Home / Post taggati"sommozzatori"

Una cosa molto brutta, mai vista prima. Era un fiume in piena, per mettersi in salvo bisognava nuotare”  – Questa la testimonianza a caldo del Prof. Bonanzinga che ieri ha vissuto in prima persona l’evento apocalittico del nubifragio che ha investito la città di Palermo e tutta la provincia.

Nel video si sente dalla sua viva voce il racconto delle centinaia e centinaia auto sommerse dall’acqua e di come non si vedessero all’orizzonte vigili del fuoco o ambulanze per vecchi e bambini intrappolati in quell’inferno senza precedenti. Racconta anche di come per salvarsi la vita, ha dovuto nuotare.

Intanto è ancora giallo sulla scomparsa della coppia vista andare giù nel fiume di acqua e fango nell’ormai famoso sottopasso di Viale Regione all’altezza di Via Einstein. A testimoniare l’accaduto un camionista. Manca dunque all’appello una coppia, ma nessun corpo ancora è stato ritrovato e pertanto si spera che in qualche modo siano riusciti a mettersi in salvo.

Lavorano ancora alacremente i sommozzatori e si sta provvedendo a prosciugare alcuni tratti del sottopasso con pompe ad alta portata, cercando di verificare se qualcuno possa essere ancora intrappolato nell’abitacolo della propria auto.

Agli organi di Polizia però ancora non è arrivata nessuna denuncia di persone scomparse, ma è chiaro che il giallo sarà risolto solo dopo che si sarà provveduto a drenare tutta l’acqua che ancora invade strade e sottopassi e dopo aver controllato gli abitacoli di centinaia di auto che ancora sono alla deriva. Ma per fare tutto questo, ci vorranno ancora diverse ore.

Sul posto oltre al Comandante Provinciale dei Vigili del fuoco di Palermo che coordina le operazioni, anche il primo cittadino Leoluca Orlando. 

A notte inoltrata il Comune ha fatto sapere che tutti i proprietari delle vetture sommerse rintracciate, si trovano presso le proprie abitazioni e in un solo caso al pronto soccorso e che sono in corso altre verifiche per rintracciare i proprietari di tre auto.

NOTIZIA IN CORSO DI AGGIORNAMENTO

Ultim’ora: La procura di Palermo sta valutando l’apertura di un’indagine dopo la violenta alluvione che ieri ha messo in ginocchio la città, per valutare eventuali responsabilità nell’assenza di misure necessarie a prevenire e fronteggiare l’emergenza meteo che potrebbe anche aver ucciso delle persone

 

 

Un violento temporale si è abbattuto sulla città di Palermo che in queste ore è sommersa dall’acqua, con sottopassi e strade completamente allagate, con rilevanti problemi alla circolazione stradale.

Tanti i disagi, per un temporale estivo e alcuni automobilisti hanno avuto bisogno di essere soccorsi sulla circonvallazione e in Via Imera, dopo essersi impantanati in pozzanghere fuori portata e dopo essersi sentiti male. Per una ragazza è stato necessario l’intervento dei sommozzatori, per salvarla. Molte persone hanno abbandonato le proprie auto e hanno provato a mettersi in salvo “nuotando”, quasi.

Tante le segnalazioni ai Vigili del Fuoco per richieste di intervento, durante il violento acquazzone, anche a causa di grondaie pericolanti oltre ad allagamenti di abitazioni e di garage.

Non si registravano da oltre 200 anni, tanti millimetri d’acqua che oggi hanno toccato i  79,4 e che rappresentano un vero e proprio record per la città di Palermo, nel mese di luglio.

Anche nella provincia, a Partinico, Capaci e Carini le strade sono al momento allagate.

ULTIM’ORA: Tanti i dispersi rimasti intrappolati  all’interno della propria vettura, investita della bomba d’acqua che ha colpito la città di Palermo soprattutto nel sottopasso di viale della Regione.  Sul posto al momento i sommozzatori dei vigili del fuoco che stanno intervenendo

Guarda il video