Home / Post taggati"danilo rea"

Questa 68esima edizione del Festival di Sanremo è stata un’ottima possibilità per Pierfrancesco Favino per mostrare – anche a chi lo conoscesse abbastanza bene come attore – tutte le sue capacità artistiche. E se la presenza scenica con la quale calca il palcoscenico è senza dubbio una dote innata, sorprende vederlo, sera dopo sera, ballare ed intrattenere in maniera a volte esilarante, ma sempre con stile e con un picco alto di talento. Non è comune vedere un attore parlare così fluentemente la lingua inglese tanto da potersi permettere una sorta di parodia a Steve Jobs che spiega come sia riuscito a mettere a punto un replicante di  Claudio Baglioni.

La terza serata – che a parte qualche momento – non sembra particolarmente accattivante, si rianima con l’arrivo di Virginia Raffaele, che con la padronanza di chi sa fare “tutto e bene”, riesce a prendere elegantemente in giro il direttore artistico e poi con lo stesso canta. Ma lei sì che può farlo, perché ne é capace e così “canto anche se sono stonata”, diventa uno dei momenti migliori della serata.

Baglioni continua a proporre le sue canzone in tutte le salse e in ogni contesto; Persevera anche la Hunziker, che per la terza sera di seguito si cimenta nella pratica canora fallendo miseramente.
Non convince neanche il look retrò con quella pettinatura anni ‘30 e quei vestiti con godet.

Non falliscono invece in quel che a loro riesce benissimo, James Taylor e Giorgia in duetto, super ospiti della terza serata, che con la famosa “You’ve got a friend” mettono in pausa tutto il resto e tengono il palco di una bolla, sospesa in un’atmosfera sofisticata.

Anche i Negramaro ospiti della terza serata, che dopo aver profuso sul palco dell’Ariston tutta la verve possibile, alla fine – perché quella è la sorte che tocca a tutti ormai – cantano con Baglioni una delle sue canzoni, “Poster”. Che poi questi pezzi per forza di cose vengono riarrangiati e non sempre conservano le peculiarità armoniche e ritmiche che le resero celebri.

È tardi ormai quando sul palco sale Danilo Rea, un veterano del jazz che oggi piegatosi al commerciale, sveste quei panni e segue da anni Gino Paoli che ha fatto anche lui la storia della musica italiana, ma che ormai non ce la fa più e forse dovrebbe tenere seriamente in considerazione la possibilità di lasciare le scene; e così resta solo la tenerezza dell’omaggio a Faber e a Bindi.

Ma Sanremo è soprattutto una gara. In gara per la sezione “nuove proposte” Mudimbi (Il mago), Eva (Cosa ti salverà), Ultimo (Il ballo delle incertezze), Leonardo Monteiro (Bianca). Buoni i pezzi di Mudimbi e di Ultimo, anche se “quest’ultimo” ha poco controllo della sua voce.

Per i secondi 10 Big in gara, restano nella zona “alta” della classifica Max Gazzè, il duo Meta-Moro (aiutati sicuramente dalle polemiche degli ultimi giorni circa la vicenda del plagio) e Lo Stato Sociale.
A me ha colpito invece il duo partenopeo Avitabile-Servillo; hanno un sound spettacolare, ed arte interpretativa degna di nota.

Si attende la serata di oggi, durante la quale i 20 big duetteranno con altri artisti e tra questi “altri” ci sono fior fiore di talenti. Sarà – a mio avviso – la migliore delle serate fin ora consumatesi.

 

Simona Stammelluti