Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 70)

Nell’ambito di una serie a tappeto di controlli dei locali della movida di San Leone, la prefettura di Agrigento, attraverso i poliziotti della sezione Pasi, ha eseguito il provvedimento di chiusura nei confronti del noto locale Bellavista in quanto non ha rispettato le normative in relazione alle misure anti Covid 19.

La Polizia ha riscontrato una serie di criticità ed ha imposto la chiusura del locale per 5 giorni.

 

 

Due autisti (tra loro fratelli) in servizio per una ditta che si occupa del trasferimento dei migranti che transitano da Porto Empedocle, nei giorni scorsi, sono risultati positivi al Coronavirus. Si tratta di dipendenti della stessa ditta, che secondo quanto certificato dalle autorità sanitarie, avrebbero contratto il virus, durante il trasferimento dei migranti da Porto Empedocle a Castello d’Annone, in provincia di Asti. Dei due fratelli, originari di Butera, uno si trova attualmente ricoverato presso il reparto di malattie infettive dell’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta mentre il secondo autista, è in isolamento domiciliare. I due fratelli non sarebbero in gravi condizioni di salute.

Caterina e Luigi, 25 anni di felicità

Caterina Cusumano e Luigi Fretto festeggiano i 25 anni di matrimonio con lo stesso entusiasmo di prima.

Sono passati 25 anni ma è tutto come se fosse il primo giorno. Caterina e Luigi hanno anche consolidato il loro rapporto d’amore con il coronamento della nascita di tre figli, Doris, Giuseppe ed Evelyn.

Era il lontano 31 luglio del 1995 quando Caterina e Luigi hanno detto si al loro matrimonio. Da allora nulla è cambiato, l’amore si è sempre più consolidato. Rare situazioni, a dire il vero, in un periodo storico dove le separazioni e i divorzi superano i matrimoni.

 

La coppia festeggerà le nozze d’argento in una chiesa di Favara e dopo, amici e parenti, saranno i benvenuti in un noto ristorante.

A Caterina e Luigi i nostri migliori auguri di altrettanta felicità in attesa del traguardo delle nozze d’oro.

Auguri!!!

L’Onda di Carmelo Pullara ha già i primi nomi. In lista ci sono tra gli altri Geraldo Alongi, Pasquale Spataro, Salvatore Sciumè, Raimonda Mirabile, Debora Caratozzolo e Loredana Fatone.

Il primo è responsabile dell’Unità operativa Cure palliative dell’Asp e consigliere dell’Ordine provinciale dei medici. Ha un passato come consigliere comunale e per lui si tratta di un ritorno in campo.

“Mi ha convinto il programma che è in fase di elaborazione e di definizione e che è in linea col mio. Penso che sceglieremo il sindaco che non cerca alleanze con estrema destra o sinistra”. Afferma il primario. 

Spataro, funzionario INPS, attuale consigliere comunale, lascia Forza Italia per accasarsi con la lista di Pullara. Salvatore Sciumè è stato assessore provinciale nella giunta di Eugenio D’Orsi

Come donne ci sono Raimonda Mirabile, operatrice turistica, Debora Caratozzolo, consulente del lavoro e Loredana Fatone che si occupa di consulenza e finanziamenti per aziende.  Una lista ritenuta forte e per questo corteggiata dai tre candidati sindaci.

Sicindustria assiste attonita e sgomenta alle passerelle e alle diatribe sulle ceneri della Sicilia e sulle sue infrastrutture da terzo mondo. “Oggi – si legge in una nota dell’associazione degli industriali – è stato finalmente riaperto il viadotto Himera sull’autostrada Palermo-Catania a distanza di 5 anni dal cedimento di alcuni piloni. Cinque anni per 270 metri. E resta il fatto che, per percorrere l’intera autostrada occorrono due ore e mezzo e 4 per arrivare da Palermo a Ragusa, solo per fare qualche esempio. Il tessuto imprenditoriale siciliano, già martoriato dalla lentezza della burocrazia, ha bisogno di trasporti celeri e, visto che aspettiamo da decenni il raddoppio della linea ferrata e che si è evidentemente deciso di concentrare tutto su gomma, non è possibile perdere altri anni. E quindi, senza voler innescare polemiche, saremmo felici se da oggi la classe politica si attivasse in modo da proporci meno passerelle e più opere compiute”.

Anche domani pomeriggio, a San Leone, torneranno in azione le squadre delle ditte della Rti, Iseda, Sea e Seap, impegnati nell’effettuazione di servizi aggiuntivi di pulizia straordinaria che vengono svolti ogni sabato  per restituire decoro alla località balneare agrigentina, sempre più spesso interessata da episodi di inciviltà e vandalismo.

Domani pomeriggio, a partire dalle 15.30, le squadre degli operatori ecologici incaricate,  si occuperanno del lavaggio e della pulizia delle panchine e dei giochi installati sul lungomare Falcone-Borsellino e della pulizia straordinaria di piazzale Giglia, Viale dei Pini, dell’area del porticciolo Cesco Tedesco, del lungomare Falcone-Borsellino e delle strade maggiormente interessate dal traffico pedonale.

Sempre domani, a partire dalle 17 e fino alle 21, una squadra di operatori ecologici, come ogni sabato, si occuperà dello spazzamento dello stesso circuito delle principali strade di San Leone.

“Stiamo continuando periodicamente ad effettuare un servizio ormai dall’inizio di luglio – spiega il presidente dell’Iseda Giancarlo Alongi – accogliendo quelle che sono state le richieste dell’amministrazione comunale nella speranza di potere rendere migliore la vivibilità di San Leone. Nonostante tutto, purtroppo, ci troviamo di fronte ad atti di vera e propria inciviltà con gente che lascia bottiglie e rifiuti fuori dai cestini posti sia in spiaggia che sul lungomare, per non parlare di ciò che viene lasciato sulle panchine e nelle aree attrezzate per i bambini. Speriamo che a forza di trovare le cose pulite, imparino a non sporcare”.

L’emergenza immigrazione non si placa e anzi dilaga, preoccupa la Sicilia. Nei prossimi giorni una nave della compagnia Grandi navi veloci arriverà in Sicilia per consentire di trasferire a bordo i migranti che sbarcano sulle coste italiane e che devono essere sottoposti a quarantena. Al Viminale sono infatti state aperte le buste del bando indetto lo scorso 26 luglio ed è stata assegnata la gara. La grande imbarcazione, che molto probabilmente sarà ormeggiata al largo di Lampedusa, dispone di oltre mille posti: tolti quelli per il personale di bordo, le forze di polizia e il personale della Croce Rossa potrà ospitare tra i 600 e i 700 migranti, a partire da quelli che si trovano attualmente nell’hotspot sull’isola e nel Centro di Porto Empedocle.

I 7 migranti positivi al coronavirus, tenuti in isolamento in una stanza dell’hotspot di contrada Imbriacola, stanno lasciando Lampedusa con un apposito volo aereo. Verranno trasferiti, secondo quanto si apprende, a Palermo. Nell’hotspot dell’isola non ci saranno così più persone positive al virus. I migranti positivi al Covid-19, prima di essere imbarcati sull’apposito aereo con destinazione Palermo, vengono messi in un tubolare ermetico sigillato e isolato con l’esterno. Accanto, per ognuno, sempre in esterno, c’è il respiratore. Cautela e sicurezza sono, in questi momenti, le parole d’ordine all’aeroporto di Lampedusa.

San Leone come il far west. Ieri sera, un’altra rissa, l’ennesima di questa estate 2020. Nei pressi del viale de Le Dune, dopo un acceso scontro verbale, la situazione è precipitata, degenerando in una vera e propria scazzottata. Urla, spintoni e pedate: per una situazione che ha coinvolto diverse persone. Sul posto, lanciato l’allarme da parte dei residenti della zona svegliati dal trambusto, si sono precipitati i poliziotti. Gli agenti hanno provato a sedare gli anni, individuando parte degli autori della furibonda scazzottata in piena notte. Da vedere nelle prossime ore il bilancio anche in termini di eventuali denunce.

La Procura di Marsala ha diffuso la ricostruzione fotografica dell’aspetto che avrebbe Denise Pipitone, scomparsa a 4 anni da Mazara del Vallo l’uno settembre del 2004.

La ricostruzione di “age progression” è stata elaborata dai carabinieri del Ris su input dei pubblici ministeri che non hanno mai smesso di cercarla. Denise Pipitone ora avrebbe 20 anni. Per la vicenda è stata processata e assolta dall’accusa di sequestro di persona la sorellastra Jessica Pulizzi.