Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 940)

Una tartaruga marina della specie Caretta Caretta ha deposto le sue uova nella spiaggia di Marianello di Licata. Ad accorgersene e’ stato un frequentatore della spiaggia a passeggio con il suo cane, che ha avvisato la Guardia Costiera. E’ cosi’ partita la macchina dei volontari WWF, autorizzati dal Ministero dell’Ambiente. Di concerto con la Ripartizione Faunistico Venatoria di AGRIGENTO e’ stato subito recintato provvisoriamente il sito per proteggerlo da turisti e curiosi. Il nido sara’ presidiato e sorvegliato dai volontari WWF di Licata, fino a meta’ agosto, quando e’ attesa la schiusa delle uova. L’incubazione dura circa 60 giorni, e il sesso dei nascituri sara’ determinato dalla temperatura. Le uova in grado di assorbire maggior calore daranno alla luce delle femmine, mentre da quelli deposti piu’ in profondita’ nasceranno maschi.

Questa sera, alle ore 19.00, davanti la Chiesa di San Calogero, ad Agrigento, appuntamento con la dolcezza. Il pastry-chef Giovanni Mangione, infatti, offrirà ai presenti la possibilità di degustare la maxi-torta che egli stesso preparerà in onore del Santo Nero. Già lo scorso anno Mangione aveva riscosso grande successo per l’iniziativa. La torta promette di battere tutti i record in fatto di grandezza e, dopo gli scatti e le riprese televisive, verrà distribuita a tutti i partecipanti.

“Come da migliore tradizione, restiamo sul podio del rapporto Ecomafia 2017 sugli illeciti ambientali. Dal mattone selvaggio, al sistema della gestione dei rifiuti, agli incendi, riusciamo ad essere sempre disonorevolmente menzionati. E’ un trend che, purtroppo, non cambia negli anni perché la Sicilia ormai da anni non è più governata, non esiste, infatti,  il controllo sul territorio. In particolare, per quanto riguarda gli abusi, la nostra regione è in testa alla classifica, insieme alla Puglia, con oltre 700 manufatti per  chilometro quadrato lungo le coste. Questo dipende dai numerosi tentativi di sanatoria proposti da deputati dell’Ars , come quello di Fazio denunciato da noi la scorsa estate, che, sebbene non vengano approvati, legittimano tanti a reiterare abusi e illegalità”. Lo dichiara Gianfranco Zanna, presidente regionale di Legambiente Sicilia.

Nelle prime ore della mattinata odierna, a conclusione di una complessa attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, agenti della polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Noto, diretti dal vice questore aggiunto Paolo Arena, hanno eseguito cinque ordinanze di custodia cautelare, quattro delle quali di custodia in carcere ed una di arresti domiciliari, per il reato di furto aggravato in concorso, nei confronti di: Daniele Irmina Spatalucente, 28 anni, di Noto, già conosciuto alle forze di polizia già sottoposto ai domiciliari per ricettazione aggravata; Fabrizio Bonfanti, 45 anni, di Noto, già conosciuto alle forze di polizia; Davide Cannata, 34 anni, di Noto, già conosciuto alle forze di polizia; Rosario Stella, 43 anni, avolese, già conosciuto alle forze di polizia, Alessandro Monaco 26 anni, di Noto, incensurato (arresti domiciliari).
Nel mese di ottobre 2016, veniva compiuto un furto ai danni del parco automezzi di una ditta edile. I malviventi, nottetempo, dopo aver forzato il cancello d’ingresso del parco automezzi, si impossessavano di un autocarro, un carrello elevatore, il motore di una macchina perforatrice, una pompa idraulica e varie attrezzature edilizie, arrecando al proprietario un danno patrimoniale superiore a centomila euro.
Personale della Polizia di Stato si recava sul luogo del delitto per i rilievi tecnici del caso, acquisendo i filmati dell’impianto di videosorveglianza ivi installato. Dall’analisi dei frames video, gli investigatori accertavano che la sera dei fatti, subito dopo la mezzanotte, arrivava davanti all’ingresso del magazzino una Fiat multipla e Mirmina, Bonfanti, Cannata e Monaco raggiungevano l’ingresso del magazzino. Il primo ad essere predato era l’autocarro Iveco, successivamente si notava l’andirivieni degli indagati ed un ciclomotore piaggio SI alla cui guida vi era Stella Rosario. Il gruppo, dopo aver prelevato tutti gli altri mezzi ed attrezzature, si muoveva indisturbato in direzione dell’argine del fiume Asinaro.
Alle 02.43 i malviventi, dopo aver messo a segno il colpo, si allontanavano definitivamente. L’attività tecnica di acquisizione ed analisi dei tabulati del traffico telefonico in entrata e in uscita, permetteva di acclarare i contatti tra gli indagati la sera del furto. Inoltre, l’attività perlustrativa e di appostamento nella zona dell’Asinaro da parte degli Agenti del Commissariato, permetteva di rinvenire lungo l’argine del fiume il carrello elevatore, parzialmente celato dalla vegetazione e l’autocarro, rinvenuto in un appezzamento di terreno sito in contrada Testa dell’Acqua.
L’ingente furto dei mezzi, quasi certamente, sarebbe stato finalizzato ad una successiva attività di estorsione col metodo del c.d. cavallino di ritorno, strategia già adoperata in passato da uno degli indagati in relazione ad altri furti commessi ai danni di imprenditori.

“Ogni essere vivente ha diritto di essere felice […] per essere felici, però bisogna essere liberi e libertà non è altro che essere padroni di se stessi fino in fondo: decidere della propria vita e non lasciarsi trasportare dalle circostanze” (Giovanni Chiappisi) Chiappisi presenterà il suo ultimo libro, “Horus, la libertà e una barca” edito da Qanat, giovedì 6 luglio alle ore 18.00 al Club Nautico Mare Nostrum, Marina di San Leone (AG) Chiappisi, ex giornalista ora in pensione, sta circumnavivando la Sicilia in solitario a bordo della sua barca a vela.

Passaggio della Campana con il Presidente uscente Avvocato Gaetano Salemi. Lions Club Chiaramonte Agrigento, è il Dottor Enrico Fiorella il nuovo Presidente
Domenica 2 Luglio 2017 si è celebrata la solenne cerimonia del Passaggio della Campana tra il Presidente uscente avvocato Gaetano Salemi ed il Presidente entrante dottor Enrico Fiorella.
Una serata all’insegna dei valori e dei principi lionistici che ha visto il Presidente Salemi ringraziare tutti i Soci per la collaborazione prestata nelle attività di Service che si sono celebrate nell’importante Anno Sociale del Centenario. A subentrare il Presidente Fiorella che ha avuto parole di ringraziamento per l’incarico ricevuto e che guiderà il Club nel prossimo Anno Sociale 2017/2018. “È stato un grande onore e privilegio – ha detto al termine del suo mandato  il Presidente uscente Gaetano Salemi- un anno di servizio vissuto in maniera intensa, ricco di emozioni, gioia, passione e soddisfazioni. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato con me e che hanno contribuito a rendere il vero servizio Lions”.

Gaetano Salemi Presidente uscente e Enrico Fiorella nuovo Presidente Lions Chiaramonte AG



Il neo Presidente, il dottor Enrico Fiorella, laureato in Economia e Commercio,  lavora per Banca Mediolanum, licatese d’origine ma agrigentino d’adozione, ha illustrato il suo programma per il prossimo anno sociale. E’ stato presentato anche il nuovo Staff che collaborerà con il nuovo Presidente e che sarà composto dalla Segretaria Susy Iacona, dal tesoriere Antonio Bongiorno e dalla riconfermata Cerimoniere Maria Antinoro.

Ha riaperto i battenti, ieri nella mattinata, la Calcestruzzi Belice, la società dichiarata fallita alcuni mesi fa dal Tribunale di Sciacca, per via di un debito di 30 mila euro con Eni, e poi “riabilitata” da una sentenza di annullamento della Corte di Appello di Palermo. Gli operai si sono presentati al lavoro e hanno iniziato la prima fase, cioè quella della manutenzione. Conclusa questa, si inizierà, poi, alla vera e propria attività estrattiva con la successiva vendita. Soddisfazione tra gli undici operai quasi tutti padri di famiglia che vedono il loro futuro un po’ più roseo rispetto ai mesi trascorsi nell’angoscia.

“Nel pieno dell’Estate la presenza di bagnini nelle spiagge libere rappresenta un servizio importante in favore della comunità. La sicurezza di cittadini e turisti che fruiscono delle spiagge di Cannatello o di San Leone – dicono i consiglieri comunali Salvatore Falzone e Giorgia Iacolino – passa dal l’attivazione del servizio di salvataggio a mare a carico del comune.”
“Bambini, giovani ed anziani-ed è esperienza di queste giornate-possono essere sorpresi da onde tumultuose o semplicemente dalle insidie del mare. Il comune di Agrigento -continuano Iacolino e Falzone – si faccia carico del pronto avvio del servizio di salvataggio a mare con idonei bagnini e le attrezzature necessarie che garantiscano protezione e tutela a cittadini e turisti che affollano le spiagge libera della nostra città.
Programmare e realizzare servizi a difesa della vita – concludono Iacolino e Falzone – deve essere un obiettivo irrinunciabile dell’amministrazione comunale.

Giacomo Leopardi ha scritto “La quiete dopo la tempesta”, e adesso in Sicilia, tra ospedali e aziende sanitarie, vi è la “quiete dopo la tempesta” che si è scatenata in occasione della scadenza del mandato dei Direttori, lo scorso 30 giugno, poi l’incombenza dello stop a nuove nomine entro i 6 mesi dal voto, il prossimo 5 novembre, e alcuni trasferimenti, da Agrigento a Ragusa, da Ragusa a Palermo, e da Palermo ad Agrigento, tra Ficarra, Aricò e Venuti, che hanno tempestato rovinando la quiete prima della tempesta. Dall’arco parlamentare contrario hanno lanciato dardi e saette contro il governo regionale accusandolo di avere agito senza alcuna motivata giustificazione, “peraltro – così hanno commentato – a pochi mesi da un appuntamento importante come le elezioni, quando si impone il mantenimento di certi equilibri necessari a garantire un assetto di stabilità ad un settore così delicato come quello della Sanità pubblica. E un’assessore regionale, ovviamente della maggioranza, Maurizio Croce, in quota “Sicilia Futura”, unico tra gli assessori presenti, si è addirittura rifiutato di votare la delibera con gli incarichi. D’altro e opposto canto è stato il deputato regionale del Partito Democratico, Giovanni Panepinto, vice capogruppo all’Ars, che invece ha condiviso e ha rilanciato le riserve espresse dalla segreteria provinciale agrigentina del suo partito contro la prosecuzione della gestione dell’Azienda sanitaria da parte di Salvatore Lucio Ficarra. Nel frattempo, acquietando dopo la tempesta, è stata disposta una proroga in servizio per lo stesso manager Ficarra come Commissario ad Agrigento per altri 45 giorni, quindi fino al 15 agosto. Di conseguenza, Maurizio Aricò è confermato a capo dell’Azienda sanitaria di Ragusa, e Gervasio Venuti, atteso ad Agrigento al posto di Ficarra, è confermato a capo del Villa Sofia – Cervello a Palermo…
Fonte Teleacras

Il Comune di Agrigento è impegnato nel pressing verso l’Urega, la stazione appaltante, affinchè si svolga al più presto la gara d’appalto per affidare i lavori di manutenzione straordinaria e di consolidamento statico della Cattedrale di San Gerlando, chiusa al pubblico dal 25 febbraio 2011. Alla stazione appaltante decorrono i classici e rituali “tempi tecnici” prima che si proceda. Il sindaco Firetto e il dirigente Francesco Vitellaro hanno invitato i signori dell’Urega a ricorrere alla cosiddetta “procedura ristretta” per velocizzare il procedimento. E all’Urega – riferiscono dal Comune di Agrigento – si sono mostrati molto sensibili ad abbattere i tempi tecnici.