Home / Post taggati"miles davis"

Erano fratelli in musica, separati dal colore della pelle.
La breve partnership durata nove mesi tra i due, ha prodotto uno dei più sublimi dischi jazz mai registrati.
Senza la miscela unica delle loro diverse sensibilità, forse un tale capolavoro non sarebbe stato possibile.
Davis soprannominò Evans “Moe”, un nome “abbottonato” che si adattava all’aspetto serio e riservato di Evans.
Era il 1958, Davis aveva appena reclutato Bill Evans per il suo sestetto di fuoco e iniziò così quell’avventura, che fu quasi una svolta.
Dopo anni di persecuzioni razziali, il trombettista, nero, si trovò a guidare una delle jazz band più famose al mondo con un sideman, bianco.
Miles si era già relazionato con altri jazzisti bianchi in altre situazioni, ma mai si era raggiunto un profilo così altro, come il gruppo del ’58 con John Coltrane, Cannonball Adderley, Paul Chambers e Jimmy Cobb ed Evans che era una minoranza, e Miles non smetteva di ricordarglielo.
Adderley riferì che Miles era solito scherzare con lui, lo chiamava semplicemente “whitey”, a volte lo prendeva in giro, ma aveva grande rispetto del suo modo di fare musica.
Davis ed Evans erano vicini, complici e musicalmente Davis era più in sintonia con il suo “nuovo pianista” che con chiunque altro, in quel leggendario sestetto.
Entrambi parlando così tanto con così poco, usando i loro rispettivi strumenti per fondere i loro stili distintivi.
Fragilità, delicatezza e quella capacità di Evans di usare “morbido”, il pedale del pianoforte.
Entrambi erano “esploratori” immersi nella tradizione jazzistica, eppure attingevano alla musica classica e mondiale, sempre alla ricerca di una maggiore libertà di espressione e spontaneità in una musica che Miles descriveva come troppo pieno di cliché.
La loro collaborazione ha superato di gran lunga il paradigma leader-sideman. Evans influenzò la visione di Davis e riuscì a guidare anche il suo gusto.
“Ho pianificato quell’album attorno al pianoforte di Bill Evans” – aveva ammesso Davis nel 1989.
Fu come se fossero “cresciuti insieme”, malgrado i loro vissuti così diversi.
Davis si sentiva forte quanto c’era Evans, con il quale aveva sperimentato il jazz modale.
Il dialogo Davis / Evans non finì mai.
Miles disse che Evans era colui che gli aveva aperto le porte, musicalmente, e che era speciale, per lui.
Le poche immagini che catturano Miles e Bill fianco a fianco, cosi diversi in aspetto e stile, eppure così a loro agio, sembrano da sempre, sfidare il tempo
Buon #internationaljazzday a tutti
Simona Stammelluti