Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 792)

La Gestione Commissariale del S.I.I., facendo seguito alle precedenti comunicazioni inerenti le problematiche legate alla fornitura idrica dei Comuni serviti attraverso l’Acquedotto “Tre Sorgenti”, informa che “solo oggi è stato possibile ripristinare parzialmente la distribuzione idrica nei comuni di Grotte, Naro, Racalmuto e Castrofilippo. In particolare, alle ore 09:30 di ieri, la Gestione Commissariale ha immesso nell’acquedotto consortile una portata di 50 l/s (+30 l/s rispetto a quella già consegnata), in conformità alle limitazioni imposte dal Consorzio. Le portate che vengono, tutt’ora, fornite ai comuni risultano le seguenti: Racalmuto: 15 l/s; Grotte: 15 l/s; Castrofilippo: 7 l/s; Naro (sollevamento Idrico “Margio Vitale”): 15 l/s; con ripetute problematiche legate all’irregolare funzionamento della pompa di sollevamento a causa di portata inferiore alla capacità minima della stessa. Tenuto conto che tale fornitura idrica è notevolmente ridotta rispetto a quella necessaria per garantire un tempestivo recupero e, quindi, la normalizzazione della distribuzione idrica nei succitati comuni, la Gestione Commissariale del S.I.I. ha diffidato il Consorzio a garantire l’immissione dell’ordinaria portata necessaria per l’approvvigionamento dei comuni, da anni ordinariamente pari a l/s 80”.

La Digos di Palermo ha denunciato 47 persone coinvolte in una presunta truffa aggravata alla Regione siciliana. Si tratta dell’ennesimo caso di presunti “furbetti del cartellino”. A loro carico è stata emessa la misura dell’obbligo di presentazione presso gli uffici di polizia giudiziaria. I provvedimenti riguardano 30 lavoratori “Ex Pip” appartenenti al bacino “Emergenza Palermo”, assegnati dal Dipartimento regionale del Lavoro alla Fondazione “Orchestra Sinfonica Siciliana”, con mansioni di pulizia, manovalanza, giardinaggio, servizio di maschera in sala, centralino e portineria. La misura è stata emessa anche per 16 dipendenti della Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, addetti all’area amministrativa, tecnica e alla direzione artistica e nei confronti del figlio di un dipendente dell’ente che avrebbe timbrato il cartellino al posto del padre.
L’attività degli investigatori della Digos svolta nei mesi di febbraio, marzo e aprile del 2019, grazie ai sistemi di video ripresa e servizi di osservazione e pedinamento, ha accertato che gli indagati timbravano o si facevano timbrare il cartellino e poi lasciavano il lavoro per andare al ristorante, dal barbiere o fare shopping.

Incidente mortale la scorsa notte alle porte di Bronte, lungo la strada statale tra Bronte e Randazzo. Secondo una prima ricostruzione, un uomo di 24 anni, alla guida di una Lancia, ha investito una mucca colta sulla carreggiata. Ha subito delle ferite ed è stato condotto in ospedale. Durante le operazioni di recupero della vettura, una Opel Corsa ad alta velocità ha investito l’animale ancora sul ciglio della strada, scontrandosi contro il carro attrezzi in quel momento impegnato nel recupero della Lancia Delta. Nell’impatto violentissimo sono morti due fidanzati, di 20 e 21 anni.

E’ stato un primo novembre, domenica di tutti i Santi, estivo in provincia di Agrigento. Complice l’alta temperatura, migliaia di persone si sono riversate lungo le spiagge della provincia. Tantissima gente a San Leone e altrettanti non hanno rinunciato al tuffo in mare. In un momento di pandemia e restrizioni, è stata una domenica davvero speciale.

Come da tradizione, il Parco Archeologico di Agrigento ha donato all’associazione “Volontari di strada” 160 litri di olio con olive coltivate all’interno della Valle dei Templi. Un gesto di grandissimo valore umano e sociale che ha commosso ed onorato tutti i componenti dell’associazione, a partire dalla presidente Anna Marino:
“Esprimo ufficialmente e pubblicamente a nome mio personale, dei soci e di tutto lo staff che mi collabora, sentimenti di ringraziamento nei confronti del Direttore del Parco, Roberto Sciarratta, per aver donato alla nostra associazione 160 litri di olio. Con l’Ente Parco ed in particolare con Roberto Sciarratta, sensibile alle nostre esigenze e problematiche, da anni esiste un rapporto di strettissima collaborazione che ha portato, nell’ottobre di due anni fa, alla firma di un documento con il quale il Consiglio del Parco, accogliendo positivamente la richiesta avanzata dalla nostra associazione, ha concesso, a titolo gratuito e per la durata di sei anni, un terreno non coltivato confinante con altro terreno a sua volta donatoci dalla famiglia Moscato. E in quella occasione – prosegue Anna Marino – abbiamo potuto conoscere ed apprezzare le qualità umane dell’allora dirigente ed oggi Direttore dell’Ente, Roberto Sciarratta, che ha seguito con particolare attenzione e cura tutto l’iter burocratico. Adesso la donazione di ben 160 litri di olio con olive coltivate all’interno della Valle dei Templi che fa il paio con la donazione avvenuta un anno fa. Il gesto compiuto dal Parco e dal suo Direttore ripaga di tante piccole e grandi delusioni – conclude Marino – che quotidianamente costellano il nostro cammino che non ci consente, a volte, di fare più di quello che facciamo o vorremmo fare”.

SICILIA. L’indice di contagio (RT) in Sicilia ha due province che destano più preoccupazione. Sono quelle di Enna e Caltanissetta dove l’indice di contagio supera l’1.5

Tra 1.25 e 1.5 ci sono le province di Agrigento, Catania e Ragusa. Le province di Trapani, Palermo e Messina si trovano tra 1 e 1,25.

La provincia dove l’indice di contagio è sotto l’1 è Siracusa

Segati e rasati al suolo 32 alberi di ulivo. E’ accaduto in contrada Volpara a Lucca Sicula. Vittima dell’intimidazione un bracciante agricolo, incensurato, di 58 anni. Il danneggiamento, che ha provocato danni quantificati in circa 2 mila euro, è stato già denunciato alla stazione dei carabinieri del paese. I militari dell’Arma, come sempre avviene in casi di questo genere, hanno informato l’autorità giudiziaria e hanno avviato le indagini. I carabinieri potrebbero riuscire a circoscrivere il tipo di movimenti registratisi in quell’area proprio nelle ore in cui gli alberi di ulivo – 32 appunto – venivano tagliati. Servirà, però, naturalmente, del tempo affinché le indagini progrediscano. L’obiettivo è chiaramente uno soltanto: riuscire ad identificare i balordi che hanno provocato il danno. Difficile ipotizzare, anche se non impossibile, che ad agire possa essere stata soltanto una persona.

Oggi lunedì 2 novembre è il giorno della commemorazione dei fedeli defunti. A causa della pandemia in corso, per evitare assembramenti nei cimiteri e tutelare il bene della salute pubblica, non sono celebrate le messe nei cimiteri di Agrigento. Nel pomeriggio, dalle ore 18:30 in poi, il cardinale Francesco Montenegro officia una messa in Cattedrale. Al mattino di oggi, invece, ha rivolto una preghiera ai defunti innanzi al cimitero di Bonamorone monsignor Alessandro Damiano, arcivescovo coadiutore.

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha deliberato due nuove “zone rosse” in Sicilia per contrastare la diffusione del Coronavirus. Si tratta dei Comuni di Vittoria, in provincia di Ragusa, dove i positivi sono circa 500, e Centuripe, nell’Ennese. L’ordinanza, adottata d’intesa con l’assessore alla Salute Ruggero Razza, ascoltati la Commissione prefettizia e il sindaco, sarà in vigore dal 3 al 10 novembre. L’importante mercato ortofrutticolo di Vittoria mantiene però la propria piena funzionalità. Con riferimento al ciclo della filiera agroalimentare e ortofrutticola e, in genere, all’organizzazione delle attività mercatali, l’Azienda sanitaria provinciale di Ragusa dovrà intensificare i controlli per la prevenzione e il contenimento del contagio.