Home / Post taggati"cannuccia antistupro"

Se nel bicchiere c’è una droga, la cannuccia diventa azzurra
Vita da ragazze, che conoscono bene la realtà che prevede ormai che nei bicchieri che circolano nei locali notturni, vi siano le cosiddette “droghe da stupro“, inodori, incolori e insapori. Un rischio sempre più reale, quando ti porgono un bicchiere, quando ti offrono da bere.

Ma adesso esiste la cannuccia che diventa blu, se nel bicchiere ci sono tracce di Ketamina, Flunitrazepam, Ghb. Si chiama Smart Straw, è una cannuccia intelligente e ad inventarla sono state tre ragazze californiane, Victoria Roca, Susana CappelloCarolina Baigorri, che hanno tra i 17 e i 18 anni.
All’apparenza sembra una normale cannuccia ma all’estremità ha un vero e proprio test antidroga, capace di rivelare anche dosi piccolissime di sostanze stupefacenti, quelle che ad oggi sono capaci di stordire coloro che poco dopo, diventano vittime inconsapevoli di violenze e stupri.
L’idea è nata in un laboratorio della Gulliver Prepatory School, nell’ambito di una gara per giovani imprenditori, che le tre ragazze hanno poi vinto. Adesso le tre ragazze sono in attesa del riconoscimento del brevetto e poi si aprirà una raccolta su Kickstarter per far sì che il prodotto possa arrivare sul mercato.
Le tre ragazze hanno svolto svariati test proprio all’interno del Campus della Northwestern University, che ha consegnato loro dati che hanno dimostrato le enormi potenzialità della loro scoperta. I test infatti hanno rivelato che l’85% degli intervistati userebbe la Smart Straw. Più del 50% degli intervistati ha conosciuto direttamente vittime di violenza sotto l’effetto delle droghe da stupro.
La cosa bella di questa invenzione, è che la cannuccia è discreta e riutilizzabile ed ha tutte le caratteristiche per arginale la piaga sempre più dilagante degli stupri a seguito di assunzione inconsapevole di droghe.
Simona Stammelluti