Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 92)

Inizia oggi mercoledì 6 novembre la campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale, per la prevenzione della malattia e delle sue complicanze, avviata dall’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento. Le vaccinazioni sono effettuate su tutto il territorio provinciale, negli studi dei medici di famiglia, dei pediatri di libera scelta ed in tutti i presidi vaccinali aziendali. Il servizio è gratuito per chi ha compiuto i 65 anni e per i soggetti a rischio ossia adulti e bambini con patologie croniche, individui ricoverati in strutture per lungodegenti, familiari di persone ad elevato rischio e, soprattutto, operatori sanitari e di assistenza, addetti ai servizi di pubblica utilità, donatori di sangue, personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzale non umana. Insieme al vaccino antinfluenzale può essere offerto il vaccino anti-pnemucoccico (per patologie quali otiti, polmoniti, bronchiti, meningiti, asma) ed anti-zoster. Il periodo indicato per la somministrazione del vaccino antinfluenzale stagionale è da novembre a febbraio inoltrato, e ciò per poter garantire livelli efficaci di copertura anticorpali all’apice della diffusione nella nostra regione, ovvero dalla fine di gennaio a marzo.

Sei anni di reclusione. E’ questa la condanna chiesta dal sostituto procuratore della Repubblica Cecilia Baravelli nei confronti dell’ex direttore delle Poste Salvatore Cardinale, 55 anni, sul quale pende l’accusa di peculato dopo che lo stesso si era appropriato di 350 mila euro da alcuni libretti in custodia a Poste Italiane.

Secondo i difensori dell’imputato, che hanno chiesto il rito abbreviato, il Cardinale sarebbe affetto da dipendenza patologica da gioco che avrebbe compromesso la sua capacità di intendere e di volere.

Il consulente del Tribunale, al contrario, ha invece descritto Salvatore Cardinale come un soggetto affetto da patologia da gioco ma che è perfettamente in grado di intendere e di volere.

Prossima udienza fissata per l’11 febbraio.

La digitalizzazione in Sicilia decolla da Agrigento. Come primi progetti, che saranno finanziati già nel 2019, l’Ufficio per l’attività di coordinamento dei sistemi informativi regionali e dell’attività informatica della Regione e delle Pubbliche amministrazioni regionali, ha approvato e finanziato con circa 800mila euro un intervento per la trasformazione digitale dei processi di conservazione e consultazione della Biblioteca del Museo “Luigi Pirandello” di Agrigento.

Finalmente con le risorse disponibili l’Amministrazione comunale è riuscita a realizzare i necessari interventi manutentivi sulla strada della Mosella. C’erano pericolosissimi avvallamenti che andavano eliminati. “La sicurezza – ha detto il sindaco Lillo Firetto – è garantita su questo tratto che collega la SS 640 con la SS 115 alle spalle del Villaggio Mosè e che è trafficatissimo, perché utilizzato come alternativo all’attraversamento del Viale Leonardo Sciascia”.

La Camera di Commercio di Agrigento sarà presente con un proprio stand alla fiera “automotive dei templi” che si svolgerà al Centro Commerciale Città dei Templi di Agrigento  dall’8 al 10 novembre. L’ufficio camerale PID, presente in fiera, ha come obiettivo la diffusione della cultura e della pratica digitale per le medie e piccole imprese con i seguenti servizi/progetti :
– Supporto alle imprese del territorio per far entrare nel proprio processo produttivo le tecnologie abilitanti impresa 4.0 tramite verifica della propria maturità digitale;
– Cassetto digitale dell’imprenditore,  fatturazione elettronica , libri digitali e token wireless;
– bando “bull factor banda ultralarga largo al talento” con scadenza 28 Novembre, dedicato alle aziende che hanno compreso i vantaggi della digitalizzazione integrandola al proprio interno per incrementare produttività e competitività;
-“Crescere in Digitale” Il progetto è volto a promuovere, attraverso l’acquisizione di competenze digitali, l’occupabilità di giovani che non studiano e non lavorano e investire sulle loro competenze per accompagnare le imprese nel mondo di Internet.

Le zone della “movida” di Agrigento sono finite nel mirino dell’Agenzia delle Entrate. E’ successo alcune settimane fa, di sabato sera (ma se ne è avuta notizia soltanto oggi), con una serie di controlli in bar, ristoranti, pub e locali della via Atenea, via Pirandello, viale della Vittoria e piazza San Calogero.
Il controllo fiscale ha riguardato il “presidio di cassa” per l’emissione degli scontrini fiscali, con la comparazione degli incassi della serata, con quelli registrati nei weekend precedenti.

Un’operazione simultanea scattata intorno alle 20.30, che ha visto impegnati una ventina di funzionari e accertatori dell’Agenzia delle Entrate. Si sono appostati alle casse, verificando l’emissione di ricevute e scontrini, in funzione anti-evasione.
Nonostante, fino ad oggi, non ci siano dati definitivi dell’esito dei controlli, l’operazione ha permesso anche di acquisire elementi utili per gli studi di settore e, quindi, per la verifica della congruità dei ricavi dichiarati.

A Lampedusa i Carabinieri della locale stazione hanno arrestato S F, sono le iniziali del nome, 22 anni, sorpreso in piazza Brignone in possesso di 11 piccoli involucri di carta stagnola contenenti hashish. Nel corso della successiva perquisizione domiciliare, nascosto all’interno della stiva di un “galeone” in miniatura costruito con mattoncini colorati di plastica, è stato scoperto e sequestrato un altro involucro di carta stagnola più grande ed altri dieci piccoli pacchetti identici a quelli trovati in tasca, contenenti hashish. E poi tra gli scompartimenti di un mobile porta tv, tra i telecomandi, sono saltati fuori 600 euro in banconote di piccolo taglio, un bilancino di precisione ed un coltello ancora intriso di sostanza resinosa. La droga ha un valore al dettaglio di circa mille euro.

 

Come è noto nel Maggio del 2020 Agrigento andrà al voto per eleggere il primo cittadino.

La campagna elettorale, già con questi nomi, ha scaldato la Città dei Templi, tra manovre, schieramenti politici, accordi a breve e a lunga scadenza e magari qualche editoriale scritto sotto dettatura.

Se dobbiamo dirla proprio tutta sono iniziate anche le prime vigorose minacce.

Questo giornale ha messo a disposizione un sondaggio per i propri lettori affinché questi possano esprimere liberamente  (e sottolineamo liberamente) la propria opinione nella scelta della persona che dovrà governare la città di Agrigento nei prossimi anni.

Ai lettori la scelta, basta un click.

Nota bene: il sondaggio si trova nella home page del giornale

I Carabinieri del Comando Provinciale di Caltanissetta hanno arrestato in carcere Nicola Liardo, 45 anni, di Gela, e il figlio, Giuseppe Liardo, 22 anni, ritenuti i mandanti dell’omicidio del tassista Domenico Sequino, 46 anni, ucciso a Gela in piazza Umberto la sera del 17 dicembre del 2015. Arrestato anche il presunto killer, Salvatore Raniolo, 29 anni, inteso “Tony”, genero di Nicola Liardo e cognato di Giuseppe Liardo. Domenico Sequino, ritenuto contiguo al clan mafioso dei Rinzivillo ed arrestato nel 2006 per associazione mafiosa, è stato vittima di 5 colpi di pistola calibro 7,65 sparatigli alla schiena da un commando composto da due soggetti giunti a bordo di uno scooter Honda SH 150 di colore grigio. Dalle indagini dei Carabinieri è emerso che Sequino si sarebbe intromesso negli affari illeciti dei Liardo, assumendo le difese di un imprenditore di Gela taglieggiato dai Liardo. Il secondo killer non è stato ancora identificato.