Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 67)

La gestione commissariale del servizio idrico integrato Ag 9, ha informato anche il Comune di Naro che dalla giornata di domani sarà sospesa la fornitura idrica a causa di interventi di riparazione alle reti dell’acquedotto “Tre Sorgenti”.
La fornitura riprenderà quando i lavori saranno ultimati.
Dichiarazione del Sindaco:
“Ancora una volta succubi di una rete datata, ormai ridotta a un vero e proprio colabrodo.
L’anno scorso nello stesso periodo, abbiamo vissuto una situazione NORMALE!
 
Ci aspettavamo che con il passare del tempo le cose migliorassero anziché andare sempre peggio, con l’aggravante che in questo momento storico siamo, come tutto il territorio nazionale, in EMERGENZA SANITARIA!
 
Ho già preparato un’altra vibrante protesta e in questi minuti sto sentendo i miei omologhi per cercare di mettere la parola fine a questa indecenza che mortifica un diritto fondamentale del cittadino: l’acqua bene comune deve essere pubblica, di ottima qualità e a buon prezzo!”

 L’amministrazione comunale di Campobello di Licata, ha organizzato per martedì prossimo 11 agosto alle 19 in Piazza XX Settembre, la cerimonia ufficiale per il conferimento di encomi e riconoscimenti ad associazioni e semplici cittadini che si sono particolarmente distinti con la loro opera in questi mesi di pandemia legata alla diffusione e alle conseguenze del Covid-19.

“I mesi appena trascorsi – spiega il sindaco Giovanni Picone –  hanno visto la nostra comunità affrontare la grave pandemia mondiale causata dalla diffusione del virus COVID-19. Sono stati momenti estremamente difficili, caratterizzati da paura, prudenza, ma anche da tantissimi esempi di coraggio, dedizione, generosità, spirito di sacrificio e senso del dovere. Grande è stato l’impegno del personale sanitario, delle forze dell’ordine, e di tutti i lavoratori che hanno avuto un ruolo nella gestione dell’emergenza. Partendo dal rapporto con gli infetti fino alla gestione burocratica delle attività straordinarie legate agli interventi per la sicurezza e per il sostegno alle categorie più deboli, maggiormente colpite dalla chiusura forzata delle attività. Sia Associazioni che semplici cittadini hanno mostrato generosità e spirito di solidarietà, mettendo a disposizione il proprio tempo, i propri mezzi, facendo sacrifici, donando generi di prima necessità o denaro da destinare ai più bisognosi. Pur nella consapevolezza che l’emergenza è ancora lontana dall’essere chiusa definitivamente – conclude il primo cittadino –  l’Amministrazione di Campobello di Licata ha deciso di ringraziare pubblicamente tutti coloro che, nel rispettivo settore di competenza, abbiano svolto un ruolo nei giorni difficili di totale blocco delle attività, e tutti coloro che hanno offerto il proprio sostegno attraverso aiuti economici o attività di supporto di vario genere”.

La conferma ufficiale si è avuta nel tardo pomeriggio di ieri. Era di Antonio Cammilleri il cadavere ritrovato, dalla Capitaneria di porto, a Scoglitti. L’uomo di Licata di 51 anni disperso in mare da quattro giorni. Il sub era stato inghiottito dalle alte onde nel tratto di mare di fronte alle Balatazze di Licata.

Per giorni sono state effettuate le ricerche dalla Capitaneria di porto, con motovedette ed elicottero, dai volontari della Protezione civile e dai sommozzatori dei vigili del fuoco di Palermo. Sarebbe stata un’imbarcazione ad avvistare il cadavere dell’uomo. Scattato l’allarme gli uomini della Capitaneria di porto si sono precipitati sul posto. Per Antonino Cammilleri non c’è stato nulla da fare. Licata è sotto choc.

Sono durate circa tre ore le operazioni di imbarco al molo alternativo di cala Pisana dei 350 migranti che si trovavano nel centro di accoglienza hot spot di Lampedusa. Sulla nave per la quarantena Azzurra della Gnv vi erano già altri 350 ospiti. La nave ha lasciato il punto di attracco e dovrebbe stazionare nelle vicinanze delle coste lampedusane. Dodici positivi al Covid-19 e sei casi incerti. Sono intanto arrivati gli esiti dei tamponi rinofaringei ai quali sono stati sottoposti i 350 migranti che erano ospiti nell’hotspot di Lampedusa (Ag) e che sono stati imbarcati sulla nave.

E’ pubblicato nel sito internet istituzionale del Libero Consorzio Comunale di Agrigento il bando di attuazione della Misura 2.52 – “Promozione di nuovi operatori dell’acquacoltura sostenibile” del Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (FEAMP) 2014-2020, riservato alle nuove imprese acquicole siciliane. Si tratta di un’opportunità di finanziamento che il FEAMP mette a disposizione per queste categorie di operatori professionali. La dotazione Finanziaria programmata è pari  ad euro 1.108.273,16 di cui: euro 554.136,58 = (50%) quota FEAMP; euro 387.895,60 = (35%) quota Fondo di Rotazione (FdR); euro 166.240,97 = (15%) quota  a carico della Regione Sicilia.

In particolare le piccole e medie imprese (PMI), accedendo al sostegno del FEAMP, favoriranno l’ingresso di nuovi operatori  nel mercato. Sono ritenuti ammissibili gli interventi che serviranno a sostenere la creazione di imprese di acquacoltura sostenibile da parte di nuovi acquacoltori che prevedano: 1. Impianti per ingrasso in gabbie, in ricircolo idrico o mediante sistemi aperti (in vasche e/o invasi aziendali); 2. Avannotterie, (anche come settore integrato all’ingrasso); 3. Impianti per colture algali (anche in multi trofismo) 4. Acquaponica (vertical farming, Sky farming, Urban Farm, ecc.) 5. Impianti per agro-ittiturismo (laghetti pesca sportiva e strutture complementari, come da allegato L); 6.Formazione del personale (esclusivamente attraverso i corsi di formazione gestiti direttamente del Dipartimento della Pesca Mediterranea in attuazione alla Misura a titolarità 2.50 “Promozione del capitale umano”). Inoltre, attraverso le attività di formazione si creeranno maggiori garanzie di ingresso immediato dei giovani operatori nel mercato del lavoro.

Le istanze di ammissione a finanziamento ed i relativi allegati dovranno pervenire, secondo le modalità illustrate nel bando. I termini di presentazione della domanda sono stati prorogati al 01.10.2020.

 

Sulla Rotonda del Quadrivio Spinasanta l’assessore comunale di Agrigento Gabriella Battaglia ha comunicato che sono state effettuate le prove di simulazione con autoarticolati e autotreni. “Alle simulazioni al computer – informa l’assessore Battaglia – sono seguite anche le prove sul posto con mezzi pesanti, così come programmato, e la circolazione è avvenuta in modo fluido. La rotonda ha un raggio alquanto modesto, di appena 4,50 metri lineari, ed è circondata uniformemente da un anello inclinato della larghezza di 2 metri utile eventualmente per i grossi automezzi. L’anello praticabile della rotatoria è maggiore di sette metri lineari di larghezza.  Per la effettiva percorribilità – conclude Gabriella Battaglia – gli automobilisti dovranno pazientare fino alla fine dei lavori, poiché attualmente è impegnata un’area di cantiere”.

“Mia cognata è in stato confusionale e vaga, non è stata rapita, non aveva problemi con mio fratello o con qualcuno della famiglia. Secondo noi lei è solo spaventata. Non è stata molto bene nel periodo dei lockdown, lo so perchè è stata anche a casa mia ed ho visto che era molto spaventata e depressa”.

Lo dice Mariella Mondello, cognata di Viviana Parisi, 43 anni, la donna scomparsa con il figlio Gioele da 5 giorni. La cognata insieme a un gruppo di amici e parenti sta cercando la donna nelle vicinanze di Caronia dove ha lasciato l’auto ma anche a Giardini Naxos dove sarebbe stata avvistata negli scorsi giorni . “Lei durante il periodo della massima diffusione del Coronavirus – prosegue la cognata – è stata qui da noi. Era terrorizzata per il Covid soprattutto per Gioele. Ha cominciato a pregare, leggeva la bibbia.Ha avuto una sorta di esaurimento come possono testimoniare parenti e vicini ed è stata anche portata una volta all’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto.Era molto instabile, passava da uno stato di euforia alla depressione e temiamo possa avere avuto uno shock dopo l’incidente. Non so perché si trovava a Caronia, mi aveva parlato qualche giorno prima della piramide della Luce di Fiumara D’arte di Motta d’affermo, dicendo di volerci andare.

Nella tarda mattinata di oggi è stato ritrovato un cadavere a Scoglitti. Secondo quanto appreso, dalle prime testimonianze, sia il costume che le pinne indossate sembrerebbero uguali a quelle del sub scomparso a Licata. Tutto è ovviamente al vaglio degli inquirenti. Sarebbe stato l’equipaggio di un’imbarcazione ad avvistare il cadavere dell’uomo. Scattato l’allarme gli uomini della Capitaneria di porto si sono precipitati sul posto.

Il sindaco di Raffadali, Silvio Cuffaro ha scritto, oggi, una lettera ai vertici di Girgenti Acque per rappresentare le esigenze dei cittadini e residenti a Raffadali, in merito alla dotazione idrica riservata al comune di Raffadali, specie in questo periodo quando la richiesta è maggiore, vista la presenza di numerosi ospiti. Questo il testo della lettera:

La presente per segnalare la necessità del Comune di Raffadali di un incremento della attuale erogazione di acqua per far fronte alla crisi idrica.

Preme rappresentare, in primis, che la riduzione della dotazione idrica, in un momento in cui la comunità necessita di un aumento a causa del rientro nel territorio di tutti gli emigrati comporta una evidente ricaduta negativa sul mantenimento degli standard igienico-sanitari causando altresì disservizi di vario genere.

Inoltre spiace constatare, che l’attuale turnazione è stata temporalmente raddoppiata rispetto alla turnazione effettuata in precedenza, per non parlare che la quantità idrica erogata a questo comune risulta nettamente inferiore, in proporzione demografica, alla quantità offerta a comuni viciniori o ad altri comuni similari per dimensione demografica.

Tanto premesso, rilevata l’assoluta necessità di garantire un servizio essenziale per la città di Raffadali, in maniera adeguata e sostanziale, si chiede un incremento dei volumi d’acqua con estrema sollecitudine al fine di garantire gli stessi turni presenti nei mesi addietro, (cioè di uno ogni 4 giorni) ed evitare problemi igienico sanitari.

Sicuro di un favorevole riscontro, si porgono distinti saluti.

I dirigenti delle unità operative complesse dell’Asp di Agrigento tengono in “ostaggio” le retribuzioni di risultato dell’ottanta per cento dei lavoratori dell’Azienda. A denunciarlo è la Cisl Funzione Pubblica attraverso il coordinatore regionale delle professioni Sanitarie Alessandro Farruggia e il dirigente responsabile del dipartimento Sanità pubblica e privata Giovanni Farruggia.

“Ad oggi – spiegano – non sono pervenute all’ufficio Risorse umane le valutazioni sulla performance redatte da parte dei dirigenti responsabili delle unità operative complesse dei presidi ospedalieri e del territorio, per tutto il personale dipendente sia dell’area dirigenziale che del comparto. Una situazione – continuano – a nostro parere intollerabile  e frutto di un atteggiamento poco responsabile e irrispettoso verso le categorie dei lavoratori da parte dei dirigenti. Troviamo umiliante l’atteggiamento adottato a discapito di una classe di professionisti, che senza mai tirarsi indietro nonostante le numerose criticità organizzative svolgono il proprio lavoro con dedizione e spirito di sacrificio”.

Per questo la Cisl Fp di Agrigento, Caltanissetta ed Enna chiede “seri provvedimenti” nei confronti dei dirigenti che sono “causa di questa significativa inadempienza” anche in considerazione del fatto che queste somme vengono erogate entro giugno.

Il sindacato, inoltre, chiede all’Azienda una definizione delle modalità di erogazione delle spettanze per il personale connesse all’emergenza Covid.