Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 652)

 

IL Leo Club Agrigento Host ,Agrisound e associazione culturale Teste Fuse hanno organizzato domenica 11 Marzo 2018 giornata conclusiva della 73 edizione della festa del Mandorlo in fiore il primo “Folk & food fest “ evento interamente dedicato alla cultura,al folclore e alla gastronomia,ospitati in una delle cornici più suggestive,la “Valle dei Templi” nell’esclusiva struttura “Le Stoai”.

I Presenti hanno potuto assaporare i prodotti tipici della cucina siciliana e alcuni piatti della cucina internazionale come la Paella, piatto tradizionale spagnolo e diffuso in tutto il Mar mediterraneo e nell’ America latina .
La Kermesse presentata da Riccardo Gaz ha visto come primi protagonisti i Quartet Folk che con il loro sound siculo incalzante hanno reso omaggio alla tradizione folcloristica siciliana, dopo e’ stato il momento del Gruppo Argentino classificatosi secondo alla manifestazione del Mandorlo in fiore che con i loro balli folcloristici e il tradizionale Tango hanno entusiasmato i numerosi partecipanti.
La partecipazione del gruppo Argentino e’ stata possibile grazie all’iniziativa “adotta un gruppo folk” condotta dal Leo club Agrigento host, che durante la settimana della festa del mandorlo ha condiviso con il gruppo momenti culturali, come la passeggiata alla scoperta del centro storico , gastronomici e ricreativi che hanno permesso una sintonia tra diverse etnie. Si ringrazia il Parco Archeologico della Valle dei templi per la totale disponibilta’.
La conclusione della serata a sostegno dell’associazione Kore di Agrigento che si occupa di promuovere il benessere e la qualita’ di vita dei pazienti oncologici e dei loro familiari ha visto l’intervento degli attori Nino Bellomo e Giusi Carreca che hanno commosso ed emozionato il pubblico presente.
Si ringrazia lo sponsor ufficiale della serata la COMER SUD S.p.A Agrigento, i partner Ragno d’oro, Azienda Vinicola Casa’,Parigi Bistrot e Bar della Valle, il comune di Agrigento e il Parco archeologico della valle dei Templi per il patrocinio accordato .

 

C’è chi continua a scambiare disfatte per vittorie, esigue preferenze per percentuali eclatanti, pessimi risultati per esiti  lusinghieri. Ci chiediamo: è confuso o vuole confondere? Non vede o non vuol far vedere?

Qualunque sia la risposta un dato è certo: siamo in presenza di una  condotta disdicevole e mortificante, di un atteggiamento superficiale  teso a offendere gratuitamente l’intelligenza dei cittadini, degli elettori. Dopo risultati  mortificanti, mancate nomine preventivamente annunciate come in un fantasmagorico gioco si  continua a evocare una fiducia inesistente, si continuano a divulgare risultati immaginari, si continua a confondere la realtà con la fantasia.

Il senso di responsabilità impone la lettura dei dati elettorali  con coscienza critica, con giudizio obiettivo, con sguardo attento e vigile, con serietà. L’unico vero big della politica da “ combattere” e battere per i Cinque Stelle ha davvero svolto un lavoro grandioso, tanto grandioso da dar vita al “ Io voto contro”, “ Io voto contro di lui”; così da alimentare e non di certo arginare quello che lui stesso definisce “ terremoto giallo”. Ecco i dati, quelli reali: ben il 75,60% degli elettori di Cammarata non lo ha votato alle nazionali e l’82,85% alle regionali; tra i sindaci candidati nei collegi uninominali in Sicilia è quello che ha preso la percentuale di voti più bassa dai propri cittadini, non vince un’elezione dal 2001 se si escludono le amministrative del 2015 da cui comunque ne è uscito perdente prendendo ben 1000 voti in meno della sua lista. Nell’ordine ha perso: le amministrative del 2005, le regionali del 2006 e 2017, le nazionali del 2018. Da sottolineare che alle regionali Forza Italia di Agrigento da lui guidata ha ottenuto di gran lunga il peggiore risultato siciliano con il 10,58%.

E’ altresì doveroso sottolineare che chi mostrava la pretesa di parlare di immigrazione su scala nazionale non è nemmeno in grado di controllare il fenomeno nel paese che amministra, considerato che intervistato dal programma televisivo “ Dalla vostra parte” non sapeva neanche dell’esistenza di venti giovani immigrati abbandonati  a loro stessi, senza soldi, senza servizi, senza riscaldamento; posti ai margini della società senza nessun tipo di supporto. Inaccettabile quanto successo, segno evidente di scarso rispetto verso chi ha il diritto di essere accolto e integrato e verso i cittadini cammaratesi, poichè è innegabile che situazioni del genere possono avere ripercussioni sociali molto forti. Vogliamo anche parlare di un centro storico in  totale stato di abbandono, vogliamo parlare di nulle opportunità occupazionali lanciate, vogliamo parlare di inesistenza di un progetto politico in grado di rilanciare il turismo, vogliamo parlare di scarsa attenzione verso le associazioni che ogni giorno con sacrificio operano sul territorio, vogliamo parlare di scarsissime iniziative per i giovani e la cultura, vogliamo parlare di inadeguatezza dell’azione politica e amministrativa. Questa è la realtà. Ne chiediamo le dimissioni perché incapace di rappresentare Cammarata e i cittadini cammaratesi.

     I gruppi politici di opposizione

Gli avvocati agrigentini hanno eletto il comitato per le Pari opportunità. Si tratta di un organismo, introdotto con la riforma del 2012, che avrà il compito di promuovere la parità di genere nell’accesso, nella formazione e nella qualificazione professionale.

Prima eletta l’avv. Barbara Garascia con 191 voti, seguono Alessandra Balistreri con 170, Rosalba Cassaro 153, Daniele Cammilleri153, Rosalinda Mangiapane 142, Roberta Fatima Pera 101 e Maria Rita Rizzo 95.

Proseguono le indagini a Favara dopo il ritrovamento nelle campagne tra Licata e Palma di Montechiaro l’auto – una Y10 – usata probabilmente dal commando che ha ucciso venerdì mattina Emanuele Ferraro, 42 anni, con cinque colpi di pistola sparati da una distanza di 3 metri in pieno giorno in via Diaz, a Favara

Gli uomini della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati dal comandante Giovanni Minardi, sono concentrati sulla vettura che si ipotizza potesse essere la stessa immortalata nei filmati delle telecamere di videosorveglianza prossime alla zona dell’omicidio e che avrebbe avuto a bordo due figure, non meglio identificate, probabilmente il killer ed un complice.

 

E proprio nei filmati, altri nuovi filmati, si cerca la chiave per comprendere la dinamica dell’agguato. Alcuni video sono stati acquisiti dalla polizia e sarebbero relativi alle fasi precedenti e successive all’omicidio. Da qui si cerca di capire il percorso compiuto dalla Y10, da dove sia arrivata, dove è andata successivamente alla sparatoria mortale.

Interrogatori sono stati effettuati, sicuramente altri ne verranno. Ascoltati parenti, amici, conoscenti della vittima. Sull’esito degli interrogatori vige il massimo riserbo degli investigatori.

 

Ad Agrigento l’Unità pastorale San Giuseppe e San Giacomo – Santuario di San Giuseppe – Confraternita di San Giuseppe – Concattedrale di San Domenico, come secondo tradizione, hanno organizzato la settimana, già in corso, dei festeggiamenti in onore di San Giuseppe, Santo Patrono della Chiesa Universale. Tante sono le iniziative religiose e collaterali. Ecco il programma dettagliato:

Festa San Giuseppe 2018

Lunedi 12 marzo

Ore 17.30 Rosario Coroncina a S. Giuseppe

ORE 18,00 pellegrinaggio della Comunità Parrocchiale

S. Gregorio e Celebrazione Eucaristica : presiede

Don Nino Gulli

Ore 19,00 Lectio Divina quaresimale “Il Chicco di frumento”

Martedi 13 marzo

Ore 17,30 Rosario Coroncina a S. Giuseppe

Ore 18.00 pellegrinaggio della Comunità Parrocchiale

S. Nicola Fontanelle presiede don Sebastien Kenda

Mercoledi 14 marzo

Ore 17.30 Rosario Coroncina a S. Giuseppe

Ore 18,00 Celebrazione Eucaristica e Unzione degli Infermi

Presiede Don Saverio Pititteri

Giovedi 15 marzo festa della misericordia dei ragazzi

Ore 17,30 Rosario e coroncina a S. Giuseppe

Ore 18,00 Celebrazione eucaristica

Ore 18.30Celebrazione della Misericordia di Dio e

Prime Confessioni dei ragazzi della catechesi

Ore 20.00 condivisione e festa con le famiglie

Venerdi 16 marzo Festa dei ragazzi della Città

ore 16.00 accoglienza

ore 16.30 Giochi

ore 18.00 Celebrazione Eucaristica con tutti gli oratori

ore 19.00 Festa in piazza Pirandello , spettacolo musicale a cura degli oratori.

Sabato 17 marzo festa dei gruppi folk dei bambini

ore 10.00: estemporanea di pittura a cura dell’accademia

di Belle arti Michelangelo

ore 17.00 Sfilata da Porta di Ponte a piazza Pirandello dei gruppi folk Bambini:

· Fiori del mandorlo
· Gergent
· Racalmuto
· Tammura di Giurgenti
· Oratorio Don Guanella

ore 17,30 Rosario e coroncina a S. Giuseppe

ore 18.00 Celebrazione eucaristica con tutti i gruppi folk

Ore 19.00 Spettacolo dei gruppi folk in piazza Pirandello e condivisione

Domenica 18 marzo :festa e benedizione dei Papà

Ore 10.00 Raduno Auto d’epoca : benedizione e partenza

da Piazza Pirandello

Ore 11.00 Festa del papà: Celebrazione Eucaristica e benedizione dei Papa.

Ore 17.30 Coroncina e Rosario a San Giuseppe

Ore 18.00 Celebrazione eucaristica con le Corali: S. Cecilia, Pentagramma a Colori e Coro diocesano.

Ore 19.00 Coralinsieme in Canto : S. Cecilia, Pentagramma a Colori e Coro diocesano insieme

Ore 20.00 Benedizione e condivisione della Tavolata di San Giuseppe allestita nella Chiesa di San Giuseppe.

Lunedi 19 marzo: Solennità di S. Giuseppe

ore 07.30 Apertura della Chiesa di San Domenico.

ore 8.00 Scampanio a Festa delle campane.

Ore 9.00 Giro dei “Tammura di Giurgenti” per la Città

Ore 11,00 Pontificale di S. Giuseppe

Presiede Mons. Melchiorre Vutera vicario Generale

Ore 12.00 Tradizionale distribuzione della Minestra in piazza San Giuseppe, preparata dall’Istituto “Nicolò Gallo” di Agrigento

Ore 17.00 Processione per le vie della città: P.zza Pirandello, Garibaldi, P. Nenni, Sinatra, Pirandello, S. Giuseppe, Bac Bac, Matteotti, S. Girolamo, Botteghelle, Madonna degli Angeli , Gioieni, Aldo Moro, Atenea, rientro san Domenico.

· Estemporanea di pittura a cura dell’Accademia di Belle Arti Michelangelo
· Banda musicale “nuova Banda Realmontina” diretta dal M° Mimmo Vella.
· Minestra a cura dell’ istituto alberghiero Nicolò Gallo di Agrigento.
· Servizio assistenza sanitaria Croce Rossa Italiana di Agrigento.
· Servizio di Volontariato protezione Civile AVC “Fenice” di Agrigento.
· Mostra fotografica e video su San Giuseppe dentro la Chiesa.

 

Una positiva riunione del Tavolo del Lavoro e dello Sviluppo quella che si è tenuta oggi nella sede ragusana della Camera di Commercio, la cui attività è ripresa in un momento importante e delicato per il futuro delle opere strategiche del territorio.
La riunione, indetta dal Presidente della Camera di Commercio di Catania, Ragusa e Siracusa della Sicilia orientale, dott. Pietro Agen, ha visto la presenza del Sindaco di Catania, on. le Enzo Bianco, ed una introduzione del componente della Giunta camerale, dott. Sandro Gambuzza.
Il primo dato attiene alla nutrita partecipazione delle rappresentanze del territorio, parlamentari, sindaci, rappresentanti di associazioni di categoria, di ordini professionali e di sindacati, oltre a diversi componenti del Consiglio camerale.
Il dibattito si è incentrato sullo stato di attuazione e sulle problematiche delle opere infrastrutturali, quali l’autostrada Siracusa – Gela, il raddoppio della superstrada Ragusa – Catania, l’aeroporto di Comiso, il porto di Pozzallo, nonché la rete viaria provinciale di collegamento con il porto e con l’aeroporto.
Dai numerosi interventi, è venuta unanimemente la consapevolezza che le sfide che stanno di fronte alla provincia di Ragusa possono essere vinte solo a condizione che ci si muova nella direzione di considerare lo sviluppo di questo territorio imprescindibile dallo sviluppo dell’intero Sud est, Catania, Ragusa e Siracusa.
Costante è stato il richiamo a non separare le forze, bensì a fare squadra, tutti assieme in una logica di area vasta per fare prevalere le ragioni di uno straordinario territorio ricco di prospettive di sviluppo e di lavoro, dal turismo all’industria estrattiva, dall’agricoltura di qualità alle imprese della telematica e dell’informatica.
Infine, il Presidente Agen, al fine di garantire la continuità e la produttività dell’iniziativa del Tavolo, mediante obiettivi, scadenze e attraverso un monitoraggio delle procedure che riguardano le opere pubbliche, ha proposto la costituzione di un coordinamento composto dai sindaci dei comuni di Catania, Ragusa e Siracusa, dai commissari dei Liberi Consorzi di Ragusa e di Siracusa e dalle rappresentanze parlamentari del comprensorio, espressione di tutte le forze politiche.

Ha ottenuto gli arresti domiciliari, dopo l’interrogatorio di garanzia, Giuseppe Migliore, l’uomo di 27 anni, incensurato, di Canicattì, finito in manette perchè accusato di essere autore di una rapina.

Sembra che i soldi servissero al Migliore per far fronte a debiti di gioco.

Operazione antidroga dei Carabinieri di Agrigento che nel fine settimana hanno tratto in arresto tre persone. Nello specifico in manette sono finiti, Simone Modica, 42 anni ristoratore, Alessandro Pinzarrone, 32 gestore di un bar del centro di Agrigento e Calogero Bellaccomo, 32 anni, operaio.

 
Il blitz dei carabinieri è avvenuto a casa di Modica dove i Militari dell’Arma hanno effettuato un controllo e dove gli stesi hanno trovato gli altri due indagati. Al termine dell’operazione sono stati rinvenuti 10 grammi di cocaina, 120 di hashish e 50 di marijuana

Il consigliere comunale di Agrigento, Pasquale Spataro, di Forza Italia, punta il dito contro la tassa di stazionamento in città dei pullman turistici. Spataro afferma: “In ragione dei pochi ricavi per le casse del Comune, nonostante la tassa di stazionamento sia una importante fonte di entrata fiscale, ritengo che tale tassa sia stata finora colpevolmente utilizzata male dall’amministrazione Firetto. Infatti, a fronte di un accertato boom di turisti giunti nella città dei Templi, sono stati incassati appena 90mila euro nel 2017, di cui 65 mila nel secondo semestre, che è quello in cui si concentrano i maggiori flussi. Conti alla mano, è come se abbiano avuto accesso al territorio comunale solo 4 pullman al giorno. Inverosimile. E allora vi sono delle criticità che, se non individuate e risolte, continueranno a compromettere la regolare applicazione di tale utile tassa di scopo. In occasione del Mandorlo in Fiore, con la città e le frazioni invase letteralmente dai pullman, quale è stata l’entità dell’introito? Mi auguro che il sindaco e l’assessore al ramo abbiano responsabilmente pianificato un adeguato ed efficace servizio, dispiegando uomini e mezzi della polizia locale a caccia degli autobus con a bordo i visitatori. In attesa di formale riscontro, è mia intenzione convocare, nella qualità di presidente, la commissione consiliare al turismo per acquisire i documenti necessari ad approfondire l’intera questione, sulla quale pesano, come macigni, inadeguatezza e incapacità organizzativa, tra insufficiente segnaletica, scarsi e inadeguati strumenti di pagamento della tassa, mancanza di controlli e carenza dei luoghi di parcheggio, dato che Cugno Vela e piazzale Ugo La Malfa versano in stato di degrado o sono destinati ad altre finalità”.