Home / 2021 / Marzo (Pagina 26)

Il sig. D.S., agrigentino, figlio dell’ex guardia giurata deceduta, nel 1991, nel corso di una tentata rapina ad un furgone portavalori per il quale stava effettuando il servizio di scorta, a seguito dell’accertamento della matrice mafiosa del suddetto omicidio, aveva ottenuto, per se ed i suoi familiari, la concessione, da parte del Ministero dell’Interno, dei benefici previsti dalla normativa in favore dei familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata.

Successivamente, lo stesso chiedeva la concessione degli ulteriori benefici assistenziali previsti dalla legge; istanza che, tuttavia, nel 2013, veniva respinta dal Ministero dell’Interno che, contestualmente, disponeva la sospensione immediata – e poi la successiva revoca – anche dei benefici e dell’assegno vitalizio in precedenza concessi sul presupposto dell’asserita insussistenza in capo allo stesso dei requisiti soggettivi previsti dalla legge e, in particolare, la non estraneità del sig. D.S. ad ambienti delinquenziali.

Quest’ultimo, allora, assistito dagli avv.ti Girolamo Rubino e Mario La Loggia, decideva di proporre ricorso giurisdizionale al fine di ottenere l’accertamento del suo diritto all’erogazione dell’assegno vitalizio e degli altri benefici già in precedenza goduti e, per l’effetto, la condanna del Ministero alla loro corresponsione, previa disapplicazione e/o annullamento dei suddetti provvedimenti di diniego e di revoca.

In particolare, gli avv.ti Rubino e La Loggia, censuravano l’operato dell’amministrazione, lamentando l’ingiustizia del mancato riconoscimento, in favore del ricorrente, dei benefici previdenziali ed assistenziali richiesti e riconosciuti per legge in favore dei familiari delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata, attesa l’assoluta estraneità dello stesso alla vita malavitosa.

Il Tribunale di Palermo, in funzione di Giudice del Lavoro, in pieno accoglimento delle doglianze formulate dai difensori del sig. D.S., gli avvocati Girolamo Rubino e Mario La Loggia, previa disapplicazione dei decreti ministeriali impugnati, ha dichiarato il diritto del sig. S.D. ad ottenere l’elargizione dell’assegno vitalizio e degli ulteriori benefici assistenziali, condannando, per l’effetto, il Ministero convenuto ad erogare i relativi benefici.

La superiore sentenza è stata, da ultimo, confermata dalla Corte d’Appello di Palermo, sezione controversie di lavoro, previdenza ed assistenza che, così definitivamente pronunciandosi sulla vicenda, ha respinto il ricorso in appello proposto dal Ministero dell’Interno avverso la sentenza di primo grado, condannando altresì l’Amministrazione appellante anche al pagamento delle spese del giudizio.

Per effetto della suddetta pronuncia, dunque, il sig. D.S. potrà finalmente ottenere l’elargizione dei benefici previdenziali ed assistenziali riconosciuti dalla legge a chi, come lui, ha subìto incolpevolmente la perdita di un proprio caro per mano della criminalità organizzata.

La Procura di Catania ha proposto al Tribunale il rinvio a giudizio di due imputati di prostituzione minorile, uno di Favara di 45 anni e l’altro di Augusta di 46 anni, allorché avrebbero adescato un ragazzo di 17 anni di Catania su messenger e gli avrebbero proposto di praticare sesso orale a pagamento, inviando loro anche delle foto intime. La madre del ragazzo si è accorta dei messaggi sul telefonino del figlio ed ha denunciato l’accaduto alla Polizia Postale. Nel corso delle perquisizioni è stato rinvenuto materiale video e foto di carattere pedo-pornografico.

Nelle campagne tra Agrigento e Palma di Montechiaro una mano ignota, al momento, ha sparato una decina di colpi di pistola, di medio calibro, contro il prospetto esterno di una struttura ricettiva in costruzione, di proprietà di un imprenditore agrigentino componente dell’associazione antiracket “Libero futuro”. Sul posto per il rilievi di rito è intervenuta la Polizia Scientifica. Nessun dubbio sul carattere intimidatorio del gesto. Indagini in corso.

Imprese e sindacati bocciano la finanziaria all’esame dell’Assemblea Regionale. Nessuna risorsa per lo sviluppo economico a fronte della crisi in corso.

L’esame della finanziaria prosegue ad oltranza all’Assemblea Regionale. Si incrociano dardi e saette tra governo, maggioranza e opposizione fra emendamenti bocciati o esclusi, oppure singoli apprezzamenti da parte di deputati o gruppi su propri emendamenti approvati. Non apprezzano invece l’attuale impostazione della legge di stabilità della Sicilia le imprese e i sindacati, che puntano il dito contro la mancanza di risorse verso le attività produttive, gli investimenti e quindi lo sviluppo economico. E ciò sullo sfondo di una condizione economica raccapricciante, tra 18mila imprese chiuse nell’isola e ben 8mila occupati in meno al terzo trimestre del 2020. Dunque bocciano la finanziaria Confartigianato Sicilia e Casartigiani Sicilia, che denunciano: “Abbiamo difficoltà nel vedere di buon occhio una finanziaria che non prevede nulla o quasi di aiuti alle imprese. Scorrendo gli oltre 160 articoli inseriti nella manovra ci sembra di assistere soltanto a piccole elemosine inserite sporadicamente. Nell’attesa che il governo Draghi dia il via libera al Decreto Sostegni, ci saremmo aspettati che il governo regionale riuscisse nella finanziaria a garantire ulteriori e aggiuntivi aiuti alle imprese siciliane devastate dalle chiusure forzate e dai mancati sostegni. Il timore è che le aziende, di salute già cagionevole prima dell’emergenza sanitaria, non riescano a ripartire”. E poi, ConfCommercio tuona: “Parlare di delusione è dire poco. E’ apprezzabile un certo tentativo di ridimensionare i costi della Regione ma sembra una finanziaria scritta in un periodo di assoluta pace e serenità economica. In realtà la situazione è di disastro e crisi sociale: pensare a una finanziaria normale in un periodo come questo è fuori da ogni logica ed equivale a non avere capito la situazione”. E poi la Cgil rilancia: “Non c’è nessuna misura per lavoro e imprese. Noi ancora aspettiamo che si concretizzino quelle previste dalla scorsa finanziaria. Questa al voto in aula si limita a gestire l’esistente e rischia di bruciare il futuro come nel caso della pubblica amministrazione con il blocco del turnover. L’assenza di ricambio, e quindi di immissione nel mondo del lavoro di nuove professionalità, è un fatto grave: la mancata rigenerazione nella pubblica amministrazione rischia di bruciare il futuro”. E ConfIndustria conclude: “Non c’è nulla per le imprese. Alcuni articoli sono mortificanti. Penso ad esempio a quello sull’aumento dei canoni concessori. La Regione si riserva invece di diminuire i canoni di locazione nei confronti dei privati: due pesi e due misure. Aumenta i canoni senza parlarne con i concessionari e riduce gli affitti senza parlarne con i privati. E poi abbiamo visto che ci sono cose che fanno ridere come il finanziamento del Cral, ovvero il Centro Ricreativo Aziendale dei Lavoratori, ossia i dipendenti regionali. Al divertimento penseremo dopo la pandemia, adesso le risorse vanno destinate alle categorie che stanno soffrendo. Concentriamo tutti gli sforzi per tenere in vita le ormai asfittiche imprese della nostra regione”.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Ad Agrigento prosegue la campagna di vaccinazione, dove è stato inaugurato l’hub provinciale al palacongressi.
Circa 600 le dosi quotidiane che – a parte la sospensione momentanea dei vaccini AstraZeneca – sono state somministrate.

Assembramenti che hanno necessitato della polizia locale, e disagi alla viabilità lungo viale Sciascia, che è arteria importante di Villaggio Mosè.

L’ex sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, si è così espresso: ““Ecco un bruttissimo esempio di Sanità pubblica. Ecco il super hub vaccinale delle inaugurazioni in pompa magna. Il diritto al vaccino viene così garantito. Intanto continuiamo ad ammalarci. A mettere ordine ci pensa la polizia locale per far rispettare le distanze e le regole del turno.

789 nuovi positivi al Covid19 su 26.163 tamponi processati, con una incidenza di positivi di quasi il 3%, in salita da due giorni consecutivi. La Sicilia resta undicesima per i dati sui contagio in base al bollettino odierno nonostante l’aumento dei nuovi casi.

Le vittime sono state 14 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 4.397. Il numero degli attuali positivi è di 15.461, con un aumento di 496 casi rispetto a ieri.

I guariti sono 279.

Negli ospedali i ricoverati sono 848, due in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 117, uno in piu’ rispetto alle 24 ore precedenti.

I nuovi contagi per province:

Palermo  225

Catania 202

Agrigento 75

Siracusa 50

Enna 28

Ragusa 43

Caltanissetta 45

Messina 63

Trapani 58 .

In una nota il procuratore Carmelo Zuccaro: ” non si constano elementi che consentano di ipotizzare che gli eventi sui quali sta indagando siano sintomatici di un pericolo nell’utilizzo del vaccino dì AstraZeneca, e neanche di alcuni suoi lotti, da parte della generalità dei soggetti nei cui confronti tale utilizzo è consentito”. Lo afferma in una nota il procuratore Carmelo Zuccaro, sottolineando che “la fermezza di tale convinzione è dimostrata dal fatto che lo scrivente e la stragrande maggioranza dei magistrati e del personale di questo ufficio si sono recati a ricevere la somministrazione del vaccino” AstraZeneca quando l’inchiesta era già aperta”

 

Nella nota si legge che “va altresì premesso che, per quanto concerne il decesso dell’agente di polizia Davide Villa, l’accertamento della causa mortis costituisce oggetto di un procedimento di competenza della Procura di Messina, con la quale sin dall’inizio si è stabilito un collegamento investigativo per evitare sovrapposizioni di attività”.
“Fatte queste doverose premesse – prosegue la nota del procuratore Zuccaro – si rappresenta che i primi accertamenti medici effettuati, seppur parziali rispetto ai quesiti proposti, consentono tuttavia di affermare che, in base alle caratteristiche genetiche riscontrate in relazione ai quesiti proposti, non sussistono fattori genetici predisponenti ad eventi trombotici a carico del Villa, mentre invece dalla storia clinica pregressa dello stesso risulta che questi rientrava nelle categorie per le quali è raccomandata la somministrazione di un diverso vaccino”. “Ciò tuttavia – sottolinea il procuratore di Catania – non comporta di per sé l’esistenza di un nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino di Astrazeneca e il decesso del Villa, valutazione per la quale sono necessari numerosi altri accertamenti di competenza, come si è detto, di altra Procura”

E’ stata notificata dall’amministrazione la rappresentatività dei sindacati di Polizia di Agrigento. Ebbene, la federazione FSP – MP risulta il primo sindacato in assoluto per numero di iscritti. In proposito, il segretario provinciale MP, Alfonso Imbrò, commenta: “Siamo grati e consci di aver fatto sempre il nostro dovere in qualità di tutori dell’ordine e di rappresentanti del personale della Polizia di Stato. Un affettuoso ringraziamento al nostro Segretario Generale Nazionale Antonino Alletto che, malgrado le mille incombenze dettate dalle molteplicità di intervento su scala nazionale, non ha mai fatto venire meno l’attenzione della Segreteria Nazionale e del Dipartimento della Polizia di Stato sulle molteplici ed importanti criticità nella nostra martoriata provincia agrigentina”.

A Gela, in provincia di Caltanissetta, lo scorso 7 gennaio sono stati esplosi colpi d’arma da fuoco contro un’automobile con a bordo un uomo di 46 anni, nei pressi del cavalcavia di via Venezia, per diatribe familiari. Ebbene, adesso, a seguito di mirate indagini, i poliziotti della Squadra Mobile nissena e del Commissariato di Gela, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Caltanissetta su proposta della Procura, hanno arrestato John Parisi, 25 anni, ritenuto l’autore del tentato omicidio. Il provvedimento è stato notificato a Parisi nella Casa Circondariale di Gela, dove è attualmente recluso per altra causa.

Con il voto favorevole, all’unanimità, della commissione Affari costituzionali, diventa legge l’istituzione della Giornata nazionale delle vittime del Covid-19. La ricorrenza è stata fissata al 18 marzo, data in cui, esattamente un anno fa, per la prima volta, i mezzi militari a Bergamo sono stati impiegati per il trasporto delle salme.

Oggi a Palma di Montechiaro a Palazzo degli Scolopi, sede comunale, le bandiere sono state esposte a mezz’asta in memoria delle vittime di questo terribile virus che ha sconvolto la vita di tutti.
Alle ore 11 all’interno degli uffici comunali è stato osservato un minuto di silenzio.
“Con l’auspicio che la scienza, la medicina possano – dice il sindaco palmese, Stefano Castellino – al più presto porre fine all’esistenza del virus che ha decimato la popolazione mondiale nell’arco di poco più di un anno, il Sindaco Stefano Castellino ricorda le vittime del Coronavirus di Palma di Montechiaro, e rinnova alla Cittadinanza l’appello alla massima prudenza e al rispetto di tutte le regole e le raccomandazioni anti-covid. Un pensiero è rivolto anche a chi è stato positivo al coronavirus ed è riuscito a superarlo con sacrificio nonché a chi è attualmente positivo e lotta tra la paura e la speranza. Resistiamo, teniamo alta l’attenzione: la strada è lunga e difficile ma la Nostra Italia, che proprio ieri ha compiuto 160 anni, riuscirà a rialzarsi e ad affermare la sua bellezza”.

Proprio a Palma di Montechiaro, attualmente zona rossa, il primo cittadino era stato avvisato dall’Asp agrigentina che in paese ci sono altri 11 nuovi positivi che portano, purtroppo, il totale a 60.