Home / Post taggati"direttore generale"

Troppo politichese, troppi auguri, troppi micio micio bau bau. E fra poco vedrete che verranno fuori tantissimi comunicati, soprattutto di natura politica, il cui tema sarà più o meno lo stesso. Tizio esprime soddisfazione per la nomina del commissario di Sciacca, Caio esprime contentezza, Filano esprime gioia, Martino si congratula e cosi via dicendo.

Ad aprire questa maglia, purtroppo, la presidente della Commissione regionale alla Sanità, on. Margherita La Rocca Ruvolo, la quale, come detto, attraverso un comunicato stampa ha augurato buon lavoro al neo commissario di Sciacca e Ribera dott. Alberto Firenze.

On. La Rocca, abbia pazienza, ma è questo il momento di fare gli auguri? In un dramma come quello che stiamo vivendo non crede che sarebbe più opportuno prendere decisioni veloci, capaci e soprattutto autorevoli per agevolare immediatamente il già problematico caos che regna su come cercare di fronteggiare (almeno) il coronavirus?

L’Asp di Agrigento, come lei ben sa, è attualmente orfana di un Direttore Generale per non meglio specificati motivi. Non vogliamo pensare che questa perdita di tempo che ormai dura diversi mesi (troppi quando si parla di sanità), possa entrare a far parte di un gioco politico che frena il regolare (e naturale) svolgimento delle attività sanitarie di una intera provincia nelle cui casse vengono versati 570 milioni di euro per “risolvere” i problemi di salute nel nostro territorio.

Essendo lei, on. La Rocca, persona estremamente attenta e soprattutto sensibile alle difficili questioni sanitarie, colga l’occasione (visto che è un deputato regionale della provincia di Agrigento, visto che è il presidente della Commissione Sanità, visto che siamo in pieno dramma Covid 19, visto che all’Asp di Agrigento si gioca per quella poltrona da troppo tempo e visto che si sente dieci volte al giorno con l’assessore al ramo Ruggero Razza) per svegliare qualche anima affranta e indecisa e rompere ogni indugio per dotare l’Asp di una intera provincia di un Direttore Generale.

On. La Rocca Ruvolo, non crede che sia arrivato il momento di dire basta?