Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 886)

L’associazione ambientalista MareAmico di Agrigento, coordinata da Claudio Lombardo, rileva che ogni anno la Valle dei Templi è visitata da più di un milione di persone. “Purtroppo – aggiunge Lombardo – le presenze in città solo meno di 250 mila. E ciò perché non riusciamo ad offrire loro valide offerte turistiche in un centro storico degradato ed abbandonato a se stesso ed in una frazione balneare che offre un mare spesso inquinato e sporcizie ovunque. Tanti angoli centrali di San Leone sono trasformati in discariche a cielo aperto”.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2538595816176748&id=835808973122116

 

Ieri il candidato a sindaco dott. Franco Miccichè, ho sospeso momentaneamente la propria campagna elettorale per tornare a pieno ritmo su quella che è la sua attività professionale.
Nella tensostruttura di Porto Empedocle, subito dopo lo sbarco di 30 immigrati tra Torre Salsa e Siculiana Marina ha provveduto immediatamente a prestare le prime visite e le prime cure con la sua conclamata professionalità e umanità. Una vera fortuna per i trenta migranti i quali, appena sbarcati in condizioni precarie si sono ritrovati un medico scrupoloso che li ha prontamente visitati e rasserenati.

L’azione pubblicitaria messa in atto dal colosso Unieuro raccoglie i suoi frutti.

L’unica famiglia al mondo che rimarrà per sempre, in eterno, è proprio la famiglia Addams.

E’ così che il punto vendita Unieuro del Villaggio Mosè ha pensato bene di uniformarsi a tutte le prerogative che caratterizzano la famiglia Addams ed ha vestito e truccato alcuni suoi dipendenti con un quasi perfetto copia e incolla delle celebre famiglia internazionale.

Un modo come un altro per intensificare il rapporto umano che esiste tra addetti alla vendita che lavorano con il sorriso e i propri clienti.

Altro che acquisti on line, qui il calore umano si vede, si sente, si tocca.

Interrogazione del consigliere Calogero Lattuca al Sindaco del Comune di Porto Empedocle per conoscere i motivi che hanno portato l’amministrazione alla mancata accensione dei riscaldamenti presso l’Istituto Comprensivo Statale Luigi Pirandello.

Lo stesso Lattuca nella medesima interrogazione chiede ulteriori spiegazioni in merito allo stato degli intonaci dei servizi igienici e dei corridoi del primo piano del plesso in questione, chiedendo all’amministrazione se siano previste somme in bilancio per la messa in sicurezza dell’istituto, se è previsto un collaudo statico per confermare la sicurezza del plesso, e se siamo previsti lavori per ripristinare le corrette condizioni d’uso dei locali.
Il consigliere, infine, chiede quando saranno messi in funzione i riscaldamenti e invita l’amministrazione ad adoperarsi affinché la situazione di, grave, disagio trovi una soluzione nel rispetto dei ragazzi e del personale scolastico.

A Favara i Carabinieri hanno arrestato ai domiciliari Vincenzo Lattuca, 39 anni, sorpreso in piazza Giglia alla guida di uno scooter quando, invece, poiché sorvegliato speciale e sottoposto a misura preventiva, non avrebbe potuto guidare il mezzo. Altre irregolarità amministrative sono state contestate in riferimento al ciclomotore. Lattuca è fratello di Jessica Lattuca, la giovane di cui non vi è più traccia dal 13 agosto del 2018.

Ad Agrigento, come pubblicato ieri, l’associazione ambientalista MareAmico, coordinata da Claudio Lombardo, si è accorta della caduta di calcinacci dal cavalcavia in via Volpe, tra via 25 aprile e via Dante, a ridosso dell’ex Parco Addolorata adesso adibito dal Comune a discarica di rifiuti vegetali. Ebbene, 24 ore dopo la segnalazione sono iniziati i lavori di recupero sicurezza.

Ad Agrigento, domani, sabato 30 novembre, al Grand Hotel Mosè, al Villaggio Mosè, dalle ore 8:30 alle 13:30, si svolgerà un convegno sul tema : “Le criticità del fabbricato condominiale viste come opportunità”, organizzato dall’Acap, Associazione condominiale amministratori e proprietari.

In proposito le interviste a Pasquale Palumbo, presidente regionale Acap, Salvatore Buscemi, Responsabile tecnico Acap, e Daniele Ippolito, segretario regionale Acap

Sbarco autonomo in provincia di Agrigento, a Montallegro, sulla spiaggia di Torre Salsa, dove è approdata una barca con diversi migranti a bordo, che si sono dileguati nel territorio. Una decina di persone è stata rintracciata. Guardia di Finanza, Carabinieri e Polizia proseguono le ricerche. E un altro sbarco “fantasma” è accaduto ancora in provincia di Agrigento, a Ribera, sulla spiaggia di Seccagrande, dove i Carabinieri hanno intercettato sette tunisini appena approdati verosimilmente con altri extracomunitari.

Nell’ambito di distinte procedure di esproprio, il Comune di Ravanusa ha occupato diversi terreni di proprietà dei signori B.C. ed A.C. (sono le iniziali dei nomi), di cui: alcuni per realizzare il completamento della rete fognante cittadina, altri per la costruzione della strada di collegamento tra le case popolari del rione Tintoria con Via Olimpica, nel territorio del medesimo Comune, poi altri ancora per il completamento e rifacimento del sistema di distribuzione idrico, ed altri, infine, per realizzare un collettore fognario a servizio degli insediamenti ivi esistenti.
Tali terreni, ancorchè effettivamente occupati dal Comune di Ravanusa, non sono stati oggetto di un formale provvedimento di espropriazione e/o di atto di cessione volontaria ritualmente stipulato.
Pertanto, nel settembre 2017, nel perdurare dell’illegittima occupazione dei propri terreni senza che venisse adottato alcun atto ablatorio a conclusione di tali procedure espropriative, i signori B.C. e A.C. invitavano il Comune di Ravanusa a voler provvedere all’acquisizione ex art. 42 bis t.u. espropri dei suddetti terreni ovvero alla restituzione degli stessi previa rimessione in pristino.
L’Amministrazione comunale, tuttavia, non riscontrava l’istanza presentata dai signori B.C. e A.C., i quali pertanto proponevano un ricorso giurisdizionale, con il patrocinio degli Avvocati Girolamo Rubino e Vincenzo Airò,per chiedere la declaratoria di illegittimità del silenzio serbato sulla loro istanza ed ordinare all’Amministrazione comunale di pronunciarsi con provvedimento espresso.
In particolare, gli Avvocati Rubino ed Airò rilevavano come la mancata definizione della procedura di esproprio impone alla pubblica amministrazione di riscontrare l’istanza del proprietario delle aree illegittimamente occupate adottando una determinazione espressa e, pertanto, decidendo se procedere all’acquisizione ex art. 42 bis t.u. espropri o alla restituzione delle stesse previa rimessione in pristino.
Il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana, uniformandosi alla consolidata giurisprudenza in materia richiamata dalla difesa di parte ricorrente, ha accolto il ricorso proposto dai signori B.C. e A.C. ed ha ordinato all’Amministrazione di pronunciarsi con un provvedimento espresso.
Per effetto di tale statuizione, il Comune di Ravanusa dovrà pertanto decidere, nel termine di 90 giorni, se restituire i terreni occupati previa rimessione in pristino ovvero acquisire ex art. 42bis t.u. espropri i terreni di proprietà dei ricorrenti. L’Amministrazione comunale dovrà inoltre provvedere al pagamento delle spese liquidate in giudizio.

“Suo marito – la maschera di un’autobiografia e altro” è il titolo del 56° Convegno Internazionale di Studi Pirandelliani che si svolgerà dall’1 al 3 dicembre ad Agrigento, grazie all’impegno della Regione Siciliana e dal vicepresidente Gaetano Armao, il contributo del Parco della Valle dei Templi e lo sponsor di Coopculture.

Dopo aver fatto ritorno al Palacongressi, il Convegno prosegue il cammino tracciato dal suo fondatore, il Professor Enzo Lauretta, con lo scopo di tenere sempre aggiornata la critica e la ricerca sull’opera pirandelliana, promuovendo nuove analisi e letture.

Saranno presenti 15 province italiane, 30 Istituti di Scuola Media Superiore provenienti da tutta Italia comprese 6 province siciliane, oltre a studiosi di diverse Università italiane e straniere quali Germania, Repubblica Ceca, Austria e Svizzera, per un totale di circa 500 convegnisti.

Il Convegno, promosso e organizzato dal Centro Nazionale Studi Pirandelliani, presieduto dal Prof. Stefano Milioto, rappresenta una occasione perfetta per approfondire in presa diretta l’opera dello scrittore siciliano, e insieme uno straordinario strumento di conoscenza della cultura della terra da cui l’autore prende ispirazione; ma è anche un momento di grande importanza per Agrigento a seguito della notevole presenza di persone che porta in città e quindi della conseguente ricaduta economica che ha sul territorio.