Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 698)

Lettera a 25 anni dall’appello di San Giovanni Paolo II

La mafia continua a esistere e a ordire le sue trame mortali, estendendole anzi – ormai da tempo – oltre la Sicilia, nel resto d’Italia e all’estero, procacciandosi ovunque connivenze e alleanze, dissimulando la sua presenza in tanti ambienti e contagiandosi a molti soggetti – sociali e individuali – che apparentemente ne sembrano immuni, trapiantandosi ovunque nel solco di una pervasiva corruzione”.
    Lo affermano i vescovi siciliani nella Lettera a 25 anni dall’appello di San Giovanni Paolo II ai mafiosi nella Valle dei Templi, ad Agrigento. I vescovi ribadiscono che “la mafia è peccato”, “la mafia è incompatibile con il Vangelo” e ricordano che quando Giovanni Paolo II chiese loro di convertirsi la mafia rispose con gli attentati del luglio 1993, a San Giovanni in Laterano e a San Giorgio al Velabro, poi il 15 settembre 1993 uccisero padre Pino Puglisi, parroco nel quartiere Brancaccio, a Palermo, ora beato.

 

Il Soroptimist Club Agrigento in ottemperanza alle linee guida nazionali , organizza per la giornata di domani 10 maggio , dalle ore 8:15 alle ore 10:15 presso il Liceo Classico “ Empedocle “ e dalle ore 11:30 alle ore 13:00 presso l’Aula Verde dell’Istituto tecnico “Foderà”, un doppio incontro per valorizzare il talento femminile e far crescere il numero delle ragazze in ambito STEM ( Science, Technology, Engineering, Mathematics), aiutandole ad operare scelte consapevoli in ambito universitario, libere da preconcetti o stereotipi di genere che incidono ancora fortemente nei momenti di importanti decisioni che, influiranno sull’intero percorso formativo e sulla futura carriera professionale.
Al doppio incontro parteciperà la Dott.ssa Adriana Santonocito, CEO e socio fondatore dell’Orange Fiber, il brand che ha brevettato e produce tessuti sostenibili dai sottoprodotti agrumicoli.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Dal 10 al 14 di maggio a Torino ci sarà il Salone del Libro, il Movimento 5 stelle si mobilita all’interno di tutte le città: per far diventare piazze e strade, attraverso i banchetti degli attivisti del MoVimento, un piccolo Salone del Libro. L’iniziativa si chiama “Libri in MoVimento”: dal 10 al 14 maggio in tutta Italia, faremo dei banchetti dove le persone che vorranno portare due libri potranno prenderne in cambio uno, in maniera tale da lasciare agli altri i libri che hanno particolarmente amato.
Ad Agrigento Domenica 13 Maggio dalle 17.30 alle 21 “Libri in MoVimento” si svolgerà in piazzale Giglia a San Leone. Sarà anche possibile firmare per la sensibilizzazione alla sfiducia del sindaco Firetto.

Prende il via a Montevago il progetto integrato di sostegno sociale denominato “Servizio civile degli anziani ultrasessantenni”. Gli interessati possono presentare domanda entro il 28 maggio negli appositi modelli disponibili presso l’ufficio Servizi sociali del comune. Il progetto, rivolto agli over 60, è finalizzato ad offrire ai componenti dei nuclei familiari in stato di bisogno o disagio economico la possibilità di godere di un contributo economico da 350 euro  mettendo a disposizione della comunità che li sostiene la loro prestazione personale per una durata massima di 70 ore.

Saranno svolte attività di custodia del cimitero comunale e di aiuto nell’attraversamento della strada degli studenti nel regolare il flusso di traffico in prossimità della scuola. Il programma personalizzato per i soggetti ammessi non potrà superare la durata di tre mesi. L’istanza deve essere corredata da attestazione Isee in corso di validità, attestazione dello stato di famiglia, fotocopia della carta d’identità. “Si tratta di un progetto che stiamo portando avanti sul fronte delle politiche sociali – dice il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo – per dare un sostengo agli anziani che vivono situazioni di disagio economico e che non riescono ad arrivare alla fine del mese”.

Intanto, ieri sera, il consiglio comunale di Montevago ha approvato il regolamento per la rateizzazione della riscossione delle entrate comunali per coloro che sono morosi con l’ente.

Gibilaro, il Bando di concorso per titoli per l’assegnazione di autorizzazioni per l’esercizio pubblico di noleggio con conducente,disposto con determina dirigenziale n. 822 del 23.04.2018 e 862 del 2 .5.2018 va sospeso con urgenza in Autotutela.

Considerato :

che, con delibera di C.C. n. 147 del 27.07.2017,così come modificata con delibera di C.C. n.148 del 28 luglio 2017,è stato approvato il Regolamento per la disciplina del servizio di noleggio con conducente di veicoli tipo pulmino fino a nove posti;

Preso atto :

che, con la Determinazione Dirigenziale n. 822 del 23.04.2018 modificata dalla successiva Determinazione Dirigenziale n.862 del 02 .05.2018, è stato indetto un concorso pubblico per soli titoli, per l’assegnazione di n.10 autorizzazioni di noleggio con conducente svolto mediante autovettura con capienza fino a nove posti compreso il conducente e n.5 con motocarrozzette,approvandone contestualmente lo schema di bando di concorso pubblico;

Considerato e Accertato :

che,lo schema di bando di concorso pubblico, nell’oggetto della domanda di partecipazione prevede l’assegnazione di n.10 autorizzazioni per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente e autovettura;

che,sempre nella domanda di partecipazione è invece prevista l’assegnazione di n.11 autorizzazioni per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente mediante autovettura sino a 9 posti compreso il conducente;

che,l’articolo 5 del sopracitato regolamento testualmente sancisce, Ai sensi di quanto previsto dall’ art. 5, comma 1, lett. A) della L. 15 /01/1992 n. 21 e nel rispetto della vigente normativa, il numero complessivo delle autorizzazioni per il servizio di noleggio con conducente da svolgersi con autovettura fino a 9 posti viene determinato in n. 15, il numero complessivo di autorizzazioni per il servizio di noleggio con motocarrozzette in n. 5.

Ravvisata l’importanza che la questione riveste;

Visti i rilievi citati;

Con la presente,

lo scrivente Consigliere Comunale,

Intima e Diffida

le S.V. in indirizzo, ad attivare con urgenza tutte le procedure tecniche e amministrative per la sospensione in Autotutela del Bando di concorso per titoli per l’assegnazione di autorizzazioni per l’esercizio pubblico di noleggio con conducente,disposto con determina dirigenziale n. 822 del 23.04.2018 modificata dalla determina dirigenziale n. 862 del 02 .05.2018, in quanto, il numero complessivo delle autorizzazioni per il servizio di noleggio con conducente da svolgersi con autovettura fino a 9 posti cosi come stabilito e approvato dal C.C. con deliberazione n. 147 del 27.07.2017,così come modificata con delibera di C.C. n.148 del 28 luglio 2017 è di n. 15, non di n.10 o 11!

Il Consigliere Comunale

Gerlando Gibilaro

 

E’ stata depositata presso l’ufficio di presidenza una segnalazione, a firma della consigliere Palermo, indirizzata all’assessore comunale all’ambiente e al verde pubblico e agli uffici competenti, nella quale viene evidenziato lo stato in cui versano i marciapiedi del quartiere di Fontanelle. “Voglio mettere palesemente a conoscenza l’assessore al ramo e gli uffici preposti, dando diretta responsabilità per l’eventuale mancato ripristino delle condizioni di fruibilità in stato di sicurezza dei marciapiedi – scrive la consigliere Palermo – e del potenziale
rischio per l’incolumità dei pedoni scaturito dalla mancata scerbatura delle piante ad oggi infestanti e
ostruenti l’apposito spazio e dalla mancata manutenzione degli stessi”.

 

Tutto il gruppo dirigente provinciale della Uil di Agrigento esprime vivo compiacimento per la rielezione del Segretario Regionale Claudio Barone al termine del XII Congresso Regionale che si è svolto a Palermo ai cantieri culturali alla Zisa.
“Una Uil Sicilia che continuerà ad essere degnamente rappresentata da Claudio Barone, rieletto all’unanimità da più di trecento delegati provenienti da tutta la Sicilia, assieme a un gruppo dirigente regionale di grande tempra e qualità.
Una Uil che cresce in tutta la Sicilia (220 mila iscritti) è il risultato delle scorse Rsu, che hanno certificato un trend in crescita, quale ulteriore stimolo a fare sempre meglio.
Una due giorni dove si sono affrontate le problematiche politiche e sociali di una regione (la Sicilia) che pur avendo enormi potenzialità non esce ancora dalle secche della crisi.
L’ultima finanziaria ha messo solo dei rattoppi; si deve fare molto di più per rilanciare progetti di sviluppo e investimenti sui territori e per agevolare il credito, le imprese, l’occupazione che oggi latita. Occorre ci sia un rapporto equilibrato e concertato tra governi, parlamento e parti sociali. Le riforme calate dall’alto non hanno mai prodotto risultati e siamo certi che la Uil Sicilia saprà sollecitare e spingere a un percorso lineare e credibile per il rilancio di questa isola che deve invertire la rotta, con al centro i governanti e le forze sane dell’isola.
Se la Sicilia vuole essere competitiva in Europa deve sburocratizzare e sfruttare appieno i fondi europei, lo sblocco dei cantieri di lavoro, di servizio e i tirocini e Garanzia Giovani II.
Tutto ciò può essere un primo punto per dare delle risposte ai marginalizzati e agli esclusi dal mondo del lavoro che in Sicilia ancora raggiungono purtroppo cifre record.”

 

Dopo aver temuto danni gravi e irreparabili per le loro produzioni (a causa della sospensione dell’ irrigazione con le acque della diga San Giovanni), gli agricoltori di Naro e dell’hinterland possono finalmente tirare un sospiro di sollievo.
Grazie alla diminuzione degli indici di inquinamento chimico e micro-biologico e soprattutto grazie all’assenza di salmonella, il Sindaco di Naro ha emesso una nuova ordinanza sull’uso delle acque invasate, consentendo al Consorzio di Bonifica della Sicilia occidentale di poter avviare gli interventi irrigui.
Una precedente ordinanza sindacale infatti vietava l’uso dell’acqua della diga per l’irrigazione. Infatti, su pedissequa proposta dell’ASP di Agrigento ed in seguito ad apposite analisi di laboratorio effettuate dall’ARPA, in data 15/12/2017 il Sindaco aveva ordinato la temporanea sospensione dell’uso dell’acqua della diga San Giovanni per fini irrigui.
Successivamente, erano state fatte ulteriori analisi di laboratorio e in data 15 marzo era stato riunito un tavolo tecnico a Palermo, nella sede del Dipartimento Regionale delle Acque. Nel corso di questa riunione era emerso come non esista un’apposita normativa nazionale sui parametri d’inquinamento inibenti l’irrigazione; ed era emerso inoltre che, in Sicilia, l’ultima normativa cui è riconducibile la materia è una circolare del 1997 dell’Assessorato Regionale alla Sanità che, ove applicata alla concreta fattispecie, consente l’irrigazione.
Il Sindaco, tuttavia, oltre a fare affidamento sulle parametrazioni indicate dalla circolare regionale predetta, ha voluto ulteriormente cautelare l’interesse alla salute pubblica. Ha così commissionato a un agronomo, esperto in materia, uno studio sulla compatibilità tra i parametri d’inquinamento rilevati dall’ARPA e la possibilità di irrigazione delle varie colture agricole.
Sulla scorta dello studio dell’esperto, il Sindaco ha adesso emesso la nuova ordinanza che vieta l’irrigazione mediante l’impiego di sistemi per aspersione a pioggia o con grossi irrigatori, mentre la consente con sistemi irrigui di distribuzione localizzata.
La nuova ordinanza inoltre impone il divieto assoluto di utilizzare le acque della diga San Giovanni per i trattamenti fitosanitari di qualsiasi coltura agricola ed il divieto assoluto di irrigazione sugli ortaggi da radice (patata, carota, cipolla, aglio, etc).

DICHIARAZIONE DEL SINDACO:

“Ho lavorato costantemente e in modo organico e compiuto per riuscire a risolvere la situazione, garantendo con la nuova ordinanza sia la salvaguardia della salute pubblica sia le legittime aspettative degli agricoltori in genere e dei viticoltori in specie.

Si prospettava infatti una stagione produttiva che, in assenza della consueta irrigazione tramite le acque della diga e per mezzo del Consorzio di Bonifica, avrebbe arrecato danni irreparabili ai produttori agricoli, con ripercussioni negative a livello socio-economico.

Adesso la situazione è salva sia per le aspettative reddituali dei produttori agricoli locali sia per la corretta alimentazione e la salute dei consumatori”.

Libero Consorzio Comunale di Agrigento attivo con il Gruppo di Protezione Civile anche in occasione del Giro d’Italia, che da Agrigento farà tappa verso Santa Ninfa. Da ieri pomeriggio il funzionario responsabile Marzio Tuttolomondo e gli operatori Rizzo, Sorce, Giganti, Pavone e Zerilli coordinano quindici volontari delle associazioni di volontariato che garantiranno assistenza. Sono presenti due ambulanze delle associazioni Croce d’Oro di Porto Empedocle e ONVGI Santa Elisabetta, mentre il Libero Consorzio ha messo a disposizione la torre-faro e i propri mezzi, compresa la sala operativa mobile a cui fanno riferimento le stesse associazioni Croce d’Oro e ONVGI insieme ai Grifoni di Favara ed Emergency Life di Porto Empedocle, che ha supportato la logistica, tutte iscritte al registro regionale del volontariato di protezione civile.
Confermato, dunque, l’impegno del Libero Consorzio nel garantire la sicurezza dei cittadini e dei partecipanti alle grandi manifestazioni in programma sull’intero territorio provinciale.