Home / Post taggati"roberto saviano"

Se è vero che tutto quello che noi giornalisti abbiamo è la parola, e che come cittadini siamo liberi (ancora) di scegliere da che parte stare , allora io scelgo di usare la parola per “dare la parola” e scelgo di stare dalla parte di chi si prende le proprie responsabilità, sempre, e quindi sto dalla parte di Roberto Saviano che in un video pubblicato da La Repubblica TV racconta quel che gli accadrà ed anche perché. E poi parla al Ministro Salvini promettendogli che con l’unica arma che ha, ossia la parola, non gli darà mai tregua.

E’ stato rinviato a giudizio, Saviano e dunque, sarà processato per aver definito Matteo Salvini il “ministro della malavita“.Come tutti i cittadini, vado a farmi processare” – dice il giornalista sotto scorta nel suo messaggio.  Sottilinea come mentre lui, con un po’ di fierezza va a farsi processare, Salvini si sottrae al giudizio sul caso Diciotti, tramite ricatti e pressioni politiche, facendosi appoggiare dal Movimento 5 Stelle che – come sottolinea Saviano – con la sua posizione in merito alla vicenda, ha perso completamente faccia e dignità, anni di presunte lotte circa quell’essere diversi dalla politica. “Ma un giorno saranno chiamati a rispondere, uno per uno, perché e con quest’atto”– dice Saviano – che si inizia a trasformare quella che è una democrazia, verso una dimensione autoritaria”

Non mi intimidisce Matteo Salvini, la lotta agli intellettuali non è cosa nuova al nostro paese, non è cosa nuova per il potere, non è cosa nuova per chi cerca di rendere autoritario un governo e questo è il primo passo” – continua il giornalista e scrittore.

Poi, definisce il populismo: “Dire di fare qualcosa per il popolo o poi ingannarlo, usare un’argomentazione demagogica, per poi fregarlo attraverso quelle espressioni classiche: per voi, per il popolo, prima gli italiani, prima il popolo

Saviano ricorda Liu Xiaobo, uno dei più grandi intellettuali cinesi, rinchiuso in un laogai e dunque, si dice consapevole di essere fortunato, libero ancora di metterci il corpo e la faccia nella battaglia contro le bugie di questo governo, una battaglia che definisce “necessaria”.

Poi si riferisce direttamente al ministro Salvini: “Ero stato facile profeta, l’avevo chiamata buffone, qualche tempo fa e lei si è dimostrato un buffone; aveva detto di essere pronto al processo, e invece scappa, come un codardo, come si è sempre dimostrato; codardo nella vicenda dei milioni rubati alla lega, codardo nel non dimostrare pubblicamente tutti gli errori fatti dalla Lega al Sud Italia, codardo sulla vicenda Diciotti. Chiunque vi critichi è élite e questo popolo allora ha una sola ragione, una sola testa, un solo sguardo. Chi è con voi è popolo, chi è contro di voi è élite

Lei scappa, io RESTO, resto in questo processo a difendermi e le faccio una promessa, con l’unico strumento che h0, la PAROLA, io NON LE DARO’ TREGUA MAI, non darò tregua a nessuna singola bugia che ha pronunciato e che pronuncerà“.

 

Simona Stammelluti

L'immagine è di proprietà del Sicilia24h.it - vietata la riproduzione -

«Chi mente, se anche non scoperto, ha la punizione in sé medesimo; egli sente che tradisce un dovere e si degrada»

(Silvio Pellico, da Dei doveri degli uomini.) – Fonte Wikipedia –

Noi giornalisti, amati e odiati.
Noi, buoni e cattivi, capaci, meno capaci ed incapaci.
Noi, incorruttibili, corruttibili, corrotti.
Noi, che ci comprano con poco e ci svendono per nulla.
Noi, che ubbidiamo solo al lettore, o che invece ubbidiamo ai poteri forti.
Noi, che scegliamo di parlare sempre o noi che stiamo zitti, sperando che nessuno si accorga che siamo stati zitti fin quando l’onda anomala non sia passata.

Embè, l’onda anomala qualcuno però dovrà pur raccontarla, soprattutto in un paese dalla memoria sempre troppo corta, che dimentica in fretta, che vive simpatizzando senza mai andare fino in fondo, che oggi “bla bla bla” e domani “che noia”.
Noi, che – prendendo in prestito l’espressione di Giacchietti verso Speranza all’assemblea Pd –  “abbiamo tutti un po’ la faccia come il culo” e alla fine “basta che se ne parli” (quando se ne parla), e poi torna tutto come prima, vendita di libri compresa.

La notizia che nelle ultime ore sembra essere sfuggita alla cronologia e dunque riesumata da una tomba con epitaffio 2015  (fosse mai che Saviano stia uscendo con un altro best seller?!) è quella della sentenza della Cassazione che ha condannato Saviano per aver copiato tre articoli poi inseriti nel suo Best Seller, Gomorra, che ha venduto circa 10 mln di copie.

Appropriarsi di parole che non sono proprie, non si confà né ad un giornalista né ad uno scrittore; che poi é noto quanto noi scrittori si debba dichiarare – una volta consegnato un manoscritto ad una casa editrice che scelga di renderlo pubblico – che quanto scritto si riferisce alla fantasia dell’autore, o ad una libera interpretazione di fatti o di indagini personalmente condotte; in tutti gli altri casi, c’è l’obbligo di segnare a margine una bibliografia che citi tutte le fonti utilizzate per la stesura di una eventuale opera.

Saviano lo sapeva? Non posso rispondere per lui, ma non é certo uno sprovveduto, né un ingenuo. Forse un po’ furbo o forse troppo immedesimato in qualcuno dei suoi personaggi tanto da pensare di essere immune da qualsiasi norma o da critiche …Cose da dilettanti, però!

La Cassazione, sentenza definitiva e quindi inappellabile, conferma l’accusa di plagio, però si legge anche che “il risarcimento è proporzionato al fatto che quei tre articoli copiati non avrebbero potuto decretare il successo dell’opera di 331 pagine”, perché un giudice, nell’ambito del proprio libero convincimento, ha deciso che un articolo di stampa pubblicato da una remota testata giornalistica di provincia non avrebbe potuto decretare tale successo (quasi quasi dovrebbero ringraziarlo per aver loro concesso qualche istante di notorietà!)

Beh io proverei a togliere quelle pagine che riportano gli articoli e poi vediamo come si procede, nella narrazione dei fatti.

Ma proviamo a tracciarlo, un profilo dello scrittore che spesso è in TV (dove presumibilmente presto tornerà) con i suoi monologhi sulla correttezza, su come si vive, su cosa sia il rispetto, su come si accettano i propri limiti, ma evidentemente vale solo per gli altri. Un mix Saviano, un po’ inquisitore un po’ Ghandi.

Non si può pensare che uno come Saviano, commetta sbagli così grossolani, o che ingenuamente cada.

Diciamo che i sistemi nei quali si muove sono abbastanza blindati. Grandi case editrici, giornali sui quali ha sempre come dispensare parole in libertà, le TV che gli concedono spazi privilegiati.

E poi ci siamo noi, i giornalisti … quelli amati e odiati.
Noi, NOTI O SCONOSCIUTI, buoni e cattivi, capaci, meno capaci ed incapaci.
Noi, incorruttibili, corruttibili, corrotti.
Noi, che ci comprano con poco e ci svendono per nulla.
Noi, che UBBIDIAMO SOLO AL LETTORE, o che invece ubbidiamo ai poteri forti.
Noi, che scegliamo di parlare sempre o noi che stiamo zitti, sperando che nessuno si accorga che siamo stati zitti fin quando l’onda anomala non sia passata.

Ad oggi comunque non ho ancora deciso se mi rattrista più un Saviano che copia, o un Papa che impreca.

Simona Stammelluti