Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 644)

 

In occasione della manifestazione nazionale RicicloAperto – organizzata da Comieco, Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica – nell’ambito del mese del riciclo di carta e cartone, Legambiente con il circolo territoriale di Modica “Melograno” curerà, dal 19 al 23 marzo, in cinque scuole di Modica dei laboratori educativi sul riciclo della carta e altre attività didattiche legate all’economia circolare e al riutilizzo di carta e cartone.

L’iniziativa è stata presentata oggi nel corso della conferenza stampa, organizzata presso la Scuola Secondaria di primo grado Giovanni XXIII, e che ha visto la partecipazione del Sindaco di Modica, Ignazio Abbate; della Responsabile Territoriale Sicilia Comieco, Emma Schembari, del Presidente del Circolo Legambiente Melograno Modica, Giorgio Cavallo e del Dirigente Scolastico, Carmela Nigro. Obiettivo dell’iniziativa è quello di far comprendere agli alunni che dalla carta e dal cartone possono nascere altri oggetti e che un rifiuto può essere trasformato in risorsa, mettendo in evidenza il corretto ciclo del riciclo e il ruolo che ciascun soggetto svolge all’interno di esso: dal Comune al consorzio Comieco fino al cittadino, ribadendo l’importanza e il valore di fare la raccolta differenziata. Cinque gli istituti scolastici coinvolti: la Scuola secondaria di Primo grado Giovanni XXIII, l’Istituto Comprensivo Raffaele Poidomani, l’Istituto Comprensivo Carlo Amore, l’Istituto
Comprensivo Santa Marta e il Circolo Didattico Piano Gesù.

Ricordiamo, inoltre,che Legambiente Sicilia sta avviando  il progetto “Sicilia Munnizza Free”,  che vedrà impegnata l’Associazione in tutta la regione per un anno con lo scopo di contribuire a liberare l’isola dall’emergenza rifiuti e sviluppare l’economia circolare; informare e formare i cittadini sulla gestione dei rifiuti e sulla raccolta differenziata e, infine, realizzare attività di educazione ambientale con azioni concrete e operative sui territori.

A Canicattì, mercoledì prossimo, 21 marzo, il Comune di Canicattì e l’Aia, l’Associazione Italiana Arbitri, hanno organizzato la prima edizione del premio nazionale “Giudice Livatino”. L’evento si svolgerà al teatro sociale, in via Capitano Ippolito 5, dalle ore 16:30 in poi. Interverranno, tra gli altri, Dario Caputo, Prefetto di Agrigento, Salvatore Cardinale, già Presidente Corte d’Appello di Caltanissetta, Mario Conte, consigliere della Corte d’Appello di Palermo e autore de “I dieci passi. Piccolo breviario sulla legalità”, Don Giuseppe Livatino, Postulatore della Causa di canonizzazione del Servo di Dio Rosario Livatino, Marcello Nicchi, Presidente Associazione Italiana Arbitri, e Sandro Pappalardo Assessore regionale allo Sport, oltre alle massime autorità dello sport, delle istituzioni, della chiesa e della magistratura.

RICICLOAPERTO CON COMIECO.
LA SICILIA METTE IN MOSTRA L’INDUSTRIA DEL RICICLO DI CARTA E CARTONE

19 marzo 2018 – Circa il 60% degli italiani è ancora convinto che la raccolta differenziata di carta e cartone non abbia un lieto fine con il riciclo perché “poi buttano tutto insieme”.
Per sfatare questo ed altri falsi miti e far vedere da vicino cosa accade dopo il cassonetto, il 21, 22 e 23 marzo torna RicicloAperto il tradizionale appuntamento di Comieco che apre le porte di oltre 100 impianti della filiera del riciclo di carta e cartone, tra piattaforme di selezione, cartiere e cartotecniche, distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Organizzato da Comieco, in collaborazione con la Federazione della filiera della carta e della grafica, Assocarta e Assografici e con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Anci, Fise Assoambiente, Unirima e Utilitalia, il porte aperte dell’industria del riciclo di carta e cartone arriva quest’anno alla sua 17° edizione, coinvolgendo più di 18.500 italiani curiosi di scoprire le mille vite della carta.

In Sicilia sono 17 gli impianti che sarà possibile visitare durante la tre giorni di Riciclo Aperto.
“La filiera del riciclo di carta e cartone in Sicilia è un’industria che cresce.” commenta Piero Attoma, Presidente di Comieco “114 impianti attivi in tutta la regione danno nuova vita a oltre 26mila tonnellate di macero l’anno, con una produzione annua di carta e cartone per imballaggi e imballaggi venduti in Italia che si attesta sulle 37mila tonnellate. E se in Sicilia il riciclo di carta e cartone rappresenta un settore promettente è anche merito dei cittadini che quotidianamente si impegnano nella raccolta differenziata dando inizio al ciclo del riciclo: nel 2016 sono state raccolte nella regione oltre 95mila tonnellate di carta e cartone, 19 kg per abitante (registrando una crescita di + 15% rispetto all’anno precedente).”

Quest’anno, Comieco ha scelto di inserire RicicloAperto in un progetto nazionale più ampio: il Mese del Riciclo di Carta e Cartone, una campagna di informazione e di eventi in corso per tutto il mese di marzo che permetterà di conoscere il ciclo del riciclo di carta e cartone nelle sue molteplici forme: industriale, economico, artistico, culturale e sociale.

Per scoprire l’impianto aderente a Riciclo Aperto disponibile più vicino e prenotare una visita, è possibile contattare la segreteria organizzativa al numero 06.809144.217/218/219.

 

Comieco (www.comieco.org) è il Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica, nato nel 1985 dalla volontà di un gruppo di aziende del settore cartario interessate a promuovere il concetto di “imballaggio ecologico”, costituitosi in Consorzio Nazionale nell’ambito del sistema consortile Conai per la gestione degli imballaggi con l’entrata in vigore del D.Lgs. 22/97. La finalità principale del Consorzio è il raggiungimento, attraverso una incisiva politica di prevenzione e di sviluppo della raccolta differenziata di carta e cartone, dell’obiettivo di riciclaggio dei rifiuti di imballaggi cellulosici previsto dalla normativa europea (direttiva 2004/12/CE che ha integrato e modificato la direttiva 94/62/CE). Comieco è tra i fondatori del neo-costituito Consiglio nazionale della green economy, formato da 53 organizzazioni di imprese, nato a febbraio 2013 per dare impulso allo sviluppo dell’economia verde in Italia
Per ulteriori informazioni Chiaramente Comunichiamo
Sara Festini | s.festini@chiaramentecomunichiamo.it | 334 5805831;
Sara Orsenigo | s.orsenigo@chiaramentecomunichiamo.it | 339 6552113

 

 

GLI IMPIANTI CHE ADERISCONO A RICICLOAPERTO 2018 IN SICILIA

 

provincia di Agrigento
ECOFACE INDUSTRY SRL- Ravanusa (piattaforma di selezione)
ECOXXI SRL – Santa Margherita di Belice (piattaforma di selezione)
FLEXO BAGS SRL – Aragona (piattaforma di selezione)
SAM SRL – Sciacca (piattaforma di selezione)
TRAINA SRL – Agrigento (piattaforma di selezione)

provincia di Catania
ECOLIT SRL – Camporotondo Etneo (piattaforma di selezione)
KALAT AMBIENTE S.P.A. – Grammichele (piattaforma di selezione)
S.A.C.C.A. S.p.A. – Calatabiano (cartiera)
SICULA TRASPORTI SRL – Catania (piattaforma di selezione)

provincia di Caltanissetta
SICULA CICLAT COOP – Caltanissetta (piattaforma di selezione)
provincia di Messina
PIATTAFORMA PACE – Villaggio Pace (piattaforma di selezione)
SICULCOOP SOC. COOP. A.R.L – Rometta (piattaforma di selezione)

provincia di Palermo
REKOGEST SRL – Termini Imerese (piattaforma di selezione)
SI.RE.IN DI CITARDA MARIA ROSARIA – Palermo (piattaforma di selezione)
PALERMO RECUPERI DI ANTONINO BOLOGNA & c. SAS – Contrada Reggio Corte (piattaforma di selezione)

provincia di Siracusa
ECOMAC SMALTIMENTI SRL – Siracusa (piattaforma di selezione)
IONICA AMBIENTE S.N.C. – Floridia (piattaforma di selezione)

 

CURIOSITA’ SUL RICICLO DI CARTA E CARTONE IN SICILIA

 Ad Acireale si tramanda una tradizione fin dal 1880 quando si costruirono i primi carri di cartapesta in occasione del Carnevale. Migliaia i visitatori che possono ammirare la maestosità dei carri allegorici sempre più grandi ed imponenti, realizzati dalle sapienti mani degli artigiani a partire da un materiale all’apparenza così fragile come la carta.

 una scatola avviata a riciclo torna in vita in meno di 2 settimane, per un foglio di giornale bastano 7 giorni;

 leggere un quotidiano al giorno produce il 20% in meno di CO2 rispetto alla lettura online per circa 30 minuti.

 

Intenso fine settimana di incontri per la Lega Salvini Premier di Agrigento.
Sabato mattina presso l’Hotel dei Pini di Porto Empedocle si è svolta una riunione dei quadri dirigenti del partito alla presenza dell’on. Alessandro Pagano, riconfermato deputato in questo collegio Agrigento-Caltanissetta-Mazara, nonché coordinatore regionale per la Sicilia occidentale. E’ stata fatta una analisi del voto provinciale; si è discusso di organizzazione del partito ed infine dei prossimi obiettivi all’orizzonte tra cui le non molto lontane amministrative che toccheranno ben 16 comuni della provincia di Agrigento.
Nel corso dell’incontro si è preso atto della comunicazione del Coordinatore provinciale uscente Salvatore Liotta di non poter adempiere per motivi personali ai numerosi impegni che tale carica comporta in un partito nuovo che ambisce ad essere molto presente sul territorio; pur mantenendo egli stesso la carica di Coordinatore cittadino della sua città Favara. A seguito di tale comunicazione l’on. Alessandro Pagano su indicazione dello stesso Liotta e per acclamazione dei presenti, a seguito dell’impegno profuso nella costruzione del partito in provincia, ha nominato Coordinatore provinciale della Lega Salvini Premier di Agrigento l’ing. Anna Sciangula, già portavoce regionale per la Sicilia occidentale.
Nel pomeriggio di sabato Alessandro Pagano ed Anna Sciangula hanno incontrato numerosi pescatori della marineria a Licata che hanno esposto le problematiche legate al loro comparto.
Nel pomeriggio di domenica invece c’è stato un momento di ringraziamento con gli amici di Palma di Montechiaro; nella prima sede cittadina della provincia di Agrigento. Grazie a Rosario Bruna ed a tutti gli amici di Palma per la fiducia riposta nella Lega Salvini Premier, la cittadina ha risposto con un eccezionale 7% circa. ‘Siamo sicuri che questa fiducia crescerà sempre più e che a Palma saremo sempre più attori protagonisti della politica palmese.’ Così il neo-coordinatore provinciale Anna Sciangula.

 

Era stato lui, assieme ad altri artigiani,  a fondarla nel 1971. Se ne va un pezzo importante della storia della CNA di Agrigento. Vito Valenti, 73 anni, lascia la moglie, una figlia e una grande famiglia, quella della Confederazione, nella quale, con passione, competenza, dedizione e serietà, ha speso buona parte della sua vita professionale. Per ben 37 anni aveva rivestito la carica di direttore provinciale della Cna-Epasa, nomina ricevuta allora direttamente dal Ministero del Tesoro. Vito Valenti aveva fatto parte anche del coordinamento regionale  e nazionale dello stesso patronato e dal 2009 al 2013 era stato presidente provinciale della CNA Pensionati.

Nel 1983 era stato insignito del tiolo di Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica, Sandro Pertini. “Lascia un profondo vuoto – spiegano i vertici provinciali della CNA, Mimmo Randisi e Piero Giglione – perdiamo una persona mite, per bene, un amico sincero e disponibile, uno stimato ed apprezzato dirigente, sempre pronto, con la sua saggezza ed esperienza, a dispensare giusti consigli e suggerimenti. Tant’è che a fine 2016, nel corso di una cerimonia di premiazione di fine anno, gli abbiamo voluto attribuire un meritato riconoscimento per la sua lunga e fulgida carriera. Un grave lutto per tutta la CNA che resterà orfana di quello che è stato un autentico  simbolo”.

 I funerali di Vito Valenti saranno celebrati domani pomeriggio (19 marzo) alle ore 15, 30, nella chiesa Madonna del Carmelo a Porto Empedocle.


19 marzo

Il suo corpo gettato in un pozzo artesiano, era madre di una bimba di 8 mesi

Ha confessato il delitto Paolo Cugno, il compagno di Laura Petrolito, la ventenne accoltellata a morte e buttata in un pozzo a Canicattini Bagni, paese della provincia di Siracusa. Dopo ore di interrogatorio, il giovane, un bracciante agricolo, ha ammesso di avere assassinato la donna con cui 8 mesi fa aveva avuto una bimba. Accusato di omicidio è in stato di fermo. L’avrebbe ammazzata per gelosia

In base ad una prima verifica, la ventenne sarebbe stata uccisa sabato sera intorno alle 22. Il cadavere, buttato nel pozzo, è rimasto incastrato tra le lamiere e non è arrivato in fondo. L’assassino ha provato a spingerlo giù, poi lo ha coperto con il coperchio in ferro e si è allontanato.

18marzo

E’ crollato dopo un lungo interrogatorio nella tarda serata di ieri, Paolo Cugno, il giovane accusato di avere ucciso a coltellate e poi gettato in un pozzo il cadavere di Laura Petrolito, 20 anni, la ragazza di Canicattini Bagni, piccolo centro del siracusano.

Il giovane, che è anche il padre del bimbo di 8 mesi, avuto dalla vittima, ha confessato l’omicidio nella caserma dei carabinieri, indicando anche il luogo in cui aveva gettato il coltello usato per il delitto. A lanciare l’allarme sulla sparizione della ragazza, che aveva anche un altro figlio di 3 anni e mezzo avuto da una precedente relazione, era stato il padre della donna, nella tarda serata di sabato, quando sono iniziate le ricerche di forze dell’ordine e volontari. Ieri la macabra scoperta.Il corpo della ragazza era rimasto incastrato in un pozzo artesiano. L’uomo è stato trasferito in carcere.

 

Un avvocato ha soccorso un giovane che a bordo di una Lancia Y era finito con l’auto su un distributore automatico di bibite in via dell’Olimpo, non distante dall’impianto di rifornimento di benzina Fuel.

Il professionista ha visto il giovane stordito dentro la sua auto, una Lancia Y. Pensava di avere davanti la vittima di un incidente, ma il ragazzo ferito aveva appena rubato la macchina. Non appena il ladro si è ripreso ha cercato di rubare la Maserati del legale giunto in suo soccorso, ma non è riuscito a strappare la chiave e si è “accontentato” di portare via il portafoglio.L’auto del malvivente è stata trovata in via Sandro Pertini allo Zen.

La polizia Scientifica sta passando al setaccio la Lancia Y per trovare impronte e tracce utili che possano fare risalire al ladro.