Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 686)

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha partecipato, in videoconferenza, alla riunione della ‘cabina di regia’ tra Governo e Regioni con il premier Giuseppe Conte per l’emergenza coronavirus. Nel suo intervento, il presidente ha dichiarato di essere “favorevole a confermare la linea del rigore e della fermezza, concordando con il governo Conte la proroga fino al 3 maggio delle attuali restrizioni”, procedendo solo “successivamente a una riapertura parziale e graduale delle attività”. Musumeci ha inoltre proposto di valutare la riattivazione dei cantieri stradali che garantiscano il distanziamento sociale “se a maggio i numeri dei contagi saranno confortanti”. Musumeci ha aggiunto: “Sono lavori che possono essere svolti anche con una riduzione dei disagi per gli utenti, visto che le strade sono deserte”. Poi si è discusso dell’autorizzazione alle attività di prevenzione degli incendi boschivi, in prossimità dell’estate. Infine Musumeci ha chiesto a Conte “la possibilità di inserire nel prossimo decreto una semplificazione delle procedure di gara per la distribuzione alle famiglie delle risorse stanziate dalla Regione Siciliana ai Comuni”. Alla videoconferenza hanno partecipato anche l’assessore alla Salute Ruggero Razza, i ministri degli Affari regionali Francesco Boccia e della Salute Roberto Speranza, oltre ad una delegazione dei Comuni e delle Province italiane.

Il Consiglio dei ministri ha annullato l’ordinanza del sindaco di Messina, Cateno De Luca, sulle registrazioni obbligatorie online per coloro che attraversano lo Stretto. Il governo ha riconosciuto che, a prescindere dal merito dell’ordinanza, il provvedimento di De Luca ha un difetto di competenza in quanto investe un ambito territoriale regionale e non circoscritto al Comune di Messina. In precedenza il Consiglio di Stato ha espresso il suo parere a favore della proposta del ministero dell’Interno di annullare l’ordinanza.

Il Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Agrigento dr. Girolamo Alberto Di Pisa interviene sulle gravi difficoltà economiche di molte famiglie del territorio agrigentino, duramente colpite dall’emergenza Covid-19 che ha quasi azzerato tutte le attività considerate non essenziali. “E’ una crisi senza precedenti” dice il dr. Di Pisa “sulla quale ciascuno di noi deve intervenire secondo le proprie competenze e disponibilità. Il nostro Ufficio di Protezione Civile, grazie alla donazione della  fondazione “Agireinsieme”, sta già provvedendo alla consegna di un certo quantitativo di beni di prima necessità ai Comuni che ne hanno fatto richiesta affinchè vengano donati alle famiglie bisognose, ma è chiaro che serve uno sforzo maggiore, oserei dire senza precedenti, per  dare corpo alla solidarietà nei confronti di chi è stato messo letteralmente in ginocchio dalle conseguenze di questa epidemia. Mi appello alla sensibilità e alla generosità dei nostri maggiori imprenditori e di chi in genere può permettersi un atto di solidarietà nei confronti di quanti oggi sono in questa situazione”.

In effetti sin dall’inizio della crisi conseguente all’emergenza Covid-19 sono giunte numerose segnalazioni all’Ufficio di Protezione Civile del Libero Consorzio sulle difficoltà in cui versano molte famiglie nei vari comuni della provincia. Ricordiamo a tutti coloro che vorranno donare beni di prima necessità che è attivo il numero telefonico per le emergenze: 3336141869 della stessa Protezione Civile. Le eventuali, ulteriori dazioni saranno successivamente consegnate ai Centri Operativi Comunali che ne faranno richiesta.

“I Comuni sono in prima linea nell’emergenza e necessitano subito di risorse o non potranno più garantire servizi essenziali”. Così il Sindaco di Agrigento, Lillo Firetto che spiega: “Ho sottoscritto oggi con 45 sindaci un appello al Governo nazionale. Altri sindaci si stanno aggiungendo in queste ore. Con la mia firma ho voluto esprimere pieno sostegno ai presidenti di Anci e Upi, Decaro e De Pascale, che stanno conducendo una protesta necessaria per ottenere la giusta attenzione del Governo. I Comuni stanno distribuendo i buoni spesa in tempi record, superando ogni ostacolo burocratico. Stiamo assistendo,  aiutando, informando i cittadini e per il Governo siamo garanzia di coesione sociale. Stiamo lavorando senza soste nel coordinamento delle attività del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile, nel far fronte alle più svariate esigenze di carattere socio-economico e sanitario. Nel contempo si stanno esaurendo le risorse. Non si riscuotono più tassa di soggiorno e di stazionamento e probabilmente continueremo a non riscuoterle per molto tempo. Assistiamo alla drastica riduzione nella riscossione  della Tari, dell’addizionale Irpef comunale, delle tariffe dei parcheggi, delle imposte sulla pubblicità. Siamo costretti a fare i conti nell’emergenza con gli equilibri di strumenti finanziari già asfittici e che non possono andare in deficit. Non si può perdere altro tempo. Ai Comuni – conclude Firetto – servono almeno 5 miliardi complessivamente e poteri ai Comuni per velocizzare investimenti e aprire cantieri. Serve un aiuto subito”

Consegnati altri otto ventilatori polmonari all’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento. Il nuovo quantitativo si aggiunge al blocco recentemente giunto in Azienda e consentirà di approntare ulteriori postazioni necessarie ai trattamenti di terapia intensiva per eventuali pazienti affetti da Coronavirus Covid-19 che dovessero presentarne necessità. Le nuove apparecchiature saranno suddivise in egual misura fra i presìdi ospedalieri di Agrigento e Sciacca e, una volta installati e collaudati, offriranno un potenziamento delle azioni già in atto per fronteggiare l’emergenza epidemiologica. Il direttore generale, Alessandro Mazzara, ed il direttore sanitario, Gaetano Mancuso, sono certi che questo ulteriore traguardo raggiunto rivesta un’importanza strategica ampliando ancor di più le potenzialità di cura in provincia.

Il sindacato della Polizia di Stato MP di Agrigento, coordinato da Alfonso Imbrò, aderendo all’iniziativa promossa dalla Questore di Agrigento, Maria Rosa Iraci, ha raccolto fondi per l’acquisto di materiale da consegnare al Direttore della Rianimazione, dottor Antonio Marotta, tra diverse attrezzature necessarie al reparto, come un video broncoscopio portatile compreso di monitor e 10 sonde con telecamera integrata.

Con i fondi raccolti, inoltre, è stata estesa la donazione ad alcune associazioni “Banco Alimentare” a cui sono affiliate decine di enti locali in provincia tra cui il “Don Guanella”, la mensa della solidarietà e numerose tra parrocchie ed Onlus. Alfonso Imbrò commenta: “La brillante e generosa iniziativa intrapresa dal nostro Questore Rosa Maria Iraci, non poteva non vedere l’adesione immediata del Movimento dei Poliziotti democratici e Riformisti di Agrigento, da sempre sensibile ed in prima linea in simili iniziative, che ha deciso ad unanimità di donare il 50% dei contributi sindacali per un atto dovuto nei confronti dei cittadini e del personale sanitario dell’ospedale di Agrigento”.

Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola, aggiornato ad oggi in merito all’emergenza Coronavirus, così come comunicato dalla Regione Siciliana all’Unità di crisi nazionale.

Dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 28.742 (+1.304 rispetto a ieri).
Di questi sono risultati positivi 2.232 (+73), mentre, attualmente, sono ancora contagiate 1.942 persone (+49), 152 sono guarite (+19) e 138 decedute (+5).

Degli attuali 1.942 positivi, 629 pazienti (+1) sono ricoverati – di cui 63 in terapia intensiva (-2), mentre 1.313 (+48) sono in isolamento domiciliare.

Sono tutti guariti i bimbi ricoverati presso l’ospedale Di Cristina di Palermo perché positivi al Coronavirus. Oggi, infatti, è stato dimesso anche  l’ultimo piccolo paziente del nosocomio palermitano che, come da prassi, ha effettuato il doppio test del tampone che ha dato esito negativo. Lo fa sapere all’assessorato regionale alla Salute la direzione dell’Azienda sanitaria ospedaliera Civico di Palermo.

“Gli amministratori siciliani chiedono al Governo nazionale maggiori risorse per garantire la tenuta istituzionale e finanziaria degli enti locali. La situazione drammatica che stiamo vivendo esige risposte straordinarie a sostegno di tutti i sindaci che devono far fronte alle richieste e alle esigenze dei cittadini e tutelare la salute pubblica”.

Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente di ANCI Sicilia, che aggiunge: “Esprimiamo, quindi, la nostra preoccupazione per il presente e per il futuro delle nostre città anche a fronte della posizione critica espressa dal presidente dell’Anci nazionale, Antonio De Caro, che proprio ieri ha abbandonato polemicamente i lavori della Conferenza unificata dopo aver chiesto 5 miliardi per i comuni, e della protesta di numerosi amministratori dell’Isola contro le misure prese dal Governo.”