| | 1.198 views |

Commedia all’Italiana di Max Mazzotta: cinema e teatro, nella vita di un attore

C’è una magia nel teatro di Max Mazzotta, e coincide da sempre con quella sua capacità di servirsi delle tavole del palcoscenico per raccontare alcune realtà che spesso fanno riflettere, che sono crude nella loro essenza, ma senza “azzardare” la serietà che quella realtà reca in se. Sa raccontare episodi di vita, personaggi, storie e sogni, con quella leggera comicità che però mai snaturalizza il senso della sua scrittura.

La magia del teatro di Max Mazzotta si è consumata al Piccolo Teatro Unical in 3 giorni di sold out, portando in scena “Commedia all’Italiana“, uno spettacolo che sorprende già dai primi minuti, considerato che il regista sceglie di portare il mondo del cinema su quel palcoscenico a lui tanto caro. E’ un gioco teatrale che pone lo spettatore nella condizione di vivere una doppia esperienza, che va dal recitato in presa diretta che non può essere modificato e dunque deve “convincere qui ed ora”, al mondo frenetico e spesso pieno di problematiche e di insidie quale è il cinema.

Commedia all’Italiana racconta la storia di Tommy (Max Mazzotta) un regista squattrinato e con pochi mezzi, che con l’aiuto-regista Gigi (Francesco Rizzo) e il direttore della fotografia René (Matteo Lombardo) decidono di realizzare un film dal titolo “Il riscatto”; un film che riusciranno a girare tra mille peripezie, senza un centesimo, ma con tanti sogni. lo stesso sogno che accompagnava il cinema felliniano, ma nella purezza di un teatro povero eppur significativo. Saranno Tommy, Gigi e René a barcamenarsi come meglio possono, improvvisandosi in tutti i ruoli possibili; e così saranno a turno macchinisti, cameramen, addetti al trucco e parrucco, man mano che verranno meno i veri professionisti che senza soldi rinunceranno a lavorare al progetto. Una serie di esilaranti gag, mostreranno proprio quella vena comica di cui Mazzotta si serve, per raccontare il senso dello spettacolo, ossia quel “riscatto” che i personaggi sognano, ma che non arriverà mai.

“Il riscatto” è il titolo del film che Tommy vuole girare (e che gira) mettendo in scena “le scene” tra mille peripezie, raccontando la storia di un uomo che rapisce sua figlia da un istituto e che tra rocambolesche avventure si ritrova a sprofondare in una realtà che è molto diversa da come l’aveva sognata, quando scrisse il testo di una “commedia all’italiana”. A fare Lello, il primo attore sofisticato e ipocondriaco, un eccellente Paolo Mauro, veterano del teatro che al teatro dona non solo la sua presenza scenica ma anche quella sua capacità di essere comico ma con classe, mentre si destreggia in quella parte che sembra calzargli a pennello mentre incassa complimenti che lui stesso sa di non meritale ma che gli servono per non mollare; sua figlia Polly è Antonella Carchidi giovanissima attrice, alle prime armi sia nel ruolo di attrice cinematografica ma anche nella vita vera, su quel palcoscenico. Alle prime armi, sì, ma così poliedrica e scanzonata che in scena mostra tutta la sua versatilità nei panni di una ragazzina che poi per necessità di copione diventa ragazzino e che sogna anch’essa un futuro con un finale diverso da quello già scritto. La prima attrice, Cassandra, che vestirà i panni della superiora dell’istituto e poi della prostituta che aiuterà Polly e suo padre a sfuggire ai carabinieri che hanno alle calcagna, è Alma Pisciotta, che a mio avviso ha dalla sua, non solo la capacità di essere credibile in entrambi i ruoli, a tratti drammatici, ma possiede anche un’intonazione vocale che si insinua perfettamente nell’attenzione dello spettatore creando svariate tinte emozionali.  Tiene per se il ruolo del regista, Max Mazzotta, che calca il palcoscenico con la genialità di chi forse nella vita sa fare bene solo quello, perché con il teatro è un tutt’uno, perché alcuni amori diventano sodalizi e poi sofferenza per restare sempre un sogno che a crearlo ci vuole poco, ma a realizzarlo servono energie, talento e tanto coraggio.

Bravo, simpatico, eclettico, coinvolgente, come solo un direttore dei lavori sa essere, mentre crea l’atmosfera giusta in quella messa in scena che non è per nulla semplice. Sul palco ci sono attrezzature da spostare, tanti cambi d’abito, ci si deve anche arrampicare su una impalcatura per simulare la salita su un muro che rappresenta la salvezza.

E’ un gioco teatrale molto ben riuscito, quello che Max Mazzotta regala al suo pubblico. Una regia efficace e con quel retrogusto amaro di chi sa – perché lo ha vissuto – che chi sogna non smette mai, anche quando quel sogno sembra sepolto sotto il fango, ma basta un’idea, se giusta, a farlo riemergere.

E’ un teatro che riesce, se sullo stesso palcoscenico convivono e recitano e sudano giovane leve e attori navigati; significa che gli intenti si fondono alle idee e che la regia mira a mettere in luce le capacità di chi approccia alla storia con convinzione e talento.

Molto emozionante la scelta di proiettare spezzoni di film di Monicelli, De Sica, Totò, che non fanno da sfondo solo alle scene del film che lo squattrinato regista ancora spera di poter ultimare malgrado tutto, ma anche ad uno spettacolo teatrale che in equilibrio perfetto tra sogno e realtà, tra finzione e viva vera, mostra un sogno, quel sogno, che a volte si trasforma in riscatto e a volta resta solo un posto sicuro dove dormire e sognare.

 

Simona Stammelluti

 

Tags: , , , , , , ,

Commenti chiusi