Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 828)

Promossa da Caterpillar e Rai Radio 2 il prossimo 23 febbraio si terrà l’iniziativa finalizzata ad una simbolica sensibilizzazione al risparmio energetico che prevede lo spegnimento dell’illuminazione di monumenti, piazze, vetrine, uffici, abitazioni private.

Con specifica direttiva il Sindaco Ettore Di Ventura dispone lo spegnimento nelle ore serali di oggi, 23 febbraio, dell’illuminazione del monumento dedicato ai martiri della Giustizia Antonino Saetta e Rosario Livatino ubicato in Viale Giudice Saetta.
 

 

Nel corso di mirati servizi volti alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, personale della Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, C. G., classe ‘86 di Realmonte, in quanto ritenuto responsabile del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 
L’atto di ricerca consentiva, altresì, di rinvenire e sottoporre a sequestro una pipetta con bicchiere, utilizzata per il consumo della droga, due coltelli, un trita erba, un bilancino di precisione. Nel medesimo contesto gli agenti della Mobile rinvenivano due dosi contenenti marjuana del peso complessivo totale di grammi 6,1; cinque  dosi  contenenti una sostanza di colore marrone verosimilmente sostanza stupefacente del tipo hashish, per un peso complessivo totale di grammi 2,9, un involucro di carta contenente semi di sostanza organolettica, verosimilmente riconducibili anch’esse alla sostanza stupefacente del tipo marijuana, del peso complessivo di grammi 2,1.


Panico in una scuola di Ravanusa  durante l’ora di uscita degli alunni. Una automobile, nel fare una manovra ha centrato in pieno un tubo del gas che si è spezzato provocando la fuoriuscita dello stesso.

“Al 18^ Festival I Bambini del Mondo anche i gruppi folkloristici agrigentini: Gergent, I Piccoli del Val d’Akragas, Oratorio Don Guanella, Fiori del Mandorlo e Fabaria Folk”

Alla 18^ edizione del Festival Internazionale “I Bambini del Mondo” che anche quest’anno apre il “Mandorlo in Fiore” di Agrigento, assieme agli otto gruppi internazionale di India, Casta Rica, Gerogia, Lituania, Kazakista, Slovacchia , Russia e Repubblica di Calmucchia partecipano anche i gruppi folkloristici agrigentini di Gergent, I Piccoli del Val d’Akragas, Oratorio Don Guanella, Fiori del Mandorlo, “Fabaria Folk” di Favara e “Herbessus” di Grotte.
Lo comunicano Luca Criscenzo presidente dell’Aifa, Associazione International Folk Agrigento, che organizza la manifestazione e Giovanni Di Maida, presidente del Festival. A loro si aggiungeranno, per la sfilata di domenica 4 marzo, anche i gruppi: “Lipiados” di Licata, “Sicilia nu cori” di Campofranco (CL), “I giovani del castello” di Vicari (PA). Tutti insieme, con l’aggiunta di decine di gruppi di scolaresche provenienti da diversi Istituti scolastici della Provincia di Agrigento e di diverse città della Sicilia, daranno vita Sabato 3 marzo ore 10:30 alla “Passeggiata della Pace e della Fratellanza” lungo la via Sacra nella Valle dei Templi di Agrigento, che sancisce l’inizio ufficiale del “73° Mandorlo in Fiore” che vede protagonisti i gruppi folkloristici dei piccoli. Alle ore 12.00 presso il Tempio di Giunone i gruppi internazionali partecipanti al 18° Festival Internazionale “I Bambini del Mondo” daranno il primo saggio della loro bravura con la prima esibizione.
Tutti gli otto gruppi folkloristici internazionali nel loro repertorio presentano anche musiche, canti e balli dichiarati patrimonio immateriale dall’Unesco. I “Ladakh” canti tipici buddisti della Repubblica di Calmucchia; il canto dei “Carreteros” del Costa Rica; i “Canti polifonici” della Georgia; il “Kalbelia” danza del serpente dell’India; le “Danze Baltiche” della Lituania; il “Dombra kuy” danza spirituale del Kazakistan; i “Semeiskie” canti tradizionali della regione degli Urali della Russia; il canto multipartitico “Horehronie” della Slovacchia.
Quest’anno a ricordare Claudio Criscenzo, “papà” dei “Bambini del Mondo” prematuramente scomparso, nel corso della Cerimonia di consegna del Premio “Claudio Criscenzo” in programma al Palacongressi domenica 4 marzo alle ore 20:30, saranno due eccezionali artisti: Antonella Ruggiero e Francesco Buzzurro.

Nel corso dell’anno 2017 sono raddoppiate in Sicilia le condanne per danno all’Erario, quindi alle casse pubbliche, a carico di amministratori e dipendenti pubblici. Nella relazione per l’inaugurazione dell’anno giudiziario, la presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, Luciana Savagnone, ha fornito la cifra dei danni accertati nel 2017 con 107 sentenze: ammontano a 14 milioni e 365mila euro, il doppio dell’anno precedente. La Regione e gli Enti locali ricaveranno dalle sentenze della Corte dei Conti oltre 10 milioni di euro, lo Stato 3 milioni e 422mila euro. E le Aziende sanitarie oltre 888mila euro. Le irregolarità più ricorrenti riguardano la gestione e l’impiego di contributi comunitari all’imprenditoria e all’agricoltura, lo spreco di risorse a volte concesse a soggetti privi dei requisiti previsti dalla legge, l’attribuzione di incarichi a “esperti” e consulenti, assunzioni illegittime e pagamenti ai dipendenti di emolumenti non dovuti. Diverse anche le condanne per danno all’immagine.

L’assistenza ai disabili in Sicilia è un pozzo senza fondo di abusi, sperperi, appropriazioni indebite, intrallazzi vari”: così denuncia la presidente della sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, Luciana Savagnone, nel merito della gestione di due organismi: l’Iridas, istituto regionale per l’integrazione dei diversamente abili, e l’Aias, l’associazione italiana assistenza agli spastici. Il tema dell’assistenza ai disabili in Sicilia è stato oggetto di roventi critiche politiche contro la Regione, accusata di non avere reso a disposizione risorse e servizi adeguati. Solo dopo varie manifestazioni di protesta, la Regione Sicilia ha stanziato altri fondi. E la presidente Savagnone, in proposito, aggiunge: “Tali risorse, pur sempre insufficienti per una disattenzione della politica, sono state dilapidate con comportamenti di mala gestione. Inoltre, sulle modalità di gestione dei fondi per i disabili, c’è stata una sostanziale inerzia da parte delle amministrazioni danneggiate”.

Ad Agrigento i poliziotti della Squadra Volanti, coordinati dal vice questore, Cesare Castelli, hanno denunciato un minorenne egiziano di 17 anni. L’immigrato è stato sorpreso in piazzale Rosselli accerchiato da un gruppo di giovanissimi. Immediato si è sollevato il sospetto dei poliziotti, che sono intervenuti per controlli e perquisizioni. Il minorenne egiziano è stato sorpreso in possesso di cinque stecchette di hashish, per complessivi 7 grammi. E’ stato deferito, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento.

L’avvocato. Roberto Gambino dichiara

Devo mio malgrado intervenire sulle dichiarazioni

attribuite in queste ore ai Consiglieri Comunali

Pietro Vitellaro e Nuccia Palermo.

Lungi da me l’idea di suggerire 

strategie difensive altrui tanto meno quelle

della PA.

Devo però osservare che, a mio avviso, insuperabili ragioni giuridche

processuali e di merito impedirebbero al Comune, quand’anche lo volesse, di interloquire,

in eventuali gradi successivi di giudizio, da qualunque parte priomossi, sulla questione degli 

orari fissati d’imperio dal Giudice.

Tale questione infatti era oggetto del contendere (e, ripeto, non poteva essere

altrimenti per la natura civile del giudizio cautelare) esclusivamente tra i soggetti privati della causa (residenti e locale).

Il Comune è stato chiamato in giudizio, dai ricorrenti sol perché, pur da tempo ufficilamente informato 

– perfino dagli stessi organi

della Polizia Municipale e dell’ARPA – della molestia

attuata su suolo pubblico in danno di privati cittadini, 

pur potendo e dovendo intervenire per legge con provvedimento

inibitorio del Sindaco, non lo ha fatto, restando addirittuara contumance in giudizio.

Il Comune, ove lo ritenesse, potrebbe dunque interloquire nelle eventuali successive fasi solo su questo specifico tema,

e non certo sui rapporti di vicinato tra le Parti.

Non so dunque quale decisione vorrà adottare il Sindaco a riguardo, me temo che, ove 

decidesse di assecondare gli improvvidi suggerimenti dei citati Consiglieri, la brutta figura

che secondo taluni ha già fatto, da locale si estrenderebbe a livello nazionale.

Parodossale infatti che proprio gli organi pubblici che dovrebbero contrastare per Legge l’inquinamento acustico,

adottassero provvedimenti in direzione esattamente opposta, per come già accertato dalla magistratura.

Con, tra l’altro, possibile ed ulteriore danno erariale, che pagherebbe ovviamente la collettività intera e non solo una sua parte.

Per il resto, mi permetto ricordare a Vitellaro e Palermo, che sono consiglieri di tutta

la città, e dunque anche dei molti privati residenti tutt’ora afflitti da questa problematica, 

e non solo degli esercenti interessati, direttamente o indirettamente, alla vicenda.”

 
 

Parte oggi la nuova procedura per la formazione delle liste per avvocati domiciliatari e/o sostituti di udienza.

Nel sito dell’Istituto sono presenti gli Avvisi locali predisposti dalle Direzioni regionali e di coordinamento metropolitano, distinti per ciascun circondario di tribunale rientrante nell’ambito territoriale di competenza.

Da oggi, inoltre, le Direzioni assicurano la pubblicazione degli Avvisi in questione presso le sedi territoriali dell’Istituto e ne dispongono l’invio ai Consigli degli ordini degli avvocati territorialmente competenti, che provvederanno all’affissione nelle rispettive sedi e all’inoltro dell’informazione ai loro iscritti.
 

Le domande, redatte con un apposito form, potranno essere presentate dagli interessati esclusivamente in via telematica, tramite il sito dell’Istituto, dalle ore 12,00 di oggi alle ore 14.00 del 14 marzo 2018. A tale riguardo, è stato attivato uno specifico link sul sito istituzionale, www.inps.it al seguente percorso: “homepage” > ”avvisi, bandi e fatturazione” > ”avvisi” > ”procedura per la formazione di liste di Avvocati domiciliatari e/o sostituti d’udienza” > ”invia la domanda”.

 

Non saranno prese in considerazione le domande che perverranno tramite posta e non saranno accettate quelle consegnate a mano presso le strutture dell’Inps.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente per la lista circondariale del Tribunale presso il cui Consiglio dell’Ordine degli Avvocati il richiedente è iscritto al momento della domanda.

Nel form di compilazione della domanda l’interessato dovrà indicare la P.E.C. (Posta Elettronica Certificata) comunicata al Consiglio dell’Ordine presso cui è iscritto.

Dopo la verifica amministrativa della regolarità e della completezza della domanda e dell’inesistenza di cause di incompatibilità e di situazioni di conflitto di interessi, un’apposita Commissione procederà alla valutazione delle domande e dei curricula. 

Le Liste Circondariali, compilate nei limiti dei fabbisogni individuati, saranno pubblicate sul sito dell’Istituto.

Con la formazione di queste ultime liste, non saranno più valide quelle formate a seguito dell’espletamento della precedente procedura selettiva.

I professionisti già inseriti in quest’ultime liste, qualora interessati a partecipare alla attuale procedura e in possesso dei requisiti previsti dagli Avvisi locali, potranno presentare una nuova domanda con le modalità fin qui descritte.