Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 864)

La prevenzione epidemiologica contro il coronavirus sta, di fatto, bloccando le attività. Prima la salute pubblica e l’obiettivo di bloccare la diffusione del virus. In ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consigliodei Ministri, i sindaci stanno predisponendo i consequenziali avvisi.
In Sicilia, la sospensione è già inclusa nel decreteo emesso dalla Presidenza della Regione, Nello Musumeci.
Queste le nuove disposizioni:
Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale gioco, sale scommesse e sale bingo…. (…) con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
E’ sospesa l’apertura dei Musei e di altri luoghi di cultura;
Lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar hanno l’obbligo, a carico del gestore, di fare rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
L’intero articolo 2 del nuovo DPCM, è riportato qui di seguito.
La prevenzione epidemiologica contro il coronavirus sta, di fatto, bloccando le attività. Prima la salute pubblica e l’obiettivo di bloccare la diffusione del virus. In ottemperanza al Decreto della Presidenza del Consigliodei Ministri, i sindaci stanno predisponendo i consequenziali avvisi.
In Sicilia, la sospensione è già inclusa nel decreteo emesso dalla Presidenza della Regione, Nello Musumeci.
Queste le nuove disposizioni:
Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale gioco, sale scommesse e sale bingo…. (…) con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
E’ sospesa l’apertura dei Musei e di altri luoghi di cultura;
Lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar hanno l’obbligo, a carico del gestore, di fare rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
L’intero articolo 2 del nuovo DPCM, è riportato qui di seguito.

“Coronavirus? Solo uno dei tanti effetti cui dovremo abituarci nei prossimi anni, a causa della globalizzazione selvaggia, dello scambio non controllato delle merci e della mobilità umana talvolta senza vere ragioni. La spasmodica ricerca di successo e di felicità illusoria, si riducono a niente quando si devono fare i conti con i limiti naturali dell’essere umano, con la malattia e la pandemia. L’egoismo dell’uomo sta distruggendo l’ambiente, la natura e le stesse relazioni tra le persone. Cambiamenti climatici, scarsezza di risorse materiali, di energia e persino di cibo in troppe parti del mondo, erano già indicatori chiari del fallimento di un’azione umana spregiudicata e cinica ai limiti della sopportabilità. Cosa fare? Già nelle scorse settimane avevo fatto un appello all’auto controllo e al senso di responsabilità. Avevo detto che non aveva senso chiudere le scuole e lasciare aperti porti, aereoporti, strade e luoghi affollati di incontro. Personalmente ritengo che siamo al tramonto di un ciclo della storia dell’umanità, dove consumismo, lotta del capitale e del potere per il potere, l’hanno fatta da padrone per troppo tempo. Servirà adesso tornare a mettere al centro l’uomo, la solidarietà e la sussidiarietà tra piccoli gruppi di persone. Adesso saremo costretti a ridurre le nostre frequentazioni e a modificare gli stili di vita. Un’occasione per tornare alle cose semplici, per occuparci dell’essenzialità della vita. Gli impatti economici di questa fase saranno pesantissimi e tracceranno il solco di una piena recessione per molti paesi, tra cui inevitabilmente anche l’Italia. Le grandi Città saranno quelle a risentirne di più, per cui è facile immaginare che le aree più interne, i centri più piccoli e a maggiore vocazione rurale potranno offrire maggiori occasioni per una migliore qualità della vita, lontano dagli sprechi, dalle contaminazioni e dalle bruttezze della crisi e del degrado. Sconfiggere il Coronavirus tornando alle nostre radici, ovvero a quelle di un popolo che ha dimostrato di essere in grado con coraggio di affrontare e superare avversità di ogni tipo. Dobbiamo ricercare nella nostra memoria e ascoltare la voce dei nostri antenati. Trascorrere più tempo a casa non per paura, quindi, ma per consapevolezza e senso di appartenenza alla comunità. Consumare cibi semplici e bere bevande calde, nella tradizione delle antiche ricette della nonna. Basterà seguire il buon senso usando la testa, senza farsi prendere dal panico. Avviare processi di empatia e collaborazione con l’altro a partire dai vicini continuando con gli operatori sanitari che, sempre più, dovranno lottare con abnegazione all’interno delle strutture ospedaliere per fare fronte all’emergenza. Avere la consapevolezza che attenendoci alle ordinanze con responsabilità, potremo superare questo momento di difficoltà. L’umanità come l’abbiamo vissuta è in crisi e presto c’è ne renderemo conto. Viviamo l’opportunità”.

Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc.

Lo riferisce l’Ansa. Per l’uomo, che era già affetto da una serie patologie pregresse ed è in gravi condizioni, era stata richiesta la disponibilità al ricovero all’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta, dove, però, non erano disponibili posti in Rianimazione.

Il sindaco di Sciacca Francesca Valenti ha diffuso una dichiarazione video attraverso la propria pagina Facebook, nel quale nel fare il punto della situazione riguardante l’emergenza coronavirus e nel confermare i nuovi casi positivi che si sono registrati in ospedale (sono in isolamento e al momento stanno bene), ha voluto anche lanciare un appello alla città e rinnovare i consigli ad osservare tutte le indicazioni per evitare di correre rischi di contagiarsi.

Un appello al buon senso da parte di tutti, com’è giusto che sia, in un momento di difficoltà. “La situazione è sotto controllo .- ha detto il primo cittadino – contribuiamo tutti ad evitare ulteriore panico e allarmismo, rispettiamo le regole che le autorità sanitarie hanno indicato, nell’interesse di tutti”

 

Si tratterebbe, stando alle prime notizie che al momento non sono state ufficializzate, di pazienti, familiari che li assistono e operatori socio sanitari del reparto di medicina.

Sarebbero invece negativi i tamponi per i medici dello stesso reparto, ovvero i sanitari che si presume stavano maggiormente a contatto con il collega che per primo ha contratto il contagio. Resta inteso che, stando così le cose, il reparto di medicina resta in isolamento. Nessuna delle persone risultate positive al momento risulta avere sintomi gravi. Stanno insomma bene, anche se tutto il reparto è abbastanza preoccupato della situazione che si è venuta a creare.

Nelle prossime ore, il sindaco farà un appello alla popolazione. Al punto in cui siamo, le raccomandazioni a rimanere a casa sono quanto più necessarie.

(corrieredisciacca.it)

L’on. pentastellato Giovanni Di Caro ha presentato un atto ispettivo presentato in merito alla paradossale vicenda istituzionale del comune di Casteltermini.

“Il Governo della Regione Siciliana – scrive l’On. Di Caro – con delibera n. 29 del 06 febbraio 2020 ha fissato le elezioni amministrative, per i comuni dell’Isola, il 24 maggio 2020.
Nella delibera ha incluso anche il comune di #Casteltermini per il quale insiste una pendenza di giudizio presso la Corte di Cassazione (n. 22591/2019) relativo al diritto dell’avv. Filippo Pellitteri ad essere #Sindaco di Casteltermini.
Per questo abbiamo depositato un atto ispettivo in cui chiediamo la revoca immediata della delibera, che indice le elezioni amministrative anche per Casteltermini e di attendere fino all’esito del ricorso in Cassazione, prima di procedere a qualsivoglia azione relativa alle elezioni nel Comune di Casteltermini.”

Continua incessante il controllo del territorio da parte della Polizia di Stato in tutta la nostra provincia.

Ieri sono stati conseguiti i seguenti risultati:

Persone identificate                            n. 260

Persone controllate al C.E.D.           n. 225

Veicoli controllati                               n. 130

Contravvenzioni C.d.S.                      n. 011

Posti di controllo                                n. 018

Documenti ritirati                              n. 001

Controllo persone sottoposte a misure n. 117

 

Nel solo centro di Canicattì, il personale del locale Commissariato guidato dal dott. Cesare Castelli, ha effettuato nella giornata di ieri un controllo straordinario del territorio denominato “Piano d’azione modello Trinacria”, conseguendo questi risultati:

 

Persone identificate                                      n. 122

Veicoli controllati                                         n. 058

Posti di controllo                                          n. 005

Posti di blocco                                               n. 002

Contravvenzioni al C.d.S.                             n. 019

Documenti ritirati                                         n. 001

Veicoli sequestrati                                        n. 001

Controllo esercizi pubblici                           n. 001

Controllo persone sottoposte a misura     n. 005

Le problematiche di tutela alla espansione del Coronavirus pone con urgenza la decisione di valutare di spostare la data delle elezioni comunali, fissate il 24 maggio in 61 comuni siciliani, tra cui i capoluoghi di provincia Agrigento ed Enna, e che coinvolgeranno oltre 750 mila siciliani. E’ quanto propone l’On. le Carmelo Pullara, Capogruppo Popolari e Autonomisti – Idea Sicilia, in una comunicazione urgente indirizzata al Presidente della Regione Sicilia, On.le Nello Musumeci, e all’ Assessore regionale delle Autonomie locali e della Funzione pubblica, On.le Bernardette Felice Grasso.
Con l’epidemia di Coronavirus – afferma Pullara – che coinvolge un numero sempre più alto di casi e regioni e con le varie misure adottate per evitare assembramenti di persone, sarebbe di buon senso procedere ad un rinvio della consultazione del 24 maggio, anche se, ci troviamo oggi, ancora in fase preelettorale. Il clima diffuso di timore, insieme ai limiti posti dal Decreto governativo, non permette, comunque, di avviarsi serenamente verso un’adeguata campagna elettorale anche nella costituzione delle liste che richiede un continuo e diffuso contatto tra persone. Il decreto ministeriale ha dato delle indicazioni ben precise che sottolinea come tale situazione contingente non può e non deve essere sottovalutata, non a caso il decreto del 4 marzo ha previsto la chiusura in tutta Italia delle scuole di ogni ordine grado, raccomandato di evitare assolutamente qualunque tipo di manifestazione che preveda assembramento di pubblico. Tutte le aziende stanno prevedendo e organizzando lo smart working (lavoro da casa). Insomma di fronte a queste urgenti disposizioni anche la politica si deve fermare e non lo dico solo come parlamentare regionale ma soprattutto da cittadino consapevole e uomo della strada.
La scelta del rinvio -prosegue Pullara – andrebbe a tutela dei diritti dei cittadini di organizzare con maggiore tranquillità e fiducia una più corretta informazione e l’organizzazione della campagna elettorale stessa. Accanto alle considerazioni politiche a favore del rinvio ci sono poi, anche quelle sanitarie. Il posticipo della consultazione elettorale farebbe slittare anche tutta quelle serie di incontri e riunioni preelettorali, come scelta prudente di cautela per evitare motivi di diffusione del contagio. Magari si potrà prevedere eventualmente uno slittamento della data a breve sempre nel rispetto delle disposizioni a tutela della salute pubblica che arriveranno dal governo nazionale.
Attendere ancora e cancellare altresì – conclude Pullara – all’ultimo momento una votazione così importante, come quella del 24 maggio, offrirebbe un’immagine sicura e serena delle azioni di governo a tutela della salute pubblica e dei diritti dei cittadini”.