Home / Post taggati"un arresto"

I Carabinieri della Tenenza di Favara hanno arrestato un uomo di 23 anni del quale, in attesa della convalida dell’ arresto da parte dell’ autorità giudiziaria, non è stato rivelato il nome ma solo le iniziali, L A. Nel corso di una perquisizione domiciliare e personale, il favarese è stato sorpreso in possesso di 516 grammi di cocaina, divisi in 3 involucri, rispettivamente di 46, 115 e 355 grammi, un bilancino di precisione e materiale utile al confezionamento delle dosi. E poi di una pistola Beretta calibro 6,35 con matricola abrasa dotata di un caricatore contenente 2 cartucce, altri 67 proiettili contenuti all’interno di un sacchetto in plastica, e una cartuccia calibro 7,65. L A risponderà dei reati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, detenzione abusiva di armi, ricettazione e detenzione illegale di armi.

A Licata, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia, hanno arrestato ai domiciliari Luigi Bonello, 46 anni, di Butera, commerciante, per detenzione illegale di arma clandestina, detenzione abusiva di munizioni e ricettazione. In particolare, i Carabinieri hanno compiuto una perquisizione in una casa di proprietà di Bonello, in località “Falconara”, a Butera, a 500 metri dal confine con Licata, nei pressi di un esercizio commerciale lungo la statale 115, accanto al Castello di Falconara, dove, ben nascosto dentro una gabbia per volatili, è stato scoperto un revolver calibro 38 di fabbricazione brasiliana, introdotto clandestinamente in Italia, oleato e perfettamente funzionante. Inoltre, nel corso della perquisizione, estesa ad una casa rurale e in un podere poco distante dall’abitazione di Luigi Bonello, i Carabinieri hanno scoperto e sequestrato 30 cartucce calibro 38 special, 12 cartucce calibro 9 corto, tutte per pistola, 73 cartucce calibro 12 a pallini e 5 cartucce calibro 12 a pallettoni, nonché 2 ottiche di precisione per fucile ed un giubbotto antiproiettile.

E’ stato arrestato ed è adesso recluso nel carcere di Caltagirone un migrante dalla Nigeria, di 29 anni, Lucky Edoro, perché, come denunciato dalla minorenne, avrebbe sequestrato a Canicattì una ragazza nigeriana ospite di una locale Casa d’accoglienza per minori, l’avrebbe condotta al Cara a Mineo, in provincia di Catania, e nel centro di Mineo, segregandola in una stanza, avrebbe più volte tentato di violentarla, ma lei ha resistito, è scappata, e si è rivolta ai Carabinieri.
fonte teleacras

Sono adesso definiti gli esiti sanitari e giudiziari della violenta rissa che si è scatenata a Favara in un centro di accoglienza in corso Vittorio Veneto. Un nigeriano è stato arrestato dai Carabinieri, e altri due suoi connazionali sono stati denunciati. I 3, che hanno usato anche dei coltelli, risponderanno dei reati di lesioni, minaccia, resistenza a pubblico ufficiale e porto di oggetti atti ad offendere. Gli stessi nigeriani, feriti dalla coltellate, sono stati soccorsi in ospedale, ad Agrigento.
fonte teleacras