Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 802)

 

Anche in Sicilia sarà presente lo storico simbolo dell’emancipazione dei lavoratori nella scheda elettorale delle prossime elezioni politiche. 2.500 sono state le firme raccolte e depositate a sostegno delle liste del Partito Comunista alla Camera e al Senato, frutto della straordinaria mobilitazione dei militanti che con grande abnegazione e spirito di dedizione insieme a decine di simpatizzanti hanno raggiunto in poche settimane migliaia di lavoratori, giovani, disoccupati, precari, agricoltori, pensionati che hanno accolto con interesse la nostra proposta politica e un programma di rottura con il capitalismo, l’Unione Europea e il padronato per la trasformazione rivoluzionaria della società.
Saremo presenti in 5 collegi su 6 alla Camera (Palermo, Catania, Messina-Enna, Paternò-Siracusa-Ragusa, Bagheria-Marsala), un risultato che rappresenta un segnale molto importante nel processo di ricostruzione comunista in Sicilia. Questo nonostante una legge elettorale antidemocratica, farraginosa e fuorviante che ci ha indotto in un errore nelle liste per il Senato che ha portato alla momentanea esclusione di esse, sulla quale faremo immediato ricorso per far rispettare la chiara volontà espressa da migliaia di cittadini che hanno convintamente sottoscritto le liste in un numero tre volte superiore al minimo richiesto. Dal contadino Emanuele Feltri candidato all’uninominale di Catania al segretario regionale Alessandro D’Alessandro capolista a Palermo, le liste presentate sono composte da militanti impegnati nelle principali lotte nella nostra regione così come da lavoratori della città e della campagna che quotidianamente fanno attività nei loro luoghi di lavoro e che si impegneranno col Partito Comunista a portare avanti il suo programma rivoluzionario per rafforzare le lotte e l’organizzazione della classe lavoratrice in Sicilia.
Dai centri di lavoro, alle lotte per la casa, dall’opposizione alle politiche antipopolari e guerrafondaie, contro l’oppressione mafiosa e padronale che terrorizza i lavoratori sfruttati e la devastazione dell’ambiente, alla difesa dell’istruzione, della sanità e trasporto pubblico, dell’agricoltura locale e piccoli commercianti, alla necessità dell’uscita dall’Unione Europea e della NATO, utilizzeremo le elezioni per dar voce e forza ai bisogni e interessi delle classi popolari che ogni giorno vivono sulla loro pelle i drammi di questo ingiusto sistema economico da abbattere.
Per un’Italia Socialista, per il potere ai lavoratori!
Il 4 marzo vota comunista!

CANDIDATI ALLA CAMERA
CIRCOSCRIZIONE SICILIA 1
COLLEGIO 01
PLURINOMINALE: D’Alessandro Alessandro, Calabria Emilia, Casula Alessandro, La Cavera Eliana
UNINOMINALE
Palermo – Resuttana- S.Lorenzo: Casula Alessandro
Palermo – Libertà: La Cavera Eliana
Palermo – Settecannoli: Calabria Emilia
COLLEGIO 02
PLURINOMINALE: Calabria Emilia, D’Alessandro Alessandro, La Cavera Eliana, Mazziotta Carlo
UNINOMINALE
Bagheria: D’Alessandro Alessandro
Marsala: Mazziotta Carlo
Monreale: Urso Daniele
CIRCOSCRIZIONE SICILIA 2
COLLEGIO 01
PLURINOMINALE: Vicario Salvatore, Libro Annamaria, Calì Orazio Patrizio Felice, Catarame Elena
UNINOMINALE
Messina: Vicario Salvatore
Barcellona Pozzo di Gotto: Romeo Roberto
Enna: Libro Annamaria
COLLEGIO 02
PLURINOMINALE: Cristaldi Lucia, Feltri Emanuele, Catarame Elena, Calì Orazio Patrizio Felice
UNINOMINALE
Acireale: Calì Orazio Patrizio Felice
Catania: Feltri Emanuele
Misterbianco: Germanà Maria Agatina (detta Katia)
COLLEGIO 03
PLURINOMINALE: Catarame Elena, Rosano Salvatore, Germanà Maria Agatina (detta Katia), Feltri Emanuele
UNINOMINALE
Paternò: Rosano Salvatore
Ragusa: Santangelo Paolo
Avola: Cristaldi Lucia
Siracusa: Stancampiano Immacolata

 

 
Dopo 10 giorni di raccolta firme, forti di un strepitoso dato di 52.000 firme raccolte a fronte delle 25.000 necessarie, è ora di dare inizio alla campagna elettorale.
Il primo appuntamento elettorale, quindi, è fissato per venerdi 02 febbraio 2018 alle 18.30 in via Diodoro Siculo 1 (sede Fed.Ar.Com) ad Agrigento.
I candidati scelti dalle tre precedenti assemblee popolari illustreranno il nostro programma e discuteremo su come portare avanti la campagna elettorale.
I nostri candidati sono:
SENATO SICILIA OCCIDENTALE
Marrone Carmela, Insegnante
Lombardo Vincenzo, Pensionato, ex insegnante
Russo Leonilde detta Nilde
Muratore Pietro
CAMERA – SICILIA 1 – 03 (Mazara del Vallo – Agrigento – Gela)
Palermo Michelangelo, Architetto
Di Cristina Giuseppina, detta Giusi, detta Giusy, Insegnante precaria
Carusotto Giuseppe, Disoccupato De Marco Laura Angela
Collegi uninominale Senato
SICILIA – 01 LA BIANCA MARIA
SICILIA – 02 MANISCALCO GIOVANNI
SICILIA – 03 FICARRA GIUSEPPE DAVIDE DETTO DAVIDE
SICILIA – 04 MARRONE CARMELA
SICILIA – 05 MURATORE PIETRO
Collegio uninominale Camera
Collegio uninominale SICILIA 1 – 04 (Gela) GIULIANA VINCENZO
Collegio uninominale SICILIA 1 – 07 (Agrigento) DI CRISTINA GIUSEPPINA,
DETTA GIUSI, DETTA GIUSY
Collegio uninominale SICILIA 1 – 09 Mazara del Vallo PULEO NICOLA
Contiamo sulla partecipazione di tutti e soprattutto dei giornalisti.
Potere al Popolo – Coordinamento di Agrigento

Verrà presentata ufficialmente alla Stampa, dal sindaco Lillo Firetto, domattina, giovedì 1° Febbraio alle ore 10.30 presso l’ex Collegio dei Padri Filippini il programma della giornata-evento organizzata dall’Amministrazione Comunale per festeggiare l’ingresso della città dei templi nella short list delle dieci città candidate a Capitale Italiana della Cultura 2020. Una grande festa per sostenere Agrigento, che interesserà il centro storico e piazza Stazione, in programma sabato 3 febbraio e che vedrà la partecipazione di numerosi artisti e personaggi del mondo della Cultura e dello spettacolo.

.

 

M5S, a segno 4 mozioni in due giorni. È arrivato oggi da sala d’Ercole l’ok alla mozione della deputata Angela Foti che impegna il governo all’emanazione del decreto per la definizione

delle linee guida per la fuoriuscita  dai rispettivi bacini dei titolari di contratti di lavoro subordinato a tempo determinato stipulati con la Regione, con  gli  enti    sottoposti a vigilanza e tutela della stessa  e con  gli enti  del  settore sanitario.

“La long list delle banche interessate alle operazioni creditizie – dice la deputata – è già esistente, manca il decreto attuativo che potrebbe sbloccare l’operazione”.

Ieri a sala d’Ercole era scattato il semaforo verde per altre tre mozioni targate M5S, due sempre di Angela Foti e una della deputata Elena Pagana.

Le mozioni approvate ieri prevedono il riconoscimento dello stato di calamità nel territorio dell’ex provincia di Enna, il riconoscimento degli incentivi alle imprese artigiane siciliane previsti della legge 949 del 1952, col recupero di 200 milioni di euro del recente passato e l’inclusione della rappresentanza dell’ordine regionale degli agronomi e forestali tra i componenti del comitato di sorveglianza Psr Sicilia 2014-2020.

 

La mozione sullo stato di calamità trae le mosse dalla carenza di piogge che a partire dalla primavera del 2017 ha causato danni irreparabili alle serre e alle coltivazioni in genere  e impegna l’esecutivo non solo a riconoscere lo stato di calamità naturale, ma anche a recepire ogni azione finalizzata alla quantificazione dei danni alle produzioni. La mozione è stata poi estesa a tutta la Sicilia grazie ad un ulteriore emendamento del deputato M5S Francesco Cappello.

Oggi, il Licata ha vinto la coppa Italia regionale. Ho appreso la notizia con grande gioia ed entusiasmo. Faccio i miei complimenti più sinceri alla dirigenza che ha profuso impegno e sacrificio in questi anni, investendo denaro, fatica in questo progetto contro ogni logica di mercato, ma solo perché più di tutti ha dimostrato di credere al progetto Licata, in onore al suo glorioso passato e nella speranza di un futuro altrettanto di successo. Faccio allo stesso modo, e anche di più, un applauso alla squadra e ai mitici ultras che ogni domenica la seguono, che vi sia il sole o la pioggia. Era da tempo che da cittadino licatese desideravo di potermi inorgoglire per i successi sportivi e non della nostra città. Sono convinto che il rilancio dal nostro paese passi anche dallo sport. Farò di tutto, nel mio piccolo, per essere di sostegno a coloro che nel calcio e in tutte le altre attività dilettantistiche mettono cuore e passione. Adesso è il momento di garantire le strutture, ovvero il palazzetto e lo stadio. Oggi, tuttavia, la Sicilia è gialloblù, domani con l’impegno di tutti lo potrà essere in tanti altri settori. Forza Licata sempre!o

“Da due mesi al Viminale sembra circoli un elenco diramato dall’Interpol di 50 sospetti fighters dell’Isis, tutti di nazionalità tunisina, che sarebbero arrivati di recente in Italia sui barconi. Lo riporta il Guardian online. Il Dipartimento della pubblica sicurezza minimizza. Quello che di certo non si può ignorare sono i numerosi sbarchi fantasma provenienti dalla Tunisia che da agosto, e per diversi mesi, si sono susseguiti sulle coste siciliane. Si tratta di migliaia di clandestini, delinquenti usciti dalle patrie galere tunisine e in essi chissà quanti potenziali terroristi, tutti sfuggiti a ogni tipo di controllo e censimento. Dove sono ora questi ‘fantasma’, che fine hanno fatto? Potrebbe esserci tra di loro un altro Amri, il killer di Berlino? Domande che abbiamo rivolto al Governo più volte, anche con specifici atti e interrogazioni parlamentari. Minniti deve dirci come stanno le cose, da mesi invece continua a prenderci per i fondelli. Questo è il frutto delle dissennate politiche lassiste della sinistra, vero pericolo per la nostra sicurezza nazionale, con la complicità del M5S. Ci vogliono provvedimenti chiari: con la Lega e Salvini al governo stop invasione, porti chiusi e rimpatri di massa”.

Così il deputato Alessandro Pagano della Lega-Salvini premier.

 

 
 

 

 

Dopo una lunga fase di trattative è stato sottoscritto un accordo tra i Sindacati e il gruppo Unicredit sul cosiddetto Piano Giovani che prevede numerose uscite volontarie a fronte di circa 550 assunzioni stimate. L’accordo prevede l’allargamento del bacino dei possibili aderenti alle uscite oltre ai 915 che matureranno i requisiti per andare in pensione entro il primo dicembre 2023. Infatti è stato deciso che possano aderire anche i circa 800 colleghi che matureranno i requisiti nel primo semestre 2024. In questo modo si stima di raggiungere un numero sufficiente di adesioni volontarie che porteranno all’assunzione di oltre 500 giovani. Invece, i lavoratori che presenteranno dimissioni irrevocabili pur non avendo i requisiti pensionistici, potranno avere liquidate da un minino di 24 ad un massimo di 36 mensilità e lasciare il servizio ma senza l’assegno di accompagnamento. “E’ fondamentale – affermano Gabriele Urzì e Giuseppe Angelini rispettivamente Segretari Nazionali di Gruppo Unicredit First Cisl e FABI – avere mantenuto la volontarietà che rimane un punto fermo di questa operazione: l’adesione sarà libera e per chi sceglierà questa strada e’ previsto l’accesso al fondo di solidarietà in chiave espansiva. Speriamo inoltre che una quota dei nuovi assunti venga assegnata anche in Sicilia”.
“L’accordo prevede anche un premio di produttività pari a 800 euro lordi per tutto il personale del Gruppo (Unicredit SpA, UBIS, Fineco, Unicredit Leasing, Unicredit Factoring, Cordusio, Unicredit Bank AG), che sarà liquidato a giugno 2018. Per chi decide la liquidazione a “conto Welfare” l’importo sale a 1.150 euro. E’ un accordo che insieme ad altre importanti intese sulla Formazione, sulla qualità del lavoro e le politiche commerciali, sull’assistenza sanitaria e sistema del welfare, – concludono i Sindacalisti – costituisce un riconoscimento dell’impegno profuso dai lavoratori in tempi difficili per tutti e che ha consentito anche quest’anno ad Unicredit di raggiungere ottimi risultati di bilancio”.

La coordinatrice comunale del gruppo giovani di Forza Italia di Cammarata, Erika Maggio, esprime vivo apprezzamento a seguito della candidatura dell’onorevole Vincenzo Giambrone all’uninominale maggioritario per il Senato, nel collegio di Agrigento, alle elezioni politiche del 4 marzo. Erika Maggio afferma: “Il partito non avrebbe potuto fare scelta migliore. Vincenzo Giambrone, perno fondamentale di Forza Italia, si è sempre contraddistinto per competenza e caparbietà, qualità fondamentali per rappresentare al meglio in Senato il nostro territorio. Per noi giovani è sicuramente una persona da prendere come esempio”.

E nel frattempo, la coordinatrice provinciale di Forza Italia Giovani di Agrigento, e vice coordinatrice regionale, Lilly Di Nolfo, ha nominato come coordinatore comunale di Burgio, Domenico Arrigo, da tempo impegnato nel Giovanile Azzurro. Lo stesso Arrigo commenta: “Ho deciso di prendere parte al gruppo politico di Forza Italia in quanto rappresenta l’unica alternativa ad ogni altra soluzione politica. Sono onorato dell’incarico affidatomi dalla coordinatrice provinciale e dal coordinamento regionale di Forza Italia Giovani. Noi giovani siamo il presente e rappresentiamo il futuro. Dobbiamo dunque essere pronti ad intervenire in tutte le scelte che vengono prese nel nostro Paese”.

 

Calogero Pisano candidato del centrodestra nel collegio uninominale alla Camera di Agrigento rilancia il progetto del polo moderato dopo il fallimento degli ultimi 5 anni di Renzi e del centrosinistra che hanno affossato l’Italia.

“Abbiamo iniziato la campagna elettorale con il piglio giusto,lo dicono i sondaggi ma soprattutto la gente che incontro continuamente nel collegio dove sono candidato.
C’è voglia di tornare a una politica che decide e che intervenga in maniera brutale e decisa dopo anni di malgoverno delle sinistre e di inciuci di palazzo che hanno bloccato il nostro quadro istituzionale creando disaffezione e rabbia sociale ed economica.
Il centrodestra ha stilato un programma che dà un netto cambio di passo al Paese, all’immobilismo generale e allo scomposto assetto politico e di governo.
Ripartire dalle basi,dalle identità del popolo,dalle famiglie,dallo stato sociale,dallo svecchiamento dei quadri dirigenti della politica è un punto di unione e di rottura con il passato,che va premiato e che identifica fortemente la coalizione di centrodestra.
Il nostro territorio e il collegio dove sono in corsa ha bisogno su tematiche economiche e su progetti di sviluppo parlamentari eletti e politici capaci che conoscono le problematiche in essere dalle viscere per dare al popolo una via d’uscita alla politica improduttiva che si è caratterizzata finora,purtroppo.
Ecco perché la mia battaglia è supportata da una coalizione( Forza Italia,Fratelli d’Italia,Lega e Noi con l’Italia) che mi sostengono perchè ha una vera prospettiva di governo.E ho accanto la forza di tantissimi giovani che vogliono essere protagonisti attraverso un loro coetaneo con una proposta vincente.Tutto ciò vuole essere da volano per un taglio generazionale e di nuova politica,infatti gli italiani avranno di fronte il 4 marzo un voto utile e un voto di rabbia. Sono sicuro che la gente ragionerà e voterà con criterio e determinatezza per chi ritiene più utile a dare una svolta alle loro vite. ”

 

“Intervengo in relazione alla mia candidatura nel collegio uninominale di Agrigento. La decisione della mia candidatura è avvenuta in un contesto di coalizione per la lista Civica Popolare da parte del Ministro Beatrice Lorenzin.

Sento come imprescindibile e doveroso precisare che mi candido per rappresentare tutte quelle persone moderate e progressiste che si ritrovano in parole come impegno, competenza, onestà e amore per il territorio che sono sempre state la mia luce guida e il mio unico credo. La mia storia, personale e politica, sono dettate e guidate dal rispetto di questi semplici ma imprescindibili punti fermi.

Perciò sono convinto che insieme al PD ed a tutta la coalizione si possano trovare non solo punti in comune ma un’unione di intenti e di ideali che possa portare al rinnovamento della provincia di Agrigento ed alla soluzione dei gravosi problemi del nostro territorio.

Sono onorato di essere stato scelto per rappresentare Civica Popolare e gli agrigentini tutti in questa campagna elettorale. Mi auguro che sulla mia persona e sui valori che voglio rappresentare, possa trovarsi il più ampio consenso”.

Lo dichiara il candidato del PD alla Camera Giuseppe Sodano.