Home / 2021 / Luglio

“In questo momento in Sicilia, in degenza ordinaria, ci sono oltre 200 persone, di queste l’80,4% non è vaccinato, in terapia sub intensiva, oltre 50 persone, di queste l’82% non è vaccinato. In terapia intensiva ci sono 34 persone, di queste l’88,5% non è vaccinato. Complessivamente oltre l’80% della popolazione ospedalizzata non si è sottoposta nemmeno a un ciclo di vaccinazione”.

Lo ha reso noto l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.

Proprio questa mattina, durante la presentazione del candidato a sindaco Totò Montaperto, accanto ai quattro partiti di centro-destra che compongono la coalizione, è stata annunciata la presenza di tre liste civiche ma anche di  Italia Viva il partito di Matteo Renzi. Al tavolo della presidenza infatti accanto al candidato Montaperto e ai leader dei partiti Di Mauro, Savarino, Terrana e Pisano era presente anche Michele Termini, coordinatore provinciale di Italia Viva, ringraziato  dallo stesso Terrana e da Montaperto.

Lo scrivono in una nota stampa subito dopo la presentazione di questa mattina della candidatura di Totò Montaperto a sindaco di Favara,  il commissario provinciale di Fratelli d’Italia Calogero Pisano, l’on. Giusy Savarino per Diventerà Bellissima, l’on. Roberto Di Mauro per gli autonomisti e l’on. Decio Terrana per l’UDC.

Proprio questa mattina, durante la presentazione del candidato a sindaco Totò Montaperto, accanto ai quattro partiti di centro-destra che compongono la coalizione, è stata annunciata la presenza di tre liste civiche ma anche di  Italia Viva il partito di Matteo Renzi. Al tavolo della presidenza infatti accanto al candidato Montaperto e ai leader dei partiti Di Mauro, Savarino, Terrana e Pisano era presente anche Michele Termini, coordinatore provinciale di Italia Viva, ringraziato  dallo stesso Terrana e da Montaperto.

Adesso la presa di distanza:  “ci dissociamo circa la partecipazione di Italia Viva nel cartello a supporto della candidatura di Totò Montaperto. Siamo sempre stati e rimaniamo alternativi al centro sinistra e, pertanto, la coalizione a supporto della candidatura a sindaco di Totó Montaperto rappresenta in pieno il Governo regionale con esclusione di Italia Viva che,per quanto ci riguarda, rimane fuori da questo cartello che punta ad una proposta politica coesa in sinergia con il Governo regionale”.

di Filippo Cardinale

Sarebbe stato trovato un accordo che ha fatto avvicinare le parti e che permetterebbe di non interrompere il servizio idrico dal 2 agosto, data dalla quale inizia l’operatività della novella “consortile.

L’accordo raggiunto mette in salvo quello tra sindacati a Aica a tutela dei 300 lavoratori. Non si conoscono data l’ora tarda mentre riportiamo la notizia, i particolari dell’intesa che ha visto avvicinarsi le posizioni della Curatela fallimentare con Aica. Ma, almeno, si sarebbe evitata la fumata nera che fino a tarda sera era probabile.

Una cosa ci pare strana. Come abbia inteso la Curatela fallimentare di tenere il coltello dalla parte del manico minacciando 450.000 persone agrigentine di chiudere i rubinetti? L’erogazione dell’acqua è un servizio pubblico essenziale e vitale. Anche il Tribunale si sarebbe messo sulle spalle qualcosa che cozza contro la legge.

Del resto, anche da parte dei sindaci c’era poco da fare i duri. Sono trascorsi tre anni tra tentennamenti, perdita di tempo, indecisioni, ritardi, superficialità. Tre anni in cui già da tempo doveva trovarsi  definizione del nuovo gestore pubblico.

Forse, la notte ha portato il prezioso consiglio: tirando la corda con forte tensione si rischiava di spezzarla, a danno della popolazione agrigentina. A tutto c’è un limite e questo sarebbe stato trovato nelle ore piccole.

Intanto, è arrivato lo sfratto. La proprietà della sede della ex Girgenti Acque ha dato tempo fino a fine agosto. Adesso c’è il problema di cercare una nuova sede per ospitare gli uffici.

 

Sono 96 i nuovi casi di coronavirus registrati in provincia di Agrigento nella giornata del 30 luglio. Il dato emerge dal bollettino diffuso dall’Asp. Si registra una nuova vittima a Porto Empedocle, l’ottava da inizio pandemia. Due, invece, i nuovi ricoveri in ospedale mentre i guariti sono 19. I tamponi eseguiti sono stati 420 che portano il totale dei test processati da inizio pandemia a 110.205.

Negli ospedali sono 25 le persone ricoverate negli ospedali: 23a Ribera e 2 ad Agrigento. Due persone si trovano in terapia intensiva all’ospedale di Ribera. Tre persone si trova ricoverato all’hotel Covid di Sciacca.

Agrigento 109; Alessandria della Rocca 10; Aragona 14; Bivona 1 ; Burgio 2; Calamonaci 0; Caltabellotta 85; Camastra 4; Cammarata 35; Campobello di Licata 19; Canicattì 72; Casteltermini 6; Castrofilippo 1; Cattolica Eraclea 0; Cianciana 1; Comitini 1; Favara 275; Grotte 1; Joppolo Giancaxio 11; Licata 30; Lucca Sicula 2; Menfi 6; Montallegro 1; Montevago 1; Naro 25; Palma di Montechiaro 80; Porto Empedocle 96; Racalmuto 10; Raffadali 42; Ravanusa 25; Realmonte 14; Ribera 7; Sambuca di Sicilia 6; San Biagio Platani 1; San Giovanni Gemini 40; Sant’Angelo Muxaro 1; Santa Elisabetta 1; Santa Margherita di Belìce 1; Santo Stefano Quisquina 7; Sciacca 31; Siculiana 36 (32 migranti a Villa Sikania) e Villafranca Sicula: 0. Navi accoglienza 86.

In merito all’ approvazione del regolamento Tari, anche il consigliere Roberta Zicari interviene :
” Bene le riduzioni del 30% per le abitazioni domestiche  ad uso stagionale o discontinuo, e per le utenze che abbiano avviato il compostaggio dei propri scarti organici, un po’ di rammarico per non aver dotato l’ente di un articolo che sostenga il ” DONO DEL CIBO”.
 La misura sarebbe stata rivolta alle utenze non domestiche relative ad attività commerciali, industriali, professionali e produttive in genere, che producono o distribuiscono beni alimentari e che, a titolo gratuito cedono direttamente o indirettamente tali beni alimentari agli indigenti e alle persone in maggiori condizioni di bisogno,  riconoscendo in loro favore una riduzione della parte variabile della tariffa.
Ci riproverò più in là, quando il bilancio sarà in sicurezza, e quindi sarà possibile per l’ ente spendere “non in dodicesimi”.

A prescindere dalla riduzione Tari del regolamento, esiste una legge nazionale che autorizza la cessione del cibo invenduto o in esubero per le attività commerciali. Lancio un appello ai ristoratori: chi fosse disponibile a cedere il cibo cucinato in eccedenza, ad esempio nei matrimoni, mi contatti così proviamo a creare una rete di solidarietà, coinvolgendo le associazioni presenti sul territorio (che ringrazio per il loro impegno) ed a recuperare questo cibo ancora buono per essere distribuito. Diversamente diventerebbe rifiuto, quindi anche un costo sociale per lo smaltimento.”

“Si è svolta nel pomeriggio del 28.07.2021 nella splendida location del Dioscuri Bay Palace Hotel, il primo incontro della nuova classe dirigente provinciale del partito di Matteo Salvini.

Nell’occasione, presieduta dal Responsabile Provinciale On. Vincenzo Giambrone, politico apprezzato e capace fortemente voluto in Lega dal Segretario Regionale On. Nino Minardo, tanti sono stati i temi trattati e ampiamente discussi. Si sono analizzati i già buoni risultati raggiunti sulla raccolta firme del Referendum giustizia grazie alla collaborazione di tutti i militanti del territorio agrigentino, pianificando i futuri interventi sul tema.

L’On. Giambrone ha sottolineato come la crescita e le adesioni al partito di Matteo Salvini nell’agrigentino siano dovute anche alla palese riforma moderata del Partito che tende la mano ai siciliani, proponendo una esperienza amministrativa che promette di guardare alle necessità del territorio col cuore Siciliano e un rigore e ordine di nuovo respiro, promuovendo ed attuando dei progetti politici vicini alle esigenze particolari dei cittadini, con la concretezza che contraddistingue l’operato della Lega. Sottolinea, inoltre, la necessità di concentrare le forze della squadra sui 6 Comuni agrigentini chiamati alle urne ad ottobre: Canicatti’, Favara, Porto Empedocle, Montallegro, Montevago e San Biagio Platani.

La riunione continua con la presentazione dei Dirigenti provinciali presenti da anni, Caterina Cusumano Responsabile Segreteria e Ornella Russello Responsabile provinciale del Tesseramento e Tutela Privacy, ai quali vanno ad aggiungersi nuove e valide figure: Marcella Bellia quale Responsabile comunicazione Istituzionale, Marcello Fattori come Responsabile organizzativo, Mario Fontana nominato Responsabile Enti locali, confermato anche Marco Bonsignore quale Responabile Social. Viene creato il coordinamento donne della Lega con Rita Monella nominata Coordinatrice e Maria Grazia Contini nominata vice Coordinatrice a cui si aggiungono i nuovi responsabili dei Dipartimenti provinciali istituzionalmente previsti, con focus sui settori più rilevanti della vita sociale ed economica territoriale.

L’On. Giambrone, nel ringraziare l’On. Vincenzo Fontana presente all’incontro, continua con la presentazione dei Responsabili dei Dipartimenti composti da noti e validi amministratori e professionisti del territorio provinciale, convinto che l’incontro tra l’esperienza e l’innovazione sia il giusto mix per la crescita della Lega, dando proficue risposte e segnali di una presenza territoriale cui il Segretario Regionale Minardo, seguendo la visione di Matteo Salvini, tiene per la Sicilia:
– Turismo Aurelio Imbornone;
– Infrastrutture Vincenzo Inga;
– Pubblica Istruzione Peppe Lentini;
– Attività produttive Gianpiero Puccio;
– Politiche Sociali Agostino Scanio;
– Agricoltura Lorenzo Tornetta;
– Territorio Giuseppe Vaccaro;
– Formazione Giuseppe Vallone.
Nomina, altresì, un primo gruppo di Responsabili Comunali: Alessandria Pino Vaccaro; Aragona Angelo Galluzzo; Bivona Giuseppe Mortellaro; Burgio Ciro Miceli; Caltabellotta Caterina Cusumano; Cammarata Antonino Narcisi; Canicatti Diego Ficarra; Casteltermini Vincenzo Cannella; Comitini Teresa De Lisi; Favara Gianpiero Puccio; Grotte Joel Butera; Lampedusa/Linosa Attilio Lucia; Licata Platamone Maria; Menfi Antonella Bavetta; Montallegro Rosario Lauro; Naro Lillo Burgio; Realmonte Fabio Bellomo; Ribera Pasquale Salvaggio; S.Giovanni Gemini Michele Lo Bello; Sant’Angelo Muxaro Aurelio Lorenzo Paci; Santo Stefano Q. Ernesto Reina; Sciacca Giuseppe Segreto.

Apprezziamo l’apertura mostrata da parte dell’amministrazione comunale, in seno al consiglio svoltosi giovedì 29 c.m. , nei confronti delle  associazioni presenti  Le quali  avevano già partecipato  ad un tavolo tecnico , in presenza del vice sindaco dott. Aurelio Trupia per discutere ed entrare nel merito del regolamento della Tari da approvare perentoriamente entro il 31 c.m

Entrare nel merito di tale  regolamento, a nostro avviso  significa poter apportare quei correttivi utili  ai contribuenti  in materia di tassa sui rifiuti; rendendola ove possibile  più omogenea e rispondente  ai bisogni dei cittadini  in termini di  qualità dei servizi  resi, rispetto al costo economicamente sopportato.

Ci saremmo aspettati dai consiglieri, al di la di 2, 3 soli  interventi, un dibattito più acceso in difesa  di cittadini e  famiglie che sopportano con enorme difficoltà l’onere del pagamento di un tributo, divenuto ormai esoso e qualitativamente carente .

Seppur nella piena consapevolezza  che il regolamento TARI è normato da leggi e decreti legislativi  che non lasciano margini  di intervento discrezionale da parte dell’ente locale  che sostiene un  contratto d’appalto milionario, sottoscritto in data 12 11 2018,  i cui  costi dovranno trovare copertura finanziaria interamente in tariffa.

A tal proposito, i cittadini da tempo oramai si chiedono : ma con la raccolta differenziata, essendoci un minore conferimento di rifiuti nelle discariche , il costo non sarebbe dovuto  diminuire????  Ad oggi però nulla di tutto ciò si è verificato

Sempre nel regolamento TARI  è emerso un  evidente discostamento ,  nella scelta ad esempio per le utenze non domestiche , di uscire fuori dal servizio pubblico , creando ovviamente così una sproporzione in materia di carico da distribuire in termini di costo  tra  le utenze domestiche rispetto a quelle non domestiche.

Pertanto  le scriventi associazioni opportunamente si domandano :

Chi difende  famiglie, utenti, e consumatori che hanno sempre pagato nel rispetto delle regole?

Chi tutela coloro  che a causa della crisi derivata dalla pandemia” sono diventati evasori per necessità”? .

Confidiamo che il dialogo e la collaborazione, avviatisi con l’amministrazione attiva,  possa proseguire anche  con il Presidente del Consiglio Comunale ed i capi gruppo.

Le aspettative dei  cittadini da questo confronto  sono  da riferire ad un sensibile abbassamento sensibile dei costi a loro carico e ad un miglioramento della qualità dei servizi erogati  che guardi non solo al centro cittadino, ma anche e soprattutto a quelle periferie che vivono maggiormente il problema dei disservizi di igiene ambientale.  Pur sopportandone i costi,  in presenza di regole violate.

La raccolta differenziata , è la migliore alternativa allo smaltimento dei rifiuti in discarica,  solo quando effettivamente garantisce  oltre un uso più efficiente delle risorse , anche benefici all’ambiente, all’economia ed  alle tasche dei cittadini.  Ognuno di noi infatti, separando correttamente i materiali, contribuisce  in maniera significativa al loro riciclo o riuso, poiché una parte importante e difficile del processo è stata già fatta.

L’amministrazione attiva, unitamente al Consiglio comunale, ad avviso delle scriventi associazioni,  devono porre in essere azioni capaci di superare  le disuguaglianze,  guardando ai bisogni dei  cittadini  ponendoli  tutti sullo stesso piano.

Nel concreto attendiamo che l’amministrazione comunale,  sulla base della nostra proposta istituisca   la Consulta permanente sui servizi di pubblica utilità nell’interesse di cittadini e utenti. Al fine di esercitare un controllo diretto ed  una costante  attività di monitoraggio e vigilanza sulla qualità e sui costi gestionali di tutti quei servizi per i quali  i  contribuenti, sono chiamati  a risponderne con tasse e tributi.

Ilenia Capodici Vicepresidente Adiconsum ag, en,cl, Manlio Cardella Presidente Unione Nazionale Consumatori Agrigento, Pippo Spataro, Cittadinanza Attiva, Responsabile in Agrigento dei consumatori cittadini e utenti

 

 

Successo e applausi no stop per il secondo appuntamento della kermesse organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala all’interno della Salina Genna. Bravissimo anche il chitarrista Fabio Genco. A fine concerto Gulino ha promesso: “tornerò ad esibirmi a Marsala una volta all’anno”
Si possono “Muovere Maree” all’interno di una vasca di salina? Giovanni Gulino e Fabio Genco ci sono riusciti, facendo battere con un cuore solo un’intera platea, che ha cantato, si è commossa, si è emozionata con gli artisti in scena.
Ancora un successo per il secondo appuntamento della rassegna “’a Scurata” organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala all’interno della Salina Genna, in un teatro completamente ecologico – fatto di tufi accostati con sedute di legno e con uno scintillante pavimento di sale – “Pellegrino 1880”, dal nome del main sponsor della kermesse, le Cantine Pellegrino.
Venerdì 30 luglio a salire sul palco sono stati Giovanni Gulino e il chitarrista Fabio Genco. A dire il vero Fabio Genco è stato molto più di un musicista con la chitarra: ha moltiplicato il suo strumento e in certi momenti è sembrato che ad accompagnare la voce dell’artista – già frontman dei Marta sui tubi – sia stata un’orchestra intera.
Cifra del concerto è stata senz’altro l’emozione: “Non capita spesso di suonare nella città che ami… davanti alla gente che ami”, ha detto Giovanni Gulino, che ha scelto Marsala e la “’a Scurata” per l’unica tappa siciliana del suo “Muovere Maree tour”. Ufficialmente il primo tour da solista “non tanto solo” – ironizza con Genco che, oltre ad essere un musicista eccezionale è un amico di Gulino da decenni.
Quanto alla performance di Giovanni Gulino, la sua emozione è stata talmente tangibile da raggiungere il pubblico presente con la forza della verità. È poco definirlo cantante, lui sembra fatto del vento che mai lascia Marsala. Brucia di sale se soffia forte dal mare, diventa brezza se si ferma a pensare. Raggela davanti al dolore e poi squassa quando si emozioni.
Applausi no stop per il nuovo brano “Muovere Maree”, ma veri e propri cori per le canzoni che lo hanno reso noto con i Marta sui tubi. Commovente l’esecuzione dei brani: “U pisci spata” di Modugno e “Ritornerai” di Lauzi.
Gulino non si esibiva a Marsala da sette anni, ma ha chiuso il concerto con una promessa: “Spero cantare nella mia città almeno una volta all’anno”. La rassegna “’a Scurata” si avvale del patrocinio del Comune di Marsala.
Questi i prossimi appuntamenti:
Martedì 3 agosto sarà la volta del le associazioni teatrali: “Amici di Totò”di Antonino Scardino e “La Maschera” di Murizio Favilla che metteranno in scena “La Giara” di Luigi Pirandello. In scena don Lollò Zirafa sarà Maurizio Favilla, Zi Dima Antonino Scardino, Pietro Pipitone sarà l’avvocato Scimè, Ciccio Maggio Asparu; Mariella Fernandez Concetta; Franco Rallo Nofiu; Alba Isaia interpreterà Carmela; Pino Caltagirone sarà Saru; in scena anche Cristina Ottoveggio e Francesco Di Bernardo.
Venerdì 6 agosto la scena sarà della Compagnia Teatrale Sipario che interpreterà: La Vita… peccato sia “originale”. Un originale percorso sulla vita, sul suo inizio e su tutte le volte che ci è sembrato perderla, per poi ritrovarla misteriosa e bella come non mai. Dopo un momento serio e riflessivo, accompagnato da tante canzoni con strumentisti dal vivo, entreranno in scena le versioni diametralmente opposte dei due protagonisti: che fra gag, battute e doppi sensi trascineranno il pubblico in un vortice di risate ed emozioni. Lo spettacolo, scritto e diretto da Vito Scarpitta, si avvale della partecipazione di Dalila Pace.
Domenica 8 agosto “The Lady Sings – Omaggio a Billie Holiday„. Spettacolo dell‘ Aldo Bertolino jazz quartet“ che sarà un intenso tributo blues all’unica vocalist afro-americana che si esibì insieme ai musicisti bianchi negli Stati del Sud, dove questo sodalizio suscitava opposizioni e minacce. Un omaggio all’arte oltre ogni forma di razzismo. Ad esibirsi saranno: Arabella Rustico, voce e contrabbasso; Dario Silvia, pianoforte; Fabrizio Parrinello, batteria; Aldo Bertolino, tromba e flicorno.
Martedì 10 agosto sarà protagonista Rosario Lisma con “Terra matta” e musiche di Gregorio Caimi“Se all’uomo di questa vita non ci incontra aventure, non ave niente de arracontare“. Sono le parole di un bracciante siciliano, Vincenzo Rabito, che, chiuso a chiave nella sua stanza, nonostante il proprio semi-analfabetismo, ha digitato su una vecchia Olivetti la sua autobiografia. Un romanzo storico e di formazione sul nostro Paese nel ‘900, cui Rosario Lisma dà voce con le musiche di Gregorio Caimi. Lettura tratta dal volume di Vincenzo Rabito, Ed. Einaudi, colorata da canzoni popolari antiche. Molte delle quali di Rosa Balistreri, cantautrice e memoria storica isolana del ‘900.
Venerdì 13 agosto sarà la volta di “Blues in 16 di Stefano Benni“ con Massimo Graffeo e Fabiola Filardo e musiche della Kinisia Blues band. In “Blues in sedici” Stefano Benni prende spunto da un fatto di cronaca degli anni ‘80. “Nel cuore della notte, un padre, operaio disoccupato, esce di casa, per raggiungere una sala videogiochi. Lì c’è suo figlio. Avviene un regolamento di conti. Il padre fa scudo col suo corpo al figlio e muore. Lessi questa notizia e pensai a raccontarla in versi. Dedico il blues a tutti gli eroi quotidiani e sconosciuti del nostro orribile e meraviglioso paese” spiega Benni. A dar voce alla ballata saranno Massimo Graffeo e Fabiola Filardo mentre le musiche saranno a cura della Kinisia Blues Band: Pasquale Nuccio – batteria; Diego Buffa – basso; Nino Casano – chitarre; Gregorio Caimi – chitarre; Salvatore Sinatra – piano elettrico; Pasquale Salerno – voce.
Mercoledì 18 agosto protagonista sarà Alessio Piazza: reading di due racconti di Leonardo Sciascia: “Il lungo viaggio” e “Un caso di coscienza” tratti da “Il mare colore del vino”. Nel centenario della nascita dello scrittore siciliano, Alessio Piazza rende vivide, sapide e intense, le parole di uno spirito libero, scrittore coraggioso e anticonformista, che ha fatto di critica sociale e impegno civile la sua ragion d’essere.
Venerdì 20 agosto sarà la volta del concerto: “Mare Nostrum” de I Musicanti di Gregorio Caimi feat. Milagro Acustico. Un evento che nella perfetta cornice della salina dipinge le policromie della cultura mediterranea. Contaminazione che passa dai brani de I Musicanti, toccando Rosa Balistreri e Ignazio Buttitta. Vi s’innesta l’arte del gruppo world romano “Milagro Acustico”. L’etica del soccorso, dell’aiuto al prossimo di qualunque colore saranno cantati da Marwan Samer e Debora Messina nel brano “Terra Madre” in dialetto siciliano e in lingua araba.
Martedì 25 agosto ci sarà lo spettacolo “Cum grano salis”, dove la danza sposa la musica e insieme armonizzano con la natura della salina. Ad esibirsi saranno gli artisti dell’ Officina Tersicore e i Virginia Gold. Le coreografie del Centro Danza Tersicore esploreranno l’armonia del movimento eterno della salina, mentre le musiche immateriali e innovative dei Virginia Gold riprenderanno i suoni dell’acqua, i canti del duro lavoro dei salinai e i versi dei fenicotteri rosa saranno looppati in chiave contemporanea.
Venerdì 27 agosto l’appuntamento è con il concerto di Emanuele Chirco in solo pianoforte dal titolo: “Tra le mie cose”. Emanuele Chirco, pianista, compositore e arrangiatore, eseguirà sue musiche scritte e pubblicate per orchestra in una interpretazione intima, e a tratti riflessiva, per solo pianoforte. Suono che offre spazio per immaginare, viaggiare, sognare innalzando lo spirito: ogni composizione, scaturendo da esperienza autentica, invoca uno slancio verso i valori universali della condivisione, dell’unità, della tolleranza e dell’integrazione.

Mercoledì 1 settembre ancora musica di alto livello con Da Nick a Chick – Storie di jazz e di siciliani” a cura dell’Associazione Carpe Diem. Spettacolo rivelazione che svela il ruolo degli artisti di origine siciliana nella nascita e nello sviluppo di questo genere musicale. Non molti sanno, ad esempio, che il primo disco di Jazz, nel 1917, fu inciso da Nick La Rocca, di origini di Salaparuta (provincia di Trapani). Lo spettacolo parlerà anche: Tony Scott (di origine di Salemi), Joe Pass (Messina) e di Chick Corea. Si esibiranno: Michele Pantaleo – chitarra; Giacomo Bertuglia – contrabbasso; Fabio Gandolfo – pianoforte; Felice Cavazza – batteria; Lorenzo Barbuto – sax; Nicola Genova – trombone; Maurizio Virgilio – tromba; Antonella Parnasso – voce.

Ultima serata sabato 4 settembre, il teatro “Pellegrino 1880” accoglierà “Terroni” con Roberto DAlessandro e musiche a cura di: Andrea Russo, Ernesto Barraco, Irene Sciacca. Tratto dal best-seller di Pino Aprile, lo spettacolo di teatro-canzone “Terroni“ racconta la vera storia dell’unità d’Italia. Dalle cronache locali delle battaglie fra piemontesi e borbonici attraverso 160 anni di verità taciute, la ‘controstoria’ dell’Unità d’Italia che spiega le reali ragioni della questione meridionale.

Sono 901 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 20.216 tamponi processati nell’Isola.

L’incidenza scende fino al 4,4%. L’isola oggi torna in testa ai nuovi contagi giornalieri in Italia. I guariti sono 222 mentre nelle ultime 24 ore si registrano 4 nuove vittime esattamente come ieri e il totale dei decessi sale a 6.047. Sul fronte ospedaliero sono adesso 306 i ricoverati, 8 in più rispetto a ieri mentre in terapia intensiva adesso sono 31 i ricoverati, uno in più.

Questa la situazione nei Comuni capoluogo: Palermo 257; Ragusa 219; Catania 140; Agrigento 96; Caltanissetta 61; Trapani 56; Messina 37; Siracusa 18; Enna 17