Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 761)

519  nuovi positivi al Covid19 su 23.161 tamponi processati. La Sicilia è undicesima nel contagio giornaliero di oggi.

Le vittime sono state 12 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 4.213.

Il numero degli attuali positivi è di 22.678, con decremento di 1.867 casi rispetto a ieri.

I guariti sono infatti 2.374.

Negli ospedali i ricoverati sono 790; 4 in meno rispetto a ieri, quelli in terapia intensiva sono 120, due in più.

 

I nuovi contagi per province:

Palermo 221

Catania 128

Messina 28

Siracusa 24

Trapani 11

Ragusa 33

Caltanissetta 14

Agrigento 46

Enna 14

La Scala dei Turchi è uno dei siti più amati in Italia e non solo. Seppure in una stagione ancora difficile per via del Covid 19, gli imprenditori che da anni operano nella zona, hanno deciso di aprire ugualmente la stagione.

Riapre domani, infatti, il primo lido balneare della Scala dei Turchi, il “Majata”, e già questa è una bella notizia non foss’altro perché malgrado la Pandemia, si guarda al futuro con ottimismo, che poi sono i vaccini.

“E’ una scommessa – dice la titolare Carmen Cinquemani – ma necessaria. Bisogna imparare anche a convivere con il Covid 19 in attesa delle vaccinazioni di massa. Niente, in questo momento, è come prima, proprio per questo motivo opereremo al massimo della sicurezza tanto che invitiamo le persone a prenotarsi. Non sappiamo ancora come sarà la stagione estiva, ma cerchiamo di essere fiduciosi”.

Ad Agrigento e provincia alcuni aventi diritto, ovvero le fasce rientranti nelle categorie attualmente da vaccinare, lamentano ritardi nell’effettuazione del vaccino. Gli appuntamenti, nonostante la prenotazione, sono parecchio dilazionati nel tempo, con liste d’attesa anche di due mesi. Sarebbe opportuno procedere ad una accelerazione nell’esecuzione dei vaccini allestendo, come già annunciato, l’hub vaccinale o al PalaCongressi del Villaggio Mosè, reso a disposizione dall’Ente Parco Valle dei Templi, o al PalaMoncada a Porto Empedocle, offerto dall’imprenditore Salvatore Moncada.

Alla Regione, a seguito dell’approvazione di un emendamento in Commissione Bilancio presentato congiuntamente dai deputati Roberto Di Mauro, Gaetano Galvagno e Luigi Sunseri, è stato aumentato il fondo di altri 3 milioni di euro per le borse di studio agli specializzandi in medicina. I tre deputati spiegano: “In un momento di emergenza sanitaria e pandemica, gli specializzandi daranno una mano non indifferente a tutte le strutture sanitarie regionali. Il fondo, che originariamente era fermo a 4 milioni di euro, con queste nuove risorse finanziarie permetterà ulteriori posti per le borse di studio per gli specializzandi negli atenei siciliani. E’ una prima risposta concreta per potenziare sempre di più una sanità che in Sicilia non deve solo formare e creare nuovi medici ma deve favorire la crescita e la valorizzazione della nuova classe dirigente sanitaria siciliana mettendo in condizioni i giovani professionisti di arricchire il nostro territorio”.

Vito Nicastri, il ‘re del vento’ in affari con la mafia, è un uomo libero. La Procura di Palermo ha emesso un decreto di sospensione dell’esecuzione della pena. Nicastri, difeso dall’avvocato Sebastiano Dara, è stato detenuto per l’ultima delle tre condanne che gli sono state inflitte. Dopo il patteggiamento a 2 anni e 10 mesi per corruzione, dopo i 4 anni e 3 mesi per intestazione fittizia di beni, lo scorso 15 dicembre Nicastri ha patteggiato 2 anni e 7 mesi per bancarotta fraudolenta relativa alla Eolica Service Palermo, dichiarata fallita dal Tribunale di Palermo a causa di un buco di bilancio da 3,9 milioni di euro. L’articolo che ha consentito la liberazione di Nicastri è il 656 del codice di procedura penale: “Se la pena detentiva, anche se costituente residuo di maggiore pena, non è superiore a tre anni, il pubblico ministero ne sospende l’esecuzione”.

L’Associazione dei consumatori “Konsumer” che ha scritto all’amministrazione comunale di Agrigento per chiedere chiarimenti sulla differenza di prezzo del carburante dei negli impianti del Villaggio Mosè rispetto ad altre zone della città. I responsabili di Agrigento e Favara, Gianluca Cucchiara e Giuseppe Di Miceli affermano: “abbiamo raccolto diverse segnalazioni da parte dei cittadini. L’esistenza di una differenza di prezzo-dicono i due- tra il Villaggio Mosè e gli altri quartieri della città sarebbe stata già verificata attraverso un sito on line che consente di raffrontare i prezzi del carburante”. Konsumer chiede a palazzo dei Giganti di “verificare ed accertare il prezzo praticato dai di distributori di carburante in città provvedendo inoltre a convocare un tavolo di confronto tra i gestori dei distributori, oggetto del caro carburanti, e le associazioni dei consumatori affinché vengano calmierati i prezzi. Se la situazione dovesse perdurare- avvertono- l’associazione sarà “costretta a chiedere l’intervento dell’AntiTrust”.

Ad Agrigento, a San Leone, in piazzale Giglia, domani, sabato 6 marzo, dalle ore 10:30 in poi, si svolgerà un flash mob del partito Italexit con Paragone. Tra gli altri interverranno il coordinatore e il vice coordinatore provinciale, Antonio Damaso e Manuel Samaritano. Nella nota di convocazione dell’iniziativa si legge: “Italexit anche in questa occasione è vicina agli imprenditori ed alla cittadinanza, così come in questi mesi ha sostenuto i lavoratori delle imprese della ristorazione, delle scuole di danza e di tutte quelle categorie danneggiate dai Dpcm”.

Si amplia l’organico dell’associazione turistico – ricettiva agrigentina “Tante case tante idee”, presieduta da Domenico Vecchio. Maurizio Crapanzano, 44 anni, di Agrigento, è il nuovo tesoriere, e componente del Consiglio direttivo, composto dal vicepresidente Michele Capraro, dalla segretaria Vanessa Zicari e dai membri Nadia Rosato, Maria Lucia Capraro e Annarita Zambuto. Nel corso dell’ultima assemblea è stato ufficializzato anche l’ingresso di nuovi associati: Valentina Fasciana ed Elvira Mangione che si aggiungono all’altra new entry formalizzata nel mese di gennaio scorso, Roberta Bennardo.

Ad Agrigento il Comune ha proceduto ancora una volta alla rimozione e alla bonifica dell’area interna all’ospedale “San Giovanni di Dio” trasformata in maxi discarica di rifiuti indifferenziati. Altrettanto ancora una volta, il Comune di Agrigento ha ovviamente addebitato le spese a carico dell’Azienda sanitaria provinciale di Agrigento, più volte diffidata a garantire l’effettuazione della raccolta differenziata in ospedale.

Il Comitato provinciale Unicef di Agrigento promuove anche quest’anno il progetto nazionale cosiddetto “Bomboniere solidali”. Se hai in programma un matrimonio, un battesimo, una laurea o qualsiasi altra ricorrenza, potrai acquistare le bomboniere solidali Unicef. Ogni euro di bomboniere Unicef corrisponde, ad esempio, a 20 bustine di sali reidratanti, fondamentali per curare i bambini affetti da disidratazione. Le bomboniere solidali possono essere ordinate al Comitato Unicef di Agrigento, telefonando ai numeri 3208365151 o 3899488335. Oppure sul sito internet di Unicef.it, alla voce nuove bomboniere.