Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 83)

Ad Agrigento un giovane tirocinante in servizio negli uffici amministrativi della Procura, non vaccinato, è risultato positivo al tampone prima di un viaggio aereo. Il procuratore Patronaggio ha disposto, per la seconda volta in poco tempo, la chiusura degli uffici, lo screening e la sanificazione dei locali, oltre la quarantena fiduciaria per i dipendenti che sono stati in contatto con il tirocinante. Lavoro da casa, e udienze in remoto.

Violazione delle norme anti-covid nella provincia agrigentina: a Cattolica Eraclea, nel centro storico, gli agenti della Polizia Municipale hanno sorpreso un bar in attività con elevato volume di musica oltre l’orario consentito, e balli di gruppo innanzi allo stesso locale. Il titolare, che avrebbe organizzato o quanto meno consentito la serata danzante, ha subito una sanzione amministrativa, che varia da un minimo di 258 euro ad un massimo di 1.549 euro.

Sono 222.132 i docenti e gli altri appartenente al personale scolastico – pari al 15,17% – ancora in attesa della prima dose o dose unica di vaccino. E’ quanto si legge nel report settimanale del Commissario per l’emergenza covid, aggiornato ad oggi dal quale emerge che in 4 regioni e nella provincia autonoma di Bolzano la percentuale di chi non si è vaccinato è più del doppio: in Sicilia è al 43,06%, in Alto Adige al 37,92%, in Liguria al 34,76%, in Sardegna al 33,28% e in Calabria al 31,63%.
Sul totale della popolazione del personale scolastico di 1.464.309 unità, l’82,06% ha ricevuto la prima dose, percentuale che sale all’84,83% se si aggiunge anche la dose unica. Il personale totalmente vaccinato è pari al 78,78%.

«In base alle disposizioni nazionali vigenti, nei comuni dichiarati zona rossa, e le ordinanze le firmo in base alle analisi delle Asp, bisogna chiudere i bar e i ristoranti: questa è una follia, abbiamo il diritto e il dovere a consentire a chi ha certificato verde di entrare nei locali. Mettere in ginocchio i ristoratori mi sembra una contraddizione, lo dico a Roma». Così il governatore della Sicilia, Nello Musumeci a Tg4.

«Non bisogna guardare ad altro che al diritto alla vita delle persone. Fino a maggio eravamo gli unici a operare i controlli negli scali aeroportuali, quest’anno la Sicilia è tornata a essere la prima meta turistica e noi abbiamo il diritto e il dovere di garantire chi viene in vacanza sull’isola e gli operatori: ecco perché abbiamo allargato i controlli anche agli aeroporti minori, come a Trapani, oltre Palermo e Catania» ha poi detto Nello Musumeci.

Il comitato per i medicinali umani (CHMP) dell’EMA ha raccomandato di concedere un’estensione dell’indicazione per il vaccino anti Covid-19 Spikevax (Moderna) per includere l’uso nell’età compresa tra 12 e 17 anni. Il vaccino è già autorizzato per l’uso in persone di età pari o superiore a 18 anni. L’uso del vaccino Moderna nei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni sarà lo stesso delle persone di età pari o superiore a 18 anni. Viene somministrato con due iniezioni a distanza di quattro settimane. Gli effetti di Moderna sono stati studiati in uno studio che ha coinvolto 3.732 bambini di età compresa tra 12 e 17 anni.

«La raccomandazione del CHMP di autorizzare il nostro vaccino COVID-19 per l’uso in soggetti di 12 anni e più nell’Unione Europea è un positivo passo in avanti verso l’autorizzazione del nostro vaccino in questa fascia di età”, ha detto Stephane Bancel, Chief Executive Officer di Moderna. “Mentre aiutiamo a combattere la pandemia, speriamo di essere in grado di aiutare gli adolescenti a tornare a scuola in sicurezza questo autunno”, aggiunge.

Sulla SS 640 direzione Caltanissetta dove alcuni automobilisti in transito hanno notato un uomo, un trentenne di San Cataldo, che, dopo aver scavalcato il guard rail del ponte che si erge su Villa Isabella, si è posizionato con le gambe penzoloni sul viadotto a venti metri di altezza del suolo sottostante.

Lanciato l’allarme sul posto sono giunti due volanti della Polizia e l’ambulanza del 118. L’uomo avrebbe manifestato chiari intendi suicidi a causa di problemi familiari. Gli agenti, dopo averlo rassicurato, lo hanno afferrato per la cintura dei pantaloni, tirandolo su da quella posizione critica e mettendolo in sicurezza sul manto stradale. Una volta messo in salvo il giovane, è stato condotto al pronto soccorso dell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta dove è stato sottoposto ad accertamenti sanitari.

Due nuove “zone rosse”, una proroga e una revoca in Sicilia. Lo dispone un’ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci, appena firmata, a seguito delle relazioni delle Aziende sanitarie provinciali di Agrigento, Caltanissetta ed Enna.

Le nuove restrizioni a seguito del considerevole numero di positivi al Covid, in vigore da domenica 25 a giovedì 29 luglio, riguardano i Comuni di San Giovanni Gemini e Cammarata, nell’Agrigentino. Proroga, sempre fino al 29, per Gela, in provincia di Caltanissetta. Mentre viene revocata, con effetto immediato, la “zona rossa” a Piazza Armerina, nell’Ennese.

 

Un giovane di 27 anni, Orazio Giuseppe Battaglia, è stato arrestato a Catania dai carabinieri con l’accusa di abusi e violenze seriali nei confronti di minorenni. Un’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal Gip del Tribunale di Catania per i reati di pornografia minorile, prostituzione minorile, estorsione e atti persecutori con le aggravanti della minorata difesa e dei motivi abbietti.

A Favara, in via dello Sport, nei pressi dello stadio “Bruccoleri”, ha subito un incendio un escavatore di un’impresa edile posteggiato in un appezzamento di terreno dove sono in corso lavori di scavo per la costruzione di un capannone da adibire a deposito commerciale. Alcuni passanti hanno segnalato l’incendio telefonando al 112. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Agrigento, e i Carabinieri della locale Tenenza. Non sono state rinvenute tracce a testimonianza dell’origine dolosa delle fiamme.

A Ribera, negli uffici del Consorzio di bonifica Agrigento 3, in contrada Strasatto, sono stati recapitati due fogli con su scritte minacce di morte, e frasi ingiuriose e oltraggiose contro due lavoratori di 65 e 56 anni. La Procura di Sciacca ha avviato un’inchiesta. Indagano i Carabinieri della locale Tenenza. Già in precedenza, altri dipendenti del Consorzio sono stati bersaglio di lettere intimidatorie, in un caso anche accompagnate da proiettili.