Home / Post taggati"cosa vuoi che sia una canzone"

E’ una sera di inizio marzo, fa ancora freddo. Ma le cose belle si scaldano da sole e “riscaldano” per magia. A portare Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro al teatro comunale di Mendicino è la Fondazione Lilli Funaro che da tanti anni ormai in onore a Lilli – ragazza appassionata di medicina e di musica, prematuramente scomparsa –  organizza concerti che hanno la musica d’autore come sfondo, e la raccolta fondi per la ricerca come obiettivo. La direzione artistica della rassegna “Cosa vuoi che sia una canzone” è toccata a Renato Costabile, appassionato e profondo conoscitore del mondo cantautorale, quanto di quello del teatro d’autore.

E’ sempre emozionate quanto si ricorda Lilli, nelle serate a lei dedicate. Perché la semplicità con quale la si ricorda attraverso quel veicolo disarmante che è la musica, consegna la consapevolezza di quanto la vita possa essere imprevedibile e di come la musica possa traghettarci sempre oltre … oltre quello che accade, lasciandoci però ancorati alle passioni e alla volontà di continuare ad “andare”, a costruire, a raccontare.

E se il “raccontare” è un vero dono per scrittori e poeti, allora va riconosciuto sin da subito che Canio Loguercio appartiene a quella ristretta categoria di musicisti dotati di quel dono. Quel suo raccontare che si sposa fedelmente con una voce che non dimentichi. Perché lui ci mette un fil di voce, una interpretazione appassionata e una intonazione impeccabile. Sì vale anche quella, per chi come me valuta performance e non certo la carriera di un artista.

Ha una voce calda, profonda, che scivola nelle note gravi e resta aperta, e da quella apertura escono parole sussurrate ma sempre chiare, rotonde, senza spigoli. Da quell’apertura escono le parole di un repertorio di canti e ballate, che parlano d’Ammore, di amicizia, di volontà perdute. Il tutto con le radici ben piantate nella tradizione non solo napoletana, la cui lingua durante il concerto viene regalata, divenendo una sorta di approccio emozionale con il pubblico, ma anche nella volontà di tradirla un po’ quella tradizione, vestendola con linguaggi differenti, sonorità che arrivano da lontano e che diventano prorompenti perché con Canio Loguercio, ieri sera c’era un signor musicista, al quale sarebbe riduttivo attribuire l’aggettivo qualificativo “bravo”. Perché Alessandro D’Alessandro è piacevolmente meticoloso mentre suona l’organetto, dal quale esce tanta Napoli, dal quale escono suoni da campionare, a loop, ma che diventa anche base ritmica. Il talento del musicista sta nel saper interpretare la volontà del cantautore, ricamare innumerevoli tappeti sonori sulle intenzioni di Loguercio, senza però mai strafare.

Il bello di questo lavoro infatti, è che non ci sono eccessi, è tutto perfettamente imbastito sull’essenziale.

Il mantice dell’organetto produce note che scendono fin nello stomaco e lì restano, come fanno le emozioni.

E’ inutile dire che la suggestione di una Napoli che pulsa, è prorompente, mentre Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro, mettono in piedi uno spettacolo intimo-sentimentale, con un risvolto tra il sacro e il profano. Preghiere laiche e assonanze creative, che camminano lungo il filo della passione amorosa, della memoria e di quella capacità di denudare la canzone napoletana classica, per rivestirla poi, di quel gioco sottile tra teatralità ed ironia.

Simpatico, vero, coinvolgente, Canio Loguercio, che in inizio di concerto finge di attendere un suo amico, Tonino, che alla fine non arriverà; chiede una sigaretta che nessuno ha, racconta piccoli aneddoti, porta il pubblico pian piano nel suo mondo, poi incomincia a cantare, imbracciando una chitarra che parla piano, mentre lui coniuga intonazione e teatralità, mentre canta in levale appoggiandosi sulla musica dell’organetto capace di trasformare tutto, in un soffio di poesia.

Il pubblico si sente parte di quel tempo condiviso, partecipa, applaude e sorride, a volte. Conta, porta il tempo e si appassiona.

Cosa vuoi che sia una canzone“, è il titolo della rassegna che va avanti per tutto il mese di marzo. Beh, una canzone può essere un approccio appassionato, una scoperta, una dimensione. Può essere un testo che parla di un “ammaro amore” o del suono di una campana , o della nostalgia che prende quando si pensa ad un amico che non c’è più, come nel pezzo “cumpà”.

Canio Loguercio – vincitore insieme ad Alessandro D’Alessandro del Premio Tenco nel 2017 – è un artista che non ha bisogno di essere classificato anche perché è difficile dire dove si colloca il suo modo di fare musica d’autore e se  come diceva lui ieri sera, le parole si distinguono in parole importanti e “strunzate”, allora mi viene da dire che la sua poetica è importante nella misura in cui di essa ci si innamora.

Io, ieri sera, mi sono innamorata e quel suo cantare, così lieve e profondo, lo contemplerò tra le cose belle che la musica mi regala da tanti anni.

 

Simona Stammelluti