Home / Post taggati"furti"

Approfittando dell’assenza dei proprietari, ieri sera, ignoti hanno fatto irruzione in un abitazione in via Falesio. Secondo indiscrezioni i topi d’appartamento sono riusciti ad entrare nell’abitazione posto al piano terra dello stabile, mettendolo a soqquadro e facendo razzia di quanto avesse un valore.  I malviventi ultimata la razzia, hanno tentato un secondo colpo, al piano superiore, dove sono stati distolti dal impianto di video sorveglianza e dall’allarme sonoro, che era entrato in funzione.

Ad accorgersi dell’accaduto i proprietari, che tornati a casa in serata hanno avuto l’amara sorpresa.

A distanza ravvicinata è stato perpetrato un furto con scasso ai danni di due villette in viale delle Dune.

I ladri sono entrati in entrambe le villette forzando un infisso, arraffando tutto quello che potevano – oro, denaro contante, gioielli e argenteria.

Ad accorgersi di quanto accaduto, anche in questo caso, sono stati gli stessi proprietari.

In 24 ore ad Agrigento si sono registrati quattro furti in appartamento di cui due nella zona balneare e gli altri in città. Questo indice, se pur limitato nel tempo, è un segnale significativo in costante aumento. La maggiore causa dei furti in appartamento va incentrata in una crisi economica dilagante.

Gli agenti di Polizia, nella stessa giornata hanno identificato due soggetti, madre (59anni) e figlio (34anni), originari di Grotte ma residenti altrove, in possesso di attrezzi da scasso senza un giustificato motivo.

Ad Agrigento, al Villaggio Mosè, in via Federico
Fellini, ignoti delinquenti, approfittando della temporanea assenza
dei proprietari, sono entrati dentro un’abitazione durante il
giorno forzando una finestra e hanno rubato gioielli, argenteria e
anche cosmetici. Indaga la Polizia.
A San
Biagio Platani, ignoti malviventi, nottetempo, hanno scassinato una
saracinesca di un magazzino di un esercizio commerciale di
materiali edili e hanno rubato materiali edili e un autocarro Iveco
utilizzato dalla ditta per le consegne. Il bottino ammonta a circa
30mila euro. Indagano i Carabinieri.

Fonte teleacras

20150502-112258.jpg

POST TAGS:

Ad Agrigento, nei pressi dello stadio Esseneto, ha subito un furto il bar Baby Luna. I ladri sono entrati da una finestra sul retro del locale, hanno scassinato le slot machine ed una macchinetta cambiamonete. Il bottino ammonterebbe a poche migliaia di euro. E ancora ad Agrigento, nottetempo, ignoti ladri sono entrati dentro l’ agenzia di assicurazioni Allianz in via Papa Luciani e hanno rubato 150 euro usando dei guanti per evitare impronte.
Fonte teleacras

20140326-113858.jpg

POST TAGS:

I poliziotti del Commissariato di Canicattì hanno denunciato un collaboratore scolastico di 53 anni per furto di materiale nel Liceo classico e scientifico dove ha lavorato. Il bidello, originario di Favara, è stato incastrato dal sistema di videosorveglianza di un istituto confinante, e si sarebbe appropriato di cancelleria, detersivi, una dozzina di computer ancora imballati e una cassaforte. Nella sua abitazione è stata scoperta una parte di refurtiva e in una casa in campagna la cassaforte. Nello stesso Liceo, in meno di un anno, sono stati commessi 17 tra furti e tentati furti, disattivando il sistema di videosorveglianza prima di ogni furto.
E nel merito della notizia sui furti al Liceo Foscolo di Canicattì, diffusa dall’ agenzia Ansa, interviene il difensore del bidello, l’ avvocato Leonardo Cusumano, che precisa : “il mio assistito è assolutamente estraneo agli addebiti pubblicati. Gli oggetti scoperti nel corso della perquisizione, attività rispetto a cui il mio cliente ha prestato la massima collaborazione, sono di proprietà dello stesso bidello e non sono in alcun modo riconducibili al materiale sottratto al Liceo Foscolo”.
Fonte teleacras
20140326-113456.jpg

POST TAGS:

Furti di benzina su ambulanze. Buco da 300mila euro alla Seus, la società che gestisce il servizio 118. Inchiesta dei Carabinieri e della Procura di Palermo. I vertici della società si sono accorti, tra l’altro, che su un mezzo fermo da mesi perché guasto sono stati ugualmente spesi per carburante 40 mila euro. Si è proceduto a dei primi interrogatori e non vi sarebbero ancora indagati. Il presunto furto di benzina dalle ambulanze è sotto esame : occorre accertare se si tratta di spese per benzina mai acquistata o di un vero e proprio furto di benzina dalle ambulanze che ovviamente a cascata provoca l’aumento della spesa per il carburante. Angelo Aliquò, neo direttore della Seus, conferma che è in corso una indagine.

20140306-102503.jpg

POST TAGS: