Home / Post taggati"Comune Agrigento" (Pagina 3)

Sul sito internet del Comune di Agrigento è stato avviato il secondo sondaggio sulla “Democrazia partecipata” , ossia il quesito rivolto ai cittadini su come spendere 58 mila euro, che sono il 2 % del Bilancio. Inizialmente sono state previste 3 voci : realizzazione parco giochi, bonus alimentare indigenti e cura del verde pubblico, e poi altra voce generica, quindi ‘altro’, su altre istanze dei cittadini. Ebbene, siccome le segnalazioni sono state tante, l’ amministrazione ha rinnovato le consultazioni introducendo altre 2 voci : l’assistenza domiciliare ai disabili e un centro educativo per l’autismo.

Il Comune di Agrigento e il bilancio partecipato. L’ amministrazione comunale Firetto annuncia : “In relazione al primo risultato del sondaggio sul bilancio partecipato effettuato dall’Amministrazione comunale sul sito del Comune, a cui hanno partecipato 4300 cittadini, e per l’utilizzo di 58 mila euro, erano state previste 3 voci : realizzazione parco giochi, bonus alimentare indigenti e cura del verde pubblico, e poi altra voce generica, quindi ‘altro’, su altre istanze dei cittadini. Ebbene, siccome le segnalazioni sono state tante, l’ amministrazione ha rinnovato le consultazioni introducendo altre 2 voci : l’assistenza domiciliare ai disabili e un centro educativo per l’autismo”.

Il capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Agrigento, Giovanni Civiltà, a nome del gruppo, esprime soddisfazione a seguito della nomina dell’ onorevole Vincenzo Giambrone a coordinatore provinciale di Forza Italia di Agrigento. “Augurando all’ amico Giambrone un proficuo lavoro a favore del rilancio del partito nell’agrigentino – afferma Civiltà – riponiamo massima fiducia nelle sue capacità politiche e nella sua esperienza, al fine di alimentare costantemente un sinergico rapporto tra la segreteria provinciale del partito e gli amministratori locali del territorio, come condizione indispensabile di presenza e di promozione delle comunità”.

Entro la prossima settimana ad Agrigento sarà pronto il secondo bando per altre demolizioni di costruzioni abusive nella zona A, a non edificabilità assoluta. Le imprese interessate potranno presentare, entro la data che sarà indicata nel bando, le proprie offerte. Tramite il fondo di rotazione, il Comune di Agrigento ha recuperato e stanziato circa 90 mila euro, che serviranno per abbattere 13 manufatti giudicati abusivi con sentenze definitive emesse, in maggior parte, dal Pretore e risalenti al periodo tra il 1992 e il 1999. Come è noto, le spese che il Comune affronta per abbattere la costruzione abusiva saranno poi addebitate al responsabile della costruzione il quale, dunque, per evitare ciò, ha facoltà di abbattere il proprio abuso prima che intervengano le ruspe ingaggiate dal Comune.

Il Movimento 5 Stelle denuncia l’ indifferenza dell’ amministrazione comunale di Agrigento verso l’abbattimento delle barriere architettoniche. Il consigliere comunale Marcello La Scala solleva il caso di uno studente, che pesa 70 chili, e che costringe il padre, ormai da 4 anni, ad una via crucis per entrare a scuola, dovendo affrontare in carrozzella una rampa di scale. Tale problema è ben noto agli uffici del Comune, ai quali invece non interessa nulla. Già nel settembre 2011, quando il ragazzo si è iscritto alla prima media, la preside ha segnalato al Comune la necessità ad intervenire per rendere meno difficile e più dignitoso l’accesso a scuola del giovane disabile. Invece, dal settembre 2011 i signori competenti degli uffici del Comune hanno intascato 4 anni di stipendi pagati da tutti noi cittadini, e non si sono per nulla interessati a risolvere il problema. Tante altre lettere hanno inviato i dirigenti della scuola ai signori del Comune : niente, nessuna risposta. Anche il padre, Michelangelo Giuffrè, si è rivolto personalmente ai signori degli uffici del Comune di Agrigento, ha parlato con loro : niente. Il Movimento 5 Stelle e il consigliere La Scala sollecitano un rimedio al più presto. Ogni altro commento è superfluo, oltre che inutile.

Il Movimento 5 Stelle di Agrigento, tramite la consigliere comunale Marcella Carlisi, invoca la riduzione delle indennità di sindaco e giunta. La stessa Carlisi afferma : “Il sindaco Firetto ha appena lanciato l’allarme casse vuote al Comune di Agrigento per il perdurante ritardo dei trasferimenti da Stato e Regione. Sia reso pubblico a quanto esattamente ammontino i compensi di sindaco e giunta. Dopodiché si proceda all’ abbassamento di tali compensi che si ripercuoterà per legge sui gettoni dei consiglieri. E ciò prima di qualsiasi mozione da presentare in Consiglio comunale”.

La quarta Commissione del Comune di Agrigento (su bilancio, patrimonio e finanze), composta dai consiglieri Vullo, Urso, Alfano, Vaccarello e Mirotta, in riferimento alle numerose proposte di delibera su debiti fuori bilancio si è rivolta al dirigente di settore, Mantione, chiedendo l’esatto ammontare degli stessi debiti. La commissione afferma : “Esaminati i debiti fuori bilancio, derivanti da sinistri stradali, e verificata la loro notevole incidenza, chiediamo dettagli al fine di procedere eventualmente alla costituzione di una specifica voce di spesa, inserita in Bilancio, finalizzata al pagamento di tali impegni in via stragiudiziale, in modo tale da ridurre considerevolmente il loro peso sulle casse comunali”.

All’ordine del giorno delle prossime sedute del Consiglio comunale di Agrigento vi saranno, tra l’altro, gli impegni finanziari e di bilancio dell’ Ente. In proposito interviene la consigliere comunale di Forza Italia, Giorgia Iacolino, componente della Commissione Servizi sociali, che afferma : “Attendiamo con interesse il deposito in Consiglio del progetto di bilancio 2015 da parte della Giunta comunale per comprendere quali scelte intende compiere l’amministrazione comunale di Agrigento sulle politiche di solidarietà ed integrazione socio -assistenziali. Avvertiamo l’esigenza di dare priorità alle politiche di sostegno alle famiglie in difficoltà economica ed in condizioni di fragilità. Forza Italia auspica che il progetto di bilancio possa tempestivamente essere adottato dalla Giunta comunale e messo a disposizione del Consiglio comunale per dare alla città lo strumento di programmazione finanziaria ed economica indispensabile per avviare politiche di sviluppo e di sostegno alle famiglie più bisognose ”

Ad Agrigento, al termine di una riunione di gruppo, i Consiglieri comunali del Nuovo Centrodestra hanno eletto, all’unanimità, Alfonso Mirotta come capogruppo. Mirotta, consigliere di secondo mandato, ha già svolto il ruolo di Capogruppo nella scorsa consiliatura. Il Nuovo Centrodestra afferma : “L’equilibrio e la dedizione con cui Mirotta ha svolto il ruolo negli anni scorsi sono stati alla base della scelta e della fiducia nuovamente accordatagli dai colleghi. Ncd Agrigento augura un buon lavoro al capogruppo e ai consiglieri tutti, nella certezza che l’obiettivo primario della loro azione sarà il bene degli agrigentini e lo sviluppo di Agrigento”.