Home / 2021 / Agosto (Pagina 54)

La Sicilia potrebbe diventare a breve la prima regione a ritornare in zona gialla. Il passaggio ad una soglia più restrittiva – secondo quanto prevede l’ultimo decreto che ha cambiato i parametri – avviene automaticamente nel momento in cui risultano occupati il 10% delle terapie intensive e il 15% dei posti letto in ricovero ordinario. Al momento in Sicilia i ricoveri covid ordinari sono pari al 13,3% mentre quelli in terapia intensiva al 7,4%. Una soglia che, se si dovesse continuare a mantenere questo trend in crescita, potrebbe essere raggiunta già dopo ferragosto. In tal senso diventa fondamentale la cabina di regia che si terrà il prossimo venerdì.

Le limitazioni introdotte dalla zona gialla, c’è da dire fin da subito, non sono paragonabili a quelle vissute lo scorso anno. Non ci sarà coprifuoco. La mascherina diventerà obbligatoria anche all’aperto (al momento non lo è). Cambierebbero anche le regole per bar e ristoranti sul numero di coperti a tavola. Il limite diventerebbe di quattro persone sia nei posti al chiuso che in quelli all’aperto (al momento non c’è limite all’aperto mentre è di 6 persone al chiuso).

Mareamico e le Guardie ittiche del GISE hanno voluto verificare di persona la situazione della Scala dei turchi, posta sotto sequestro dalla Procura di Agrigento lo scorso anno, perché è a rischio crolli.
Le immagini parlano chiaro: decine e decine di persone invadono giornalmente la marna bianca, scavalcando le transenne e violando i sigilli, senza che nessuno dica nulla!
Fino allo scorso anno la Capitaneria e i Carabinieri cercavano di fermare e spesso sanzionavano i trasgressori, quest’anno invece non ci sono controlli.
“Se i cittadini violano impunemente la legge è lo Stato che perde la faccia!” – ha dichiarato Claudio Lombardo di Mareamico.

“L’organizzazione sindacale SGB, esprime vicinanza e solidarietà  al circolo di Rifondazione Comunista, destinatario di un vile atto intimidatorio che mortifica i siciliani onesti. Il grave e vile gesto, da condannare doppiamente vista la particolare situazione di Favara, cittadina impegnata a fronteggiare la grave crisi della raccolta della spazzatura,( ancora vergognosamente non risolta) la grave crisi politica e l’emergenza sanitaria da Covid 19, rappresenta  l’ennesimo colpo al vivere civile e  rivela i sintomi di una società in piena crisi di valori. Bisogna ritrovare la forza per ripartire, per conquistare la serenità sociale e culturale di una cittadina che sta soffrendo tanto”.

Lo scrive in una nota Filippo Baio del sindacato Sgb Favara.

XXI PIRANDELLO FESTIVAL 2021-
Agrigento al Caos
Anfiteatro Parco Letterario Pirandello
16 agosto/22 settembre 2021
 
Lunedì 16 agosto 2021 prende il via la ventunesima edizione del Pirandello stable festival, unico festival pirandelliano da Roma in giù.
La direzione artistica è sempre di Mario Gaziano con la direzione per le tradizioni popolari in canto di Antonio Zarcone e la sovrintendenza di Dino Barone.
La caratteristica principale della XXI edizione è il rapporto tra Pirandello e gli epigoni: Tennessee Williams per la dolce follia e Sciascia per la razionalità.
Un programma intenso che ha avuto come prologo la celebrazione dell’Anniversario della nascita di Pirandello il 28 giugno alle ore 3.00 antimeridiane in pre-alba (orario di nascita del Nobel agrigentino).
La nuova edizione presenta un programma particolarmente articolato che è sorretto da piccoli sostegni del Comune di Agrigento (“Destinazione Agrigento”- Assessorato alla alla cultura) e dell’Ente Parco Valle dei Templi.
PROGRAMMA :
16 agosto alle ore 21
(con ingresso in area teatro dalle 20e15) :
“NON SI SA COME”
Il più importante dramma psicologico pirandelliano.
Interpretato e diretto da Mario Sorbello con la Compagnia CGS-Karol di Catania
23 agosto alle ore 21 _
(con ingresso in area teatro dalle 20,15) :
Gli epoigni: la dolce follia
“LA LACCIOLA” e “IL TRENO HA FISCHIATO”
di Pirandello
“LA SIGNORA COLLINS” (da i Blues) di Tennesse Williams
Con Maria Grazia Castellana-Mario Sorbello e con Federico Orefice al sax.
28 agosto alle ore 21
(con ingresso in area teatro dalle 20e15)
Gli epigoni-La razionalità:
“SCIASCIA DA LAURANA A DIEGO LA MATINA”
Spettacolo ensemble tra recitazioni video e canti popolari
Con Giuseppe Gramaglia-Alfonso Marchica- Lillo D’Aleo- Maria Grazia Castellana-Berta Ceglie-Lia Rocco e con Antonio Zarcone Mimmo Pontillo e Roberto Puccio.
In esterno:
27 agosto ore 19
Racalmuto Fondazione Sciascia
”Sciascia da Laurana a Diego La Matina”
15 settembre h.19:
Premio Internazionale PERGAMENE PIRANDELLO” XXI ed.
22 Settembre h.19:
Premiazione concorso
UNA POESIA PER PIRANDELLO-X edizione
Collaborazioni: Andrea Cassaro  – Giuseppe Portannese – Diego Romeo filmaker – Lillo Rizzuto – Peppe Adamo – Salvatore Bellavia
Certificazione anti covid- Temperatura all’ingresso-
INGRESSO GRATUITO FINO AD ESAURIMENTO DEI POSTI (195)

Il senso civico di alcuni cittadini ha evitato che il bosco di Cammarata subisse danni ingenti a causa di un piromane. L’incendio si è sviluppato ieri sera in un bosco della parte bassa di Cammarata. A darne notizia è il sindaco del paese Giuseppe Mangiapane attraverso un post sul proprio profilo facebook.

“Speriamo – commenta – che l’accaduto possa servire da monito a coloro i quali meschinamente progettano, per motivi incomprensibili, atti a danno del nostro patrimonio. Solo un controllo capillare del territorio sia da parte degli enti preposti, ma soprattutto dei singoli cittadini, può portare a superare questa fase di massima allerta e conservare così intatto il nostro territorio”.
Il piromane è stato arrestato e i dettagli saranno illustrati in mattinata nel corso di una conferenza stampa del Comando provinciale dei Carabinieri.

Comincia la settimana di Ferragosto. Segnata anche dal debutto del green pass, arriva insieme al caldo rovente, con un’ondata di calore che si preannuncia forse la più torrida di questa stagione con le temperature che potranno toccare punte di oltre 45 gradi sulle regioni meridionali, con la Sicilia “sorvegliata speciale”. Un evento estremo», secondo gli esperti, con pochi precedenti.

E’ scattato ieri il week end da bollino nero per il traffico intenso con oltre 4 italiani adulti su 10 (41%) che quest’anno hanno scelto il mese di agosto per andare in vacanza. Sono 20,8 milioni gli italiani che hanno scelto questo mese per andare in vacanza, anche se in leggero calo rispetto allo scorso anno (-1%). A mancare sono però, secondo le stime, circa 4 milioni di turisti stranieri. Tutte le autostrade e le principali statali sono trafficate; oltre tre ore di fila per imbarcarsi per i traghetti che portano in Sicilia.

Impennata di sbarchi di migranti in Sicilia. Con due Ong ne sono approdati più di 800. Musumeci si appella a Draghi affinchè sia dichiarato lo stato d’emergenza: “Così non si può andare avanti e io non farò finta di nulla”.

Centinaia di migranti, e dopo tante centinaia sono migliaia, attraversano il Mediterraneo e approdano a Lampedusa. Il Centro d’accoglienza dell’isola, in contrada Imbriacola, è sovraffollato, anche oltre 5 volte la capienza, ovvero non più di 250 posti. E poi due navi Ong, con a bordo centinaia di extracomunitari di tante e diverse etnie, sono approdate nel corso delle ultime ore in Sicilia. A Trapani ha gettato l’ancora la tedesca Sea Watch 3, con 257 migranti e 70 minori non accompagnati. Tutti sono stati sottoposti al tampone prima di essere trasbordati sulla nave quarantena dove trascorreranno il periodo di osservazione prima di essere trasferiti nei vari centri d’accoglienza dell’isola. E a Pozzallo, invece, è approdata la nave Ocean Viking, della ong Sos Mediterranee, con a bordo 549 migranti, salvati in diverse operazioni di soccorso innanzi alle coste della Libia. Tra i 549 vi sono 502 uomini, di cui 107 sono minori quasi tutti non accompagnati, e poi 47 sono le donne, tra cui 11 minorenni. Sono stati sottoposti al tampone rapido, e 30 sono risultati positivi al coronavirus. A fronte di quanto accade, il presidente della Regione, Nello Musumeci, che ha appena dichiarato lo stato di emergenza per gli incendi in Sicilia, lancia un appello al presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, affinchè sia dichiarato un altrettanto stato d’emergenza: per gli sbarchi dei migranti. E Musumeci è intervenuto così: “Non amo ripetermi e neppure alimentare polemiche sterili. Dico con forza che la Sicilia continua a essere presa d’assalto dagli sbarchi, e che le politiche nazionali non riescono a bloccare questo criminale commercio di carne umana. I viaggi dei ministri degli Esteri e dell’Interno sull’altra sponda del Mediterraneo non stanno raggiungendo gli obiettivi sperati. E l’Europa guarda complice e silente. La Sicilia è la frontiera a sud di un Continente che preferisce girarsi dall’altro lato, mentre la disperazione sale dall’Africa, cercando in Sicilia la porta di accesso a una vita che in queste condizioni non potrà mai essere migliore”. E poi Musumeci invoca: “Mi appello al presidente Draghi: serve un segnale forte e ormai può venire solo da lui. Faccia quello che non ha voluto fare chi l’ha preceduto e dichiari lo stato di emergenza per gli sbarchi. C’è un mix pericoloso tra numeri crescenti degli immigrati, situazione epidemiologica regionale e la prognosi di crescita di entrambe le situazioni nelle settimane più calde per il turismo e per l’economia siciliana. Gli hotspot al collasso e le persone ammassate l’una sull’altra non possono essere nascoste, e lasciano trasparire l’immagine forte di un’accoglienza finta che non rispetta la dignità dell’uomo”. E poi il presidente conclude: “Serve un gesto forte che ci consenta di adottare misure di compensazione finalmente adeguate e che dia un messaggio chiaro a chi, a Bruxelles, fa di tutto per non assumersi chiare responsabilità. Una cosa è certa: così non si può andare avanti e io non farò finta di nulla”.

Angelo Ruoppolo (Teleacras)

Dal 23 agosto i cittadini potranno richiedere il bonus rottamazione tv per l’acquisto di televisori compatibili con i nuovi standard tecnologici di trasmissione del digitale terreste Dvbt-2/Hevc Main 10. Èquanto prevede il decreto del Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, che contiene anche il modulo per richiedere l’incentivo da consegnare al rivenditore o in una isola ecologica autorizzata.

Il bonus consiste in uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto del nuovo televisore, fino a un massimo di 100 euro, che si ottiene rottamando apparecchi TV che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici. A differenza del precedente incentivo, che rimane in vigore ed è pertanto cumulabile, il bonus rottamazione tv si rivolge a tutti i cittadini senza limiti di ISEE.

“Dal primo settembre 2021 il personale scolastico dovrà essere munito di green pass per poter accedere al luogo di lavoro pena la sospensione dal lavoro (non il licenziamento) con mancata corresponsione dello stipendio per tutto il periodo interessato. A poco più di un mese dall’inizio delle lezioni il green pass è di fatto l’unico provvedimento che, teoricamente, dovrebbe favorire la ripresa della didattica in presenza. Ad oltre un anno e mezzo di distanza dai primi provvedimenti di contenimento all’emergenza coronavirus, la scuola pubblica continua infatti a versare nella stessa identica situazione di spazi inadeguati, classi “pollaio” e mancanza di personale utile allo sdoppiamento di queste ultime. I plessi scolastici (che non hanno mai brillato per sicurezza) continuano a non essere sicuri nemmeno per la gestione della pandemia a causa della scarsità degli investimenti governativi. Le uniche risorse umane realmente aggiunte di recente sono state quelle dell’organico c.d. anti Covid (ennesima sacca di precariato) che per il prossimo anno scolastico potrà esistere ma solo fino al 31 dicembre 2021 (forse dal 1gennaio 2022 il Covid sparirà!).

Fondamentale novità di quest’ultimo periodo, nessuno può negarlo, è il forte abbassamento della curva dei contagi e dei ricoverati nelle fasce di popolazione immunizzate dal vaccino tra cui rientrano gli ATA e i docenti che hanno aderito, quasi all’unanimità, alla campagna vaccinale. Visti gli altissimi livelli di vaccinazione raggiunti nel comparto scuola (una media nazionale di oltre l’85% dei lavoratori) SGB condanna la campagna diffamatoria in atto contro i lavoratori della scuola che si vorrebbero individuare come gli unici soggetti dai quali dipende la ripresa delle lezioni in presenza.  Bisogna purtroppo prendere atto che se anche si raggiungesse l’auspicabile tasso del 100% dei lavoratori della scuola vaccinati questo risultato non basterebbe da solo a cancellare il rischio di ritorno alla DAD dato che il resto della comunità scolastica non sarà immunizzata (non spetta certo a noi stabilire se gli studenti siano vaccinabili) e che continuerà ad essere stipata in aule e locali angusti e affollati (per non parlare delle immutate condizioni dei mezzi pubblici di trasporto). Per questo motivo ci troviamo anche a stigmatizzare le troppo filosofiche posizioni contro il green pass portate avanti dagli stessi soggetti che lo scorso anno scolastico hanno rivendicato solo didattica in presenza e demonizzato in toto la DAD.  La didattica in presenza, in periodi di pandemia, non è praticabile senza la vaccinazione di massa (fatta ovviamente in piena sicurezza) e senza un continuo screening sulla popolazione scolastica come SGB rivendica da mesi nelle piazze e nei luoghi istituzionali. Per tutte queste ragioni il Sindacato Generale di Base rivendica la gratuità dei tamponi per tutti gli operatori del comparto scuola e per gli studenti, invita i lavoratori della scuola (quelli che possono farlo) a vaccinarsi ma allo stesso tempo a non discriminare quella parte, seppur minoritaria, della categoria che non può o non vuole farsi inoculare il vaccino, consiglia a diffidare dei soliti venditori di ricorsi legali che non serviranno a nulla e conferma il suo impegno di lotta per la salute e la sicurezza su tutti i luoghi di lavoro nonché di contrasto ad ogni abuso discriminatorio nei confronti dei lavoratori della scuola”.

Lo dichiara Aldo Mucci della segreteria regionale Sgb

La vandalizzazione della sede di Rifondazione Comunista di Favara (Ag) è un fatto inquietante, per due motivi. Perché colpisce una realtà fortemente insediata in quel territorio, sempre impegnata sulla tutela dei diritti e dei beni comuni, che ha da anni garantito capacità di controllo sull’operato amministrativo e contro ogni illegalità nella provincia di Agrigento. Poi, fatto ancora più grave, perché lancia un segnale intimidatorio contro la candidatura a Sindaco di Antonio Palumbo, figura stimatissima che gode di un ampio consenso popolare.
La segreteria regionale e l’intera comunità del Prc sono moralmente e materialmente solidali con le compagne e i compagni favaresi, ne sostengono le battaglie e ne apprezzano il generoso impegno a fianco dei più deboli.