Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 69)

Nella scorsa notte a Favara una mercedes classe C di un pensionato 70enne è andata in fiamme. Era parcheggiata in Via Mulino. I residenti hanno notato l’incendio e hanno allertato vigili del fuoco e carabinieri che tempestivamente sono intervenuti sul posto. In corso le indagini per scoprire le cause del rogo. Probabile la pista del dolo, considerato che  durante l’ispezione del luogo dell’evento è stata rinvenuta una bottiglietta con all’interno del liquido infiammabile.

 

 

Aumento esponenziale di contagi e il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro, nella serata di ieri ha firmato una nuova ordinanza in cui dispone misure restrittive per contenere il contagio, in attesa della risposta del governatore Musumeci circa la richiesta di istituire nel comune la zona rossa.

Dunque da oggi nel comune didattica a distanza, limitazione delle uscite per i soli acquisti essenziali, che vanno limitate ad una sola volta al giorno e ad un solo componente del nucleo familiare, tranne per le persone ultrasessantenni e le persone con disabilità che hanno necessità di farsi assistere da un accompagnatore.

Stretta anche sui funerali che possono svolgersi solo alla presenza dei congiunti e del personale delle imprese funebri. Vietate anche le visite di lutto a casa.  Interdetta anche la fruizione delle aree di verde pubblico e di parchigioco nelle ville comunali di Piazza Progresso e Saetta –Livatino.

Chiuso il campo di calcio comunale e l’ingresso al  Villaggio della Gioventù di Raffadali sarà consentito soltanto tramite prenotazione in orario antimeridiano in  n .di 10 persone ogni ora al n. 0922/473667 (per i giorni di sabato e domenica la prenotazione sarà possibile entro il giorno di venerdì  fino alle ore 13:00) al fine di consentire ai cittadini lo svolgimento individuale, ovvero con accompagnatore per i minori o le persone non completamente autosufficienti, di attività sportiva o attività motoria, ( running  – jogging – footing)  purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri.

I medici di base dovranno segnalare al Comune la necessità di consegnare ricette a domicilio per i soggetti fragili affetti da patologie croniche e i farmacisti, dovranno invece comunicare, al comune, i farmaci per gli assistiti suddetti, che provvederà alla consegna a domicilio.

 

A Canicattì, in contrada Madonna dell’Aiuto, lungo la strada statale 112, due malviventi, a volto coperto e con le mani in tasca, forse per simulare di essere armati, hanno rapinato il distributore di carburante Q8. I due sono irrotti, hanno minacciato un dipendente, hanno arraffato il denaro, e poi si sono dileguati a bordo di un motociclo. Il bottino ammonta a poche centinaia di euro. Indaga la Polizia. Si tratta dello stesso impianto già rapinato lo scorso 17 dicembre quando i poliziotti arrestarono due rapinatori.

A Favara quattro persone sono state arrestate dai Carabinieri perché coinvolte in una violenta rissa tra di loro. I quattro, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono adesso a piede libero, denunciati per rissa e resistenza a pubblico ufficiale. Due dei quattro saranno giudicati per direttissima, ed a loro carico è stato disposto l’obbligo di firma tre volte a settimana per il reato di resistenza a pubblico ufficiale.

Ad Agrigento, al Villaggio Mosè, un mano ignota, al momento, ha danneggiato graffiandola in più parti l’automobile, una berlina, di un funzionario regionale cinquantenne, ed ha forzato l’avvio di un ciclomotore, forse per tentare il furto, del figlio dello stesso funzionario. Indagini sono in corso ad opera della Polizia, a lavoro per accertare se si sia trattato di un atto intimidatorio o vandalico.

Ed a Favara, in via Mulino, ha subito un incendio l’automobile, una Mercedes classe C, di un pensionato di 70 anni. Sul posto hanno lavorato i Vigili del fuoco e i Carabinieri. Indagini in corso.

La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso della difesa, ed è pertanto definitiva la condanna a 6 anni di reclusione a carico di un uomo di Porto Empedocle, di 60 anni, ex gestore di una palestra in provincia, arrestato il 17 aprile del 2014 dalla Polizia perché ha abusato di una bimba di 8 anni, nipote della sua ex compagna, che lo ha denunciato aggiungendo anche di essere stata più volte picchiata da lui. L’empedoclino sconterà 4 anni e 6 mesi di carcere avendo già scontato un periodo di carcerazione preventiva.

595 i nuovi positivi al Covid19 su 22.842 tamponi processati, con una incidenza di positivi del 2,6%, lo stesso tasso di ieri

La  Sicilia è decima nel contagio giornaliero di oggi.

Le vittime sono state 18 nelle ultime 24 ore e portano il totale a 4.272.

Il numero degli attuali positivi è 14.202, con decremento di 1.197 casi rispetto a ieri.

I guariti sono 1.774.

Negli ospedali i ricoverati sono 777, 12 in meno rispetto a ieri, quelli in terapia intensiva 112, otto in meno.

I nuovi contagi per province:

Palermo 295

Catania 106

Messina 44

Siracusa 44

Trapani 14

Ragusa 30

Caltanissetta 25

Agrigento 36

Enna 1

 

Due catanesi, di 26 e 20 anni, hanno tentato di introdurre quattro telefoni cellulari all’interno del carcere di Siracusa utilizzando i droni ma sono stati scoperti dalla polizia a Siracusa. Gli agenti della Squadra Mobile nei pressi della Casa Circondariale di Siracusa hanno notato un’automobile Smart introdursi in una strada sterrata, parallela alle mura carcerarie e, insospettiti, hanno deciso di seguirla. I due sono stati osservati armeggianti attorno ad un drone di grosse dimensioni sulla pancia del quale sono stati collocati, confezionati, ben quattro telefoni cellulari, ciascuno munito di scheda telefonica prepagata. Il dispositivo avrebbe consentito di sganciare i cellulari con un impulso radiocomandato dai due soggetti. I due, pertanto, sono stati denunciati per il tentativo di introdurre all’interno del carcere il drone e i telefoni cellulari che sono stati sequestrati per gli accertamenti e gli approfondimenti di rito.

I poliziotti della Squadra mobile di Siracusa, insieme ai colleghi della Calabria, su delega della Procura di Catania, hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto nei confronti di Sabir Abdalla Ahmed, sudanese di 26 anni, ritenuto responsabile di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e alla tratta degli esseri umani. L’immigrato dal Sudan è stato arrestato nel Cara di Isola di Capo Rizzuto, in provincia di Crotone. Lo straniero è giunto in Italia lo scorso febbraio, dopo essere stato soccorso in mare insieme a numerosi altri migranti a bordo di una nave appartenente ad una Ong attraccata poi al porto commerciale di Augusta. Le indagini avviate al momento dello sbarco, ma anche la testimonianza di alcuni migranti che hanno raccontato le gravi violenze subite in Libia nei campi in cui sono mantenuti in attesa di partire per l’Europa, hanno consentito agli investigatori di svelare il ruolo ricoperto dall’indagato in seno all’organizzazione criminale capeggiata da trafficanti libici.

L’assessore regionale alla Sanità, Ruggero Razza, ha annunciato che “le vaccinazioni dei servizi essenziali sono appena iniziate, e quindi tutte le categorie maggiormente esposte dovranno essere comprese, ed è compresa anche quella dei giornalisti”. Soddisfatta l’Unci (l’Unione cronisti) Sicilia, che ha sollecitato tale decisione e che commenta: “Apprendiamo con piacere dall’assessore alla Salute della Regione siciliana, Ruggero Razza, che anche la categoria dei giornalisti sarà inserita tra quelle essenziali da vaccinare contro il covid”. Ed Assostampa Catania, tramite il segretario Orazio Aleppo, aggiunge: “I giornalisti hanno svolto e continuano a svolgere un servizio pubblico essenziale nella gestione dell’emergenza sanitaria in atto. E’ una categoria esposta quotidianamente al rischio contagio, con innumerevoli casi registrati e purtroppo anche decessi, per garantire ai cittadini il diritto ad essere informati correttamente, e che per questo è giusto salvaguardare”.