Home / Post taggati"arresti domiciliari"

Nel tardo pomeriggio di oggi il Tribunale di Cosenza ha convalidato l’arresto di Ivan Pucci il Maresciallo comandante della Stazione Carabinieri di Carolei, confermando altresì la misura degli arresti domiciliari almeno fino alla prima udienza che si terrà a metà febbraio c.a.

Pucci, 50 anni, è accusato di sequestro di persona e lesioni ai danni del Capitano Giuseppe Merola, comandante della Compagnia Carabinieri del capoluogo Bruzio, condotto poi al nosocomio cosentino dove gli è stata consegnata una prognosi di lesioni guaribili in 30 giorni.

Sembrerebbe che il Maresciallo avrebbe reagito in quella maniera a seguito di un trasferimento da Carolei a Corigliano-Rossano. Lo stesso questa mattina ha ingerito dei farmaci, presumibilmente per nuocersi. Anche Pucci pertanto finisce all’ospedale.

Sta di fatto che tra cavalierati, titoli vari e chi più ne ha più ne metta, questa storia non ha nulla di nobile.

Così inizia il nuovo anno.

 

Simona Stammelluti 

 

Castrolibero (Cs) – Teneva la moglie segregata in casa da tre giorni. Arrestato dai carabinieri

Nella mattinata di ieri 25 febbraio 2019, i Carabinieri della Compagnia di Cosenza hanno tratto in arresto per il reato di sequestro di persona M.A., 41enne cosentino sottoposto alla misura cautelare all’obbligo di firma.

Era pervenuta, in mattinata, una telefonata di soccorso al 112 della Centrale Operativa di Cosenza da parte di una donna la quale dichiarava spaventata di essere stata reclusa dal coniuge nella propria dimora sita in via F. Coppi del Comune di Castrolibero. I Carabinieri della locale Stazione, prontamente allertati, sono così giunti tempestivamente presso l’abitazione trovando l’ingresso chiuso da un portone blindato. I militari, impossibilitati ad accedere e sentendo le grida della donna, si sono mobilitati ed hanno rintracciato in pochi minuti il marito, in possesso dell’unico mazzo di chiavi che apriva il portone di casa, riuscendo così a liberare la donna, trovava in un angolo della mansarda sita al terzo piano dell’abitazione.

La donna visibilmente terrorizzata, ha cercato protezione nei militari e dopo essersi tranquillizzata ha raccontato loro i fatti accaduti. La stessa è stata poi  accompagnata presso la stazione CC del luogo di residenza, dove ha spiegato come il marito l’avesse segregata all’improvviso nella serata di sabato 23 febbraio, per motivi di gelosia. In quella occasione, la donna ha anche denunciato altri episodi di maltrattamenti subiti in passato.

Terminati gli accertamenti di rito,  l’uomo è stato arrestato e tradotto presso l’abitazione dei propri genitori, in regime di arresti domiciliari su disposizione della Procura della Repubblica di Cosenza. La vittima è così riuscita a riappropriarsi della propria libertà, lontana dal suo aguzzino.

 

 

La guardia di Finanza arresta Domenico Lucano, elogiato da molti per il suo modello di accoglienza dei migranti.

E’ al momento agli arresti domiciliari, il sindaco della cittadina di Riace, nel reggino, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed illeciti nell’affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti. E’ stato il Gip del tribunale di Locri ad emettere l’ordinanza di custodia cautelare.

L’arresto è l’epilogo di una lunga ed  approfondita indagine svolta in merito alla gestione dei finanziamenti erogati dal ministero dell’Interno e dalla Prefettura di Reggio Calabria al comune di Riace, per l’accoglienza dei rifugiati e dei richiedenti asilo politico.

Nel comunicato della Procura della Repubblica si legge come durante le indagini, Lucano aveva organizzato “matrimoni di convenienza” tra cittadini italiani e donne straniere, per consentire la permanenza di queste ultime sul territorio.

Le prove raccolte hanno permesso di dimostrare come il sindaco e la sua compagna, avessero architettato degli espedienti criminosi, semplici ed efficaci, volti ad aggirare la disciplina prevista dalle norme nazionali per ottenere l’ingresso in Italia.

Fondamentali per l’inchiesta anche le intercettazioni che coinvolgono il sindaco. L’inchiesta della Guardia di Finanza, aveva proprio l’obiettivo di verificare l’utilizzo dei fondi dati al comune per la gestione dell’accoglienza, portando alla luce diffuse e gravi irregolarità sulla gestione dei fondi pubblici.

Nei prossimi giorni – come si legge nel comunicato – la Procura procederà ad “approfondire ogni opportuno aspetto” in merito alla vicenda.

L’esperienza dell’accoglienza di Riace, in Calabria, è stata raccolta e raccontata nei mesi scorsi anche da testate giornalistiche internazionali. Era nato il cosiddetto “modello Riace”. Ad oggi, a Riace, vivono centinaia di rifugiati, attraverso il progetto Sprar, attorno al quale sono nati anche posti di lavoro che avevano riqualificato un paesino che era praticamente semideserto. Hanno riaperto ristoranti, sono sorti asili e orti botanici.

Ma negli ultimi tempi, vi è stato anche uno scontro con il ministero degli Interni, che aveva bloccato i finanziamenti destinati ai progetti di accoglienza di Riace, in base a problemi nella rendicontazione degli stessi finanziamenti.

Lucano era finito nel registro degli indagati, lo scorso novembre per truffa, concussione e abuso d’ufficio.

Ecco perché forse, quel famoso film “tutto il mondo è paese” realizzato dalla Rai con Beppe Fiorello, non andò mai in onda.

 

 

 

 

Cosenza – Era stato abbandonato in un seggiolino per auto sui sedili posteriori di una Fiat Punto, parcheggiata nel parcheggio del supermercato Carrefour sito in località Malavicina di Zumpano

Erano le ore 10,45 di oggi 11 ottobre, quando i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cosenza,  si recavano nel suddetto parcheggio, notando che i finestrini dell’auto erano sigillati e che al suo interno vi era il neonato da solo.
Hanno pertanto provveduto a forzare lo sportello che, una volta divelto, ha consentito l’immediato ricircolo dell’aria all’interno dell’abitacolo, permettendo così al piccolo di poter ossigenarsi.
E’ stato altresì allertato il personale del 118. I sanitari una volta giunti sul luogo, hanno provveduto a visitare il neonato, riscontrandolo – fortunatamente – in buona salute.
E’ stata avviata immediatamente attività d’indagine, anche attraverso la visione dei filmati degli impianti di videosorveglianza, ed è stato così possibili identificare i genitori  – due coniugi tunisini di 42 e 36 anni – che sono stati prontamente rintracciati all’interno del supermercato intenti a fare la spesa.
Fermati, sono stati dichiarati in stato di arresto per il reato di abbandono di minori aggravato da legame genitoriale e tradotti presso la loro abitazione in regime di arresti domiciliari, in attesa di essere sottoposti a giudizio per direttissima.
Simona Stammelluti