dalle farmacie italiane in qualità di presidio sanitario di prossimità sul territorio fin dall’inizio della pandemia” prosegue Cossolo.
“Grazie all’intesa raggiunta, le farmacie daranno un contributo determinante all’ampliamento della copertura vaccinale contro l’influenza, come stanno già facendo per la copertura vaccinale contro il Covid, mettendo in linea il nostro Paese con le migliori pratiche europee” dichiara il segretario nazionale di Federfarma Roberto Tobia.
In farmacia potranno vaccinarsi tutti i cittadini maggiorenni, anche quelli per i quali la vaccinazione è offerta gratuitamente dal Servizio Sanitario. La somministrazione, una volta effettuata l’anamnesi e acquisito il consenso informato del paziente, avverrà in piena sicurezza in aree dedicate, interne o esterne alla farmacia, e sarà possibile anche durante gli orari di chiusura.

291 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 12.159 tamponi processati. Ieri erano 400. L’incidenza scende al 2,4% rispetto al 2,9% di ieri. L’isola è al sesto posto per contagi giornalieri in Italia. Gli attuali positivi sono 6.541 con una diminuzione di 154 casi. I guariti sono 438 mentre si registrano altre 6 vittime che portano il totale dei decessi a 6.979. Sul fronte ospedaliero sono adesso 310 ricoverati, mentre in terapia intensiva sono 42.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo con 68 casi, Catania 79, Messina 91, Siracusa 5, Ragusa 7, Trapani 15, Caltanissetta 9, Agrigento 15, Enna, 2.

Il Dipartimento regionale della Protezione Civile ha diramato il seguente AVVISO DI RISCHIO METEO-IDROGEOLOGICO E IDRAULICO n. 21296 del 23/10/2021, relativo alla zona “E” (include Agrigento).
– dalle ore 16:00 di oggi 23.10.2021 fino alle ore 24,00 livello di allerta “GIALLO”, e fase operativa di “ATTENZIONE”
– dalle ore 0:00 di domani 24/10/2021 fino alle alle ore 24:00 livello di allerta “ARANCIONE” e fase operativa  di “PREALLERTA”, con rovesci o temporali accompagnati da attività elettrica e forti raffiche di vento.

“Occorre varare un nuovo Piano di investimenti speciali per il rilancio della Sicilia, con particolare riferimento al territorio centro-meridionale, oggi particolarmente penalizzato da un grave gap infrastrutturale e da mancati investimenti del PNRR”.

È un grido d’allarme quello lanciato dai presidenti degli Ordini professionali degli Architetti PPC di Agrigento, Rino La Mendola; Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Agrigento, Maria Giovanna Mangione; Geologi Sicilia, Salvatore Talmi, consigliere; Geometri e Geometri Laureati di Agrigento, Silvio Santangelo; Ingegneri di Agrigento, Achille Furioso, Periti Agrari e Periti Agrari Laureati di Agrigento, Francesco Ciaccio; che questa mattina, a Casa Sanfilippo, hanno presentato il convegno sul tema ““Infrastrutture: quale futuro per la provincia di Agrigento e per la Sicilia centromeridionale?” in programma sabato, 30 ottobre prossimo, al teatro Pirandello.

“Serve un Piano – spiegano i Presidenti – che punti a dotare il territorio agrigentino di uno scalo aeroportuale raggiungibile in meno di un’ora; a una concreta misura dell’anello autostradale su strada gommata utile ai territori isolati, come quello agrigentino; a dotare il territorio regionale di una rete dell’alta velocità su strada ferrata che raggiunga anche la provincia di Agrigento; a potenziare i porti della Sicilia, con particolare attenzione alla fascia centromeridionale, affinché questi possano consentire l’attracco delle grosse imbarcazioni in transito nel Mediterraneo; a una concreta realizzazione del Ponte di Messina, infrastruttura fondamentale per richiamare nuovi investimenti per potenziare porti, strada ferrata e gommata”.

“Siamo profondamente delusi dal PNRR – afferma Rino La Mendola – che non riserva nulla di rilevante per Agrigento tagliata fuori dai grandi finanziamenti e collegamenti infrastrutturali. Con il convegno di sabato prossimo, puntando sulla operatività del governo regionale e sull’impegno del Sottosegretario alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, chiederemo a Stato e Regioni un piano di investimenti speciali per la Sicilia e soprattutto per la Sicilia centro meridionale, che soffre in modo particolare un gravissimo e atavico gap infrastrutturale”.

“Il nostro territorio è stato dimenticato nei fondi del PNRR – dettaglia Maria Giovanna Mangione – In tal senso, la Rete delle Professioni Tecniche chiede una la realizzazione di quelle opere infrastrutturali che renda l’Agrigentino meno isola nell’Isola. La carenza, in taluni casi addirittura mancanza, di infrastrutture, ha un risvolto negativo nella nostra economia, anche e soprattutto per quanto riguarda il settore primario: agricoltura, zootecnia, selvicoltura, attività di protezione civile. Adesso la necessità è di discutere tutti insieme con il senso di responsabilità civile, di un diritto e di un dovere che attivi un confronto Stato – Regioni”.

“In nostro obiettivo è spronare la deputazione regionale e nazionale – puntualizza Salvatore Talmi – affinché rimodulino i fondi del PNRR per la Sicilia centro meridionale e in particolar modo per Agrigento. Come geologi ribadiamo la necessità di immissione di fondi per contrastare gli effetti delle variazioni climatiche che incidono sul dissesto idrogeologico, perché Agrigento non sia solo sulla carta la porta d’Europa quanto invece abbisogna di un miglioramento infrastrutturale notevole. La nostra, ricordiamo, è l’unica provincia senza un chilometro di autostrada”.

“Il tema di questo convegno è importantissimo per la nostra provincia, carente di qualsiasi tipo di infrastrutture dai porti alle strade passando per l’aeroporto – afferma Silvio Santangelo – Infrastrutture che riteniamo di fondamentale importanza per il rilancio socio economico e turistico per il territorio rimasto fermo a 40 anni fa. Chiediamo alle forze politiche di spendersi per realizzare le infrastrutture nell’Agrigentino”.

“Gli Ingegneri della provincia di Agrigento, insieme con gli Ordini della Rete delle Professioni Tecniche – spiega Achille Furioso – chiedono alle istituzioni perché nel PNRR non è stato previsto alcun finanziamento per la Sicilia sud occidentale e l’Agrigentino e come si può porre rimedio, magari attraverso linee di finanziamento speciali, per colmare questo gap infrastrutturale che ha pesanti ricadute sull’economia, sul turismo, sul commercio. Ora più che mai occorre che questa parte della Sicilia e la provincia di Agrigento siano la porta d’Europa del Mediterraneo”.

“La carenza di infrastrutture influisce anche sulla circolazione dei prodotti agricoli – sottolinea Francesco Ciaccio – Oggi il Collegio dei Periti Agrari, insieme con la Rete delle Professioni Tecniche di Agrigento, vuole lanciare un appello alle istituzioni, al governo e alla politica sul PNRR: è assolutamente necessario individuare risorse per la provincia di Agrigento”.

La Polizia di Stato, in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza, ha effettuato nei giorni scorsi numerosi e mirati controlli in ottemperanza a quanto disposto dalle più recenti direttive ministeriali per il contenimento del contagio da Covid-19.

Ieri sera sono state controllati 4 esercizi commerciali del centro abitato di Sciacca.

Da tali controlli emergevano diverse irregolarità concernenti violazioni della recente normativa sui c.d. “Green Pass”, mancanza dell’uso dei “dispositivi individuali di protezione” (mascherine) ove previsto, e mancato rispetto della normativa anti-fumo, Legge nr.03 del 2003.

A fine controlli sono state elevate 9 contestazioni amministrative e 2 esercizi commerciali sono state contestate violazioni che prevedono la chiusura temporanea per giorni 03.

Inoltre nel corso dei sopra citati controlli sono stati identificati diversi avventori e ciò ha permesso di individuare un soggetto “Sorvegliato Speciale” che veniva deferito in stato di libertà per l’art.75 D.lgs 159/2011 alla competente A.G.

Il 3 dicembre si celebra in tutto il mondo, la Giornata internazionale della persona disabile. Nel nostro Paese, negli ultimi anni, la disabilità è sempre stata oggetto di slogan durante la campagna elettorale “Oggi un disabile dipende da sette ministeri. (….) È una situazione insostenibile”. Sono le ultime frasi dette durante un recente comizio elettorale. Il Ministero è oggi realtà, almeno sulla carta.  Cosa fa il Ministero della disabilità? Tutela e promuove i diritti e le pari opportunità delle persone disabili e non autosufficienti.

Nella Legge di bilancio del 2017 si era costituito un Fondo per i caregivers familiari predisponendo ben 70 milioni nel triennio, Fondo sparito. I problemi dei disabili e della famiglia in cui vive un disabile sono diversi: l’assenza di supporti effettivi per i genitori alla nascita di un bambino disabile; l’impossibilità di consentire un’istruzione che vada oltre la scuola dell’obbligo con la mancanza a tutt’oggi degli insegnanti di sostegno; degli operatori di assistenza igiene personale; l’inesistenza di integrazione nella scuola.

Nel 2018 il Governo ha varato il Decreto semplificazione che prevede la nascita anche del Codice  Unico per le persone con disabilità. Una decreto dunque che prevedeva, riassetti normativi, codificazioni di settore, sburocratizzazione delle norme sui lavori pubblici , servizi  e interventi  di una legge delega che dimostrava l’attenzione del Governo sul tema della disabilità, un Codice ancora  tuttora da scrivere.  Nel 1998 con la legge 162 si organizzavano presso Comuni, Regioni ed Enti locali, programmi di aiuto alle persone disabili.  Seguirà poi la ricezione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità con cui tutti gli Stati si impegnano a “garantire e promuovere la piena realizzazione di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali per tutte le persone con disabilità senza discriminazioni di alcun tipo sulla base della disabilità”. Ed ancora, l’istituzione dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità che ha “la finalità di far evolvere e migliorare l’informazione sulla disabilità nel nostro paese e, nel contempo, di fornire un contributo al miglioramento del livello di efficacia e di adeguatezza delle politiche”. Ultima, la legge sul “dopo di noi” , disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità grave prive del sostegno famigliare, approvata nel giungo del 2016.

Con il “nuovo” Ministero delle Disabilità, ogni ombra sulla inclusione scolastica dei bambini viene diradata. Un Ministero per ribadire che i bambini disabili, non sono una “categoria” a parte, per i quali non c’è bisogno di provvedimenti “speciali”, ne tantomeno di aiutarli a patto che stiano nel loro “recinto”. I bambini disabili, devono ambire allo stesso trattamento degli altri bambini. A rafforzare il “grande” apparato a protezione della Disabilità, si aggiunge l’ Autorità Garante della Persona con condizione di disabilità della Regione Siciliana presso l’Assessorato per la Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro. Il termine Garante ha implicito in sé il  concetto e il valore, nello specifico di “Garanzia dei Diritti”. I disabili finalmente sono in una botte di ferro. Basta nasconderli, magari istituzionalizzandoli, tra protocolli, diatribe tra Comuni, Liberi Consorzi, Uffici Scolastici provinciali e pareri, non sempre compresi, del CGA -Consiglio di Giustizia  Amministrativa della Regione Siciliana. Esattamente come sta accadendo con i bambini disabili della Città di Trapani, i quali attendono che entro l’anno scolastico la “nebbia” si diradi.

A Canicattì, a seguito di attività d’indagine condotte da personale della Polizia di Stato, veniva indagato in stato di libertà B.F., cl 94 cittadino romeno, residente a Canicattì (AG), resosi responsabile del reato di lesioni personali e minacce ai danni di B.M., cittadino di nazionalità tunisina, anch’egli residente  a Canicattì (AG).

In particolare l’attività investigativa, condotta dal personale del Commissariato di P.S. di Canicattì,  traeva origine dall’intervento espletato dalla Volante del Comm.to a seguito di segnalata aggressione di una persona da parte di soggetti stranieri, la quale colpita al capo con una bottiglia di vetro, subiva diverse ferite lacero contuse.

La Persona aggredita veniva trasportata presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale ‘’Barone Lombardo’’ di Canicattì, dove veniva diagnosticata una prognosi di giorni 7.

Gli investigatori appresa la notizia, dopo una breve attività info-investigativa riuscivano a risalire all’autore dell’aggressione, soggetto pregiudicato noto già alle Forze dell’Ordine.

Il cittadino romeno in data odierna veniva deferito all’A.G. competente per i reati sopra indicati.

Una donna di 69 anni, sordomuta dalla nascita e originaria di Alcamo e residente a Ferrara, doveva prendere un volo da Palermo a Bologna. Incredibilmente, però, si è ritrovata a Breslavia in Polonia. A raccontarlo all’edizione di Ferrara del Resto del Carlino è stata la nipote della donna che lamenta la mancanza di assistenza e controlli alla base dell’incubo vissuto dalla 69enne.

Mercoledì l’anziana doveva imbarcarsi su un volo Ryanair da Palermo a Bologna. La famiglia dell’anziana che l’attendeva a Bologna ha raccontato di non aver mai potuto contattare il servizio d’assistenza dell’aeroporto siciliano al telefono per fornire indicazioni alla parente. La donna, quindi, è riuscita a passare il gate in autonomia e a imbarcarsi senza che nessuno le segnalasse che stava salendo sull’aereo sbagliato.

La donna – come racconta il quotidiano – aveva indovinato l’accesso ma probabilmente essendo arrivata troppo in anticipo è salita sull’aereo sbagliato. Solo al suo arrivo in Polonia si è accorta dell’errore e a quel punto – in difficoltà nello spiegare la sua situazione e impossibilitata a usare il telefono perché la sua sim non era abilitata al traffico estero – è stata aiutata da una passeggera che insieme a un’addetta delle pulizie le hanno permesso di mettersi in contatto con la famiglia e poi con il consolato italiano in Polonia. Infine il rientro in Italia, non senza un pizzico di rabbia per l’accaduto.