Home / Articoli pubblicati daSimona Stammelluti (Pagina 56)

20160125-202511.jpg

Cosenza – Viveva a Luzzi, un piccolo paese in provincia di Cosenza, Hamil Mehdi, marocchino di 25 anni, finito in manette durante un blitz antiterrorismo

Ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un “foreing fighter” fermato all’alba di oggi, ad opera degli uomini della Digos di Cosenza in collaborazione con il Servizio centrale Antiterrorismo.

Il giovane marocchino era monitorato dallo scorso luglio, da quando aveva fatto ritorno in Italia, dopo essere stato respinto dalla Turchia per motivi di sicurezza. Era stato monitorato in tutto, compresi gli incontri che aveva, la corrispondenza e l’utilizzo di internet, i video che guardava e i siti che visitava.

Un ragazzo apparentemente come tanti, che faceva l’ambulante con permesso di soggiorno, ma che con il passare del tempo avrebbe incominciato ad abbracciare le posizioni estremiste dell’Islam. Stando alle accuse, il giovane marocchino avrebbe voluto combattere la guerra sotto le bandiere dell’Is, offrendo anche la sua vita alla Jhiad.

Secondo gli inquirenti, Mehdi – che era stato bloccato all’aeroporto di Istambul – avrebbe tentato di raggiungere la Siria per arruolarsi nelle file dell’Isis, ma è stato respinto dalle autorità e rispedito in Italia dove è stato bloccato all’aeroporto di Fiumicino.

Durante le perquisizioni avvenute nella sua casa in Calabria, i poliziotti hanno trovato dentro uno zaino dei pantaloni militari, una pubblicazione dei Fratelli Musulmani su alcuni comportamenti da tenere, due cellulari e 800 euro.

Al momento dell’arresto avvenuto stamane per il reato di “auto addestramento ai fini di terrorismo internazionale” il giovane marocchino ha dichiarato ai poliziotti di essere andato in Turchia “solamente per pregare”.

A parlare circa l’arresto, il coordinatore della Dda di Catanzaro, Giovanni Bombardieri.

“L’arresto di oggi è uno dei primi casi di applicazione della legge del 2015 che contesta l’auto addestramento ai fini di terrorismo internazionale ” – ha detto il coordinatore della Dda, che ha poi aggiunto che “il marocchino arrestato è il classico combattente straniero”, al quale viene contestato l’articolo 270 quinquies del Codice Penale.

A parlare dopo l’arresto anche il questore di Cosenza Luigi Liguori, che ha sottolineato come sia stata posta in essere “una attività investigativa molto serrata, a tutto campo, senza tralasciare mai nessun dettaglio”.

“Da quelle indagini – ha continuato Liguori – sono venuti fuori elementi importanti che hanno portato la Dda a chiedere la custodia cautelare, eseguita stamane”.

Simona Stammelluti

20160125-202511.jpg
Cosenza – Viveva a Luzzi, un piccolo paese in provincia di Cosenza, Hamil Mehdi, marocchino di 25 anni, finito in manette durante un blitz antiterrorismo
Ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un “foreing fighter” fermato all’alba di oggi, ad opera degli uomini della Digos di Cosenza in collaborazione con il Servizio centrale Antiterrorismo.
Il giovane marocchino era monitorato dallo scorso luglio, da quando aveva fatto ritorno in Italia, dopo essere stato respinto dalla Turchia per motivi di sicurezza. Era stato monitorato in tutto, compresi gli incontri che aveva, la corrispondenza e l’utilizzo di internet, i video che guardava e i siti che visitava.
Un ragazzo apparentemente come tanti, che faceva l’ambulante con permesso di soggiorno, ma che con il passare del tempo avrebbe incominciato ad abbracciare le posizioni estremiste dell’Islam. Stando alle accuse, il giovane marocchino avrebbe voluto combattere la guerra sotto le bandiere dell’Is, offrendo anche la sua vita alla Jhiad.
Secondo gli inquirenti, Mehdi – che era stato bloccato all’aeroporto di Istambul – avrebbe tentato di raggiungere la Siria per arruolarsi nelle file dell’Isis, ma è stato respinto dalle autorità e rispedito in Italia dove è stato bloccato all’aeroporto di Fiumicino.
Durante le perquisizioni avvenute nella sua casa in Calabria, i poliziotti hanno trovato dentro uno zaino dei pantaloni militari, una pubblicazione dei Fratelli Musulmani su alcuni comportamenti da tenere, due cellulari e 800 euro.
Al momento dell’arresto avvenuto stamane per il reato di “auto addestramento ai fini di terrorismo internazionale” il giovane marocchino ha dichiarato ai poliziotti di essere andato in Turchia “solamente per pregare”.
A parlare circa l’arresto, il coordinatore della Dda di Catanzaro, Giovanni Bombardieri.
“L’arresto di oggi è uno dei primi casi di applicazione della legge del 2015 che contesta l’auto addestramento ai fini di terrorismo internazionale ” – ha detto il coordinatore della Dda, che ha poi aggiunto che “il marocchino arrestato è il classico combattente straniero”, al quale viene contestato l’articolo 270 quinquies del Codice Penale.
A parlare dopo l’arresto anche il questore di Cosenza Luigi Liguori, che ha sottolineato come sia stata posta in essere “una attività investigativa molto serrata, a tutto campo, senza tralasciare mai nessun dettaglio”.
“Da quelle indagini – ha continuato Liguori – sono venuti fuori elementi importanti che hanno portato la Dda a chiedere la custodia cautelare, eseguita stamane”.
Simona Stammelluti

20160123-190109.jpg
Da un sondaggio è venuto fuori che se si chiede a gente di qualunque estrazione sociale e di diversa età che cosa viene in mente loro, sentendo la parola “Cultura”, la stragrande maggioranza degli intervistati risponde “libro”.
Il binomio “cultura-libro” è senza dubbio il più facile da compiere ed il libro – compagno spesso di notti insonni – non smentisce mai il suo prezioso ruolo. Il libro, che ti aspetta, che non ha mai fretta, che è sempre attuale, indipendentemente dall’epoca nella quale viene scritto, e che “accultura”, portando il lettore a completare passo dopo passo la propria conoscenza, e questo accade a prescindere se il libro che si ha tra le mani sia un romanzo, un libro di storia, un manuale di ingegneria o un codice civile.
La cultura passa inevitabilmente attraverso i libri e lo studio, ma la cultura ha tante meravigliose facce, che a guardarle da vicino tutte, forse non basterebbe una vita intera.
Cultura … che a farci caso deriva dal “participio futuro” di un verbo indefinito che indica ciò che sta per “accadere”, che è imminente, che intravede una bozza, una traccia, un segno. Tre sillabe che raccontano di come si “coltiva”, attraverso un seme, o come si gettano delle fondamenta.
La bellezza mozzafiato di un verbo latino “colère”, che significa “avere cura”, trattare con attenzione, onorare. Non sempre pensiamo a tutto questo quando pensiamo a cosa ne facciamo, della nostra “cultura”. E la cosa più bella è che acculturarsi, significa crescere, “accrescere” il proprio livello di conoscenza, che è come un’ampolla che si trasforma e che diventa sempre più ampia, man mano che la riempie.
La cultura è un rito. E’ un legame tra ciò che razionalmente si conosce e tutto un mondo ancora da scoprire, e preannuncia doni e “doti” come la saggezza, attraverso un rapporto sinergico tra il tempo e la concretezza, tra la cura e la curiosità, tra l’utilizzo della parola e la creatività, e che si sposa in termini di armonia, con tutto ciò che è arte.
Avere voglia di Cultura, è sempre il primo soggettivo ma appassionato passo verso un cambiamento e basta guardare davanti a se, per capire dove mettere “quei passi” così importanti.
Ma non confondiamo la cultura con l’intrattenimento e lo spettacolo, ma accostiamo con garbo la cultura a tutto ciò che è arte, che prevede attenzione, sforzo ed impegno. Cultura “in un piatto”, se impari a preparare una pietanza tenendo conto dell’importanza di un alimento, o “in un bicchiere”, quando sai che vino bevi, da che vitigno viene e come puoi abbinarlo.
C’è chi sostiene che la cultura sia “a misura d’uomo”, eppure ci sono uomini che hanno capienza infinita in fatto di “sapere” e quell’essere colti, li pone nella condizione di essere anche capaci di vivere meglio, con più consapevolezze e forse, con qualche risposta in più.
E se poi vogliamo far spazio per davvero alla cultura, basterà accostarla alla musica, divenendo “cultura musicale”, quando non saranno solo i libri, ma anche i dischi e le partiture, ad essere messe in gioco, o quando si sceglie di andare a sentire un concerto, quello meno “popolare”, o quando, invitati ad un vernissage, ci si prepara prima, cercando di “osservare” con occhio attento e critico cosa si nasconde dietro il lavoro di un artista. Ed anche la “cultura cinematografica”, ha fatto la sua bella strada nella conoscenza di molti appassionati e non solo degli addetti ai lavori.
E allora prendiamola “a morsi” la cultura, o buttiamola giù, in un sorso solo, mentre ci accomodiamo in un mondo che ha mille volti, ubbidendo semplicemente alle esigenze della nostra vita.
Simona Stammelluti

20160123-190109.jpg

Da un sondaggio è venuto fuori che se si chiede a gente di qualunque estrazione sociale e di diversa età che cosa viene in mente loro, sentendo la parola “Cultura”, la stragrande maggioranza degli intervistati risponde “libro”.

Il binomio “cultura-libro” è senza dubbio il più facile da compiere ed il libro – compagno spesso di notti insonni – non smentisce mai il suo prezioso ruolo. Il libro, che ti aspetta, che non ha mai fretta, che è sempre attuale, indipendentemente dall’epoca nella quale viene scritto, e che “accultura”, portando il lettore a completare passo dopo passo la propria conoscenza, e questo accade a prescindere se il libro che si ha tra le mani sia un romanzo, un libro di storia, un manuale di ingegneria o un codice civile.

La cultura passa inevitabilmente attraverso i libri e lo studio, ma la cultura ha tante meravigliose facce, che a guardarle da vicino tutte, forse non basterebbe una vita intera.

Cultura … che a farci caso deriva dal “participio futuro” di un verbo indefinito che indica ciò che sta per “accadere”, che è imminente, che intravede una bozza, una traccia, un segno. Tre sillabe che raccontano di come si “coltiva”, attraverso un seme, o come si gettano delle fondamenta.

La bellezza mozzafiato di un verbo latino “colère”, che significa “avere cura”, trattare con attenzione, onorare. Non sempre pensiamo a tutto questo quando pensiamo a cosa ne facciamo, della nostra “cultura”. E la cosa più bella è che acculturarsi, significa crescere, “accrescere” il proprio livello di conoscenza, che è come un’ampolla che si trasforma e che diventa sempre più ampia, man mano che la riempie.

La cultura è un rito. E’ un legame tra ciò che razionalmente si conosce e tutto un mondo ancora da scoprire, e preannuncia doni e “doti” come la saggezza, attraverso un rapporto sinergico tra il tempo e la concretezza, tra la cura e la curiosità, tra l’utilizzo della parola e la creatività, e che si sposa in termini di armonia, con tutto ciò che è arte.

Avere voglia di Cultura, è sempre il primo soggettivo ma appassionato passo verso un cambiamento e basta guardare davanti a se, per capire dove mettere “quei passi” così importanti.

Ma non confondiamo la cultura con l’intrattenimento e lo spettacolo, ma accostiamo con garbo la cultura a tutto ciò che è arte, che prevede attenzione, sforzo ed impegno. Cultura “in un piatto”, se impari a preparare una pietanza tenendo conto dell’importanza di un alimento, o “in un bicchiere”, quando sai che vino bevi, da che vitigno viene e come puoi abbinarlo.

C’è chi sostiene che la cultura sia “a misura d’uomo”, eppure ci sono uomini che hanno capienza infinita in fatto di “sapere” e quell’essere colti, li pone nella condizione di essere anche capaci di vivere meglio, con più consapevolezze e forse, con qualche risposta in più.

E se poi vogliamo far spazio per davvero alla cultura, basterà accostarla alla musica, divenendo “cultura musicale”, quando non saranno solo i libri, ma anche i dischi e le partiture, ad essere messe in gioco, o quando si sceglie di andare a sentire un concerto, quello meno “popolare”, o quando, invitati ad un vernissage, ci si prepara prima, cercando di “osservare” con occhio attento e critico cosa si nasconde dietro il lavoro di un artista. Ed anche la “cultura cinematografica”, ha fatto la sua bella strada nella conoscenza di molti appassionati e non solo degli addetti ai lavori.

E allora prendiamola “a morsi” la cultura, o buttiamola giù, in un sorso solo, mentre ci accomodiamo in un mondo che ha mille volti, ubbidendo semplicemente alle esigenze della nostra vita.

Simona Stammelluti

La chiamano la “generazione senza strada”, quella nella quale confluiscono i giovani che ad oggi, hanno tra i 18 e i 25 anni.  Sono quelli ai quali quando chiedi se hanno un’aspirazione, un sogno nel cassetto, una passione, un obiettivo, si stringono nelle spalle e al massimo ti rispondono che “ancora non lo sanno”.
Ma nella stessa categoria di giovani adulti disillusi, o forse semplicemente senza stimoli, finiscono anche coloro che non vedono l’ora di raggiungere la maggiore età per andare via di casa, in cerca di fortuna, che – all’epoca odierna – significa fare il modello, la velina, la starlette, il calciatore, la fidanzata del calciatore.
Ho sempre pensato che con le passioni si nasca, e senza non si possa vivere. Eppure la quasi completa assenza di “passione” e “passioni”, tra le nuove generazioni, pone l’interrogativo di “come e dove” si sia inceppata la macchina che in passato ha dato al mondo persone e personaggi che quel mondo lo hanno cambiato, semplicemente alitando sopra una passione, e raggiungendo un obiettivo.
Statisticamente sono tantissimi i giovani che del proprio percorso di studi, alla fine non sanno proprio cosa farsene, considerato che le medie scolastiche sono molto vicine al mediocre, e che oltre il 70 per cento di coloro che si iscrivono all’università, lasciano strada facendo, e quasi sempre molto più vicini alla partenza, che al punto di arrivo.
Il traguardo, è ormai un privilegio, quando invece dovrebbe essere visto come una vera e propria opportunità. Il percorso di studi dovrebbe essere una piacevole passeggiata nel mondo del sapere e non certo una corsa ad ostacoli, durante la quale se caschi, rischi di farti male.
La scelta degli studi da intraprendere non solo è una scelta importantissima e strategica, ma è anche l’unica condizione che permette di fare meno fatica, sfruttando le proprie potenziali capacità, e le proprie inclinazioni. Ma ad oggi, i giovani adulti disillusi e svogliati di cui sopra, una propria inclinazione non la sanno neanche individuare. Vivono nell’epoca digitale, del tutto e subito, del qui e ora, e di ciò che accadrà domani poco importa loro.
E così saranno sempre i figli dei professionisti con la strada tracciata da una dinastia “che è già stata”, ossia da persone che hanno scelto per sè, (ed oggi scelgono “per te”), a finire gli studi con la calma di chi non ha fretta perché tanto non ha nulla da perdere. E poi se anche arrivano tardi, per loro c’è sempre tempo e sopratutto spazio, con tanto di targa dietro una porta.
La stragrande maggioranza di chi “non sa ancora cosa fare”, perderà tempo a cercare di capire cosa possa esserci oltre quella voglia di avere un futuro senza mettere sul piatto della bilancia sacrificio, dedizione, volontà, interesse.
E poi ci sono coloro che scommettono tutto ciò che sono e che “sanno”,  sul futuro. Sono quelli che nella vita non accettano compromessi con un domani “come viene viene”, che non accettano di essere “un numero” ma vogliono essere “il numero uno”, che se ne fregano di quanto costa, in termini di sacrifici, raggiungere un obiettivo, perché quello che vogliono, lo vogliono anche se non è a portata di mano, anche se non è dietro l’angolo, anche se costerà fatica, e tanto impegno. E sono le stesse persone che l’impegno lo hanno sempre messo in tutto quello che hanno fatto, perché non sapevano fare altrimenti.
La verità è che oggi, avere una specializzazione, significa avere una duplice opportunità: avere una chance, e dare una chance, ad un sistema. Essere capaci, specializzati, formati, essere un’eccellenza, significa incrementare la possibilità di trovare non solo la propria giusta collocazione in un sistema, ma anche contribuire alla crescita di un settore.
Tante lauree oggi, si possono conseguire. Esistono anche quelle triennali, e per assurdo ci sono facoltà per tutti i gusti, che però non mettono sempre in contatto il giovane laureato con il mondo del lavoro. Eppure studiare, resta l’unico modo per mettersi “in fila” allo sportello giusto, quello dove non chiedono una persona qualunque per una mansione qualunque, ma chiedono una persona capace, che ha “scelto” di avere quelle specifiche conoscenze, e che è disposto a mettere alla prova tutto ciò che sa, a discapito di un sistema che vorrebbe omologare “anche” la conoscenza ed il sapere.
E la somma delle conoscenze, apre sempre più lo spiraglio in un futuro dove è quasi tutto da rimettere a posto, dove il ricambio generazionale che arriva sempre più tardi, chiede un livello massimo, per essere all’altezza di un sistema che deve per forza essere competitivo, se vuole sopravvivere alla globalizzazione e alla legge del mercato dove solo il migliore resta, ed il più piccolo scompare.
Conoscere le lingue, sommare il proprio percorso di studi, sapere dove si è diretti, conduce proprio lì, sulla strada chiamata “successo”, anche se a volte si nasconde dopo un deserto nel quale provano a farti credere, che un domani sicuro non esiste.
Simona Stammelluti