Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 63)

Kit e corredi didattici standard e innovativi, strumenti per la didattica digitale integrata, quaderni, astucci, diari per le ragazze e i ragazzi meno abbienti. Sono tutti materiali che potranno essere acquistati dalle scuole siciliane con i fondi stanziati dal Ministero dell’Istruzione. Per la Sicilia si parla di 410.400 euro, di cui beneficeranno 513 istituti scolastici scelti sulla base di precisi parametri: è stata data priorità a quelli con indici più alti relativi a dispersione scolastica e disagio negli apprendimenti e in base allo status socio-economico della popolazione di riferimento. Una misura voluta dalla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

Intanto, nelle scorse settimane, sono state anche distribuite le risorse che consentiranno di fornire agli studenti delle famiglie in difficoltà libri gratis. Un beneficio che in Sicilia riguarderà 61.184 fra ragazze e ragazzi delle secondarie di primo e secondo grado.

“Questa estate, insieme alle misure e alle risorse per la ripartenza – sottolinea la Ministra Lucia Azzolina – abbiamo voluto dare un segnale concreto alle famiglie in difficoltà. Abbiamo dato soldi direttamente alle scuole per libri e kit didattici. Un finanziamento diretto che consente di venire subito incontro, con acquisti immediati, alle esigenze delle studentesse e degli studenti”.

 

Per quanto riguarda Lampedusa, “seguiamo la situazione da vicino e restiamo in contatto con le autorità italiane, ma qualsiasi azione deve rispettare pienamente le leggi Ue sull’asilo”.

Così il portavoce della Commissione Europea per le Migrazioni, durante il briefing on line con la stampa a Bruxelles. “La Commissione lavora a stretto contatto con le autorità italiane sulle questioni migratorie”, ha aggiunto.

“Esprimo apprezzamento per la scelta del Governo nazionale di dislocare nuove navi per la quarantena di cittadini migranti. Mi auguro che si prosegua sulla strada intrapresa, garantendo così condizioni di sicurezza e rispetto dei diritti per tutti, anche coinvolgendo sindaci e comunità locali.
È lo strumento migliore per disinnescare polemiche pretestuose che rischiano di alimentare paura, tensioni e intolleranza che non risolvono ma aggravano i problemi”.

Lo dichiara Leoluca Orlando, presidente dell’Anci Sicilia”.

 

Quella in corso ad Agrigento è una campagna elettorale certamente “elettrica”, dove non mancano le polemiche tra i competitors. A prendere posizione è oggi il candidato sindaco Franco Miccichè: “L’empedoclino Andrea Camilleri la chiama filama. E’ quel sottile filo che viene tessuto per calunniare qualcuno. Un modo subdolo di arrecare danno a qualcuno in modo indiretto, dicendo e non dicendo false verita’ partendo da elementi veri e modificandoli ad arte. In questa lunga e strana campagna elettorale mi sta accadendo molte volte. Vignette, post, commenti. Tutti volti a screditarmi agli occhi degli agrigentini con affermazioni false. L’ultima in ordine di tempo -dice Miccichè – anticipa la mia giunta. Prende i nomi di alcuni dei miei tanti amici e gli attribuisce un ruolo preciso in base alle sue capacita’ professionali. Apprezzo il suggerimento, ma lo informo che ancora non abbiamo pensato ai nomi dei componenti della prossima giunta. Lo faremo, certo, ma ancora non lo abbiamo fatto per cui le illazioni restano illazioni e magari vengono lanciate per disturbarmi e aiutare qualche mio competitor”.

Sono 307 i migranti che, fra la notte scorsa e stamattina, hanno lasciato l’hotspot di Lampedusa dove ci sono ancora 1.219 persone. La notte scorsa 87 extracomunitari sono stati imbarcati sulle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di finanza che sono già arrivate a Porto Empedocle. Di loro 55 sono stati già fatti salire su un pullman che li sta portando in centri d’accoglienza dell’Abruzzo. Gli altri resteranno in strutture siciliane. Il pattugliatore Dattilo della Guardia costiera ha invece già concluso l’imbarco di altri 220 migranti dell’hotspot. Secondo quanto si apprende la sua destinazione sarebbe il porto Ragusano di Pozzallo.

Come era prevedibile a Lampedusa la situazione precipita di giorno in giorno sempre di più. Le tensioni sono altissime e si rischiano gravissimi problemi di ordine pubblico. Pubblichiamo questo video realizzato oggi. Ogni commento è superfluo.

N.B. Per chi non lo conoscesse, l’uomo con la maglia a righe blu è il sindaco dell’Isola Totò Martello.

 

E’ andato male il tentativo di recuperare il portellone della nave Sansovino finito in mare a Linosa una settimana fa e che adesso si sta cercando di recuperare.
La gru fatta arrivare appositamente non è riuscita a sollevare il portellone in quanto troppo pesante. E’ stata una struttura quadrata sormontata da tanti palloni che è riuscita a portare a galle l’enorme pezzo.
Adesso si aspetta l’arrivo di una gru più grande che giungerà con il traghetto da Porto Empedocle. Appena sarà recuperato il portellone la “Sansovino” sarà portata in cantiere per risistemare il tutto e tornare ad affrontare i viaggi tra Porto Empedocle e le Isole minori.

“Adesso è ancora più’ evidente e plateale che siamo in ginocchio. All’hotspot si supereranno le 1.500 presenzeIl peschereccio, che è strapieno, mi dicono che si stava capovolgendo. E’ stato fatto entrare in porto per garantire il soccorso. Ma come è possibile che nessuno lo abbia prima d’arrivare a 4 miglia di distanza dall’isola”?

Sono parole del sindaco di Lampedusa, Totò Martello, giunto al porto commerciale dove è in corso lo sbarco dei 450 migranti. Ed aggiunge: “Lampedusa non riesce più a sostenere questa situazione. O il Governo prende decisioni immediate oppure sciopererà tutta l’isola. Non riescono a gestire l’emergenza e ormai la situazione è veramente insostenibile. Sarà direttamente l’amministrazione a dichiarare lo sciopero, chiudendo tutto. Non è possibile continuare a sopportare queste angherie da parte del Governo”.

Il Libero Consorzio ha stilato un documento attraverso il quale, di fatto, concede 8.765 metri quadri di piazzale antistante la casa natale di Luigi Pirandello (Caos, costituito da passaggi pedonali e piazzali pavimentati) al Parco Archeologico della Valle dei Templi, in comodato d’uso gratuito.

Di soldi non ce ne sono e quindi il Consorzio non può effettuare né manutenzione, né opere di conservazione. I piazzali e i passaggi, ad oggi, risultano essere utilizzati a servizio del museo-casa natale ‘Luigi Pirandello’ di Agrigento. I manufatti, muretto di recinzione e pavimentazione, sono destinati al deterioramento considerato che il Libero consorzio comunale di Agrigento non dispone delle risorse finanziarie per il mantenimento dell’immobile, né per adeguati interventi di conservazione – è stato scritto nel documento dell’ex Provincia regionale.

E dopo le dichiarazioni del presidente della Regione Nello Musumeci, sul maxi sbarco avvenuto questa notte a Lampedusa, puntuale arriva anche la dichiarazione del sindaco Totò Martello. Il primo cittadino va giù pesante e dichiara: “A Lampedusa lo Stato non esiste, ormai siamo di fronte a una situazione ingestibile. Non so ancora quando e come verrà organizzato il trasferimento di queste oltre 1.500 persone. Mi è stato comunicato che il traghetto di linea con Porto Empedocle non approderà stamane a Lampedusa a causa delle cattive condizioni meteo. Questo non può che complicare ulteriormente la situazione”