Redazione Ag, Autore presso Sicilia 24h - Pagina 629 di 2538
Home / Articoli pubblicati daRedazione Ag (Pagina 629)

Sono 85 i nuovi positivi al Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore su 16.096 tamponi processati, con una incidenza che scende allo 0,5%. La Sicilia è al primo posto in Italia per numero di contagi giornalieri. Le vittime sono due e il totale dei morti è 5.938. Il numero degli attuali positivi è di 5.509 con una diminuzione di 51 casi. I guariti sono 134. Negli ospedali i ricoverati sono 262, 3 in meno rispetto a ieri, quelli nelle terapie intensive sono 25, 1 in meno rispetto al bollettino precedente.

I nuovi casi per province:

Palermo con 17, Catania 30, Messina 4, Siracusa 9, Trapani 0, Ragusa 13, Agrigento 2, Caltanissetta 9, Enna 1.

Nel lontano 1996, il Legislatore Regionale, al fine di soddisfare le esigenze di conservazione e difesa del patrimonio boschivo, aveva provveduto a creare dei contingenti distrettuali di lavoratori forestali, con una garanzia occupazionale di 101 e 51 giornate lavorative, divisi per diverse categorie – addetti alle squadre di pronto intervento, addetti alla guida di autobotti e mezzi speciale e addetti ai servizi di vedetta ed alle sale operative – ai quali, nel 2006, venne aggiunto un nuovo contingente con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative annue da costituirsi attingendo dalle preesistenti graduatorie del personale istituite nel 1996.

L’obiettivo era quello di assicurare la progressiva stabilizzazione dei lavoratori forestali a tempo determinato attraverso il loro successivo inserimento nella fasce a maggior garanzia occupazionale, sino al possibile ingresso nella graduatoria dei lavoratori a tempo indeterminato.

Il sig. M. O., forestale di Burgio, in possesso dei requisiti richiesti, con apposite istanze chiedeva di essere incluso nel suddetto contingente distrettuale con garanzia occupazionale di 151 giornate, quale addetto alle squadre di pronto intervento.

Dopo dieci anni, nel 2007, venivano pubblicate, per la prima volta, le varie graduatorie dei soggetti che sarebbero transitati nel contingente distrettuale con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative istituito con la L.R. 14 del 2006.

Il sig. M.O., ritenendo illegittimo il proprio mancato inserimento nel contingente dei lavoratori con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative, decideva di agire in giudizio dinanzi al Giudice amministrativo, il quale, tuttavia, dichiarava il difetto di giurisdizione, ritenendo la materia oggetto di controversia, appartenente alla cognizione del giudice ordinario nella qualità di giudice del lavoro.

Il sig. M.O., pertanto, con il patrocinio degli avvocati Girolamo Rubino e Mario La Loggia, riassumeva il giudizio dinanzi al Giudice del Lavoro, al fine di ottenere – previo annullamento e/o disapplicazione delle suddette graduatorie – l’accertamento del proprio diritto ad essere inserito, sin dal 2007, nel contingente dei lavoratori forestali con garanzia occupazionale di 151 giornate. al

Con il medesimo ricorso, inoltre, i legali Rubino e La Loggia chiedevano la condanna dell’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, dell’Ufficio Provinciale del Lavoro di Agrigento e della Commissione Provinciale per la Manodopera Agricola di Agrigento, al risarcimento dei danni patiti per effetto della illegittima esclusione del sig. M.O. dal suddetto contingente da calcolarsi tenendo conto delle differenze retributive e contributive fra quanto dallo stesso percepito quale lavoratore inserito nell’elenco di 101sti e quanto egli avrebbe percepito se inserito in quello dei 151sti, oltre ad ogni altro trattamento economico e indennità previsti per effetto dei C.C.N.L. e delle norme vigenti in materia.

Gli avv.ti Rubino e La Loggia sostenevano, inoltre, l’illegittimità delle suddette graduatorie con riferimento alle posizioni in esse riconosciute a taluni lavoratori forestali, i quali erroneamente collocati in posizione sovraordinata a quella del proprio assistito, ne avevano compromesso l’ammissione nell’ambita graduatoria relativa al contingente con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative ex art. 44 L.R. 14/06, laddove, invece, per ragioni ampiamente comprovate in giudizio, avrebbero dovuto essere inseriti in posizione deteriore rispetto a quella del ricorrente.

Nelle more del giudizio, nel 2020, il sig. O.M. veniva inserito nell’agognato contingente degli operai forestali con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative.

Il Tribunale di Sciacca, in funzione di Giudice del Lavoro, in parziale accoglimento del ricorso, ha accertato il diritto del forestale di Burgio ad essere inserito, sin dal settembre 2007, nel contingente dei lavoratori forestali con garanzia occupazionale di 151 giornate lavorative, addetto alle squadre di pronto intervento di Burgio.

Con la medesima pronuncia, è stato riconosciuto, altresì, il diritto al risarcimento dei danni derivanti dall’esclusione dal contingente predetto, da quantificarsi, come chiesto dai legali Rubino e La Loggia, nelle differenze retributive e contributive che il ricorrente avrebbe percepito qualora inserito nel contingente in questione sin dal 2007.

Le Amministrazioni resistenti dovranno, altresì, provvedere al pagamento delle spese di giudizio, liquidate in complessivi euro 7.500 oltre accessori di legge.

Considerata, inoltre, l’eccessiva durata del processo, protrattosi complessivamente per quattordici lunghi anni, il sig. M.O. potrà agire in giudizio al fine di ottenere l’indennizzo che lo Stato riconosce, ai sensi della Legge 24 marzo 2001, n. 89, c.d. legge Pinto, per i danni, patrimoniali e non patrimoniali, derivanti dall’irragionevole durata del processo.

A Caltanissetta, in un agriturismo, è accaduto che una famiglia, che aveva appena festeggiato la prima comunione della figlia, ha ritenuto non soddisfacente il servizio, ed è andata via senza pagare. Le parole al proprietario: “Il servizio è scadente e noi non paghiamo il conto”. I gestori dell’agriturismo hanno telefonato alla Polizia, che è intervenuta e ha rintracciato la famiglia. I genitori della festeggiata hanno riferito alla Polizia che in realtà erano andati via soltanto per sottrarsi ad un litigio. Dopo il chiarimento, e l’intervento della Polizia, il conto è stato saldato

A Licata i poliziotti del locale Commissariato hanno rinvenuto in un’azienda agricola, tra le coltivazioni di ortaggi, un tunnel con 5 piante di marijuana in fase di crescita, tutte piantumate in secchi di plastica e nascoste fra le altre piante di pomodoro e zucca. La droga, per un peso complessivo di 1 chilo e 450 grammi, è stata sequestrata. L’agricoltore e proprietario delle serre è stato denunciato a piede libero all’Autorità giudiziaria per il reato di coltivazione illegale di sostanza stupefacente.

Il commissario straordinario del Consorzio Tre Sorgenti, Carmelo Vaccaro, annuncia che è stata già riaperta la fornitura idrica del Consorzio Tre Sorgenti che, grazie a 7 degli 8 interventi di riparazione sulla rete, oggi eroga circa 100/litri secondo aumentando di circa 35 litri la propria dotazione. Vaccaro aggiunge: “Rimane un ultimo intervento in territorio di Aragona, che verrà programmato a giorni e che aumenterà la portata di altri 5 litri al secondo arrivando così alla massima portata di circa 106 litri al secondo. Vorrei ringraziare i tecnici del Consorzio, e l’impresa esecutrice dei lavori per avere provveduto in tempi brevissimi alle riparazioni. Ringrazio le Istituzioni, ovvero l’ assessore regionale Baglieri, la Prefettura di Agrigento e Siciliacque per il supporto offerto in fase operativa. Questa nuova dotazione in qualche modo andrà a colmare la diminuzione della fornitura proveniente dall’invaso del Fanaco, ed in particolare per i Comuni di Agrigento e Canicattì”.

L’avvento della zona bianca in Sicilia, lo stop alle restrizioni e le attese presenze turistiche: l’assessore regionale al Turismo prevede un incremento almeno del 15% e subito. Manlio Messina afferma: “Il turismo in Sicilia riparte, e secondo le stime degli istituti demoscopici già quest’anno potrebbe registrare un incremento di presenze sul territorio valutato intorno al 15%, soprattutto se dovessero crearsi le condizioni idonee a partire dall’accelerata del piano vaccinale nazionale. Il Governo Regionale sta facendo tutto il possibile per rimettere in moto l’economia del turismo che nel suo complesso rappresenta quasi il 10% del prodotto interno lordo siciliano. Oltre alla campagna vaccinale, la Regione ha lavorato su due direttrici: realizzare condizioni di covid free per le isole minori, e soprattutto ha messo in campo misure di sostegno al settore che si realizzano con il progetto ‘See Sicily, che prevede investimenti per circa 75 milioni di euro e punta a rilanciare strutturalmente il settore dopo un anno critico a causa dell’emergenza sanitaria. Il piano prevede un pacchetto di servizi per chi arriva nell’Isola, compresa una notte gratis per ogni 3 di soggiorno. Il pacchetto comprende anche visite guidate gratuite, ingressi ai musei, ai parchi archeologici, e siti di interesse culturale. Da ottobre l’offerta promozionale si amplierà anche ai viaggi aerei con l’obiettivo di invogliare i turisti ad arrivare in Sicilia pure dopo l’estate”.

Proposta di cittadinanza Onoraria per la Signora Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, nata a Roma il 20 Settembre 1934, in applicazione di quanto contenuto nel REGOLAMENTO per la concessione della cittadinanza onoraria e delle civiche benemerenze.

Lo scrivente Giuseppe Di Rosa Vice Presidente del CODACONS Provinciale di Agrigento, si pregia di proporre alla S.V. in applicazione del Regolamento per la concessione della Cittadinanza Onoraria e delle Civiche benemerenze Adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 27 del 27/02/2018, per la Signora Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, nata a Roma il 20 Settembre 1934, attrice di fama Internazionale, meglio nota con il nome d’arte Sophia LOREN.
Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, nata a Roma il 20 Settembre 1934, attrice di fama Internazionale, meglio nota con il nome d’arte di Sophia LOREN, Figlia dell’insegnante di musica Romilda Villani (1910-1991) e dell’imprenditore Riccardo Maria Claudio Scicolone (1907-1976), “ha un nonno di origini nobili, il marchese Agrigentino Murillo Scicolone”.
Certi che Lei molto attento a questo genere di proposte, vorrà in applicazione del regolamento precedentemente da noi citato, fare sua la nostra proposta e sottoporla al Consiglio Comunale con una sua Delibera, dopo avere valutato quanto da noi segnalato, in applicazione dell’apposito Regolamento sopra menzionato.
Rimaniamo in attesa suo cortese riscontro. –

Il Vice Presidente Provinciale CODACONS Giuseppe DI ROSA

A Canicattì, i poliziotti del locale commissariato stanno facendo accertamenti dopo che venerdì scorso, un uomo, di nazionalità romena, enne, è finito in ospedale, a seguito di una rissa scoppiata nei pressi di un bar in via Capitano Ippolito, con alcuni connazionali, probabilmente ubriachi.

Ad avere la peggio un 45 enne che è stato colpito alla testa con un sgabello, fortunatamente l’uomo non ha riportato conseguenze gravi. Stando ad una prima costruzione e dalle prime testimonianze raccolte dagli agenti pare che l’aggressore dopo aver colpito il connazionale si sia dato alla fuga.
Proseguono le indagini per risalire all’autore e per capire quali sono stati i motivi della rissa.

L’estate inizia  in bianco anche per la Sicilia e con l’addio al coprifuoco che fino a ieri era fissato per la mezzanotte.

Nessun limite di orario dunque per circolare in “zona bianca” per la prima volta dal 3 novembre scorso.

Restano però le regole basilari per il contrasto al covid-19 e dunque distanziamento e mascherine.

In zona bianca i  bar, i ristoranti e le altre attività di ristorazione sono aperti ed è possibile consumare cibi e bevande al loro interno, senza limiti orari. Sono consentite senza restrizioni anche la vendita con asporto di cibi e bevande e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Per quanto riguarda le attività culturali, le riaperture previste dallo scorso 15 giugno possono estendersi anche a questi eventi, affini alle fiere promozionali, nell’osservanza del protocollo AEFI allegato all’ordinanza del Ministro della salute, di concerto con il Ministro degli affari esteri e della cooperazione istituzionale, del 28 maggio u.s., pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 135 dell’8 giugno 2021.

Sono consentiti i seguenti spostamenti:
– senza limiti relativi agli orari o ai motivi dello spostamento, verso altre località della zona bianca;
– senza limiti di orario, verso tutto il territorio nazionale, se lo spostamento avviene per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute;
– verso località della zona gialla, senza doverne giustificare il motivo, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti in zona gialla e di quelle relative agli spostamenti verso le altre abitazioni private abitate;
– verso tutto il territorio nazionale, se la persona che si sposta è in possesso di una “certificazione verde COVID-19” valida, nel rispetto delle specifiche restrizioni di orario previste per gli spostamenti nella zona di destinazione.

È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.