Home / Post taggati"tosca"

L’aveva immaginata bene la festa per i suoi 30 anni di carriera, Joe Barbieri, il cantautore partenopeo capace di raccontare la vita e l’amore in maniera sofisticata e con quel suo inconfondibile modo di “cantare piano”. Quello che non si aspettava però era sicuramente la torta a fine concerto, davanti a quasi mille persone giunte da tutta Italia per stare con lui in una data così significativa.

E così sabato 7 ottobre (data significativa per la sua carriera) Joe Barbieri festeggia 3 decenni di musica e parole, nella sua Napoli, al Teatro Acacia al completo e lo fa anche invitando non solo i suoi fan, ma anche suoi amici, coloro che sono stati importanti e fondamentali nella sua carriera, costellandola di collaborazioni. Musicisti e cantanti di grande levatura che hanno abbellito e reso indimenticabile la serata.

Sul palco, insieme al festeggiato, Serena Brancale, Mario Venuti, Nino Buonocore, Tosca e Peppe Servillo. Ognuno di loro con il proprio innegabile talento, ha raccontato la propria musica e quella di Joe Barbieri. Ognuno di loro ha rappresentato in maniera appassionata il proprio ruolo nella vita e nella carriera del cantautore, che in un concerto di più di due ore, ha ripercorso quel tempo in musica, iniziato proprio quel 7 ottobre 1992 dal Palco del Festival di voci nuove di Castrocaro, quando ebbe inizio un viaggio pieno di emozioni ed di entusiasmo che l’ha condotto sino a qui.

Durante il concerto, Joe Barbieri ha regalato le canzoni del suo repertorio, colto, delicato, pieno di amore raccontato con raffinatezza e poi l’allegria, tutti dettagli meravigliosi che i suoi fan hanno amato nel tempo e nei quali si sono riconosciuti perché parte della vita di ognuno, di quella vita che ha bisogno sempre di una colonna sonora.

Ad accompagnare Joe Barbieri sul palco, che ha cantato imbracciando la sua chitarra, un trio di professionisti sopraffini del mondo jazzistico italiano. Con lui al piano Pietro Lussu,  Daniele Sorrentino al contrabbasso e Bruno Marcozzi alla batteria. Professionisti dotati non solo di talento indiscusso ma anche di quella capacità di rendere tutto vibrante e coinvolgente e i loro sofisticati assoli durante l’esecuzione dei brani di Joe Barbieri hanno reso tutto magico. L’anima jazz che si lega alla canzone d’autore, crea una dimensione accattivante ricca di dettagli sonori e improvvisativi.

Joe Barbieri è partito da pezzi scritti quando ancora ragazzino sui banchi di scuola immaginava una vita dedicata alla musica, ripercorrendo poi i suoi brani più famosi, alternandoli a quelli meno sentiti, che meritavano un posto d’onore in quella serata così significativa.

Dal 7 ottobre è anche disponibile il nuovo disco antologico dal vivo, “tratto da una storia vera” proprio per festeggiare i suoi trent’anni di carriera. Fil rouge di questo lavoro, le radici nel vissuto del cantautore, le storie incontrate, alla ricerca di un continuo “sentire”.

 

 

È stato come ascoltare un disco, ma con le emozioni dell’aspetto scenico, del talento che ti coinvolge, che ti avvolge e che ti fa fare un viaggio davvero intorno al mondo.
Ieri sera, nell’ambito della rassegna musicale Festival D’Autunno, il suggestivo teatro Politeama di Catanzaro, ha ospitato il progetto musicale di Tosca Morabeza, un vero e proprio viaggio nelle sfumature musicali, nel linguaggio e nei sentimenti di altre culture, di luoghi lontani ma che pulsano sul palco dove la cantante romana accompagnata dai suoi musicisti racconta in musica, le intenzioni raccolte durante un viaggio in giro per il mondo.

Un’atmosfera coinvolgente, per un pubblico variegato, che si è lasciato guidate in quel viaggio dove i suoni, il pathos e la capacità interpretativa si fondono a costruiscono un ponte immaginario che lo spettatore percorre, fino a sentirsi parte di quel progetto sonoro fatto di strumenti che suonano insieme ma nello stesso tempo ognuno per sé, delineando e ricamando ogni melodia che affonda le radici nelle terre che Tosca ha cercato, vissuto, respirato, fino a rubarne l’essenza musicale e culturale.

Morabeza non è solo una parola ma uno stato d’animo, un senso di nostalgia, che insieme alle tradizioni e alle lingue originali, contaminano la padronanza del linguaggio musicale, che Tosca mostra con intraprendenza sul palco, con vigore e raffinatezza, padrona non solo del suo mezzo vocale, che le permette di cantare in una maniera impeccabile, ma anche di essere padrona dello spazio che vive e respira non solo cantando, ma ballando, suonando strumenti a percussione e interagendo con le altre voci ospiti sul palco e che con la sua si legano, si fondono, in mille sfumature tutte da godere. Nel suo modo di fare musica c’è conoscenza approfondita di come si canta, ma c’è anche carisma e quell’anima che ribolle e che esplode in tutta la sua veracità.

Musica e parole di brani arrangiati da Joe Barbieri, cantautore sopraffino suo amico, che “rende comoda” la struttura dei pezzi e li rende amabili, accattivanti, accoglienti.

I suoni della terra d’Africa, fino al Sudamerica, passando per la Francia, fino al cantautorato italiano, vivono su un palco, il cui allestimento scenico è curato da Massimo Venturiello.
Luci soffuse, un grande mappamondo illuminato, gli strumenti come se arrivassero da ogni parte del mondo e la bellezza della musica che si apre, si snoda, nota dopo nota e che abbraccia l’ascoltatore rendendolo erudito e coinvolto e accolto in ogni suono di tamburo, percussione, violoncello, contrabbasso, chitarra e voce.

I musicisti che accompagnano la cantante nel progetto Morabeza sono tutti di grande talento e di straordinaria capacità di dare forma e colore ai brani proposti e con Tosca hanno grande complicità artistica.

Giovanna Famulari al violoncello, al piano e alla voce, musicista di caratura artistica, Massimo De Lorenzi virtuoso della chitarra, Fabia Salvucci che canta altre lingue in maniera appassionata, che suona le percussioni e incanta, Elisabetta Pasquale al contrabbasso e voce, Luca Scorziello, pieno di energia e di prorompenza ritmica, tutti insieme conducono l’ascoltatore in una vera e propria esperienza sensoriale.

 

GUARDA IL VIDEO

 

E’ una intenzione riuscita.

E’ come una scatola che quando la apri, ti investe il suo contenuto, un contenuto fatto di musica e parole, di suggestioni, di contaminazioni, di storia della musica e di talento. Sì perché la prima cosa che va detta è che Tosca, al secolo Tiziana Donati, è una delle voci più belle del panorama italiano ed internazionale. Ma la sua bravura non risiede solo nell’utilizzo impeccabile del mezzo vocale, ma anche nella sua straordinaria capacità di interpretare attraverso la musica le emozioni, scoperte e vissute in tutto il mondo, per poi restituirle all’ascoltatore vestite di colori nuovi, di sensazioni appaganti e di magia.

Tutto questo e molto altro è Morabeza, l’ultimo lavoro discografico di Tosca, uscito lo scorso 25 ottobre, prodotto da un altro grande artista della musica italiana, cautautore, autore e produttore discografico, Joe Barbieri, che del disco ha curato gli arrangiamenti, l’adattamento dei testi e alcune musiche. I due artisti senza dubbio condividono l’arte del cantare piano, della raffinatezza e della ricercatezza del suono.

Ascoltarlo è come fare un viaggio, rimanendo imprigionati nella voglia di restare ancora un po’ nei luoghi, nelle delicatezza sonora e in tutte le sfumature che la cantante romana è riuscita a mettere insieme.

La voce dunque, come mezzo comunicativo per eccellenza che Tosca in questo disco utilizza con tecnica e trasbordante passione; la stessa che l’ha mossa durante quel viaggio che l’ha portata in giro per il mondo tre 3 lunghi anni, e dal quale è nato  un documentario “Il suono della voce” prodotto da Rai Cinema e presentato in anteprima assoluta alla Festa del Cinema di Roma 2019.

Un album dall’audio impeccabile, nel quale tutte le evoluzioni vocali sono pennellate di straordinaria bellezza musicale. Gioca con la versatilità della sua voce, Tosca, con la sua capacità di raggiungere con perfezione note gravi quanto le acute; gioca con altre lingue del mondo, prendendo in prestito i sentimenti di terre lontane, la saudade e l’alegria, la speranza nella propria terra, l’integrazione, e da tutto questo si è fatta contaminare, mettendo al mondo un disco capace in maniera straordinaria di raccontare l’amore, la gioia e la malinconia, in tempi musicali differenti, in stili musicali che sono segno distintivo di una ricerca di sonorità spesso accattivanti, altre volte vestite di disarmante delicatezza.

La lingua italiana contaminata da altre lingue, il portoghese, il francese, e quel connubio così avvolgente con altre voci, ospiti di Morabeza, che creano un nuovo posto nel mondo, che tiene insieme, che esplode di affinità musicali e sensoriali. I duetti presenti nel disco, sono scambio, accoglienza, sono perfetti nella tecnica del cantato e avvolgenti nell’intenzione del “rendere possibile”, come se fosse tutto facile. Questa è una caratteristica di Tosca, questa leggerezza nel cantare, come se le basti aprire bocca, per coinvolgere, come se la sua volontà espressiva si serva del cuore, non solo di musica e parole. Ivan Lins, Arnaldo Antunes, Cyrille Aimée, Luisa Sobral, Lenine, Awa Ly, Vincent Ségal, Lofti Bouchnak, Cèzar Mendes, i suoi compagni di viaggio, e e gli italiani Nicola Stilo al flauto in “Mio canarino“, il violoncello della strepitosa Giovanna Famulari e di Vincent Ségal, in “Serenade de Paradise“, pezzo cantato da Tosca in francese. La Francia anche in “Le troisieme Artificier”  eseguita con  Cyrille Aimée in un valzer musette, con atmosfere del primo ‘900, il valzer appassionato per le classi più umili. Molto ben calibrate le due voce, in italiano e francese, diverse in timbrica per le due cantanti. Ed ancora il bravissimo Gabriele Mirabassi nel pezzo “Giuramento”, che apre il disco, in cui il suo clarinetto dialoga in maniera sublime con la voce di Tosca, con il senso delle parole cantate e crea un vero e proprio ricamo al brano di Pixinguinha.

Nell’album c’è anche un pezzo di Joe Barbieri, uno dei più emozionanti, “Normalmente che Tosca cantava già nei suoi concerti, e che accompagnata da un intro di chitarra, in questo lavoro discografico condivide con Ivan Lins e diventa un’armonia a due voci, italiano e portoghese che lascia incantati e emozionati, mentre ci si lascia avvolgere da voci e archi.

C’è la bossa nova, c’è la cultura di Tunisi, c’è il valzer, c’è il suono del mondo che pulsa nella voce di Tosca, nel suo fischiettare, e nello swing leggero degli anni ’50 che aleggia in “Simpatica”, pezzo dal profumo vintage, permeata di mood “easy listening”.

Questo disco ha un titolo perfetto. Morabeza non ha un concetto scolastico, è uno stato d’animo. E’ passione, nostalgia, è gioia dell’appartenenza, è la paura di qualcosa che non tornerà. Questo è un disco colorato, come la copertina che ritrae tosca sdraiata e sognante, mentre poggia i piedi su un mappamondo che mostra l’emisfero boreale. Questo disco assomiglia alle nubi di bianca bambagia che corrono sopra l’Atlantico, come i coriandoli di terra che Tosca ha visitato, vissuto, fatto sua, per poi confezionarla con la sua voce, a volte raso a volte seta.

E’ un disco di cui ci si innamora, così come ci si innamora delle cose lontane che si vorrebbero conoscere, toccare, ma poi chiudi gli occhi e sogni.  Con questo disco si può sognare, mentre ci si emoziona per un controcanto, che finisce in minore e che ti fa venire voglia di riascoltarlo, tutto daccapo.

 

Simona Stammelluti

Ieri 23 agosto, nell’ambito della rassegna estiva ArmonieD’ArteFestival guidata dall’eccellente direttore artistico Chiara Giordano, si è assistito a Tosca,  melodramma in tre atti di Giacomo Puccini, nella strepitosa cornice del Parco Archeologico Scolacium a Borgia (Cz)

L’evento, inserito nella sezione “non solo spettacolo“, con temi e personaggi che raccontano le problematiche che ancora oggi suonano come disagio, ha fornito innumerevoli spunti, dalla centralità della donna rispetto ad un mondo spiccatamente maschile, il ricatto, la molestia, la tortura e quell’amore che non sempre vince su tutto.  Temi intramontabili e facili da incastonare ancora nei nostri tempi e in quasi tutti i contesti sociali.

Tosca, è stata una produzione pensata per il Parco Scolacium, capace di diventare un pulsante laboratorio di ricerca registica e  produttiva, capace di far convivere grandi artisti con giovani talenti, oltre alle risorse del territorio che possono così confrontarsi, condividendo competenza e passioni.

Una splendida orchestra di 50 elementi diretta dal Maestro Leonardo Quadrini, che ha lavorato con artisti di fama internazionale come Cecilia Gasdia,  che ha diretto quasi tutte le opere liriche e che ieri sera è stato impeccabile anche nella direzione della soprano Dimitra Theodossiou (Tosca), e del tenore Francesco Anile (Mario Cavaradossi).

La regia è stata affidata a Marco Gandini che ha concepito l’installazione artistica sul palcoscenico, suddiviso in tre isole distinte per ognuna delle azioni sceniche, visiva e di art action, per ciascuno dei tre atti di Tosca. L’allestimento è stato pensato in modo che comprendesse la pittura, la scultura e la luce.

I tre atti dell’opera, suddivisi lungo un percorso nel tempo, che prevede la gelosia e la felicità che lascia il posto alla corruzione, per giungere a quella dimensione psichica e illusoria di Tosca, che vive un confine drammatico tra speranza e la spietata realtà.

Il sacrificio-suicidio, tema cardine dell’opera, sono legati al senso di fuga, che attraversa spesso l’animo umano rispetto al potere travolgente della vita.

Ottima e dinamica presenza scenica dei protagonisti, bravi nella performance. Vi è stata una scelta di modernizzare un po’ la scena, i carabinieri al posto dei gendarmi e poi la presenza in scena oltre ai protagonisti principali di figure estemporanee che – a mio avviso – avevano il compito di “mimare” in qualche modo i temi centrali dei tre atti.

I passaggi più famosi della Tosca di Puccini – pensiamo ad esempio alle arie come “E lucevan le stelle” – hanno inevitabilmente portato gli appassionati a ricordare la straordinaria interpretazione di Pavarotti. Ma mi preme dire che l’interpretazione di Francesco Anile è stata egregia.

Emozionante in diversi momenti, la performance della Theodossiou, che sul finale diventa struggente, in quell’attimo prima di scoprire che l’uomo che ama è morto per davvero, e non come le avevano fatto credere; in quel momento in cui invoca Mario di restare giù ancora un po’, fino a che i suoi esecutori fossero andati via. Quella speranza di riscatto totale, quel momento di altissimo valore, che precipita, collassa in una realtà spietata che a volte non lascia scampo.

Una realtà vecchia di 119 anni, eppure così attuale, così tagliente, così sfacciata.

E’ stato ancora un successo per la rassegna, che da 19 anni regala alla terra di Calabria, una opportunità di respirare la cultura e la bellezza dell’arte e noi esperti del settore, per questo, li ringraziamo ancora una volta.

 

Simona Stammelluti