Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 729)

Da 13 giorni Biagio Conte, fondatore a Palermo della Missione Speranza e Carità che accoglie 1100 persone disagiate, prega, rende penitenza e digiuna, nutrendosi solo di Eucarestia, in una grotta nell’entroterra siciliano. Nei giorni scorsi il missionario è stato male ma adesso si è ripreso e intende continuare il digiuno. Il missionario, che si batte contro ogni forma di dipendenza, lancia un appello. Le sue parole: “Perché non prendiamo l’esempio dei provvedimenti repentini messi in atto per contrastare l’epidemia del coronavirus? Per evitare il contagio e la morte, in pochissimo tempo sono state varate leggi restrittive. Perché non si tutela la salute di ogni persona vietando il consumo e l’utilizzo di alcool, delle droghe leggere, delle sigarette, del gioco delle scommesse? Questa società è malata. Queste piaghe delle dipendenze negative sono una continua e interminabile ‘pandemia dell’egoismo”.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, anticamera della richiesta di rinvio a giudizio, a nove indagati di avere reso, a disposizione degli stranieri giunti clandestinamente in Italia, documenti, biglietti di viaggio ed anche abitazioni, tra Lampedusa e Porto Empedocle, utili per evitare i controlli e i relativi rimpatri. A scoprire tale presunta organizzazione è stata la Squadra Mobile di Agrigento, coordinata da Giovanni Minardi, che nell’aprile del 2018 ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari firmata dal Tribunale di Agrigento.

Sei esemplari di tonno rosso, dal peso complessivo di una tonnellata e 120 chili, sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza. Il pescato è stato trasportato in un furgone bloccato dalle Fiamme gialle per un controllo nella zona marinara di Acitrezza, frazione di Aci Castello, nel Catanese. Il conducente e l’occupante del mezzo non hanno fornito la documentazione prevista dalla normativa comunitaria e nazionale specifica per il tonno rosso, che serve a identificare la provenienza del prodotto ittico. E’ scattato quindi il sequestro con conseguente contestazione di una sanzione amministrativa.

Ritengo che andremo sempre di più verso una società populista, che urla più che ragionare. In questo periodo di resilienza abbiamo visto che il cattivismo, documentato dall’Istat nell’era pre-Covid 19, non si è fermato. Non è facile essere ottimisti. Troppi egoismi, soluzionismi, arrivismi, protagonismi. Troppi ismi. Poca solidarietà e poco rispetto degli altri. Spesso è la politica dei sondaggi e dei video sui social ad alimentare tutto. Non è un buon esempio”.

Lo ha dichiarato il professor Francesco Pira, sociologo e docente di comunicazione all’Università di Messina, in un’intervista rilasciata al giornalista Tiziano Zaccaria del settimanale “Viversani e Belli” a pagina 16  in un’ampia inchiesta intitolata “Quale sarà il nostro futuro? “ dopo l’emergenza Covid 19.

Alla domanda del giornalista Zaccaria se sarà una società più rinchiusa in casa, con smartworking ed e-commerce l’esperto ha risposto: “Sarà una società costretta a cambiare pelle, provata psicologicamente e economicamente. Una società piena di paura. Si è passati dall’infodemia alla psicodemia. Dall’invasione di notizie sul virus, vere e false, al terrore per il contagio. Poi la paura di rimanere senza lavoro o la certezza di perderlo. Tutti ci siamo tuffati nell’uso dei nuovi media. La tecnologia della sopravvivenza ci ha permesso di lavorare e di fare acquisti on line. Sarà difficile tornare indietro”.

Secondo il sociologo cresceranno gli interessi per i temi ambientalisti: “Se ripenso alle parole scritte da Papa Francesco nell’enciclica Laudato Sii, già da allora dovevamo cambiare le nostre abitudini e il rapporto con tutto quello che ci circonda. Ma privilegiamo il vantaggio momentaneo rispetto alla certezza di un pianeta più sostenibile. Covid 19 ha fermato la marcia inarrestabile di Greta e dei suoi valori. Marcia – ha concluso il professor Pira- che prosegue sulla rete, ma non con la stessa efficacia. Singolare che dei ragazzi facciano lezione di sostenibilità agli adulti, incapaci di costruire per loro un mondo migliore ”.

Giorgia Iacolino: Finalmente si vota ad Agrigento!

La recente decisione del governo regionale di fissare la data per il voto alle amministrative il 4 Ottobre 2020 consente di guardare con prudente ottimismo alle scelte che vedranno impegnata la comunità agrigentina. 

L’emergenza prima sanitaria e poi sociale ed economica, determinata dal Coronavirus ,impone lungimiranza nella scelta del sindaco e della nuova amministrazione comunale oltre che dei componenti il consiglio comunale.

Le difficoltà di famiglie, commercianti ed imprese devono essere ascoltate e finalizzate in attività progettuali concrete al servizio della comunità, liberando risorse nuove per contribuire alla crescita reale della realtà agrigentina.

Serve un cambio di passo con una svolta che valorizzi lo splendore di una città che è testimonianza vivente di una cultura millenaria. Credo in un progetto realmente innovativo dove giovani, imprenditori, professionisti ed onesti lavoratori diano sostegno ad un ritrovato entusiasmo messo al servizio della città  di Agrigento.

Con queste premesse e con la consueta energia – conclude Giorgia Iacolino- mi ricandido al consiglio comunale per guidare una lista di donne e uomini impegnati a risollevare le sorti di una città, Agrigento, che rimane il cuore del Mediterraneo e ricca di risorse culturali e naturali senza eguali che meritano la piena valorizzazione.

L’Agifar, l’Associazione Giovani Farmacisti di Agrigento, presieduta da Silvia Nocera e la Federfarma di Agrigento, presieduta da Claudio Miceli, comunicano con soddisfazione la ripresa delle attività del network “Formare l’Eccellenza”, sospese per alcuni mesi a causa dell’emergenza coronavirus. I prossimi 17 giugno e 1 luglio sono state organizzate due sessioni di lavoro dell’evento “La Farmacia in un mondo digitale” con un interessante programma di webinar (Seminario interattivo tenuto su Internet). Per partecipare basterà connettersi al link  https://bit.ly/3c2JgkS dalle ore 14:30.

L’evento, dedicato alla digitalizzazione, nasce in collaborazione con “BD Rowa”, azienda leader nel settore dell’automazione e nuovo partener del network “Formare l’Eccellenza”. La presidente dell’Agifar, Silvia Nocera dichiara: “Grazie alla proficua e costruttiva collaborazione con le aziende e i docenti che condividono il nostro percorso formativo, oggi è possibile ripartire insieme, a testimonianza di quanto, oggi più che mai, la formazione volta all’attualità, gratuita, di alto profilo e accessibile a tutti sia per noi un valore centrale ed irrinunciabile. E’ per questo che, seppur al momento in forma diversa, “Formare l’Eccellenza” riprende il suo percorso con un interessante programma di webinar. Il prossimo 17 giugno inauguriamo con BD Rowa un attualissimo percorso dedicato alla digitalizzazione”.

Condannato a un anno di carcere in primo grado dal Tribunale di Agrigento, assolto in Appello perché il fatto non costituisce reato. L’accusa era il mancato pagamento di alcune fatture emesse da un fornitore relative alla costruzione della famosa pista go-kart “Concordia Karting srl” per essere (solo di diritto e non di fatto) l’amministratore delegato della società. La terza sezione penale della Corte d’Appello di Palermo ha dunque assolto l’imprenditore favarese Alessio Bruccoleri.

La difesa dell’imputato, rappresentata dagli avvocati Giovanni Castronovo e Chiara Proietto, è riuscita a dimostrare – chiedendo anche l’audizioni di testi che inizialmente erano stati esclusi nel dibattimento in primo grado – che il giovane imprenditore “fosse totalmente estraneo ai fatti contestati, dal momento che, non solo non ha mai preso parte alle operazioni di costruzione della pista di go kart della “Concordia Karting s.r.l.” (inizio lavori nel 2006), ma soprattutto vi ha ricoperto il ruolo di amministratore (per gli anni 2010, 2011, e 2012) solo di diritto e non anche di fatto, essendo stato il padre (finito sotto inchiesta ma prosciolto per intervenuta prescrizione) il vero artefice e direttore di tutto, data anche la giovane età dell’imputato all’epoca dei fatti”.

Fiamme all’interno di una vasta vasta area compresa all’interno del bosco del Magaggiaro, tra Menfi e Santa Margherita Beìce. Da oggi pomeriggio sono incessanti le operazioni dei Vigili del fuoco e del Corpo Forestale per tentare di domare e spegnere  le fiamme che si sono propagate all’interno di uno dei polmoni verdi più vasti della Sicilia.

Almeno un paio di ettari di macchia mediterranea sono già andati in fumo. L’intervento di spegnimento è in corso, ma è piuttosto complicato. Sicuramente gli operatori dovranno lavorare ancora a lungo.

Un giovane agrigentino di 28 anni è ricoverato nell’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta con prognosi sulla vita riservata perché ha subito un grave shock anafilattico dopo essere stato punto da un’ape, in automobile, in compagnia della sua fidanzata, a Cammarata. E’ stata lei a condurlo alla Guardia Medica. Il medico di guardia ha contattato il 118 che ha inviato sul posto un elicottero da Caltanissetta con personale medico. Il ventottenne, in arresto cardiorespiratorio, è stato ventilato, massaggiato, intubato e trasportato all’ospedale Sant’Elia.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha iscritto sul registro degli indagati 43 persone tra medici e infermieri per l’ipotesi di reato di “omicidio colposo in ambito sanitario” per la morte di una donna 81 anni di Porto Empedocle. Si tratta di personale medico in servizio all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento e alla clinica Sant’Anna della città dei Templi. Il magistrato, che ha aperto un’inchiesta dopo la presentazione di una querela da parte dei familiari della donna, assistiti dall’avvocato Giuseppe Zucchetto, ha disposto l’autopsia per martedì pomeriggio. I medici e gli infermieri potranno nominare consulenti di loro fiducia per prendere parte all’esame autoptico. La donna è morta il 30 maggio scorso.