Home / Post taggati"lucio ficarra"

Abbiamo intervistato l’on. Nello Dipasquale del Partito Democratico, di fatto colui il quale ha denunciato, prima al Prefetto e poi alla procura della Repubblica i gravissimi fatti di malasanità raccontati ieri sera nella trasmissione di Rai3 Report e che, purtroppo, avrebbero portato alla morte il direttore del Parco Archeologico di Siracusa arch. Calogero Rizzuto.

On. Dipasquale, ieri sera tutta Italia ha visto cosa è accaduto a Siracusa; sembra che ci siano gravissime disfunzioni a livello manageriale.

“Si, ieri sera Report ha reso molto chiara la triste vicenda che ha portato alla morte l’arch. Rizzuto. Tutta Italia ha visto tutto ciò che io avevo denunciato il 14 marzo scorso. La sanità siciliana dal punto di vista organizzativo (tanto onore ai medici, tutti in prima linea…) rappresenta delle pecche che hanno portato a situazioni assurde, come la perdita dei tamponi di Rizzuto, i risultati che non arrivavano, diagnostica che non veniva fatta e ritardi nei ricoveri che sappiamo tutti cosa hanno provocato”.

Le risposte del direttore dell’Asp Lucio Ficarra non hanno convinto del tutto…

“Le NON risposte di Ficarra hanno fatto capire a tutta l’Italia in quale mani si trova la nostra sanità. Tutto questo può andare bene a Musumeci, all’assessore Razza e allo stesso Ficarra. Ficarra non ha mai saputo rispondere alle accuse gravi fatte prima dal sottoscritto e poi dalla stessa giornalista. Ieri sera Ficarra si è ben guardato di rispondere, come aveva fatto con me, asserendo che Rizzuto aveva addirittura rifiutato il ricovero! Immaginate uno nelle condizioni come Rizzuto, con tutti i sintomi tipici di Covid 19 e con la febbre a 40, che rifiuta il ricovero. Aberrante. Non riesco a comprendere quali siano le difficoltà di Musumeci e Razza i quali non trovano la forza di rimuovere subito il direttore Ficarra. Lo stesso Razza, per molto meno, ha defenestrato in pochi minuti il direttore dell’ospedale di Sciacca. Forse gli dava fastidio? Con Ficarra, non capisco il perché, tutto ciò non accade. Del resto questa macchina amministrativa sanitaria in Sicilia l’ha messo in moto il presidente Musumeci, sono scelte che ha fatto lui e non deve prendersela con nessun altro”.

Che dovrebbe fare Musumeci?

“Dovrebbe fare ciò che si aspetta ormai da qualche settimana, vista non solo l’onda mediatica ma soprattutto i gravi disagi sanitari che scaturiscono da questa triste vicenda siracusana. Tra l’altro stiamo vivendo tutti una emergenza e Musumeci, a maggior ragione, dovrebbe avere l’accortezza di prendere provvedimenti immediati”.

Porterà in Aula la triste situazione siracusana?

“Certo che si! Ma lei pensa che situazioni del genere possano passare quasi inosservate oppure, peggio ancora, che cadano nel dimenticatoio? Sarà la mia prima interpellanza alla ripresa dei lavori”.

Si attende solo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale e la formalizzazione del contratto di assunzione per Giulio Santonocito, Direttore Generale dell’Asp di Agrigento, in procinto di andare a dirigere l’Asp Roma5. Il decreto, non vincolante, lo ha firmato il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti lo scorso 2 ottobre.

Nessun problema, dunque, circa il suo trasferimento a Roma sulla inconferibilità o incompatibilità con la sua nomina a seguito di un procedimento penale che, ad un certo punto, aveva lasciato qualche perplessità.

Santonocito è stato preferito rispetto ad una rosa di 17 candidati che ambivano al nuovo prestigioso incarico romano. Sicuramente ha molto influito il suo curriculum assolutamente eccellente.

Non si può non sottolineare come Giulio Santonocito sia stato nell’ultimo ventennio fra i più brillanti direttori generali di Agrigento; non ha badato a spese, ovviamente fin dove poteva, ed invece di diventare famoso come qualche suo predecessore (che preferiva essere promosso per la sua “virtualità” economica a scapito dei gravi disagi che i pazienti agrigentini patiscono ogni giorno) ha investito tanto sulla tecnologia, a volte all’avanguardia, per ogni reparto dell’ospedale San Giovanni di Dio.

Onore al merito, dunque, a Giulio Santonocito, il quale, come del resto ogni essere  umano, qualche volta (ma raramente) ha mostrato qualche piccola defaillance.

Nessuno è perfetto, ci mancherebbe altro! Ha avuto qualche “dimenticanza” su fatti e circostanze che avrebbero sicuramente meritato la sua presenza. Senza volersi soffermare sul particolare, Santonocito ha avuto la possibilità di presiedere convegni medici di tutto rispetto i cui temi rappresentavano una vera innovazione per la sanità agrigentina, da sempre messa all’angolo e costretta a rincorrere i “bravi medici del nord”. Polemiche e tragedie sottobanco hanno impedito al Direttore Generale di essere presente ad eventi del tutto eccezionali.

Per farla breve: è stato come quell’atleta fenomenale che corre più del vento e poi si dimentica di passare il testimone al proprio compagno. Comunque, è andata così.

Il suo trasferimento all’Asp di Roma5 apre nuovi scenari (e nuovi balletti) per la sua sostituzione. C’è fermento, c’è da nominare il nuovo Direttore. La posta in palio è alta è soprattutto ci sono tanti nuovi posti di lavoro in attesa di essere occupati. Si sono sbloccati i concorsi e c’è da nominare nuovi primari anche nella provincia di Agrigento (di questo ne riparleremo più avanti).

Un gioco forte, quasi d’azzardo, soprattutto se si considera che l’Asp di Agrigento gestisce ogni anno quasi 600 milioni di euro per tutta la provincia. Non solo, le responsabilità sono anche micidiali. La nuova classe medica e soprattutto i nuovi primari dovranno gestire la sanità nel nostro territorio per i prossimi 15-20 anni.

Ed in tutto questo contesto, purtroppo, bisogna fare i conti anche con la politica, la quale, come il sale, entra in ogni pietanza.

C’è chi sogna clamorosi ritorni, ma il “colore” non “appatta”. Troppe volte, infatti, il virtuoso ex direttore Generale dell’Asp di cui sopra è stato visto nella Città dei Templi pur rivestendo la carica in altra provincia. Per carità, a nessuno è vietato innamorarsi della Valle dei Templi o del centro storico di Agrigento; probabili anche motivi di affetto. Però, troppo spesso, la sua presenza in città ha coinciso con l’altrettanta presenza di politici e deputati regionali di spicco.

E intanto, il Direttore Amministrativo dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento, Salvatore Iacolino lascia la città dei Templi per trasferirsi alla corte del Direttore Generale dell’Asp di Siracusa Lucio Ficarra, ex manager dell’Asp agrigentina.

Non dimenticare mai, però, che prima si devono fare i conti con l’oste. E ad Agrigento gli osti sono tanti.

O forse, uno soltanto…