Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 90)

E’ ancora una volta l’associazione ambientalista MareAmico a scovare gli sfregi sulle spiagge, come il lunghissimo tubo inquinante lungo la spiaggia di Torre Salsa, dove si erano in precedenza arenate anche le barche dei migranti, abbandonate sul luogo.

Probabilmente si tratta della condotta fognaria di Siculiana, giunto nella spiaggia di “fungiteddri, dopo le recenti mareggiate.

MareAmico ha allertato la Struttura commissariale che gestisce le fognature in provincia, al fine di scoprire la provenienza e provvedere alla sua rimozione.

VIDEO

Durante una conferenza stamza a Palazzo D’Orleans, il presindente della regione Sicilia Nello Musumeci si è così espresso: “Il contagio è altalenante e noi abbiamo il dovere di seguire il tasso di contagio e il numero delle perdite. Non siamo in zona di allarme, ma non vorrei ci si arrivasse. La zona ‘gialla’ deve diventare un patrimonio di tutti e tutti lo dobbiamo salvaguardare. In alcune zone del Nord è stata necessaria l’istituzione della zona ‘rossa’. In Sicilia, in questo momento, non ci sono aree con un tasso di crescita particolarmente allarmante, tali da richiedere provvedimenti del genere. Continuiamo a sperare che il senso di responsabilità collettiva debba prevalere su tutto. Se riusciamo a mantenere il tasso ai livelli dei giorni scorsi, siamo arrivati a circa 350 contagi, noi potremmo continuare con la zona ‘gialla’. Ancora non conosciamo la linea del governo nazionale, quando avremo un confronto saremo nelle condizioni di formulare una nostra eventuale proposta”.

Musumeci non esclude però la possibilità di chiedere aperture al governo Draghi: “Mi amareggia che il mondo della cultura e dello spettacolo rimanga precluso ogni tipo di attività, ma abbiamo il dovere di conoscere quali sono gli orientamenti del nuovo Governo. Nei prossimi giorni avremo una conferenza Stato-Regioni per capire la volontà del Governo e le linee intorno le quali intende muoversi”

 

Nella attuale situazione di estrema difficoltà legata all’ emergenza pandemica da COVID- 19, il Comune di Agrigento intende venire incontro alle esigenze delle famiglie con bambini di età compresa nella fascia di età da 0 a tre anni, favorendo l’inserimento gratuito dei loro figli presso le strutture degli asili nido comunali.

Le iscrizioni potranno essere effettuate indistintamente presso l’asilo nido di via Esseneto o in quello del Villaggio Mosè, ove i bambini potranno frequentare, gratuitamente, per tutta la durata dell’anno scolastico in corso, seguiti da personale qualificato e preparato.

Coloro invece, che hanno bambini/e già iscritti, presso le suddette strutture scolastiche, usufruiranno del rimborso delle rette ad oggi pagate .

Ancora enormi disagi per i mezzi che transitano sulla SS 115 di Porto Empedocle dove, a causa di una frana avvenuta vicino alla rotonda di contrada Ciuccafa, e dunque il transito è stato deviato su un unico senso di marcia.
Il manto stradale ricoperto di detrivi scivolato dal terreno da cui si è verificata la frana aveva costretto il Comune di Porto Empedocle lo scorso 9 febbraio, ad intimare ai proprietari del terreno la messa in sicurezza dei luoghi, con opere di contenimento del terreno e la rimozione dell’ostacolo che impedisce la circolazione lungo la carreggiata.

I proprietari del fondo hanno adesso 15 gg per avviare i lavori e portarli a termine.

 

 

Nella giornata odierna sono stati 38  i nuovi casi di coronavirus registrati in provincia di Agrigento Il dato è fornito tramite il bollettino diffuso dall’Asp sull’andamento epidemiologico nell’agrigentino.

4 i nuovi ricoveri, 34 le guarigioni accertate 3 vittime che diventano in tutto 141 da inizio pandemia.

I nuovi decessi si registrano a Licata (12ª vittima da inizio pandemia), Santa Margherita Belice (5ª vittima da inizio pandemia) e Sciacca (13ª vittima da inizio pandemia).

I tamponi eseguiti nelle ultime ventiquattro ore sono stati 170 che in totale sono 53.269.

34 i pazienti ricoverati negli ospedali della provincia: 28 si trovano ad Agrigento , 4 a Sciacca, e 2 fuori provincia. Nove pazienti si trovano in strutture lowcare: 2 al Covid Hotel di Sciacca, 7 all’Ipab di Canicattì. Sei persone ricoverate in terapia intensiva, tutte al San Giovanni di Dio di Agrigento.

I nuovi positivi per comuni: 

Agrigento: 79; Alessandria della Rocca 0; Aragona 1; Bivona 0; Burgio 0; Calamonaci 4; Caltabellotta 1; Camastra 4; Cammarata 2; Campobello di Licata 41; Canicattì 31; Casteltermini 15; Castrofilippo 0; Cattolica Eraclea 7; Cianciana 0; Comitini 0; Favara 55; Grotte 1; Joppolo 2; Licata 67; Lucca Sicula 0; Menfi 5; Montallegro 8; Montevago 16; Naro 24; Palma di Montechiaro 16; Porto Empedocle 37; Racalmuto 12 ; Raffadali 22; Ravanusa 12; Realmonte 8; Ribera 28; Sambuca 3; San Biagio Platani 0; San Giovanni Gemini 6; Sant’Angelo Muxaro 0; Santa Elisabetta 2; Santa Margherita Belice 3; Santo Stefano di Quisquina 0; Sciacca 37; Siculiana 29; Villafranca 0.

Sarebbero stati ritrovati, dagli agenti della Polizia,  dei resti umani in una villa in contrada Tivoli, a pochi km da Siracusa, proprio dove sarebbero scomparsi 6 anni orsono Alessandro Sabatino, 40 anni e Luigi Cerreto, 23 anni, entrambi casertani, che lavoravano come badanti presso un anziano e dei quali si sarebbero perse le tracce dal maggio del 2014.

Il luogo del ritrovamento sarebbe la villa di Giampiero Riccioli, figlio dell’anziano che i due uomini assistevano, al momento indagato per duplice omicidio.

Oggi nella villa sono arrivati la scientifica e l’unità cinofila con dei mezzi escavatori e l’attività di ricerca si è concentrata prima su un terreno vicino alla villa e poi all’interno della stessa casa dove i due uomini vivevano con l’anziano.

La Procura di Siracusa aveva ricostruito gli ultimi movimenti della giornata della scomparsa dei due e si concretizzò k0ipotesi che Alessandro e Luigi fossero stati uccisi e i loro corpi gettati in un pozzo.

L’inchiesta da ottobre 2020 è di competenza della Procura Generale di Catania, dopo la seconda opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dal legale dei familiari

484 nuovi positivi Covid 19 che si registrano oggi in Sicilia con 23.794 tamponi processati e una incidenza che scende al 2,0%. La regione è al nono posto nel numero dei nuovi contagi giornalieri.

Le vittime sono state 24 e portano il totale a 3.915.

Gli attualmente positivi sono 33.655, con una diminuzione di altri 825 casi rispetto a ier

I guariti sono infatti 1.285.

Negli ospedali tornano a diminuire i ricoveri: adesso sono 1.115, 48 in meno rispetto a ieri; diminuiscono i ricoveri anche in terapia intensiva, sono 154, 4 in meno.

I nuovi contagi per province:

Palermo 231

Messina 56

Catania 46

Siracusa 42

Agrigento 39

Caltanissetta 31

Trapani 17

Enna 15

Ragusa 7

Montano le proteste nel ragusano per lo stop definitivo ai film del Commissario Montalbano. Con la morte del suo papà, lo scrittore empedoclino, Andrea Camilleri, la Palomar, ha deciso di non girare più altri episodi, nemmeno quelli di Riccardino, l’ultimo lavoro che vede protagonista il commissario di Polizia più amato d’Italia, uscito nelle librerie post mortem

Il Comune di Agrigento intende partecipare al cosiddetto PinQuA, ovvero il Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare. Per tale programma, a cui saranno assegnate delle risorse finanziarie per interventi pubblici, Agrigento ha scelto di presentare una proposta con ambito d’intervento nel rione Rabbateddu/Santa Croce e le aree confinanti, caratterizzate da abbandono e da disagio abitativo. La proposta può prevedere, tra l’altro, l’attivazione di finanziamenti pubblici e privati, e il coinvolgimento di operatori privati, anche del terzo settore. Al fine di arricchire e qualificare la proposta che il Comune ha in corso di preparazione, si invitano quindi gli operatori economici, sociali, culturali e i privati interessati a manifestare il loro interesse all’iniziativa entro il 6 marzo prossimo. In proposito oggi si è svolta una conferenza del sindaco Franco Miccichè, il vicesindaco Aurelio Trupia e gli assessori Gianni Tuttolomondo, Nino Costanza Scinta e Gerlando Principato.

In lieve aumento i contagi da coronavirus in Sicilia. Appena iniziata la vaccinazione con AstraZeneca. I dettagli. A Palermo un hub vaccini in Fiera.

Sono 625 i nuovi positivi che si registrano in Sicilia con 22.868 tamponi processati e una incidenza di poco superiore al 2,7%, con un tasso che torna a crescere rispetto al precedente bollettino del ministero della Salute. La regione è all’ottavo posto in Italia nel numero dei nuovi contagi giornalieri. Le vittime sono state 22 e portano il totale a 3.891. Gli attualmente positivi sono 34.480, con una diminuzione di altri 69 casi. I guariti sono 672 e restano sempre di più dei nuovi contagiati. Negli ospedali tornano a diminuire i ricoveri e adesso sono 1.163, 37 in meno. E diminuiscono i ricoveri anche in terapia intensiva dove adesso sono 158. La distribuzione nelle province vede Palermo con 292 casi, Catania 165, Siracusa 58, Messina 38, Agrigento 36, Trapani 14, Caltanissetta 12, Ragusa 7, Enna 3. Nel frattempo cresce il numero dei siciliani vaccinati contro il coronavirus. Secondo il report del ministero della Salute, nell’Isola sono state somministrate 234.367 dosi delle 304.235 disponibili, cioè il 77%. A ricevere il farmaco finora sono stati 109.443 uomini e 124.924 donne. Ed è appena iniziata la somministrazione anche del vaccino di AstraZeneca. A riceverlo, in via prioritaria, sono il personale scolastico, appartenenti alle forze armate e lavoratori dei servizi essenziali. Partirà invece il 20 febbraio l’inoculazione agli anziani over 80, inclusi i nati nel 1941, che già da qualche giorno hanno la possibilità di prenotarsi con l’apposita piattaforma di Poste Italiane o tramite call center. La vaccinazione rappresenta una delle armi maggiori contro il coronavirus, e la pianificazione della copertura di tutta la popolazione resta uno dei temi “caldi” sia a livello locale che a livello nazionale: infatti il completamento della campagna è uno degli obiettivi del neo premier Mario Draghi. Ancora nel frattempo, il commissario per l’emergenza straordinaria covid in Sicilia, Renato Costa, ha annunciato che si sta lavorando all’hub vaccinale alla Fiera del Mediterraneo. Costa prospetta: “Speriamo sia pronto entro fine settimana. Contiamo di fare a pieno regime da 5 a 10mila vaccini al giorno”.